/ Assange: Le email di Podesta mostrano la collusione di Facebook c...

Assange: Le email di Podesta mostrano la collusione di Facebook con Hillary Clinton

Assange: Le email di Podesta mostrano la collusione di Facebook con Hillary Clinton
 

Il fondatore di WikiLeaks ha richiamato le email filtrate che mostrano la comunicazione diretta tra i dirigenti di Facebook e la squadra di Hillary Clinton.

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Mentre i legislatori statunitensi citano le società di social media a testimoniare come parte dell'indagine sulla presunta interferenza russa nelle elezioni presidenziali statunitensi, il fondatore di WikiLeaks Julian Assange ha ricordato l'esistenza di messaggi di posta elettronica che dimostrano che i dirigenti di Facebook erano in diretta comunicazione con la squadra di Hillary Clinton.
 
A partire dal 7 ottobre dello scorso anno, WikiLeaks ha pubblicato centinaia di email da un account privato del responsabile della campagna di Hillary Clinton, John Podesta. La rivelazione di informazioni è proseguita su base quotidiana fino a un paio di giorni dopo le elezioni del 8 novembre.
 
Ieri, mentre i media statunitensi stavano speculando sull'intromissione russa su Twitter, Facebook e Reddit, Julian Assange ha tweetato alcune delle e-mail di Podesta, notando che alcune figure prominenti del social network erano seguaci di Clinton.
 

 
La direttrice operativa di Facebook pronta ad "aiutare come può" Clinton
 
Quindi, in una email all'inizio di gennaio 2016, Podesta scriveva alla direttrice generale di Facebook, Sheryl Sandberg che era entusiasta di lavorare con lei per ottenere la vittoria di Clinton.
 
"Non vediamo l'ora di lavorare con voi per eleggere il primo presidente donna americana", dichiarò Podesta, al quale Sandberg rispose che era "eccitata" dei progressi di Clinton.
 
twitter.com/widgets.js" charset="utf-8">
 
Nel mese di febbraio del 2015, Podesta fu messo a conoscenza con una copia di in una e-mail da Cheryl Mills, un'assistente di Clinton che dichiarò di aver organizzato una visita da Sandberg e dal suo ricercatore all'Ufficio della Campagna Democratica per rivedere uno "studio di genere e leadership delle donne ", un'ora prima di una "grande riunione "su Clinton.
 
Nel giugno del 2015, Sandberg ha scritto una e-mail a Podesta, affermando di essere desiderosa che di Clinton vincesse le elezioni, scrivendo : "Sono ancora qui per aiutare come posso".
 
Zuckerberg e Podesta
 
Mark Zuckerberg, direttore esecutivo e fondatore di Facebook, ha inviato una email personale a Podesta nel mese di agosto del 2015, dicendo che gli era piaciuto di aver fatto la sua conoscenza e che la conversazione che hanno tenuto gli aveva dato "molto da pensare". Zuckerberg ha ringraziato Podesta per aver condiviso le sue esperienze con il 'Centro per il Progresso Americano' (CAP), un think tank democratico fondato da Podesta.
 
Il file includeva una e-mail a Podesta da Elliot Schrage, vice presidente delle comunicazioni per Facebook, il quale dichiarò che Zuckerberg stava cercando un modo per "dirigere la sua ricchezza" per avere "un grande impatto come Facebook", aggiungendo che le idee di Podesta avevano "davvero scosso" il suo pensiero.
 
Zuckerberg ha anche chiesto a Podesta di contattarlo in futuro per ascoltare "le sue idee e le sue reazioni", aggiungendo che non vedeva l'ora di proseguire la sua conversazione. "Se ci sono altre persone che tu pensi che dovrei parlare, per favore fammi sapere."



 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:     Fonte: Sputnik

La Siria confida nelle misure di Rohani e Putin per risolvere la crisi

La Siria è fiduciosa che le misure di Russia e Iran porranno fine sia ai conflitti che al terrorismo nel paese arabo.

"Tutte le azioni e le misure adottate dai presidenti Putin e Rohani contribuiranno alla soluzione della...
Notizia del:     Fonte: The Times of Israel

Netanyahu minaccia di attaccare gli obiettivi dell'Iran in Siria

Il primo ministro israeliano afferma che il suo esercito è pronto a colpire e attaccare obiettivi iraniani sul suolo siriano.

Durante una conversazione con il presidente francese Emmanuel Macron, il primo ministro israeliano Benyamin Netanyahu...
Notizia del:     Fonte: The Washington Post

"Gli Stati Uniti hanno intenzione di preservare la propria presenza militare in Siria dopo aver eliminato l'ISIS"

Washington vuole creare nuove strutture amministrative in Siria che non siano collegate a Damasco.

Le autorità degli Stati Uniti intendono mantenere la propria presenza militare nel nord della Siria, dopo...
Notizia del:     Fonte: Reuters

L'Arabia Saudita acquisterà 7 miliardi di dollari in munizioni di precisione dagli Stati Uniti

L'Arabia Saudita è pronta ad acquistare munizioni di precisione da aziende statunitensi per un valore di 7 miliardi di dollari, secondo quanto riferisce l'agenzia Reuters.

Riyadh ha accettato di acquistare munizioni di precisione dagli appaltatori della difesa degli Stati Uniti, secondo...
Notizia del:     Fonte: TASS

Netanyahu a Putin: Israele non permetterà all'Iran di guadagnare terreno in Siria

Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha detto al presidente russo Vladimir Putin durante la loro conversazione telefonica che Israele non accetterà i tentativi dell'Iran di ottenere un punto d'appoggio in Siria.

"Una conversazione ha avuto luogo [tra Netanyahu e Putin ndt] ed è durata circa mezz'ora. Hanno...
Notizia del:

'Incontro di Assad e Putin mostra il fallimento della politica di Israele'

L'ex primo ministro israeliano, Ehud Barak ha affermato che la visita del presidente siriano Bashar al-Assad in Russia dimostra la sconfitta della politica israeliana.

L'ex primo ministro israeliano Ehud Barak, in una serie di messaggi pubblicati ieri sul suo account del social...
Notizia del:     Fonte: Haaretz

Israele riconosce che Assad ha vinto la guerra contro i terroristi

Il ministro della Difesa israeliano, Avigdor Lieberman, riconosce che la Siria ha vinto la lotta contro il gruppo terroristico ISIS (Daesh, in arabo) e allo stesso tempo chiede al suo governo lo stanziamento di altri fondi per le forze armate per la presenza di Iran e Hezbollah nel paese arabo.

Il presidente siriano "(Bashar) al-Assad haterminato la lotta, perché ora controlla il 90 per cento...
Notizia del:

Dalla Nunziatella spirano venti di guerra su Napoli

Dalle notizie che trapelano dall’accordo di Bruxelles sembra che nello specifico l’hub formativo di Napoli si specializzerà sugli attacchi a distanza ovvero la guerra coi droni. Wargames

da Contropiano   Venti di guerra spirano su Napoli. Nessun attacco in vista ma la conferma che l’accademia...
Notizia del:     Fonte: Al Manar

Hezbollah celebra la sconfitta dell'ISIS in Siria, nonostante i sabotaggi degli USA

Il segretario generale di Hezbollah Seyed Hassan Nasrallah ha celebrato la fine dell'ISIS in Siria nonostante il sostegno degli Stati Uniti a questo gruppo terroristico.

Durante un discorso televisivo, Nasrallah, questa sera, ha fatto riferimento alla recente liberazione della città...
Notizia del:

Il consigliere capo di Erdogan dice che la Turchia potrebbe lasciare la NATO

Le tensioni tra il blocco militare e la Turchia sono aumentate la settimana scorsa quando durante un'esercitazione dell'alleanza la Turchia è stata dipinta come nemico

  Nervi tesi tra la NATO e uno dei suoi componenti più importanti come la Turchia. Nazione che possiede...
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:

Le "scatole cinesi" dietro le corporazioni dei diritti umani: lo strano caso di una ONG "siriana" in tour a Roma

di Marinella Correggia - Sibialiria   La Ong siriana CCSD (Center for Civil Society and Democracy), registrata in Turchia, Usa e Kurdistan iracheno è al centro di una serie di incontri...
Notizia del:

I soldi dei servizi segreti per influenzare i mass media

Un articolo uscito il 16 novembre scorso, ha svelato non solo l’esistenza di molti conti bancari dei servizi segreti dentro la Banca Popolare di Vicenza, ma anche e soprattutto l’obiettivo di questa liquidità finanziaria dei servizi segreti: far arrivare soldi a chi in qualche modo è vicino o dà una mano all’attività dei servizi

di Federico Rucco - Contropiano   Il Sole 24 Ore è un giornale propriamente padronale, nel senso...
Notizia del:     Fonte: Sputnik

La Siria confida nelle misure di Rohani e Putin per risolvere la crisi

La Siria è fiduciosa che le misure di Russia e Iran porranno fine sia ai conflitti che al terrorismo nel paese arabo.

"Tutte le azioni e le misure adottate dai presidenti Putin e Rohani contribuiranno alla soluzione della...
Notizia del:     Fonte: The Times of Israel

Netanyahu minaccia di attaccare gli obiettivi dell'Iran in Siria

Il primo ministro israeliano afferma che il suo esercito è pronto a colpire e attaccare obiettivi iraniani sul suolo siriano.

Durante una conversazione con il presidente francese Emmanuel Macron, il primo ministro israeliano Benyamin Netanyahu...
Notizia del:     Fonte: The Washington Post

"Gli Stati Uniti hanno intenzione di preservare la propria presenza militare in Siria dopo aver eliminato l'ISIS"

Washington vuole creare nuove strutture amministrative in Siria che non siano collegate a Damasco.

Le autorità degli Stati Uniti intendono mantenere la propria presenza militare nel nord della Siria, dopo...
Notizia del:     Fonte: Reuters

L'Arabia Saudita acquisterà 7 miliardi di dollari in munizioni di precisione dagli Stati Uniti

L'Arabia Saudita è pronta ad acquistare munizioni di precisione da aziende statunitensi per un valore di 7 miliardi di dollari, secondo quanto riferisce l'agenzia Reuters.

Riyadh ha accettato di acquistare munizioni di precisione dagli appaltatori della difesa degli Stati Uniti, secondo...
Notizia del:     Fonte: teleSUR

Zimbabwe: 3 passaggi chiave per comprendere il golpe

Il panorama politico in Zimbabwe è mutato in pochi giorni con il licenziamento di Emmerson Mnangagwa, passando per il colpo di Stato e le dimissioni di Robert Mugabe, dopo oltre 30 anni di governo

La destituzione del vicepresidente Robert Mugabe destituisce Emmerson Mnangagwa dalla vicepresidenza il...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa