/ A favore dell'autostrada della Jihad in Siria resta ormai solo......

A favore dell'autostrada della Jihad in Siria resta ormai solo.... Amnesty International!

A favore dell'autostrada della Jihad in Siria resta ormai solo.... Amnesty International!
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it


Ma che altro dovrebbe fare Assad - ora che i tagliagole che, da quattro anni, assediano e bombardano Aleppo, stanno per essere sgominati - se non promettere ad  essi una amnistia e un salvacondotto? Tutto il mondo civile ha plaudito a questa proposta del governo di Damasco che servirà a porre fine ad una carneficina fatta di continui attacchi con mortai e missili da parte dei “ribelli” e che ha comportato innumerevoli stragi, non ultima quella mostruosa di un paio di settimane fa.

Tutto il mondo civile, tranne Amnesty International  che dopo aver, per anni, sposato la causa dei “ribelli” ora arriva a chiedere alle truppe del governo di Damasco di ritirarsi dall’area di Aleppo e riaprire la “Strada del Castello” da dove i “ribelli” facevano transitare i loro automezzi. Come se solo per questa strada potessero arrivare ad Aleppo gli aiuti per la popolazione.

E per di più Amnesty International capovolge la realtà dichiarando "Da anni il governo siriano blocca l'ingresso degli aiuti nelle aree assediate, le sottopone quotidianamente a bombardamenti e usa la fame come arma di guerra, procurando volutamente indicibili sofferenze ai civili che vivono nelle zone controllate dall'opposizione. (...) Inoltre, le persone che si trovano nelle aree sotto assedio e/o in quelle controllate dall'opposizione potrebbero dubitare della sincerità dell'impegno del governo siriano e della Russia, responsabile di attacchi aerei illegali e di possibili crimini di guerra e mai disposta a esercitare la sua influenza sul governo di Damasco per chiedere la fine delle massicce violazioni dei diritti umani.”. Si illegali e possibili crimini di guerra avete letto bene. E' la coalizione a guida Usa che ha fatto, dopo aver fatto finta per tanti mesi, oltre 1500 morti civili. E' la Francia che con metodi che ricordano il nazismo che ha ucciso 164 civili il giorno dopo Nizza. Ma su questo Amnesia (internazionale) conferma il suo nome. La liberazione dell'Esercito arabo siriano con il supporto aereo dell'aviazione russa in una guerra per procura che dura da cinque anni contro terroristi e jhadisti provenienti da 89 paesi viene definita da Amnesia come "illegale".

Ricordatevi di queste infamie la prossima volta che gli “attivisti di Amnesty International“ vi verranno a chiedere soldi per strada.

Francesco Santoianni

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da I media alla guerra
Notizia del:

Tutto quello che non torna del Video Virale dell'assassinio di Kim Jong-nam

L'omicidio di Kim Jong-nam comincia tanto a somigliare a quella, surreale, di Hyon Song-wol, fidanzata “fatta uccidere in quanto protagonista di un film porno”.

  Ma come è possibile che tutti i blasonati “giornalisti” mainstream abbiano diffuso,...
Notizia del:

La nuova bufala del mainstream contro la Siria si chiama "bombardamenti al cloro"

Brucia ancora ai media mainstream la liberazione di Aleppo. Che ora rispondono diffondendo la “notizia”– patrocinata da un Rapporto di Human Rights Watch (HRW) –...
Notizia del:

"Frecce avvelenate" o "spray chimico?" Le ipotesi strampalate dei media bufalari sulla morte del fratellastro di Kim

Sembra la trama di uno sgangherato thriller di quart’ordine questa storia dell’”assassinio” di Kim Jong-nam, fratellastro del vituperatissimo leader nordcoreano Kim Jong-un. Eppure...
Notizia del:

La Madre di tutte le menzogne di guerra: le mani mozzate ai bambini in Belgio

  Continua ad imperversare il governativo Centenario della Grande Guerra (che, tra l’altro, sta vedendo militari nelle scuole per “formare gli studenti”) contro il quale...
Notizia del:

"13mila morti nel carcere di Saydnaya". Tutto quello che non torna del rapporto-propaganda di Amnesty contro la Siria

“La prigione di Saydnaya è il posto in cui lo stato siriano massacra silenziosamente il proprio popolo.” Comincia così - svaporate le sue ultime bufale - l’ennesima, gigantesca,...
Notizia del:

Se la strage alla moschea in Canada “è colpa di Trump”, allora per la proprieta' transitiva gli attentati in Europa...

  E il Premio Oscar? “Come si può impedire al siriano Raed al-Saleh l’ingresso negli USA quando il film di Clooney “White Helmets” (l’organizzazione “umanitaria”...
Notizia del:

"LEGGE SHOCK", "Mosca legalizza le botte a mogli e figli". Ecco da dove nasce la nuova bufala anti-Putin

  Tutti, in Russia, a riempire di botte moglie e figli. Lo permetterebbe una nuova legge - subito definita “nauseante” da Amnesty International e ancora peggio da Thorbjorn Jagland...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa