/ Cinque dati chiave per comprendere perche' la CNN diffonde fake n...

Cinque dati chiave per comprendere perche' la CNN diffonde fake news

Cinque dati chiave per comprendere perche' la CNN diffonde fake news
 

Il consiglio di amministrazione di Time Warner/AT&T è composto da individui legati al Fondo Monetario Internazionale, le fondazioni dell’oligarchia Rockefeller, think thank finanziati da Exxon Mobil, il fondo d’investimento Warburg e la società di armamenti AMR Corporations, oltre a Goldman Sachs e JP Morgan

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it


da Misión Verdad
 

Cos’è la CNN?

 

La CNN non è una semplice catena televisiva. Fa parte della corporation di propaganda Time Warner (che comprende oltre 20 media e pubblicazioni di stampa, come HBO, il canale musicale HTV, Cartoon Networks, TNT e la rivista TIME). Si tratta di una delle più grandi produttrici di film e show televisivi del pianeta, 

 

Time Warner, a sua volta, si è fusa con la società AT&T l’anno scorso per una cifra pari a 85 miliardi e 400 milioni di dollari, formando il terzo più grande conglomerato mediatico e di telecomunicazioni a livello planetario, che controlla circa il 33% delle infrastrutture internet, servizi di telefonia, satelliti e produzioni culturali in tutto il mondo. 

 

Chi la dirige?

 

Il consiglio di amministrazione di Time Warner/AT&T è composto da individui legati al Fondo Monetario Internazionale, le fondazioni dell’oligarchia Rockefeller, think thank finanziati da Exxon Mobil (come il Council on Foreign Relations), il fondo d’investimento Warburg (Warburg Pincus) e la società di armamenti AMR Corporations, oltre a Goldman Sachs e JP Morgan come azionisti chiave, secondo quanto riporta Global Research. La crema dell’1% più ricco tra i ricchi del pianeta. 

 

Queste connessioni mostrano come la CNN sia integrata nella mega struttura del potere economico globale, costituita da imprese e grandi corporation finanziarie, industriali e degli armamenti. La CNN è la vetrina dove mostrare gli interessi politici nella regione e i paesi per loro strategici, come ad esempio Venezuela, Russia, Cina e Iran. Dove gli attacchi sostenuti sono il prodotto di grandi interessi finanziari e geopolitici. 

 

Legami con la CIA 

 

Nelle guerre contro il Medio Oriente, la CNN è stat il pulpito dove i consiglieri per la sicurezza nazionale e gli operatori hanno giustificato davanti all’opinione pubblica gli interventi degli Stati Uniti. Come nel caso di Anderson Cooper, uno dei suoi giornalisti più famosi, che trasmesse dal vivo nel 2011 una chiamata di una donna che si rifugiava dai ‘bombardamenti’ libici su Tripoli. 

 

Anderson dopo disse: «Se istituisci una no-fly zone in Libia non potranno più entrare mercenari… Dobbiamo agire. Quanto tempo bisogna ancora aspettare, cosa c’è più da vedere, quante persone devono ancora morire?». Successivamente venne dimostrato che i ‘bombardamenti’ su Tripoli furono fabbricati a tavolino. Anderson è stato in gioventù addestrato dalla CIA e qualche giorno dopo la trasmissione la NATO iniziò il bombardamento - questa volta reale - della popolazione libica. 

 

Altre connessioni con l’apparato di guerra degli Stati Uniti

 

La CNN è anche collegata alla divisione che si occupa delle operazioni psicologiche dell’esercito degli Stati Uniti, alla CIA (dopo l’Operazione Mockingbird finalizzata al controllo dei media tradizionali nel 1950 imbastita dall’intelligence degli Stati Uniti) e il settore dei cosiddetti neoconservatori, che promuovono l’interventismo militare diretto e unilaterale per proteggere gli Stati Uniti. Uno dei suoi riferimenti principali è George W. Bush.

 

I suoi principali intellettuali e operatori (Robert Kagan, Paul Wolfowitz, John McCain, etc.) sono organicamente legati all’industria finanziaria e delle armi, e logicamente, sono stati tra i principali promotori delle guerre contro Iraq, Afghanistan, Siria e Libia. Sono inoltre costantemente intervistati in reportage e talk show sulla CNN, sfruttando questa tribuna per diffondere su larga scala la propria visione del mondo. 

 

Menzogne sul Venezuela e supporto a Obama

 

In Venezuela (così come in Bolivia) la CNN ha realizzato operazioni di propaganda per manipolare la realtà del paese. Nell’agosto del 2015 il suo corrispondente in Venezuela (Osmary Hernández) riferì di saccheggi e disordini per gli alimenti nello Stato Carabobo. Giorni dopo, Fernando del Rincón dichiarò che si era trattato di un «errore» e che in realtà i saccheggi non erano mai avvenuti. La CNN mentì. 

 

Secondo un’inchiesta realizzata da Misión Verdad, la società che possiede la CNN, Time Warner, è stata una delle principali finanziatrici delle campagne elettorali di Barack Obama. Un dato che mette in evidenza come le politiche di ingerenza della precedente amministrazione (Decreto Obama, sanzioni, intimidazioni del Comando Sur) contro il Venezuela hanno trovato nella CNN il proprio braccio mediatico. 

 

Non ci riferiamo solamente a corrispondenti e conduttori di programmi mendaci (come Osmary Hernández o Fernando del Rincón), ma a tutta la struttura del potere economico globale che ha interessi politici in quello che questa rete televisiva trasmette giorno per giorno, soprattutto quando si parla del paese con le maggiori riserve mondiali di petrolio, gas, oro e minerali. 

 

(Traduzione dallo spagnolo per l’AntiDiplomatico di Fabrizio Verde) 

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Fonte: http://misionverdad.com/
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:     Fonte: The Washington Post

The Washington Post: 'L'avanzata russa e siriana ha vanificato le ambizioni degli USA'

Secondo il quotidiano statunitense, i rapidi progressi delle forze siriane nelle zone orientali della Siria hanno vanificato le speranze degli Stati Uniti di «guadagnare più terreno» nel paese arabo.

In un articolo pubblicato, ieri, dal quotidiano statunitense 'The Washington Post' si evidenzia che l'espansione...
Notizia del:     Fonte: AVN

Maduro: «Gli Stati Uniti mi attaccano perché sono leale alla Nazione»

«Se l’impero mi attacca in questa maniera vuol dire che sto compiendo la mia missione, facendo il mio lavoro, che sono leale ai principi della nazione e di un popolo che merita la protezione del suo governo», questa la forte risposta di Maduro agli attacchi sempre più scomposti di Trump

di Fabrizio Verde   Nel bel mezzo di un assedio internazionale di proporzioni enormi il governo socialista...
Notizia del:

Raqqa nelle mani di USA e Arabia Saudita: "Il 'regime' siriano non metterà più piede qui"

Come era prevedibile, una volta liberata dall'ISIS, il destino di Raqqa sembra quello di cadere nelle mani degli USA che chiudono ogni accesso alla città al governo siriano.

In un incontro a Raqqa con il Consiglio civile nella città di Ain Issa, Brett McGurk, l'inviato degli...
Notizia del:     Fonte: AFP

L'Occidente pronto ad accusare Damasco per l'uso di armi chimiche senza valutare tutte le prove e Mosca minaccia il veto all'ONU

La Russia minaccia di negare il proprio consenso al rinnovo del mandato, previsto a novembre, per gli esperti di armi chimiche dell'ONU e dell'OPCW che indagano sugli attacchi in Siria.

Secondo l'AFP, questo rinnovamento è soggetto a una resa dei conti nel Consiglio di Sicurezza tra...
Notizia del:

«Distruggere e disarticolare»: Il vero obiettivo di Donald Trump in Messico

L'obiettivo è finire di distruggere e smantellare l'economia messicana per convertirla in un semplice appendice marginale e mal remunerata di Wall Street

di John M. Ackerman - RT   Enrique Peña Nieto e Luis Videgaray sono pronti a firmare qualsiasi...
Notizia del:

Cosa aspetta l'Unione Europea a riconoscere le elezioni regionali in Venezuela?

L’eurodeputato Javier Couso Permuy, che fa parte della Delegazione Ue all’Assemblea parlamentare euro-latinoamericana, ha denunciato nei giorni scorsi l’esistenza di un documento preventivo dell’Unione europea per non riconoscere a priori il risultato delle elezioni venezuelane

da ilsimplicissimus   La notizia come avviene sempre più spesso è che manca la notizia:...
Notizia del:

La stampa italiana parla di brogli in Venezuela, la prof. Riccio denuncia: «Giornalismo senza etica»

La docente di Lingua e Letterature ispano-americane presso la Facoltà di Lingue e Letterature straniere dell’Istituto Universitario Orientale di Napoli ai microfoni de l'AntiDiplomatico evidenzia inoltre come Maduro sia un «uomo politico di grande taglia»

di Fabrizio Verde   All’indomani della netta vittoria ottenuta dal Partito Socialista Unito del...
Notizia del:

Venezuela, due candidati dell'opposizione riconoscono risultati delle elezioni

Henri Falcon e Laidy Gomez, il primo sconfitto mentre l'altra eletta, ammettono la vittoria del chavismo e riconoscono la regolarità del processo elettorale

  Mentre in Italia i media mainstream tentano di accreditare una poco credibile narrazione su brogli che...
Notizia del:     Fonte: Embajada de la República Bolivariana de Venezuela en Italia

Il Venezuela respinge categoricamente i tentativi del Governo degli USA di non riconoscere la volontà del popolo venezuelano

La Repubblica Bolivariana del Venezuela, riaffermando il suo stato indipendente e sovrano, condanna con forza le minacce del Governo del Presidente Donald Trump

La Repubblica Bolivariana del Venezuela respinge categoricamente i tentativi del Governo degli Stati Uniti...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

La Russia avverte sul "piano B" degli Stati Uniti per rovesciare Assad

Il ministro degli esteri russo ritiene che la coalizione guidata dagli Stati Uniti protegga i terroristi in Siria per tornare al suo 'piano B': rovesciare il presidente siriano.

Gli indizi indicano come la coalizione che dice di combattere il gruppo terroristico ISIS(Daesh, in arabo), protegga...
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:     Fonte: The Washington Post

Gli USA amplieranno la loro presenza militare in Africa

Le forze armate statunitensi stanno cambiando la loro strategia anti-terrorismo in Africa e espanderanno le loro operazioni militari nel continente africano.

"L'esercito sta cambiando la sua strategia antiterrorismo per concentrarsi maggiormente sull'Africa,...
Notizia del:     Fonte: Haaretz - Al Masdar News

Ennesimo attacco di Israele contro le postazioni dell'esercito siriano sul Golan

Le forze militari israeliane, IDF, hanno di nuovo attaccano le postazioni dell'esercito siriano sulle alture del Golan.

Secondo i media locali, le forze armate del regime israeliano, IDF, questa mattina, hanno effettuato degli attacchi...
Notizia del:

X Forum di Verona. La Russia e l'Eurasia incontrano l'Italia per l'ultimo treno: "Adesso prima che sia troppo tardi"

In questi giorni si è svolto a Verona il Forum economico partner del San Petersburg Economic Forum, che si è imposto in questi anni come la piattaforme permanente più importante...
Notizia del:

'Il Giornale' (di Sallusti e Berlusconi) prova "ribrezzo" per le elezioni democratiche e libere in Venezuela

di Fabrizio Verde   Ribrezzo. Questa la parola chiave utilizzata dal redattore di un articolo apparso sul quotidiano ‘Il Giornale’ dove pomposamente viene annunciato: «Ecco...
Notizia del:

Curdi e Siria: cortocircuito dell'antifascismo

  La settimana scorsa un collettivo studentesco di Bologna ha impedito lo svolgersi di un incontro sulla Siria organizzato da persone legate alla destra. In un video pubblicato poco dopo,...
Notizia del:     Fonte: https://travel.state.gov - Ria Novosti

Gli USA ammettono per la prima volta che i terroristi dell'ISIS e Al Nosra usano armi chimiche

Questa ammissione è stata pubblicata in un documento ufficiale del Dipartimento di stato USA.

Mercoledì scorso, il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti ha emesso sul suo sito web un avvertimento...
Notizia del:     Fonte: The Washington Post

The Washington Post: 'L'avanzata russa e siriana ha vanificato le ambizioni degli USA'

Secondo il quotidiano statunitense, i rapidi progressi delle forze siriane nelle zone orientali della Siria hanno vanificato le speranze degli Stati Uniti di «guadagnare più terreno» nel paese arabo.

In un articolo pubblicato, ieri, dal quotidiano statunitense 'The Washington Post' si evidenzia che l'espansione...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa