/ Venezuela: le infami accuse al vicepresidente smentite dai risult...

Venezuela: le infami accuse al vicepresidente smentite dai risultati nella lotta al narcotraffico

Venezuela: le infami accuse al vicepresidente smentite dai risultati nella lotta al narcotraffico
 

La repubblica Bolivariana del Venezuela risponde anche sul piano diplomatico: Delcy Rodriguez ha consegnato una nota di protesta all’incaricato d’affari degli Stati Uniti a Caracas

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it


di Fabrizio Verde
 

«La verità è invincibile e vedremo come svanirà questa infame aggressione. Adesso con forza maggiore renderemo irreversibile la nostra rivoluzione», con queste parole il vicepresidente della Repubblica Bolivariana del Venezuela, Tareck El Aissami, risponde alle sanzioni arbitrarie e illegali comminategli dall’OFAC del Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti, che lo accusa di legami con il narcotraffico. Il numero due del governo di Caracas ha inoltre aggiunto di avere «il morale alto, maggiore fermezza e convinzione antimperialista». 

 

Intanto sulla vicenda è intervenuto anche il Presidente Maduro, che ha segnalato come il Venezuela abbia aumentato la propria efficienza nella lotta al narcotraffico, da quando nel 2005 abbia provveduto all’espulsione dal territorio nazionale della Federal Drug Administration (DEA).

 

«Dal 2005 - ha spiegato Maduro - anno in cui il Venezuela ha espulso il cartello della droga chiamato DEA, sono state sequestrate in media 55,7 tonnellate di droga ogni anno, aumentando l’efficienza del 60%, con il riconoscimento internazionale dell’Organizzazione delle Nazioni Unite (ONU».

 

Evidenziando inoltre il ruolo svolto dal vicepresidente El Aissami che a quel tempo ricopriva il ruolo di Ministro degli Interni: «Tareck (El Aissami) riuscì, attraverso le operazioni Sierra, a ottenere che il Venezuela fosse dichiarato territorio libero dalle coltivazioni di droga (…) Il paese approva e applica una legge durissima, vengono catturati 102 capi dei cartelli, ricevendo riconoscimenti pubblici e note diplomatiche di altri paesi (Stati Uniti inclusi) dirette in particolare a Tareck; il paese viene adesso sanzionato da un governo burocratico in complicità con la più grande mafia della droga del pianeta che è la DEA». 

 

All’infame aggressione, per utilizzare le parole di Tareck El Aissami, il Venezuela risponde anche sul piano diplomatico: il Ministro degli Esteri, Delcy Rodriguez, ha consegnato una nota di protesta all’incaricato d’affari degli Stati Uniti a Caracas, Lee McClenny, dove si condanna l’aggressione al vicepresidente esecutivo. Nella nota si esige «rispetto verso il Vicepresidente della Repubblica in conformità con la Convenzione di Vienna».



 

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:     Fonte: http://italia.embajada.gob.ve/

Venezuela: domenica popolo in piazza contro l'interventismo statunitense

da italia.embajada.gob.ve   Caracas, 21 marzo 2017 (MPPRE) - Di fronte ai piani interventisti del Dipartimento di Stato degli USA, il Presidente della Repubblica Bolivariana del Venezuela, Nicolás...
Notizia del:     Fonte: IRNA

Hezbollah iracheni: Attaccheremo i soldati statunitensi se non lasceranno l'Iraq

Gli Hezbollah iracheni avvertono che dopo l'espulsione dell'ISIS dall'Iraq attaccheranno le forze nordamericane se non lasciano il loro paese.

Ja'far al-Husseini, portavoce del Movimento di Resistenza Islamico in Iraq (Kataib Hezbollah) ha dichiarato...
Notizia del:

La Nato sotto comando Usa sta preparando altre guerre e la Sicilia sarà base d'attacco

di Manlio Dinucci* - il manifesto, 21 marzo 2017 Si svolge dal 12 al 24 marzo, di fronte alle coste mediterranee della Sicilia, l’esercitazione navale Nato Dynamic Manta cui partecipano...
Notizia del:     Fonte: http://www.avn.info.ve/

Documento declassificato del governo Usa riconosce la lotta del Venezuela al narcotraffico

Il vicepresidente Tareck El Aissami ha mostrato in pubblico il documento reso noto da Wikileaks

  Il Venezuela favorisce il narcotraffico. Tareck El Aissami, vicepresidente della Repubblica, è un...
Notizia del:     Fonte: Sana.sy

Assad sul piano degli Stati Uniti per Raqqa: Liberarla dall'ISIS, per darla a chi?

Il presidente siriano Bashar al Assad ha messo in discussione i piani della coalizione guidata dagli Stati Uniti per liberare Raqqa.

Il presidente siriano Bashar al-Assad ha rilasciato un'intervista ai media russi in cui ha discusso, tra gli...
Notizia del:

L’America latina all’Osa: «Sanzioni Trump per i migranti". Ma per Almagro il nemico resta il Venezuela

di Geraldina Colotti* - Il Manifesto Da oggi e fino al 22 marzo, i decreti migratori di Trump e le posizioni della nuova amministrazione in tema di ambiente saranno oggetto di discussione nella...
Notizia del:

La petizione dei Movimenti sociali in difesa del Venezuela e contro l'ingerenza di Almagro da consegnare all'OSA

I movimenti sociali hanno creato una petizione contro la nuova ingerenza del Segretario dell'Osa Almagro contro il Venezuela. Nella pagina web i cittadini di tutto il mondo possono firmare un documento...
Notizia del:     Fonte: Sana.sy

Nasrallah: la sconfitta dell'ISIS in Siria è un fallimento per Israele

Il Segretario Generale di Hezbollah, Sayyed Hassan Nasrallah, ha dichiarato che la sconfitta dell'ISIS è un fallimento del piano di Israele messo a punto nella regione.   In un discorso,...
Notizia del:     Fonte: The Huffington Post

'Arabia Saudita, il principale sponsor del terrorismo'

L'Arabia Saudita e non l'Iran è il principale sponsor del terrorismo di Stato nella regione e nel mondo, secondo il quotidiano statunitense 'The Huffington Post'.

"L'Arabia Saudita, non l'Iran, è il più grande stato sponsor del terrorismo oggi nel...
Notizia del:

Nuovo incontro Mercosur oggi a Montevideo per discutere della richiesta del Venezuela

Gli Stati parte del Mercosur si riuniscono Venerdì  per la terza volta per affrontare la questione avanzata dal Venezuela per l'attivazione del protocollo Olivos. Lo riporta Telesur. I...
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:

AAA ONG dei diritti umani cercasi... L’Ucraina nega l’ingresso alla cantante (disabile) che doveva rappresentare la Russia all’Eurovision

di Eugenio Cipolla Nell’assurdo gioco delle ripicche tra Russia e Ucraina, connesse all’attuale situazione della guerra in Donbass e della decisione della Crimea di ritornare russa, oggi...
Notizia del:

E' questa la miglior risposta possibile al bieco razzismo di Dijsselbloem

Cioè, nei Paesi Bassi il consumo pro capite di birra annuo è il triplo dell'Italia, la prostituzione è legale e noi siamo gli acolizzati mignottari? Eugenio Cipolla **   ...
Notizia del:

Ucraina, l'esperimento NATO passa alla "Dottrina della Sicurezza Nazionale dell'Informazione"

di Partito Comunista di Ucraina da solidnet.org Traduzione di Marx21.it  Il presidente dell'Ucraina ha varato la Dottrina della Sicurezza Nazionale dell'Informazione con...
Notizia del:     Fonte: IRNA

Hezbollah iracheni: Attaccheremo i soldati statunitensi se non lasceranno l'Iraq

Gli Hezbollah iracheni avvertono che dopo l'espulsione dell'ISIS dall'Iraq attaccheranno le forze nordamericane se non lasciano il loro paese.

Ja'far al-Husseini, portavoce del Movimento di Resistenza Islamico in Iraq (Kataib Hezbollah) ha dichiarato...
Notizia del:     Fonte: Jpost

Netanyahu a Putin: Israele continuerà i suoi attacchi aerei in Siria

"Se è fattibile dal punto di vista militare e dell'intelligence, allora attacchiamo, e così continueremo", ha dichiarato il primo ministro israeliano.

Il primo ministro israeliano Benjamín Netanyahu, ha dichiarato ai giornalisti in Cina che ha informato...
Notizia del:     Fonte: Haaretz - Akevot.org

Il governo israeliano finanziò la creazione della sezione locale di Amnesty International

Il governo israeliano finanziò la creazione della sezione locale di Amnesty International negli anni sessanta e settanta per renderlo un docile strumento della sua immagine internazionale, secondo i documenti ufficiali rivelate dal quotidiano Haaretz.

I documenti, secondo il quotidiano israeliano 'Haaretz, sono stati ottenuti dall'Istituto di Ricerca...
Notizia del:

11 settembre: le famiglie di 800 vittime hanno fatto causa all'Arabia Saudita

 Pix 11, un media di New York, ha riferito che le famiglie di 800 vittime hanno intentato una causa contro l'Arabia Saudita per il suo ruolo negli attentati dell'11 settembre 2001. Rappresentate...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa