/ Assad: "Non c'è stato nessun attacco chimico a Khan Shaykhun, per...

Assad: "Non c'è stato nessun attacco chimico a Khan Shaykhun, per questo l'ONU non invia nessuna delegazione in Siria"

Assad: Non c'è stato nessun attacco chimico a Khan Shaykhun, per questo l'ONU non invia nessuna delegazione in Siria
 

Assad sostiene che quando gli esperti arriveranno nella città siriana di Khan Shaykhun si renderanno conto che tutte le affermazioni circa il presunto attacco chimico erano bugie ma, proprio per questa ragione, l'ONU non invia nessuna delegazione per indagare, nonostante le richiesta ufficiale del governo siriano.

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it

Il presidente siriano Bashar al Assad ha negato in un'intervista concessa a 'RIA Novosti' che un attacco chimico si sia verificato nella città di Khan Shaykhun (provincia di Idlib) il 4 aprile scorsp, sostenendo che è una "provocazione ", necessaria per giustificare l'attacco alla base aerea di Shayrat.
 
"Loro(Media occidentali) sostengono nel loro racconto sul fatto che l'attacco ha avuto luogo alle 6:00-06:30. Noi in questo orario non facciamo alcun attacco. Quindi, ci sono due opzioni: La prima, l'attacco ha avuto luogo a mezzogiorno o alle 11:30. La seconda opzione, che a nostro avviso, che c'è stata una falsa provocazione, perché non c'è stato nessun attacco", ha spiegato Assad.
 
Caschi Bianchi, è la stessa vecchia storia?
 
"Tutto ciò che vedete nelle foto e nei video sembrare quello che abbiamo visto oggi e per un anno o due nei materiali del caschi bianchi", ha detto il presidente siriano.
Secondo Assad, è stato dimostrato a più riprese che le "fotografie di bambini presumibilmente uccisi in attacchi aerei russi" risultavano essere "false". "Sporcano un bambino con sangue finto e sporcizia (...) tutti questi trucchi sono parte (delle loro attività)." Assad ritiene essere tutto un montaggio e che "l'attacco è stato pianificato in anticipo; essi non ascoltano non hanno voglia di indagare, volevano solo effettuare l&# 39;attacco," ha aggiunto.
 
"Pensiamo che sia una provocazione per un motivo molto semplice: se ci fosse stata un attacco con gas un attacco e  con 60 persone uccise come sostengono, come si potrebbe continuare a vivere in città senza evacuare la popolazione" si è chiesto il leader siriano.
 
Nessuna risposta dall'ONU
 
Assad ha anche rivelato che la Siria ha inviato una lettera di richiesta alle Nazioni Unite per inviare una delegazione che indagassesulle accuse di presunto attacco chimico, ma non ha ricevuto alcuna risposta e ha denunciato che gli Stati Uniti e altre nazioni occidentali stanno bloccando ogni tentativo di indagine.
 
"Abbiamo inviato una lettera formale alle Nazioni Unite dove abbiamo chiesto di inviare un gruppo di esperti per indagare su quello che è successo a Khan Shaykhun", ha detto il presidente siriano. "Certo, finora non ha mandato nessuno, perché i paesi occidentali e gli Stati Uniti impediscono l'arrivo di una delegazione", ha spiegato.
 
Inoltre, il presidente siriano afferma che se gli esperti si recheranno nella città siriana si renderebbero conto che tutte le dichiarazioni circa il presunto attacco chimico sono "bugie". "Quindi non invia nessuno", ha lamenta.
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Fonte: ria.ru
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:     Fonte: Embajada de la República Bolivariana de Venezuela en Italia

Il Venezuela respinge categoricamente i tentativi del Governo degli USA di non riconoscere la volontà del popolo venezuelano

La Repubblica Bolivariana del Venezuela, riaffermando il suo stato indipendente e sovrano, condanna con forza le minacce del Governo del Presidente Donald Trump

La Repubblica Bolivariana del Venezuela respinge categoricamente i tentativi del Governo degli Stati Uniti...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

La Russia avverte sul "piano B" degli Stati Uniti per rovesciare Assad

Il ministro degli esteri russo ritiene che la coalizione guidata dagli Stati Uniti protegga i terroristi in Siria per tornare al suo 'piano B': rovesciare il presidente siriano.

Gli indizi indicano come la coalizione che dice di combattere il gruppo terroristico ISIS(Daesh, in arabo), protegga...
Notizia del:     Fonte: RT

Ministro della difesa Russo: "Le operazioni militari in Siria stanno per finire"

Il ministro della Difesa russo, Šojgu ha dichiarato che l'operazione contro i terroristi in Siria sta per finire.

In un incontro con il suo omologo del regime israeliano, Avigdor Lieberman durante la sua visita in Israele, il...
Notizia del:     Fonte: Haaretz - Al Masdar News

L'Esercito siriano prepara offensiva contro i terroristi sul Golan.... e Israele distrugge il suo sistema anti aereo

L'aviazione israeliana ha distrutto un sistema anti aereo siriano. L'attacco sarebbe una risposta ad una "provocazione" siriana. Le forze armate israeliane hanno informato, precedentemente, la Russia del loro attacco.

Secondo quanto riferiscono i media israeliani, l'esercito del regime israeliano ha attaccato una batteria...
Notizia del:     Fonte: RT

VIDEO. L'Esercito siriano nella capitale 'de facto' dell'ISIS in Siria scopre armi prodotte in USA e Israele

Le forze siriane, dopo aver liberato la città di Al-Mayadeen, nella provincia orientale di Deir Ezzor, capitale de facto dell'ISIS in Siria, hanno scoperto una grande quantità di armi di produzione statunitense e israeliana.

Le Tiger Forces, unità speciali delle forze armate siriane, come riferito dai dai media russi, indicano...
Notizia del:     Fonte: Al Mayadeen

L'Iran avverte Trump: "In 4 giorni possiamo portare l'arricchimento dell'uranio al 20%"

L'Iran avverte Trump ma insiste sul fatto che la sua volontà è quella di mantenere il patto siglato nel 2015 con il gruppo 5 + 1 (Stati Uniti, Regno Unito, Francia e Russia e Cina, più Germania) senza modifiche.

Il capo dell'Organizzazione dell'energia atomica dell'Iran (OEAI), Ali Akbar Salehi ha assicurato...
Notizia del:

La Cina ribadisce sostegno all'Unesco dopo uscita degli Stati Uniti

«La Cina spera che tutte le nazioni contribuiscano al raggiungimento degli obiettivi dell’organizzazione mondiale per promuovere la cooperazione scientifica, educativa e culturale, così come la comprensione tra le differenti civiltà»

  Il governo della Repubblica Popolare Cinese ha ribadito il proprio sostegno all’Organizzazione delle...
Notizia del:     Fonte: The Daily Mail

Israele: Se scoppia una guerra affronteremo un fronte unico Libano, Siria e Hezbollah

Il ministro della Difesa del regime israeliano ha sostenuto che, in caso di una nuova guerra, Israele si troverà ad affrontare un 'fronte' comune, composto da Libano, Siria e Hezbollah.

"Nella prossima guerra nel nord, il Libano non è l'unico fronte", ha così spiegato...
Notizia del:     Fonte: Al Masdar News

L'esercito siriano ha liberato più di 8000 km² di territorio dai "ribelli" appoggiati dagli USA

Tra i vari fronti della guerra in Siria, uno dei più caldi è quello sulla frontiera con la Giordania dove orbitano i "ribelli" appoggiati dagli USA che nella zona hanno illegalmente costruito una base militare per "combattere" l'ISIS

Secondo quanto riporta il portale, 'Al Masdar News', l'esercito arabo siriano ha proseguito la massiccia...
Notizia del:

Immanuel Wallerstein - Il mito della sovranità ai tempi di Donald Trump

«Quando Trump usa il termine, ha implicazioni reazionarie. Quando altri lo utilizzano, possono esserci implicazioni progressiste. Il termine stesso non ci dice niente»

di Immanuel Wallerstein - La Jornada   Donald Trump ha impiegato gran parte del suo discorso alle...
Le più recenti da Siria e dintorni
Notizia del:     Fonte: Al Masdar News

L'esercito siriano ha liberato più di 8000 km² di territorio dai "ribelli" appoggiati dagli USA

Tra i vari fronti della guerra in Siria, uno dei più caldi è quello sulla frontiera con la Giordania dove orbitano i "ribelli" appoggiati dagli USA che nella zona hanno illegalmente costruito una base militare per "combattere" l'ISIS

Secondo quanto riporta il portale, 'Al Masdar News', l'esercito arabo siriano ha proseguito la massiccia...
Notizia del:     Fonte: Al Masdar News

L'Esercito siriano libera dall'ISIS le province di Hama e Homs

Le truppe siriane con il supporto dell'aviazione russa e dei suoi alleati ha liberato dalla presenza dell'ISIS le province di Hama e Homs

Il comando militare siriano ha annunciato, oggi, come riporta il portale di informazione, 'Al Masdar News,...
Notizia del:     Fonte: Sana.sy

Assad: 'È normale che i Paesi che hanno sostenuto il popolo siriano partecipino alla ricostruzione della Siria'

Il Presidente siriano Bashar al Assad ribadisce che solo chi è veramente stato vicino al popolo siriano di fronte all'aggressione terrorista parteciperà alla ricostruzione della Siria.

Durante un incontro con una delegazione russa, il presidente Bashar al-Assad ha dichiarato che "è...
Notizia del:

Le truppe siriane hanno liberato circa l'85% del paese

La Siria ha liberato circa l'85% del suo territorio dal controllo dei terroristi. Lo ha annunciato nel suo ultimo dispaccio il ministro della Difesa russo. Il Luogotenente Generale Aleksandr Lapin,...
Notizia del:     Fonte: Al Masdar News

Mappa della guerra in Siria dopo la fine dell'assedio dell'ISIS su Deir Ezzor

Il mese di settembre è partito decisamente bene per l'esercito arabo siriano ed i suoi alleati che hanno ottenuto dopo scontri feroci la fine dell'assedio dell'ISIS su Deir Ezzor.

FONTE Oggi l'esercito siriano ha ufficialmente sollevato l'assedio dell'ISIS sulla città...
Notizia del:     Fonte: Reuters - Al MAsdar News

L'esercito siriano alle porte di Deir Ezzor. Vicino alla fine l'assedio dell'ISIS

"Gli eroi dell'esercito siriano arriveranno a Deir Ezzor nelle prossime 24 - 48 ore" ha dichiarato il governatore di Deir ezzor, Mohammed Ibrahim Samra, contattato dall'agenzia britannica...
Notizia del:     Fonte: Al Masdar

L'esercito siriano assesta un nuovo duro colpo all'ISIS: Liberati 200 km² di territorio a nord-est di Homs

L'esercito arabo siriano ha imposto il pieno controllo sull'intera zona a nord-est di Homs, originariamente occupata dall'ISIS. In questo modo, le truppe siriane si dirigeranno con maggior velocità verso Deir Ezzor per liberarla dall'assedio dell'ISIS.

Come ha riferito il portale di notizie 'Al Masdar News', questo massiccio progresso a nord-est di Homs...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa