/ Armi italiane ai sauditi che massacrano lo Yemen. Chi mente tra M...

Armi italiane ai sauditi che massacrano lo Yemen. Chi mente tra Moby Lines e la Pinotti?

Armi italiane ai sauditi che massacrano lo Yemen. Chi mente tra Moby Lines e la Pinotti?
 

Moby Lines: «Il carico di armi per i sauditi è stato effettuato su richiesta della Difesa

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it

di Marinella Correggia - Il Manifesto


L’Italia continua a essere impegnata nella vendita di armi all’Arabia saudita, agevolando l’invio alla chetichella delle bombe prodotte a Domusnovas in Sardegna, nello stabilimento della Rwm Italia (controllata da una multinazionale tedesca).

I sauditi sono impegnati a sganciare bombe in Yemen. Dunque, vendendo armi a Riad l’Italia viola l’art. 11 della Costituzione e la legge 185 del 1990.

Nel 2015 era stato usato nottetempo l’aeroporto civile Cagliari Elmas, distante solo 46 chilometri dalla fabbrica. Ma l’operazione era stata scoperta e contestata da attivisti sardi, da parlamentari eda movimenti per il disarmo, provocando qualche imbarazzo.

Stavolta hanno scelto un percorso alternativo. Il 30 giugno il deputato sardo Mauro Pili dichiarava, annunciando un ricorso alla magistratura: «Un carico di bombe – mille ordigni Mk83 proveniente dallo stabilimento Rwm di Domusnovas, nel Sulcis, è partito ieri notte dal porto industriale di Olbia a bordo di una nave Moby con destinazione Arabia Saudita. Tre tir anonimi, ma con una scorta di camionette di carabinieri e vigili del fuoco a proteggere il carico esplosivo hanno attraversato tutta la Sardegna, per caricare su una nave cargo della Moby oltre mille bombe destinate all’Arabia Saudita».





Secondo le fonti citate da un altro politico sardo, il senatore Roberto Cotti, il pericoloso carico sarebbe poi salpato per Genova, e quindi imbarcato verso l’Egitto per finire appunto a Jedda. «I tre mezzi sono giunti al porto di Piombino alle 7 del mattino e potrebbero aver incrociato centinaia di pendolari e turisti da e per l’ Elba», scriveva il sito Le corvette dell’Elba che prende il nome beneaugurale da una delle poche esperienze di riconversione dal militare al civile: nel dopoguerra, navi da guerra canadesi furono riadattate per il servizio passeggeri sulle rotte dell’Arcipelago toscano.

L’operazione «mille bombe» sembrava destinata a rimanere sotto il tappeto, ma alcuni attivisti elbani hanno scritto all’armatore per protestare, ripresi da un giornale di Portoferraio. Nel frattempo la testata giornalistica online L’Antidiplomatico chiedeva spiegazioni direttamente all’ufficio stampa della Moby.


E finalmente il 3 luglio il gruppo Onorato Armatori si è visto costretto a precisare in un comunicato (ripreso da Adnkronos) che il trasporto sulla nave merci Giuseppe Sa «è stato effettuato su precisa richiesta del Ministero della Difesa, e nel pieno rispetto di tutte le normative vigenti in materia di sicurezza». Sarebbe doverosa una precisazione del ministero in questione. A suo tempo la ministra Roberta Pinotti disse che «I Saud non sono soggetti a sanzioni» e che «Non sono armi italiane, è solo un transito»; e infine: «L’Italia non vende armi ai Saud».

 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:

Zimbabwe: Mugabe annuncia dimissioni

La notizia sarebbe stata accolta con giubilo dai parlamentari riuniti presso l’Assemblea ad Harare

  Altro colpo di scena in Zimbabwe dove lo scenario politico sembra essere in continuo divenire. Questa volta...
Notizia del:

Lugansk: arresti ai vertici dell'intelligence della LNR

Uomini armati del Berkut e di altri non meglio precisati reparti delle forze armate della Repubblica popolare stanno presidiando gli edifici e le aree attigue al Ministero degli Interni

di Fabrizio Poggi Situazione non esattamente chiara in queste ore a Lugansk. Uomini armati del Berkut e...
Notizia del:

Vladimiro Giacché: "Angela Merkel paga per il populismo che ha alimentato"

"E' il momento di iniziare ad avere uno sguardo un po' più sobrio e disincantato su questa Unione Europea dalle regole così asimmetriche e caratterizzata da processi di decisione così poco democratici e trasparenti."

Sul futuro della Germania abbiamo pubblicato ieri questa analisi approfondita di Federico Nero che vi invitiamo...
Notizia del:     Fonte: Haaretz

Israele riconosce che Assad ha vinto la guerra contro i terroristi

Il ministro della Difesa israeliano, Avigdor Lieberman, riconosce che la Siria ha vinto la lotta contro il gruppo terroristico ISIS (Daesh, in arabo) e allo stesso tempo chiede al suo governo lo stanziamento di altri fondi per le forze armate per la presenza di Iran e Hezbollah nel paese arabo.

Il presidente siriano "(Bashar) al-Assad haterminato la lotta, perché ora controlla il 90 per cento...
Notizia del:     Fonte: Reuters

Il Libano dispone per il suo esercito la stato di "massima allerta" per affrontare il "nemico israeliano" al confine

All'esercito libanese è stato ordinato di rimanere vigile sul confine meridionale del paese.

Il capo dell'esercito libanese ha esortato i militari ad essere completamente pronti ad affrontare il "nemico...
Notizia del:

Parag Khanna, le profezie del "filosofo" glamour che piace ai governi

Parag Khanna, filosofo della politica, esperto di relazioni internazionali, afferma che tra 30 anni il mondo sarà dominato da città-stato, megalopoli interconnesse tra di loro (ma non lo...
Notizia del:     Fonte: http://kremlin.ru

Putin incontra Assad in Russia e dichiara: Vinta la guerra contro i terroristi, bisogna trovare una soluzione politica

Putin ha ricevuto oggi il suo omologo siriano, Bashar al-Asad, a Sochi e si è congratulato con lui per la fine dell'operazione militare contro il terrorismo nel paese arabo.

"Voglio congratularmi con voi per i risultati ottenuti dalla Siria nella lotta contro il terrorismo. (...)...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa