/ 18 milioni a rischio, o già in povertà, un altro grande successo ...

18 milioni a rischio, o già in povertà, un altro grande successo di Euro e Ue

18 milioni a rischio, o già in povertà, un altro grande successo di Euro e Ue
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it


di Giorgio Cremaschi

Secondo gli ultimi dati ISTAT in Italia 18 milioni di persone sono a rischio o sono già precipitate nella povertà. Se vogliamo essere più precisi, utilizzando altri dati dell'istituto di statistica, in Italia abbiamo 4 milioni di poveri "assoluti", cioè che non ce la fanno a comprare i beni fondamentali per vivere, 8 milioni di poveri "relativi" appena un gradino sopra gli altri; e altri 6 milioni di persone che stanno precipitando verso di loro. Sì perché la situazione sociale del paese, nonostante gli ottimismi di banche, grandi imprese e governo, sta degradando: i ricchi diventano più ricchi e i poveri sono sempre di più. E aumentano anche le divaricazioni territoriali. I poveri sono quasi un terzo della popolazione residente in Italia, ma nel Mezzogiorno diventano quasi la metà, mentre al Nord sono uno su cinque. Nel frattempo il 20% più ricco vede aumentare notevolmente le proprie entrate, anzi si può dire che gran parte dell'aumento del reddito che viene registrato, vada a chi ne avrebbe meno bisogno. La ricchezza del paese cresce solo con la ricchezza dei ricchi, scusate il gioco di parole. 

Più della metà delle famiglie italiane vivono con 24000 euro all'anno. Non è ancora la povertà, ma secondo lo stesso ISTAT con questo reddito si è molto vicini ad essa. Ricordiamo che questi soldi corrispondono a 48 milioni delle vecchie lire, con i quali nel passato non si sarebbe certo stati inclusi tra chi se la passa male. Certò c'è stata un poco di inflazione, ma se pensiamo alle promesse di benessere per tutti che furono diffuse dai fautori della moneta unica, non c'è smentita ad esse più chiara e brutale. 



Il combinato dell'Euro, delle politiche di austerità, dei trattati che da Maastricht al Fiscal Compact l'hanno codificata e imposta, del dominio economico della Germania travestito da Unione Europea; tutto questo assieme naturalmente alle decisioni di TUTTI i governi che si sono succeduti, ha fatto dell'Italia uno dei paesi più ingiusti d'Europa. Anche su questo le statistiche sono terribilmente chiare. 

L'Italia ha un indice di Gini, quello che misura la diseguaglianza sociale, tra i più elevati del continente. Per la precisione nella UE siamo al ventesimo posto. Peggio, e non di molto rispetto a noi stanno solo Spagna, Grecia e Portogallo. I PIGS, come vennero chiamati in un acronimo che vuol dire maiali, i paesi del Sud Europa devastati e colonizzati dal rigore liberista europeo. Ora questi paesi sono tutti in fondo alla classifica della giustizia sociale e in testa a quella del dilagare della povertà. 

Qualche anno fa Mario Monti affermò come la Grecia fosse il più grande successo dell'Euro, lo disse davvero, convinto, non è un fake. Ora questo successo dilaga nel nostro paese, come in tanti altri. Fino a che non ci sbarazzeremo di questi successi e di chi li persegue, la povertà continuerà a raggiungere record dopo dopo record.

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:

Video shock sulla povertà in Venezuela.... Ah no scusate è la Colombia

La denuncia del giornalista venezuelano Oswaldo Rivero

  Gli stessi media internazionali che utilizzano fiumi d’inchiostro e servizi lunghissimi per provare...
Notizia del:

Quanti disoccupati ci sono in Italia?

Allo stato attuale è classificato come “occupato” chiunque, di età superiore ai 14 anni, abbia lavorato almeno un’ora nella settimana di riferimento, a fronte di una retribuzione

di Gennaro Zezza - economia e politica   Il tasso di disoccupazione è una delle...
Notizia del:

Il crollo del consenso politico tedesco potrebbe propagarsi sull'Europa

  di Cui Hongjian* - Global Times Il fallimento di una coalizione tripartita tra la Democrazia Cristiana del Cancelliere tedesco Angela Merkel (CDU), il Partito Democratico Libero (FDP) e...
Notizia del:

Ci hanno impedito di abbracciare Leila, non ci impediranno di ascoltare la sua voce e quella di tutti i popoli oppressi

Napoli non si piega al nazismo. Non lo fece nemmeno quando, unica città in Italia, in quattro giorni cacciò via i nazisti tedeschi, nel 1943. "Adesso vi facciamo vedere noi chi sono...
Notizia del:

L'assedio (fallito) contro il Venezuela: pressione militare e guerra economica

L'assedio militare, politico, economico e mediatico che si costruisce quotidianamente contro il processo di cambiamento in Venezuela, ha come obiettivo immediato la costruzione dell'idea che il Venezuela sia isolato

di Silvina M. Romano, Arantxa Tirado e Aníbal García Fernández - CELAG   Negli...
Notizia del:     Fonte: teleSUR

La lezione di 'Pepe' Mujica: la vita umana non può ridursi a lavorare, pagare le bollette e accumulare debiti

«L’unica cosa che non si può comprare è la vita. La vita si consuma. Ed è da miserabili consumare la vita per perdere la libertà»

  «La vita umana non può ridursi - come impone il capitalismo - a lavorare, a pagare le bollette...
Notizia del:

Pensioni, lavoro e diritti sociali: l'Italia è come la Grecia

La letterina della Commissione UE appena giunta al governo italiano chiarisce tutto. I burocrati europei confermano che la legge Fornero è un tabù intoccabile. E che il governo si è già formalmente impegnato su questo

di Giorgio Cremaschi Un vecchio governo democristiano avrebbe sicuramente evitato questo crisi da burla...
Notizia del:

Il golpista venezuelano, fuggiasco in Europa, ringrazia Tajani e Gentiloni

«Ringrazio il ruolo dell'Italia nel Consiglio dell'Onu in difesa dell'autonomia e voglio ringraziare Antonio Tajani perché ha rappresentato in modo dignitoso il popolo venezuelano»

di Geraldina Colotti «Ringrazio il ruolo dell'Italia nel Consiglio dell'Onu in difesa dell'autonomia...
Notizia del:     Fonte: teleSUR

Lula ai popoli latinoamericani: «Sconfiggeremo ancora una volta il neoliberismo»

«In tutti i nostri paesi abbiamo già sconfitto il progetto neoliberista una volta e non ho dubbi che saremo in grado di sconfiggerlo di nuovo», ha dichiarato il leader brasiliano ai latinoamericani riuniti a Montevideo

  «Fuori Macri!» e «Fuori Temer!», questi sono stati due degli slogan maggiormente...
Notizia del:

Dalla Nunziatella spirano venti di guerra su Napoli

Dalle notizie che trapelano dall’accordo di Bruxelles sembra che nello specifico l’hub formativo di Napoli si specializzerà sugli attacchi a distanza ovvero la guerra coi droni. Wargames

da Contropiano   Venti di guerra spirano su Napoli. Nessun attacco in vista ma la conferma che l’accademia...
Le più recenti da Dalla parte del lavoro
Notizia del:

Fiscal Compact e povertà di massa: il regime d'usura dell'UE e i suoi complici

"Solo la rottura coi vincoli UE e con le complicità con essi può dare un futuro al paese."

di Giorgio Cremaschi  Nella complice e colpevole disattenzione dei palazzi della politica, in questi...
Notizia del:

12 dicembre 1969: strage fascista, di stato, della NATO, ricordiamolo sempre.

di Giorgio Cremaschi Il 12 dicembre di 48 anni fa esplodeva una bomba ad alto potenziale nella Banca dell'Agricoltura a Milano. 17 morti un centinaio di feriti per una strage che dava avvio alla...
Notizia del:

La proposta di legge popolare di Eurostop per cancellare il Fiscal Compact dalla Costituzione

di Giorgio Cremaschi  Oggi, 4 dicembre, anniversario della vittoria del NO alla controriforma costituzionale di Renzi, su mandato di Eurostop ho firmato il progetto di legge di iniziativa popolare...
Notizia del:

Referendum costituzionale. Le fake news di Confindustria ridicolizzate un anno dopo

UN ANNO FA DAL POPOLO NO ALLA CONTRORIFORMA COSTITUZIONALE DI RENZI E ALLE FAKENEWS 

di Giorgio Cremaschi Un anno fa in quasi 20 milioni abbiamo votato no alla controriforma costituzionale...
Notizia del:

Bezos, Kartaman e Elkann: miliardari e schiavisti

"Questi supermiliardari sono vezzeggiati ed incensati dai mass media e dagli intellettuali di regime. La politica si prostra i loro piedi. Così Bezos e compagnia controllano il mondo e le nostre vite . Essi sono straricchi perché in tanti sono poveri e sfruttati"

di Giorgio Cremaschi Jeff Bezos è l'uomo più ricco del mondo, l'ultimo rendiconto...
Notizia del:

Per voi nessun rispetto

di Giorgio Cremaschi Per voi, ridicoli fascisti che vi rasate la testa per far credere che contenga un cervello, per voi vigliacchi capaci di assumere pose marziali quando siete sicuri che le donne...
Notizia del:

Minniti e la guerra in Iraq nel 1991: "sbirro da sempre"

  di Giorgio Cremaschi    Ho conosciuto Norberto Crivelli a Bellinzona, in un incontro del Partito Operaio Popolare del Canton Ticino per ricordare i 100 anni della Rivoluzione d'Ottobre....
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa