/ Cinque dati chiave per comprendere perche' la CNN diffonde fake n...

Cinque dati chiave per comprendere perche' la CNN diffonde fake news

Cinque dati chiave per comprendere perche' la CNN diffonde fake news
 

Il consiglio di amministrazione di Time Warner/AT&T è composto da individui legati al Fondo Monetario Internazionale, le fondazioni dell’oligarchia Rockefeller, think thank finanziati da Exxon Mobil, il fondo d’investimento Warburg e la società di armamenti AMR Corporations, oltre a Goldman Sachs e JP Morgan

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it


da Misión Verdad
 

Cos’è la CNN?

 

La CNN non è una semplice catena televisiva. Fa parte della corporation di propaganda Time Warner (che comprende oltre 20 media e pubblicazioni di stampa, come HBO, il canale musicale HTV, Cartoon Networks, TNT e la rivista TIME). Si tratta di una delle più grandi produttrici di film e show televisivi del pianeta, 

 

Time Warner, a sua volta, si è fusa con la società AT&T l’anno scorso per una cifra pari a 85 miliardi e 400 milioni di dollari, formando il terzo più grande conglomerato mediatico e di telecomunicazioni a livello planetario, che controlla circa il 33% delle infrastrutture internet, servizi di telefonia, satelliti e produzioni culturali in tutto il mondo. 

 

Chi la dirige?

 

Il consiglio di amministrazione di Time Warner/AT&T è composto da individui legati al Fondo Monetario Internazionale, le fondazioni dell’oligarchia Rockefeller, think thank finanziati da Exxon Mobil (come il Council on Foreign Relations), il fondo d’investimento Warburg (Warburg Pincus) e la società di armamenti AMR Corporations, oltre a Goldman Sachs e JP Morgan come azionisti chiave, secondo quanto riporta Global Research. La crema dell’1% più ricco tra i ricchi del pianeta. 

 

Queste connessioni mostrano come la CNN sia integrata nella mega struttura del potere economico globale, costituita da imprese e grandi corporation finanziarie, industriali e degli armamenti. La CNN è la vetrina dove mostrare gli interessi politici nella regione e i paesi per loro strategici, come ad esempio Venezuela, Russia, Cina e Iran. Dove gli attacchi sostenuti sono il prodotto di grandi interessi finanziari e geopolitici. 

 

Legami con la CIA 

 

Nelle guerre contro il Medio Oriente, la CNN è stat il pulpito dove i consiglieri per la sicurezza nazionale e gli operatori hanno giustificato davanti all’opinione pubblica gli interventi degli Stati Uniti. Come nel caso di Anderson Cooper, uno dei suoi giornalisti più famosi, che trasmesse dal vivo nel 2011 una chiamata di una donna che si rifugiava dai ‘bombardamenti’ libici su Tripoli. 

 

Anderson dopo disse: «Se istituisci una no-fly zone in Libia non potranno più entrare mercenari… Dobbiamo agire. Quanto tempo bisogna ancora aspettare, cosa c’è più da vedere, quante persone devono ancora morire?». Successivamente venne dimostrato che i ‘bombardamenti’ su Tripoli furono fabbricati a tavolino. Anderson è stato in gioventù addestrato dalla CIA e qualche giorno dopo la trasmissione la NATO iniziò il bombardamento - questa volta reale - della popolazione libica. 

 

Altre connessioni con l’apparato di guerra degli Stati Uniti

 

La CNN è anche collegata alla divisione che si occupa delle operazioni psicologiche dell’esercito degli Stati Uniti, alla CIA (dopo l’Operazione Mockingbird finalizzata al controllo dei media tradizionali nel 1950 imbastita dall’intelligence degli Stati Uniti) e il settore dei cosiddetti neoconservatori, che promuovono l’interventismo militare diretto e unilaterale per proteggere gli Stati Uniti. Uno dei suoi riferimenti principali è George W. Bush.

 

I suoi principali intellettuali e operatori (Robert Kagan, Paul Wolfowitz, John McCain, etc.) sono organicamente legati all’industria finanziaria e delle armi, e logicamente, sono stati tra i principali promotori delle guerre contro Iraq, Afghanistan, Siria e Libia. Sono inoltre costantemente intervistati in reportage e talk show sulla CNN, sfruttando questa tribuna per diffondere su larga scala la propria visione del mondo. 

 

Menzogne sul Venezuela e supporto a Obama

 

In Venezuela (così come in Bolivia) la CNN ha realizzato operazioni di propaganda per manipolare la realtà del paese. Nell’agosto del 2015 il suo corrispondente in Venezuela (Osmary Hernández) riferì di saccheggi e disordini per gli alimenti nello Stato Carabobo. Giorni dopo, Fernando del Rincón dichiarò che si era trattato di un «errore» e che in realtà i saccheggi non erano mai avvenuti. La CNN mentì. 

 

Secondo un’inchiesta realizzata da Misión Verdad, la società che possiede la CNN, Time Warner, è stata una delle principali finanziatrici delle campagne elettorali di Barack Obama. Un dato che mette in evidenza come le politiche di ingerenza della precedente amministrazione (Decreto Obama, sanzioni, intimidazioni del Comando Sur) contro il Venezuela hanno trovato nella CNN il proprio braccio mediatico. 

 

Non ci riferiamo solamente a corrispondenti e conduttori di programmi mendaci (come Osmary Hernández o Fernando del Rincón), ma a tutta la struttura del potere economico globale che ha interessi politici in quello che questa rete televisiva trasmette giorno per giorno, soprattutto quando si parla del paese con le maggiori riserve mondiali di petrolio, gas, oro e minerali. 

 

(Traduzione dallo spagnolo per l’AntiDiplomatico di Fabrizio Verde) 

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Fonte: http://misionverdad.com/
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:     Fonte: teleSUR

Venezuela: 4 vittorie di Maduro che i media mainstream ignorano

di Ramiro S. Funez - teleSUR Quattro anni fa, un ex autista di autobus con umili origini di classe operaia è diventato il presidente del Venezuela.    Promettendo di portare...
Notizia del:     Fonte: SIPRI

SIPRI. Crescono le spese militari nel mondo. USA sempre in testa. Italia incremento dell'11%

La spesa militare globale totale è salita a 1686.000 miliardi di dollari nel 2016, con un incremento del 0,4 per cento in termini reali rispetto al 2015, secondo i dati dell'Istituto Internazionale di Stoccolma per la ricerca sulla pace. L'Italia ha fatto registrare uno degli incrementi più alti, l'11%. Lo riporta l'Istituto Internazionale di Ricerche sulla Pace di Stoccolma.

Secondo uno studio condotto dall'Istituto Internazionale di Ricerche sulla Pace di Stoccolma, SIPRI*, le...
Notizia del:     Fonte: http://americaxxi.com.ve/

Giocando con il fuoco

di Elias Jaua - America XXI   Il Governatore di uno Stato Federale della Repubblica Bolivariana del Venezuela, l’oppositore Henrique Capriles Radonski, circondato da funzionari della polizia...
Notizia del:     Fonte: Al Masdar News - Hispantv

Aleppo. I terroristi di Tahrir al-Sham usano missili anticarro TOW di fabbricazione USA, forniti da Turchia e Arabia Saudita

I terroristi di Tahrir al-Sham Hayat sono dotati di 'grandi' arsenali di missili anti-carro di fabbricazione USA nella parte occidentale di Aleppo, molto probabilmente forniti dai loro sponsor Arabia Saudita e Turchia

Il portale di informazione 'Al-Masdar News', in un articolo sullo stato di avanzamento dell'esercito...
Notizia del:     Fonte: RT

Venezuela: sono in gioco il futuro del popolo e della Rivoluzione Bolivariana

Se qualcuno lanciasse una molotov in una manifestazione contro il governo statunitense a Washington, sarebbe arrestato e accusato di terrorismo domestico

di Eva Golinger - RT   Il Venezuela è nuovamente sulla prima pagina del ‘New York Times’...
Notizia del:     Fonte: teleSUR

Venezuela, Roy Chaderton: la destra vuole restaurare il neoliberismo

Il diplomatico venezuelano intervistato dall'emittente Vtv

  L’ex ambasciatore della Repubblica Bolivariana del Venezuela presso l’Organizzazione degli...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

Sentenza già scritta? OPCW respinge proposta di indagine russo-iraniana sull'attacco chimico in Siria

L'Organizzazione per la proibizione delle armi chimiche (OPCW) ha respinto la proposta di Iran e Russia per una diversa indagine sull'uso di armi chimiche in Siria. In particolare, i due paesi chiedevano di indagare se nella base siriana di Shayrat si trovassero resti armi chimiche, dove, secondo gli USA, sarebbero partiti i raid siriani su Khan Shaykhun.

"La proposta russo-iraniana per sostituire l'inchiesta della OPCW con un nuovo meccanismo è stato...
Notizia del:     Fonte: ria.ru

Assad: "Non c'è stato nessun attacco chimico a Khan Shaykhun, per questo l'ONU non invia nessuna delegazione in Siria"

Assad sostiene che quando gli esperti arriveranno nella città siriana di Khan Shaykhun si renderanno conto che tutte le affermazioni circa il presunto attacco chimico erano bugie ma, proprio per questa ragione, l'ONU non invia nessuna delegazione per indagare, nonostante le richiesta ufficiale del governo siriano.

Il presidente siriano Bashar al Assad ha negato in un'intervista concessa a 'RIA Novosti' che un...
Notizia del:     Fonte: Euronews

Ahmadineyad: "La guerra contro la Siria provocherà il collasso dell'egemonia mondiale degli USA"

Donald Trump "ha scelto la via della guerra", nonostante "le promesse fatte al suo popolo", ha lamentato l'ex presidente iraniano.

La crisi in Siria causerà il crollo dell'egemonia mondiale degli Stati Uniti, ha dichiarato l'ex...
Notizia del:     Fonte: AFP-Hispantv

FOTO. Yemen, la "protesta del pane" contro l'aggressione dell'Arabia Saudita

Oggi, gli yemeniti hanno partecipato ad una marcia da Sana'a alla città di Al-Hodeida per chiedere la fine della guerra imposta dall'Arabia Saudita,.

I partecipanti nella mobilitazione chiamata "protesta per il pane" ha condannato l'appoggio dell'Occidente...
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:     Fonte: Rt

Russia: "Il Pentagono sta creando un'arma per un attacco globale in massa"

"Gli Stati Uniti stanno sviluppando armi per un attacco globale istantaneo". Lo ha denunciato il rappresentante dello Stato maggiore russo, il tenente generale Víktor Poznijir secondo...
Notizia del:

Brasile. La polizia attacca manifestanti indigeni davanti il Parlamento. 4 arresti

La polizia militare brasiliana giovedì ha caricato violentemente migliaia di membri delle tribù indigene che manifestavano di fronte al Parlamento di Brasilia rivendicando maggiori diritti. Molti...
Notizia del:

Il "messaggio a Putin". Così il Regno Unito prosegue nella militarizzazione dell'est Europa

di Fabrizio Poggi - Contropiano  Pressoché in contemporanea con l'apertura a Mosca della Conferenza internazionale sulla sicurezza “MCIS-2017”, disertata dalla Nato, i...
Notizia del:

Macron e il sogno non nascosto di intervento armato contro la Siria

Ospite de L'Emisisone politique lo scorso 6 aprile, Emmanuel Macron si è dichiarato su France 2 a favore di "un intervento militare" in Siria, sotto gli auspici delle Nazioni Unite,...
Notizia del:

"Perché chiede elezioni in Siria e non nel suo paese?". La risposta dell'Ambasciatore saudita all'Onu non ha prezzo

Mr Propagande Quando poni la domanda all'ambasciatore saudita alle Nazioni Unite sul perché egli chieda elezioni libere in Siria ma non nel suo paese.  "Perché è...
Notizia del:

Rapporto think tank. L'Isis sta collassando: questo potrebbe portare a più attacchi terroristici in tutto il mondo

E' difficile quantificare l'effetto che l'ISIS  ha avuto sula nostra psiche collettiva . Dal momento che l'organizzazione ha iniziato a fare notizia diversi anni fa, siamo stati inondati...
Notizia del:     Fonte: Al Mayadeen

Lettera del leader politico palestinese, Marwan Barghouti ai parlamenti del mondo e ai membri dell'Assemblea parlamentare del Consiglio dell'Unione europea sullo sciopero per "la libertà e la dignità"

Il leader palestinese Marwan Barghouti, ha inviato un messaggio che è stato distribuito ai parlamentari di tutto il mondo per lo sciopero il cui motto è "battaglia per la libertà e la dignità", così come ai membri dell'Assemblea parlamentare del Consiglio d'Europa, che comprende 47 paesi in rappresentanza di 800 milioni di cittadini dei paesi del continente europeo e a chi difende i diritti umani e la democrazia, dato che lo Stato di Palestina è un partner di questo organismo e Israele è un membro osservatore.

Attualmente, una delegazione del Consiglio nazionale palestinese partecipa alla sessione ordinaria dell'Assemblea...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa