/ Grecia, proteste contro le aste immobiliari per le case confiscat...

Grecia, proteste contro le aste immobiliari per le case confiscate. Bandiera UE alle fiamme

Grecia, proteste contro le aste immobiliari per le case confiscate. Bandiera UE alle fiamme
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it

 

Una bandiera dell'Unione Europea è stata data alle fiamme durante una protesta di mercoledì in Grecia. Durante una manifestazione contro le aste immobiliari per la case confiscate dagli istituti di credito alle persone insolventi, le persone presenti hanno scelto di mostrare tutta la loro rabbia verso Bruxelles.



Sulla questione delle aste immobiliari in Grecia, Contropiano aveva ben riportato come ad inizio dicembre ci fossero stati violenti scontri dentro e fuori il tribunale, nel primo giorno della messa all’asta delle abitazioni di famiglie che non erano più riuscite a pagare i mutui nei confronti di banche. Gli attivisti del movimento “Non pago” erano entrati nell’aula del tribunale cercando di bloccare l’operazione. La polizia in tenuta antisommossa era intervenuta con gas lacrimogeni anche all’interno dell’edificio per disperdere i dimostranti e impedire loro di entrare nell’aula.

Le aste di pignoramento sono una condizione chiave del “terzo piano di salvataggio” imposto dalla Troika alla Grecia, ma sono state ripetutamente interrotte dagli attivisti di sinistra per i quali si tratterebbe di provvedimenti ingiusti che prendono di mira soprattutto le categorie sociali più povere.


 

I notai, che gestiscono le aste, non si erano presentati lamentando problemi di sicurezza, ma sono tornati a lavorare solo dopo che il governo di Syriza ha assicurato che avrebbe aumentato la sicurezza.

La Grecia ha anche accettato di utilizzare le cosiddette aste elettroniche che sono iniziate dopo essere state fermate per due mesi. Le banche avevano invece chiesto che gli immobili posti a garanzia del mutuo, anche la prima casa, tornassero nel mercato immobiliare nel più breve tempo possibile. Il governo Tsipras si era impegnato a proteggere almeno le prime abitazioni delle persone, ma nelle trattative con le banche anche questo impegno è stato disatteso. Come noto le banche greche sono gravate da centinaia di miliardi di crediti inseigibili dopo anni di crisi finanziaria, principalmente a causa dell’incapacità delle persone di rimborsare i mutui. Una recessione provocata dalle misure di austerity che hanno tagliato i posti di lavoro e bloccato gli investimenti delle imprese. I prestiti in sofferenza sono da tempo in cima all’agenda dei colloqui della Grecia con i suoi “creditori” (ossia le banche coordinate dalla Troika).



Di tutto questo chiaramente in Italia non sapete nulla. De'llesperimento sociale della Troika, del suo topo da laboratorio e di quello che tutti i paesi dell'Europa del Sud potrebbero diventare tra qualche anno continuate a non sapere nulla perché tutto abilmente censurato.

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da Europlot
Notizia del:

"Il fascismo di chi si dichiara tale fa ridere. Quello del governo no. E’ ora di prenderne atto."

"Il verofascismo moderno non sono quei quattro coglionazzi che stendono il braccio teso nel saluto romano, ma la “cultura di governo” che anima i governi europei degli ultimi anni."

di Alessandro Avvisato - ControPiano Le scene immortalate a Napoli – decine di antifascisti...
Notizia del:

Il futuro della Germania (e dell'Unione Europea) passa per un voto online

  Martedì comincia il voto per il referendum tra i 463.713 iscritti della SPD che dovranno esprimersi sulle 179 pagine dell’accordo definitivo di Grosse Koalition (GroKo) con la CDU/CSU...
Notizia del:

Non importa chi vince: il programma di governo (della Troika?) è già deciso. Parola di Gentiloni

di Lidia Undiemi* In sostanza Gentiloni afferma che non importa chi vince, il programma di governo è già deciso, e probabilmente è quello scelto dalla Merkel/Troika (cosiddetta...
Notizia del:

La frase shock di Vincenzo Boccia sul ruolo futuro dello Stato. Nessuna reazione dai "capi politici" in campagna elettorale...

di Claudio Conti - Contropiano  Se un paese è allo sbando, la sua classe dirigente ne è la prima responsabile. E, nella classe dirigente, il primo posto ce l’hanno sempre...
Notizia del:

CI AVETE ROVINATO LA VITA: VI ASPETTAVATE SORRISI E BACINI?

La strada non è un comodo salotto televisivo, né un convegno in un teatro, è un luogo di incontro e di scontro. In questi giorni gelidi, le stiamo battendo, con le mani intirizzite...
Notizia del:

Gli ultimi sondaggi tedeschi sono spietati contro i partiti della Groko

di Federico Nero   Dopo quasi 5 mesi di travaglio la CDU/CSU è riuscita a raggiungere l’accordo per la formazione del nuovo governo con la SPD, un’altra Grosse Koalition (GroKo)...
Notizia del:

Giorgio Cremaschi: "Trovo sfacciata la campagna contro il M5S fatta da partiti che non hanno mai restituito niente"

"Questo è il regime politico mediatico che censura scandalosamente #Poterealpopolo"

Giorgio Cremaschi, candidato per Potere al Popolo a Napoli e Bologna, prende posizione sulla cosidetta "rimborsopoli"...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa