/ "Anche i massoni contro Maduro". Intervista all'ex guerrigliero F...

"Anche i massoni contro Maduro". Intervista all'ex guerrigliero Fernando Soto Rojas

Anche i massoni contro Maduro. Intervista all'ex guerrigliero Fernando Soto Rojas
 

Una lunga storia quella di Soto Rojas... "Sì, oltre 65 anni di lotta guerrigliera, clandestina o aperta, qui in Venezuela e con la rivoluzione cubana e con i palestinesi."

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it



di Geraldina Colotti*


Contro il Venezuela e il suo presidente, Nicolas Maduro, si esercitano tutti i governi capitalisti, in America latina e in Europa. I poteri forti azionano tutte le loro pedine, mostrando la portata della posta in gioco. Dall'Italia, le bordate partono da una classe politica imbelle e da un centrosinistra subalterno ai voleri di Washington, che in questi anni ha spesso cambiato i simboli sulle schede elettorali, ma non le politiche di impoverimento dei settori popolari. In questi giorni è scesa in campo anche la massoneria italiana per sostenere la Gran Loggia Sovrana degli ALAM del Venezuela. I massoni hanno chiesto al governo italiano – già accodato in Europa alle sanzioni decise da Trump – di intervenire “per riappacificare il Venezuela”.





La massoneria, il partito internazionale del capitalismo, ha le sue logge in diversi paesi e a dirigerle sono imprenditori-miliardari, in un intreccio occulto tra affari e politica. E spiccano gli italiani. A riprova della pericolosità e dell'influenza che hanno avuto le logge massoniche sulla politica italiana, vale ricordare il ruolo del faccendiere Licio Gelli, morto nel 2015.


A partire dal 1970, Gelli è stato a capo della loggia massonica segreta denominata P2, che ha giocato un ruolo nei principali scandali e nelle principali vicende eversive del secolo scorso: dai tentati golpe fascisti alla strage di Bologna, all'operazione Gladio (una sorta di piano Condor italiano). Gelli, i fascisti e i servizi segreti affiliati alla P2, hanno sostenuto le operazioni criminali dei dittatori latinoamericani, in particolare quelle di Videla e soci in Argentina, di cui il “venerabile” era amico, tanto che gli hanno procurato i documenti falsi per la fuga quando ne ha avuto bisogno.


La figura di Gelli e il suo operato rimandano allo scontro senza quartiere che si è svolto nel grande Novecento tra il comunismo e le forze della reazione, risultate poi vincenti anche in Italia. E si sa che le classi dominanti quando vincono riscrivono la storia a proprio uso e consumo, per riportare il conflitto nel recinto e far credere che non possa esistere un altro mondo fuori da quello del profitto e delle guerre imperialiste. E così, alle giovani generazioni che provano a rimettere mano al conflitto sociale, viene imposto un bilancio distorto e demonizzato che loda gli oppressori e i traditori e condanna quelli che hanno provato a sconfiggerli.


Anche per questo, l'esempio che arriva dal Venezuela bolivariano in cui gli ultimi hanno ripreso in mano la bandiera della dignità, fa paura. Fa paura che il socialismo bolivariano abbia saputo trarre forza dallo scontro di classe precedente, rendendo onore ai protagonisti di quella stagione di lotta: agli oppositori e ai guerriglieri che hanno combattuto le “democrazie camuffate” durante la IV Repubblica, a cui l'opposizione venezuelana e i suoi sostenitori italiani vorrebbero tornare.


Cosa siano state le democrazie puntofijiste lo sa bene il deputato del Psuv Fernando Soto Rojas, oggi costituente dell'Anc, ex guerrigliero. Soto ha perso un fratello in quello scontro: uno dei “desaparecidos” buttati giù dagli aerei o fatti scomparire dopo essere stati torturati nei centri di detenzione clandestini. Lo abbiamo intervistato a fine anno a Caracas, in uno degli incontri del sabato a cui partecipano molti ex guerriglieri e vecchi militanti come l'editore Manuel Vadell, la comandante Nancy Zambrano e Monica Venegas.



Una lunga storia quella di Soto Rojas...

Sì, oltre 65 anni di lotta guerrigliera, clandestina o aperta, qui in Venezuela e con la rivoluzione cubana e con i palestinesi. Una lotta di lunga durata che non è conclusa. Siamo qui per concludere l'anno che è stato fondamentalmente positivo ma anche difficile e complesso, per il Venezuela e per il continente. In un periodo di crisi strutturale del sistema capitalistico, a capo dell'imperialismo yankee è arrivato il presidente Trump che, in pieno secolo 21, mentre già si è rotta virtualmente la cosiddetta unipolarità yankee, pretende di essere giudice e gendarme del mondo. Ma il mondo è cambiato, siamo in presenza di una realtà multicentrica e multipolare. Il Venezuela è stato messo sotto assedio, sia dall'interno che a livello internazionale, tuttavia possiamo dire che il 2017 è stato un anno vittorioso: perché finalmente abbiamo messo uno stop al terrorismo e alle guarimbas con l'Assemblea nazionale costituente e i suoi dieci punti programmatici che hanno riportato la pace nel paese. Abbiamo obbligato l'opposizione a dialogare, mostrando che la Mud non ha un programma alternativo, ma un progetto subordinato alla direzione economica finanziaria e ideologica degli Stati uniti.
Per questo non è facile che le destre possano mettere insieme una leadership unitaria con un vero programma per la nazione. Però hanno una base di consenso, e la rivoluzione deve sviluppare una politica creativa, una pedagogia rivoluzionaria basata sulla storia di questo popolo virtuoso, solidale e ribelle, che vive un processo permanente di indipendenza. Dall'inizio del 19° secolo, tutti i popoli del mondo sono stati minacciati dalla politica detta del “destino manifesto” imposta dagli Usa. Da un 2017 positivo ci prepariamo per l'offensiva generale. Attraverso l'Anc dobbiamo farla finita con il regime della democrazia rappresentativa liberal-borghese. Il Venezuela ha avuto due forme di governo: la dittatura militare classica con Juan Vicente Gomez o Perez Jimenez, che è finita, e il regime liberal borghese che invece dev'essere ancora chiuso. Chi vuole partecipare ai prossimi processi elettorali deve anzitutto rispettare il dettato costituzionale, non può sottostare a potenze straniere e non deve ricorrere alla violenza. E' il minimo che deve esigere qualunque stato sovrano che si rispetti, e siamo impegnati in questo. L'imperialismo Usa vuole destabilizzare il paese, creare il caos e far cadere il governo per intervenire militarmente. Gli Usa sanno che la rivoluzione bolivariana è una speranza, che il nostro è un paese di enormi ricchezze, e che il dollaro è tendenzialmente insostenibile. Noi stiamo lavorando a una moneta sovranazionale sostenuta dalla riserva petrolifera e di oro, e abbiamo diamanti, coltan... Stiamo cambiando il vecchio modello, il bolivar può diventare la moneta più forte dell'America latina.



Da vecchio comunista, pensa che il proceso bolivariano stia andando verso il socialismo o verso un nuovo patto con il settore privato e con i poteri forti come sostiene il cosiddetto “chavismo critico”?

I dieci obiettivi strategici approvati dall'Anc indicano che il cammino verso il socialismo bolivariano del secolo 21 è il nostro obiettivo storico. Il nostro compito è quello di costruire la repubblica bolivariana, che è una repubblica libera da tutti i condizionamenti e dallo sfruttamento che la borghesia continua a esercitare sullo stato bolivariano, uno stato che non esprime ancora il progetto voluto da Chavez. Per questo abbiamo l'Anc, il presidente Nicolas Maduro, un popolo sempre più cosciente, la Forza Armata nazionale bolivariana e anche una serie di condizioni favorevoli. Siamo in presenza di una crisi rivoluzionaria dei poteri che può definire non solo il destino del Venezuela e quello del continente, ma anche le speranze del mondo. La vittoria alle elezioni presidenziali del 2018 può farci avanzare verso una società democratica e stabile in Venezuela, nel continente e nel mondo. Da qui la disperazione del signor Trump, perché quando esaminiamo gli ultimi 25-30 anni vediamo che non c'è società nel segno del capitalismo che abbia una certa credibilità politica e sicurezza sociale. In Venezuela non sarà possibile tornare ai tempi di Perez Jimenez, né finire come in Iraq o in Libia. Gli Usa possono imporre o pilotare vittorie elettorali e installare governi con la frode, come in Brasile o in Honduras, ma non possono garantire stabilità e sanno di essere in crisi terminale. Anche da noi, l'Assemblea nazionale si sta dissolvendo da sola. Tuttavia, anche se il 2017 si può considerare un anno positivo, la vittoria non è stata totale, dobbiamo perseverare verso “unità, lotta, battaglia e vittoria”, come diceva Chavez.



Perché queste riunioni del sabato, qual è il peso di questa componente rivoluzionaria nel proceso bolivariano?

Qui ci sono combattenti per la libertà e per l'indipendenza, hanno un peso morale perché hanno subito tortura e carcere, per questo siamo un referente morale. La gente ci guarda con molto rispetto, ma non possiamo vivere di gloria come diceva Ali Primera, dobbiamo discutere e agire per il nostro popolo. La linea è quella di avanzare nell'unificazione programmatica di tutti i lavoratori, non solo di ottenere sussidi e “cesta ticket”.



Tu hai partecipato alla stesura della Ley contra el Olvido e ai lavori della Commissione per la verità sui crimini della IV Repubblica, il cui rapporto è stato presentato dalla ex Fiscal General Luisa Ortega Diaz, oggi fuggita all'estero. Quali sono stati i risultati dell'indagine?

Nonostante il boicottaggio compiuto dalla ex Fiscal General, il Rapporto ha visto la luce. Tutte le testimonianze dimostrano che il puntofijismo, dal 1959 al 1998, ha sviluppato una politica di stato non democratica ma criminale basata su tre tipi di delitto: tradimento all'indipendenza del paese, corruzione amministrativa e repressione. Vi sono stati morti, scomparsi, torturati. Dati incontestabili come dimostrano le 800 pagine del rapporto conclusivo pubblicato in volume.

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da L'intervista
Notizia del:     Fonte: AVN/Correo del Orinoco

Venezuela, Maduro al contrattacco: «Se Trump mi definisce dittatore per me è un elogio»

Il presidente intervistato dal documentarista cileno Marco Enrique Ominami ha inolte spiegato che il Venezuela è «in piena ondata di rinnovamento, di cambiamenti necessari, di costruzione di una nuova società, di un nuovo modello sociale e, soprattutto, una nuova economia»

di Fabrizio Verde   Il presidente della Repubblica Bolivariana del Venezuela, Nicolas Maduro Moros,...
Notizia del:

Viola Carofalo (Potere al Popolo) a Pagina12: «Il Venezuela nostra principale fonte d'ispirazione»

La giovane ricercatrice universitaria di Napoli è stata nominata "capo politico" del nuovo partito della sinistra italiana, Potere al Popolo, che cercherà di emulare i suoi pari di Spagna e Francia alle elezioni generali del 4 marzo

di Federico Larsen - Pagina12   Il suo movimento è stato accolto in Europa come la rinascita...
Notizia del:

Il messaggio all'Italia di Victoria Coy (States United to prevent gun violence): "Vi prego, le vostre Leggi sul controllo delle armi devono rimanere restrittive"

"La criminalità armata qui negli Stati Uniti ha assunto la connotazione di una crisi dei Diritti Umani. Il vostro Paese patirà incredibilmente, se seguirete il nostro cammino."

  di Michele Metta    Victoria, consentimi innanzitutto, per favore, di dirti che parlare...
Notizia del:

Intervista a Lucio Manisco, una vita in trincea contro la disinformazione. "Voterò Potere al Popolo"

“… e da New York imperversa contro Washington un grandioso Lucio Manisco”. È una frase trovata su un giornale che descrive gli anni eroici del TG3, quando l’informazione...
Notizia del:

Intervista ad Alberto Negri. "Sono altri (e li conosciamo) che fomentano il terrorismo. L'Iran combatte l'Isis, è necessario collaborare con questo paese"

a cura di Mostafa El Ayoubi - Confronti    Quali sono i motivi socio-economici e politici che hanno scatenato le manifestazioni di fine dicembre/inizio gennaio in Iran? È...
Notizia del:

INTERVISTA AL MAGISTRATO UMBERTO APICE, SCRITTORE, E PIONIERE NELLA RICERCA DELLA VERITÀ SU PASOLINI

  INTERVISTA AL MAGISTRATO UMBERTO APICE, SCRITTORE, E PIONIERE NELLA RICERCA DELLA VERITÀ SU PASOLINI   - Articolo di Michele Metta -   Ho conosciuto il dottor Apice...
Notizia del:

Prof. Vasapollo: "Dal Pd, passando per LeU, arrivando a Negri. Azzeriamo questa sinistra serva dell'imperialismo dell'Unione Europea"

Luciano Vasapollo, direttore del Cestes e docente della Sapienza all'AntiDiplomatico: "La sinistra di governo, come vediamo anche in Tsipras, ha fatto le stesse politiche delle destre. La sinistra cosiddetta radicale alla Negri ha solo servito i grandi potentati, trasformandosi negli utili idioti dell’imperialismo dell’Unione Europea, eliminando l’idea del conflitto in tutte le sue forme. Basta. Bisogna ripartire da zero.

di Alessandro Bianchi Professore partiamo da questa dichiarazione di Toni Negri a Vanity Fair: «Auspico...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa