/ Armi italiane ai sauditi che massacrano lo Yemen. Chi mente tra M...

Armi italiane ai sauditi che massacrano lo Yemen. Chi mente tra Moby Lines e la Pinotti?

Armi italiane ai sauditi che massacrano lo Yemen. Chi mente tra Moby Lines e la Pinotti?
 

Moby Lines: «Il carico di armi per i sauditi è stato effettuato su richiesta della Difesa

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it

di Marinella Correggia - Il Manifesto


L’Italia continua a essere impegnata nella vendita di armi all’Arabia saudita, agevolando l’invio alla chetichella delle bombe prodotte a Domusnovas in Sardegna, nello stabilimento della Rwm Italia (controllata da una multinazionale tedesca).

I sauditi sono impegnati a sganciare bombe in Yemen. Dunque, vendendo armi a Riad l’Italia viola l’art. 11 della Costituzione e la legge 185 del 1990.

Nel 2015 era stato usato nottetempo l’aeroporto civile Cagliari Elmas, distante solo 46 chilometri dalla fabbrica. Ma l’operazione era stata scoperta e contestata da attivisti sardi, da parlamentari eda movimenti per il disarmo, provocando qualche imbarazzo.

Stavolta hanno scelto un percorso alternativo. Il 30 giugno il deputato sardo Mauro Pili dichiarava, annunciando un ricorso alla magistratura: «Un carico di bombe – mille ordigni Mk83 proveniente dallo stabilimento Rwm di Domusnovas, nel Sulcis, è partito ieri notte dal porto industriale di Olbia a bordo di una nave Moby con destinazione Arabia Saudita. Tre tir anonimi, ma con una scorta di camionette di carabinieri e vigili del fuoco a proteggere il carico esplosivo hanno attraversato tutta la Sardegna, per caricare su una nave cargo della Moby oltre mille bombe destinate all’Arabia Saudita».





Secondo le fonti citate da un altro politico sardo, il senatore Roberto Cotti, il pericoloso carico sarebbe poi salpato per Genova, e quindi imbarcato verso l’Egitto per finire appunto a Jedda. «I tre mezzi sono giunti al porto di Piombino alle 7 del mattino e potrebbero aver incrociato centinaia di pendolari e turisti da e per l’ Elba», scriveva il sito Le corvette dell’Elba che prende il nome beneaugurale da una delle poche esperienze di riconversione dal militare al civile: nel dopoguerra, navi da guerra canadesi furono riadattate per il servizio passeggeri sulle rotte dell’Arcipelago toscano.

L’operazione «mille bombe» sembrava destinata a rimanere sotto il tappeto, ma alcuni attivisti elbani hanno scritto all’armatore per protestare, ripresi da un giornale di Portoferraio. Nel frattempo la testata giornalistica online L’Antidiplomatico chiedeva spiegazioni direttamente all’ufficio stampa della Moby.


E finalmente il 3 luglio il gruppo Onorato Armatori si è visto costretto a precisare in un comunicato (ripreso da Adnkronos) che il trasporto sulla nave merci Giuseppe Sa «è stato effettuato su precisa richiesta del Ministero della Difesa, e nel pieno rispetto di tutte le normative vigenti in materia di sicurezza». Sarebbe doverosa una precisazione del ministero in questione. A suo tempo la ministra Roberta Pinotti disse che «I Saud non sono soggetti a sanzioni» e che «Non sono armi italiane, è solo un transito»; e infine: «L’Italia non vende armi ai Saud».

 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:

Bombardieri USA sorvolano la Corea Popolare, ma si preferisce parlare d'altro

di Mauro Gemma   Bombardieri USA sorvolano la Corea Popolare, manifestando nel modo più esplicito quali sono le intenzioni più bellicose dell'imperialismo.  Ma da...
Notizia del:

La Russia mostra come le truppe statunitensi in Siria "si sentano al sicuro nelle aree controllate dai terroristi"

Le unità delle forze speciali statunitensi "offrono un transito senza impedimenti", attraverso i territori occupati dai terroristi, alle Forze Democratiche Siriane (SDS), sostenute da Washington, secondo il ministero russo della Difesa.

Il Ministero della Difesa russo, oggi, ha pubblicato una serie di foto aeree dei territori dove è presente...
Notizia del:     Fonte: Sana.sy

Il G77 e la Cina condannano le sanzioni ed il blocco economico contro la Siria

Il G77 e la Cina hanno chiesto la revoca immediata delle misure economiche coercitive unilaterali imposte contro la Siria.

I ministri degli esteri dei paesi membri del G77 che riunisce paesi dell'America Latina, Africa e Asia centrale...
Notizia del:

Tulio Hernandez, incitatore d'odio venezuelano, presentato da 'Repubblica' come giornalista perseguitato

Noterete il solito metodo di operare da parte del circuito informativo mainstream sul Venezuela: edulcorare o mistificare il racconto, in pieno stile post-verità, per renderlo funzionale all’operazione volta a demonizzare il paese sudamericano agli occhi dell’opinione pubblica

di Fabrizio Verde   Un articolo apparso sull’edizione napoletana del quotidiano ‘La Repubblica’...
Notizia del:

Rohani: "Piaccia o meno, l'Iran difenderà le popolazioni oppresse dello Yemen, della Siria e della Palestina"

"Nella misura in cui lo riteniamo necessario spingeremo avanti il nostro potere difensivo e militare... non cerchiamo il permesso di nessuno per difendere la nostra terra"

La Repubblica Islamica dell'Iran non smetterà di offrire il suo sostegno ai "popoli oppressi"...
Notizia del:

Cremlino: La situazione in Catalogna è una questione di politica interna della Spagna

  "E' una questione di politica interna della Spagna, non vediamo come sia possibile interferire in nessuna maniera", ha dichiarato il portavoce del Cremlino sulla questione del referendum...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

Nasrallah: 'Hezbollah non cerca la guerra, però se obbligato lotterà contro Trump'

Il leader della Resistenza libanese afferma che Hezbollah non cerca guerre con nessuno, ma se è forzato affronterà i nemici, chiunque siano.

In un discorso televisivo per l'inizio del mese di Muharram (il primo mese del calendario lunare) ed i rituali...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa