/ Alfano-Casini e la mozione anti Venezuela: una vergognosa pagina ...

Alfano-Casini e la mozione anti Venezuela: una vergognosa pagina neo-coloniale scritta oggi al Senato

Alfano-Casini e la mozione anti Venezuela: una vergognosa pagina neo-coloniale scritta oggi al Senato
 

Importante la posizione di netta opposizione espressa dal Movimento 5 Stelle protagonista di un'altra mozione votata solo da Sinistra Italiana

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it


di Fabrizio Verde
 

Quest’oggi il Senato della Repubblica è stato ostaggio di un atto vile che lede la sovranità e l'indipendenza di un importante Paese dell'America Latina. 

 

La vicenda è quella nota della mozione Casini contro il Venezuela. Dopo la figuraccia fatta la settimana scorsa dove non si è arrivato ad un voto per gli attacchi ricevuti in Aula, il mai rimpianto ex Presidente della Camera ha portato con sé l'artiglieria pesante. Dopo aver calendarizzato in due giorni una mozione con votazione in Aula - neanche ci fosse la guerra termonucleare a Caracas - oggi al Senato fa il suo esordio da ministro degli esteri Alfano. A sorpresa è lui a rappresentare il governo e ad imporre all'Aula di votare la mozione Casini, anche se, come spiegato dal senatore Petrocelli del Movimento 5 Stelle, la settimana scorsa il governo avesse dato parere favorevole alla mozione del M5S. Lezione di democrazia di chi cerca di esportare democrazia negli altri paesi in salsa neo-coloniale.

 

Con il diktat di Alfano, che non ha avuto neanche la decenza di assistere il dibattito successivo, la mozione Casini contro il Venezulea è stata approvata grazie al voto favorevole dei senatori afferenti le forze di maggioranza; con il voto contrario degli esponenti del Movimento 5 Stelle e Sinistra Italiana. Il governo si è praticamente impegnato su impulso di Casini - protagonista di una "missione" solitaria in Venezuela dal 27 al 30 dicembre - ad interferire, utilizzando come scusa le condizioni di vita della nutrita comunità italiana in Venezuela, negli affari interni di uno Stato sovrano e «amico». In una fase in cui la Santa Sede negozia il dialogo tra le forze politiche del paese, il governo italiano decide schierarsi apertamente con l’opposizione violenta e golpista che cerca incessantemente di provocare, con ogni mezzo, la caduta del governo Maduro. Quell'opposizione che in gran parte ha deciso di alzarsi dal tavolo delle trattative con la Santa Sede.

 

Il compito di Alfano non è stato per nulla agevole: perorare la bontà di una mozione «scritta sotto dettatura dell’opposizione venezuelana», per utilizzare le parole del Senatore De Cristoforo di Sinistra Italiana che ha espresso voto contrario. 

 

Addirittura viene chiesto al governo di impegnarsi affinché venga ripristinata la "separazione dei poteri". Una richiesta assurda, visto anche che la separazione dei cinque poteri in Venezuela funziona benissimo. Forse, in realtà, si vorrebbe che l’Assemblea Nazionale controllata dall’opposizione avesse un potere preponderante rispetto anche al Presidente della Repubblica. Dimenticando che il Venezuela è una Repubblica presidenziale e che Maduro è stato democraticamente eletto da milioni venezuelani. L'ingerenza è senza precedenti e tocca la Costituzione interna del paese. Un po' come se in Venezuela si fosse chiesto al governo di Caracas di impegnarsi affinché l&# 39;Italia non si procedesse a votare una riforma della Costituzione con una maggioranza parlamentare giudicata incostituzionale dalla Corte Costituzionale. Anzi, questo è molto più grave.

 

Con la mozione Casini, siamo alla follia. E quando si tratta di follia, la coppia Alfano-Casini cade a fagiolo.

 

Come spesso accade, la peggiore posizione in Aula è, comunque, quella del Partito Democratico. Una posizione completamente schiacciata su quella dell’opposizione di estrema destra e golpista venezuelana. Addirittura il leader di Voluntad Popular, Leopoldo Lopez, un aspirante Pinochet in salsa venezuelana incarcerato per il ruolo giocato durante le ‘guarimbas’ (proteste violente dirette alla sovversione) che nel 2014 lasciarono sul selciato i corpi di 43 innocenti, viene presentato come un prigioniero politico recluso esclusivamente per le proprie idee. Una vergogna senza fine. 

Importante la posizione di netta opposizione espressa dal Movimento 5 Stelle, protagonista di un'altra mozione votata solo da Sinistra Italiana, in cui si chiedeva al governo di facilitare e non ostacolare, come fa la mozione Casini, il processo di dialogo intrapreso. Il Senatore Petrocelli dichiara: «Ritengo dunque che debba essere chiaro se qui in Senato possiamo o meno considerare tutte le premesse della mozione del presidente Casini come dei consigli al Governo di un Paese amico o se non debba piuttosto trattarsi di una sorta di velina passata dall'opposizione al Governo venezuelano.


Qualcosa è cambiato dalla scorsa settimana ad oggi perché nelle premesse e nelle considerazioni della mozione del presidente Casini non vi è alcun riferimento, neanche una parola, al processo di dialogo avviato dalla Santa Sede: non vi è neanche una parola, neppure negli impegni che il presidente Casini sottopone al Governo.


Cosa contraria, invece, è presente nella mozione della collega Bertorotta, dove si fa esplicito riferimento al processo di dialogo, un processo per il quale il Governo venezuelano è seduto al tavolo con la Santa Sede, mentre buona parte dell'opposizione, che qualcuno considera golpista - ma sarà la storia dirlo - non è seduta a quel tavolo.


E allora cosa è cambiato dalla scorsa settimana ad oggi? Forse il presidente Casini si è sentito intimamente da se stesso rimproverato per aver saltato quel passaggio, per un uomo della sua storia e così vicino alla Chiesa cattolica e alla Curia?».

 

Si tratta di una vicenda molto triste per la nostra politica estera. Mai nella storia recente dell'Italia si era arrivati ad attaccare la sovranità e gli affari interni di un paese in salsa neo-coloniale come oggi. Sarebbe molto interessante capire con precisione e chiedere al Senatore Casini chi abbia incontrato di preciso a Caracas nella missione solitaria iniziata il 27 dicembre e perché tanta fretta nel blitz anti Venezuela.

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:     Fonte: Al Mayadeen - Hispantv

Venezuela e Palestina rafforzano le relazioni bilaterali

Venezuela e Palestina hanno ratificato il rafforzamento delle loro relazioni bilaterali durante un incontro tra il presidente dell'Assemblea nazionale costituente venezuelana, Delcy Rodríguez, e il ministro degli Esteri palestinese, Riyad Al-Maliki.

L'incontro si è tenuto nella Casa Amarilla, sede della Cancelleria di Caracas, dove il ministro palestinese...
Notizia del:

Le prove della guerra economica contro il Venezuela

Questa realtà è innegabile e nessun paese è soggetto a questo tipo di assedio economico, ad alta intensità e persistenza

di Alfredo Serrano Mancilla - CELAG   Proibito vedere l’ovvio. Questa frase trovata su un murales...
Notizia del:

Mision Verdad - "Il narcostato colombiano e la sua guerra economica al Venezuela"

  María Fernanda Barreto - Mision Verdad 28 dicembre 2017 (traduzione di Alessandro Lattanzio per SitoAurora) Quante delle magnifiche storie di letteratura universale...
Notizia del:

Guerra mediatica al Venezuela: nel 2017 i media statunitensi hanno generato 3880 fake news

La guerra mediatica è particolarmente cruenta. I suoi echi giungono anche in Italia. Infatti nella nostra periferia dell’impero il circuito mediatico mainstream ricicla di continuo le fake news a stelle e strisce prodotte contro la Rivoluzione Bolivariana

di Fabrizio Verde   Contro il Venezuela è guerra totale. Una micidiale offensiva cha va dall’assedio...
Notizia del:     Fonte: Embajada de la República Bolivariana de Venezuela en Italia

Imperialismo senza maschere

di Jorge Arreaza M.*   Il 2017 è stato un anno chiarificatore durante il quale la politica internazionale si è sincerata e ha messo alla prova la politica estera della Repubblica...
Notizia del:     Fonte: AVN

Venezuela: nell'ultimo anno aumenti salariali del 664%

Gli aumenti salariali - che incidono sul reddito di oltre 13 milioni di lavoratori del paese - sono parte di della politica implementata dal governo nazionale per proteggere la classe operaia e dare piena attuazione alla Costituzione Bolivariana

  L'aumento salariale del 40% decretato domenica 31 dicembre dal presidente della Repubblica, Nicolas...
Notizia del:

Il Venezuela esprime solidarietà alla Repubblica Islamica dell'Iran e condanna le ingerenze di Usa e Israele

La Repubblica Bolivariana del Venezuela, ribadendo il suo sincero sentimento di solidarietà nei confronti della Repubblica Islamica dell'Iran si augura che il popolo e il governo del paese fratello possano continuare a costruire e rafforzare il proprio modello di paese sovrano senza l'intervento di alcun potere straniero

da AVN   La Repubblica Bolivariana del Venezuela condanna gli atti di violenza che si sono verificati...
Notizia del:     Fonte: teleSUR

Odebrecht conferma di aver finanziato l'opposizione venezuelana

In diverse occasioni, esponenti del chavismo hanno accusato l'ex governatore dello stato di Miranda Henrique Capriles di aver ricevuto finanziamenti dalla società di costruzioni brasiliana

  L’imprenditore brasiliano Marcelo Odebrecht, il cui nome risuona in America Latina perennemente legato...
Notizia del:     Fonte: Embajada de la República Bolivariana de Venezuela en Italia

Le dodici vittorie del Presidente Maduro nel 2017

di Ignacio Ramonet Per cominciare, dobbiamo ricordare che il presidente Nicolás Maduro è il presidente più ingiustamente accusato, calunniato e aggredito nella storia del Venezuela....
Notizia del:     Fonte: Pagina12

Argentina, Macri brinda alla repressione: «Chi lancia una pietra è disposto a uccidere»

  Dopo la dura repressione, la criminalizzazione. L’aria natalizia del saluto agli impiegati e i giornalisti presso il Palazzo del Governo, non ammorbidisce la posizione di Mauricio Macri....
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:

Guerra alle Fake news, ovvero libertà di censura

Riceviamo da un nostro lettore e pubblichiamo molto volentieri di Lorenzo Ferrazzano É di questi giorni la notizia, riportata da tutti i giornali, che Mark Zuckerberg, AD di Facebook,...
Notizia del:

Frasi shock di Tillerson riprese dal WP. "I morti in Corea del nord dimostrano che le sanzioni stanno funzionando"

"Gli indici di fame e di morte in Corea del Nord sono un segno che la strategia di diplomazia degli Stati Uniti sta funzionando". Lo ha detto il segretario di Stato, Rex Tillerson, in una conversazione...
Notizia del:

Usa, ordigno finto in aeroporto per un reality show. Arrestati i membri della troupe

Secondo quello che riporta oggi l'emittente nordamericana ABC, una troupe televisiva è stata arrestata nella giornata di ieri nel tentativo di far passare materiale sospetto con "tutto...
Notizia del:

Elezioni presidenziali in Russia. Pavel Grudinin e il “socialismo scandinavo” del candidato del PCFR

di Fabrizio Poggi*   Due settimane dopo le elezioni parlamentari italiane, si svolgeranno in Russia quelle presidenziali. Diversi osservatori sostengono che la data del 18 marzo non sia stata...
Notizia del:

Colombia, il paese dove gli omicidi politici non fanno mai notizia

di Geraldina Colotti* Giovedi, è stato ammazzato a Cordoba (in Colombia) il dirigente contadino Plinio Pulgarin, esponente del movimento Marcha Patriotica. Nei giorni precedenti erano...
Notizia del:

“Ingiustizie di secoli, questa Messa è per chi ha sofferto". Il Papa con i Mapuche

di Patrizia Larese - 18 gennaio 2018   Nel secondo giorno del suo viaggio in Cile il Papa è giunto a Temuco, capitale dell’Araucania, a circa 600 chilometri da Santiago. Ha...
Notizia del:

In nome del dio profitto, quanti morti ancora nel mondo del lavoro?

“E mentre non si fa altro che chiedere riduzione del costo del lavoro, troppe volte quei risparmi già vengono fatti, ma scommettendo sulla vita dei lavoratori.

di Stefano Barbieri per Marx21.it Altri morti sul lavoro, stavolta nella produttivissima Milano,...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa