/ Articolo 18: la Corte a difesa del Jobs Act e del palazzo

Articolo 18: la Corte a difesa del Jobs Act e del palazzo

Articolo 18: la Corte a difesa del Jobs Act e del palazzo
 

Ci scandalizzano ma non debbono sorprenderci

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it


di Giorgio Cremaschi
 

La sentenza della Corte Costituzionale che ha cancellato il referendum sull'articolo 18 era attesa ed era stata ampiamente preparata dalle "indiscrezioni" trapelate dalla stessa Corte sui suoi orientamenti. Il quesito referendario sarebbe stato bocciato perché "manipolativo", cioè perché sarebbe andato oltre la pura abrogazione del Jobsact, estendendo la tutela contro i licenziamenti ingiusti nelle aziende industriali e di servizio fino a i 5 dipendenti. Embè? 

 

In Italia si sono già effettuati due referendum sull'articolo 18. Il primo promosso nel 2000 dai radicali per abolirlo, il secondo dalle sinistre sindacali e politiche, nel 2003, per estenderlo a tutti. Quindi non esiste cavillo che giustifichi ora la cancellazione di una consultazione sulla cui legittimità in tutte le forme, nel passato non ci sono state obiezioni. La sentenza della Corte è un puro uso di palazzo delle regole, uso nel quale è maestro Giuliano Amato. Nominato giudice costituzionale da Giorgio Napolitano dopo che Silvio Berlusconi non era riuscito a farlo eleggere presidente della Repubblica. 

 

Nei referendum del 2000 e del 2003 non si raggiunse il quorum, ma il pronunciamento dei votanti fu chiarissimo e a maggioranza schiacciante: No all'abolizione della reintegra nel posto di lavoro, sola vera difesa contro il licenziamenti ingiusti; Si all'estensione di questo diritto cardine a tutto il mondo del lavoro. 

 

I sondaggi ed il clima politico del paese dopo la vittoria del No al referendum costituzionale facevano intuire che questa volta il quorum sarebbe stato raggiunto e che il voto popolare avrebbe seppellito il Jobsact come aveva fatto con la controriforma costituzionale. Il palazzo, non solo quello politico ma quello confindustriale e bancario con i loro protettori europei, avrebbe subito un nuovo uppercut popolare e la via delle riforme liberiste sarebbe stata senpre più impraticabile. 

 

La Corte Costituzionale ha così scelto di difendere il palazzo, con una sentenza assurda sul piano della giustizia e del buonsenso stesso, ma sicuramente cavillosa a sufficienza per impedire il voto. 

 

La stessa Cgil promotrice dei referendum ne esce male. La raccolta di firme era stata posta in alternativa alla mobilitazione dei lavoratori. Contro il Jobsact così come prima contro la legge Fornero il principale sindacato italiano non aveva fatto nulla di significativo, a differenza dei sindacati francesi contro la Loi Travail. Noi non facciamo lotte perdenti, noi vinciamo il referendum, dicevano i leader Cgil. Ecco il risultato, al quale ora si risponde con bofonchiamenti rassegnati, mentre ci si deve anche difendere dall'accusa di usare quei voucher che si vuole abolire. 

 

Oramai è chiaro che le riforme liberiste non hanno il consenso del popolo e il palazzo che vuole continuarle lo ha imparato. Per questo evita i pronunciamenti popolari come la peste. Dobbiamo saperlo, attrezzarci di conseguenza e finirla con chi non fa mai sul serio. Ci scandalizzano, ma non debbono sorprenderci.

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:

Pensioni, lavoro e diritti sociali: l'Italia è come la Grecia

La letterina della Commissione UE appena giunta al governo italiano chiarisce tutto. I burocrati europei confermano che la legge Fornero è un tabù intoccabile. E che il governo si è già formalmente impegnato su questo

di Giorgio Cremaschi Un vecchio governo democristiano avrebbe sicuramente evitato questo crisi da burla...
Notizia del:     Fonte: teleSUR

'Jobs Act' e ridefinizione schiavitù: i sindacati brasiliani denunciano Temer alla Commissione Interamericana per i Diritti Umani

Il governo neoliberista si difende citando ad esempio leggi sul lavoro approvate in Italia e Francia

  La riforma del lavoro imposta in Brasile dal golpista Michel Temer, ha significato una regressione per...
Notizia del:

Spagna: una dittatura mascherata da democrazia

Affinché tutto resti uguale è necessario mostrare la faccia più odiosa e abominevole del franchismo mai sepolto. Durante gli ultimi quarant’anni la Spagna ha vissuto una dittatura mascherata da democrazia

di Miguel Angel Ferrer - teleSUR   Non è facile trovare una spiegazione razionale alla feroce...
Notizia del:

Catalogna, Greenwald: «È tempo di considerare sanzioni contro Madrid?»

Mentre la comunità internazionale mostra preoccupazione per la gestione da parte del governo di Madrid della crisi catalana, emergono domande interessanti

da RT   Le immagini sconvolgenti della violenta repressione poliziesca subita da coloro che hanno voluto...
Notizia del:

Alberto Garzon (IU) sul discorso del re: «Alimenta lo scontro e allontana una soluzione democratica e pacifica»

Articolo del coordinatore di Izquierda Unida che critica duramente il discorso del monarca spagnolo Felipe di Borbone

di Alberto Garzon   Ho appena ascoltato il discorso del cittadino Felipe di Borbone. Non voglio negare...
Notizia del:

Re Felipe attacca le autorità della Catalogna: «Hanno voluto spezzare l’unità della Spagna con una condotta irresponsabile»

Nel suo discorso alla nazione, Felipe, ha sottolineato che le autorità catalane «hanno violato i principi democratici dello stato di diritto» con una «slealtà inaccettabile»

  Chi sperava in un discorso equilibrato con aperture al dialogo è rimasto deluso. Felipe di Spagna...
Notizia del:

Gentiloni sulla Catalogna: «Rispetto della Costituzione spagnola». E quella venezuelana?

Il Presidente del consiglio dei ministri ha evidenziato nuovamente la sua doppia morale

di Fabrizio Verde   «Gli eventi di ieri hanno attraversato la discussione di oggi, io mi limito...
Notizia del:

Crisi Catalogna: Izquierda Unida propone la Repubblica Federale

La coalizione di sinistra e il suo coordinatore puntano inoltre ad aprire un processo di dialogo e negoziazione politica che porti a un referendum concordato

  Di fronte allo stallo della crisi catalana avanza una proposta molto chiara il coordinatore di Izquierda...
Notizia del:

La Serbia accusa l'Unione Europea di ipocrisia sull'indipendenza catalana

«La domanda che ogni cittadino della Serbia ha per l'Unione europea oggi è: come mai nel caso della Catalogna il referendum sull'indipendenza non è valido, mentre nel caso del Kosovo il processo di secessione è stato autorizzato anche senza un referendum»

da teleSUR   Il presidente serbo Aleksandar Vucic ha criticato l'Unione Europea accusandola di «doppio...
Notizia del:

Iglesias al socialista Sanchez: «Appoggiare questo governo vuol dire sostenere la distruzione della Spagna»

Podemos invita il PSOE a scommettere sulla costruzione di una maggioranza alternativa per rimuovere il PP dalla Moncloa

da infoLibre   Il leader di Podemos, Pablo Iglesias, ha avvisato il segretario generale del PSOE, Pedro...
Le più recenti da Dalla parte del lavoro
Notizia del:

Fiscal Compact e povertà di massa: il regime d'usura dell'UE e i suoi complici

"Solo la rottura coi vincoli UE e con le complicità con essi può dare un futuro al paese."

di Giorgio Cremaschi  Nella complice e colpevole disattenzione dei palazzi della politica, in questi...
Notizia del:

12 dicembre 1969: strage fascista, di stato, della NATO, ricordiamolo sempre.

di Giorgio Cremaschi Il 12 dicembre di 48 anni fa esplodeva una bomba ad alto potenziale nella Banca dell'Agricoltura a Milano. 17 morti un centinaio di feriti per una strage che dava avvio alla...
Notizia del:

18 milioni a rischio, o già in povertà, un altro grande successo di Euro e Ue

di Giorgio Cremaschi Secondo gli ultimi dati ISTAT in Italia 18 milioni di persone sono a rischio o sono già precipitate nella povertà. Se vogliamo essere più precisi, utilizzando...
Notizia del:

La proposta di legge popolare di Eurostop per cancellare il Fiscal Compact dalla Costituzione

di Giorgio Cremaschi  Oggi, 4 dicembre, anniversario della vittoria del NO alla controriforma costituzionale di Renzi, su mandato di Eurostop ho firmato il progetto di legge di iniziativa popolare...
Notizia del:

Referendum costituzionale. Le fake news di Confindustria ridicolizzate un anno dopo

UN ANNO FA DAL POPOLO NO ALLA CONTRORIFORMA COSTITUZIONALE DI RENZI E ALLE FAKENEWS 

di Giorgio Cremaschi Un anno fa in quasi 20 milioni abbiamo votato no alla controriforma costituzionale...
Notizia del:

Bezos, Kartaman e Elkann: miliardari e schiavisti

"Questi supermiliardari sono vezzeggiati ed incensati dai mass media e dagli intellettuali di regime. La politica si prostra i loro piedi. Così Bezos e compagnia controllano il mondo e le nostre vite . Essi sono straricchi perché in tanti sono poveri e sfruttati"

di Giorgio Cremaschi Jeff Bezos è l'uomo più ricco del mondo, l'ultimo rendiconto...
Notizia del:

Per voi nessun rispetto

di Giorgio Cremaschi Per voi, ridicoli fascisti che vi rasate la testa per far credere che contenga un cervello, per voi vigliacchi capaci di assumere pose marziali quando siete sicuri che le donne...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa