/ Berlino, l'attentato di Ankara... e il terzo fatto importante di ...

Berlino, l'attentato di Ankara... e il terzo fatto importante di ieri (dimenticato da molti)

Berlino, l'attentato di Ankara... e il terzo fatto importante di ieri (dimenticato da molti)
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it

Piccole Note
 

Il Terrore globale persegue strategie globali. Così c’è un filo che lega i due attentati di ieri, Ankara e Berlino, al di là della solitudine dei loro autori. Non per nulla avvengono nello stesso giorno.

 

Ma veniamo ai fatti di ieri. Il primo è che proprio ieri i grandi elettori americani, quelli designati tramite votazione popolare lo scorso 8 novembre, erano chiamati a dare il loro voto per il presidente Usa. Una formalità propria del peculiare sistema elettorale americano.

 

Una ritualità che di solito si consuma nell’indifferenza generale, dal momento che i grandi elettori, al di là di ininfluenti eccezioni che nel passato hanno confermato la regola, fanno poi esattamente quanto loro richiesto, votando in maniera conforme alla volontà popolare.

 

E però stavolta tale momento ha conosciuto asperità inusuali. Che si collocano nel solco di un post elezione travagliato, nel quale gli orfani della Clinton stanno tentando in tutti i modi di inceppare l’ingranaggio che consegna la presidenza degli Stati Uniti a Donald Trump.

 

Tra questi tentativi di boicottaggio, anche quello di far pressione sui grandi elettori perché cambiassero casacca, tradendo il mandato popolare.



 

Non è successo nulla di tutto questo (solo due voltagabbana). Da ieri Trump è ufficialmente il presidente degli Stati Uniti d’America. E da ieri la ripresa di un filo di dialogo con Mosca, promessa dal neopresidente e tanto avversata dai suoi avversari, è prospettiva reale.

 

Proprio questa prospettiva è stata colpita ieri ad Ankara. Attraverso l’uccisione dell’ambasciatore russo Andrei Karlov, le Agenzie del Terrore hanno recapitato il loro messaggio di morte: Mosca non deve attendersi un alleggerimento della sua attuale condizione, anzi, sarà attaccata in ogni modo..

 

Significativo che la vittima sia un ambasciatore, figure in genere garantite da immunità diplomatica: la agenzie del Terrore indicano in tal modo che non riconoscono immunità di sorta. Tutti sono possibili target.

 

Non solo, il combinato disposto Berlino-Ankara, oscura sotto un’ondata di paura la notizia del giorno, ovvero l’ufficialità dell’investitura di Trump, che rappresenta una sconfitta del Terrore globale (vedi anche: Il silenzio elettorale dell’Isis)

 

L’assassinio di Ankara ha anche altre motivazioni subordinate: esso serve a colpire il nuovo rapporto tra Erdogan e Putin, che rappresenta un mutamento epocale degli equilibri del mondo. Simbolico in tal senso che l’ambasciatore sia stato colpito durante una visita a una mostra turca dedicata alla Russia.

 

L’omicidio non è riuscito a incrinare l’asse Mosca-Ankara, ché ieri i due presidenti si sono parlati e hanno deciso per un’inchiesta unificata sull’accaduto, iniziativa di valenza storica.

 

E però il messaggio è arrivato alto e forte: il governo di Erdogan potrebbe andare incontro a tempi burrascosi, caratterizzati da attentati e torbidi interni (nei giorni scorsi in Turchia si sono svolte manifestazioni anti-russe).

 

Da considerare in questa ottica che l’assassino di Karlov ha agito indisturbato: ha affiancato l’ambasciatore durante una conferenza, come fosse un body guard, gli ha sparato e poi ha inscenato una lunga intemerata su Aleppo, la cui caduta avrebbe inteso vendicare col suo gesto.

 

Tutto senza che nessuno, stranamente, sia intervenuto. Segno di falle o connivenze negli apparati di sicurezza. Particolare che impensierirà non poco Erdogan.

 

La rivendicazione aleppina dell’attentatore, inoltre, serve a indicare un focus: la vittoria di Assad e dei suoi alleati russi nella guerra siriana non sarà accettata. Né ora né mai.

 

Simbolico in tal senso che l’omicidio sia avvenuto mentre il primo ministro turco si trovava a Mosca per un summit trilaterale sul destino della Siria, presente anche il suo omologo iraniano.

 

Così veniamo al secondo attentato di ieri, a Berlino, in un mercatino di Natale situato in uno dei quartieri più poveri della capitale tedesca. Tali mercati, a novembre, erano stato indicati come obiettivi dalla rivista Rumiyah (Roma), edita per i tipi dell’Isis, e alcuni giorni fa era stato sventato un attentato a un mercato similare nella città renana di Ludwigshafen.

 

Si trattava in questo caso di colpire in qualche modo il Natale. Per rilanciare lo scontro di civiltà, quello che vorrebbe il cosiddetto estremismo islamista avere in odio i simboli cristiani. Target peraltro in linea con la cifra satanica della sfida terrorista (se non si capisce il fondamento esoterico delle Agenzie del terrore non si comprende nulla della loro essenza e delle loro dinamiche).

 

L’attentato crea difficoltà alla Cancelliera Angela Merkel, alle prese con una difficile rielezione. Essa è infatti incalzata da forze politiche ostili alla sua politica di apertura ai migranti.

 

Ma ha contro anche parte dell’establishement che l’ha sostenuta finora, al quale non piace certa sua moderazione e flessibilità, sia nei riguardi degli altri partner europei – ai quali fa sconti non graditi -, sia nei riguardi dei rapporti con Mosca – che la Cancelliera ha comunque conservato nonostante le difficoltà.

 

Ma non era la Merkel l’obiettivo primario del camion assassino che ieri ha mietuto dodici vite. In realtà si trattava di coprire altro, come scritto in precedenza.

 

Ma anche di annullare l’empatia verso Mosca provocata dall’attentato di Ankara. Subito dopo quell’omicidio, infatti, il mondo aveva manifestato la sua solidarietà alla Russia, attenuando quella conflittualità che da tempo separa l’Occidente dall’Oriente.

 

Inoltre il sangue di Ankara aveva palesato al mondo che, in fondo, la battaglia di Aleppo aveva visto contrapposte forze stabilizzatrici (russi e siriani) a banali terroristi. Quel che da tempo sostiene Mosca al contrario della narrativa imperante in Occidente.

 

Dopo Berlino tale empatia è stata annichilita. Oggi l’Occidente piange i morti del mercatino di Natale. E l’omicidio dell’ambasciatore russo è derubricato ad affare lontano che riguarda un mondo lontano. Con il quale si può peraltro continuare a mantenere tutte le distanze del caso.

 

Tale l’operazione delle Agenzie del Terrore, le cui strategie sono articolate e sofisticate, anche se banali nella loro dinamica.

 

L’unica vera risposta ai morti di Berlino sarebbe la revoca delle sanzioni alla Russia. E l’inizio di una collaborazione con la stessa in chiave anti-terrorista. Il terrore globale abbisogna di una risposta globale. L’unica possibilità per venirne a capo.

 

Inutile sperare in una simile, ragionevole, svolta nell’immediato. Ma con Trump forse potrebbe avvenire. Lo sanno bene anche gli strateghi del Terrore. Che per questo stanno dando fondo al loro ferale attivismo.


SEGUI PICCOLE NOTE

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da Piccole Note
Notizia del:

Di Siria e censura: ancora sull'articolo di Repubblica prima pubblicato e poi eliminato

PICCOLE NOTE  Il 5 gennaio scorso avevamo ripreso un articolo pubblicato sulla Repubblica in relazione alla guerra siriana. Uno scritto che finalmente usciva dai binari usuali sui quali è...
Notizia del:

Nuove incredibili rivelazioni sul terrorista Isis che uccise Padre Hamel a Rouen. L'intelligence francese ignorò l'allerta di un agente

Stefano Montefiori, sul Corriere della Sera del 5 gennaio, rivela nei dettagli quel che l’agente aveva trovato sul conto dell’assassino: «118 fotografie, 3 video, 29 documenti, 89 messaggi vocali e 89 link postati da @Jayyed, che racconta dei suoi tentativi di andare a fare la jihad in Siria, invita gli amici della zona di Rouen ad assistere ai corsi che tiene “in una moschea di Saint-Etienne-du-Rouvray” e esorta a usare il coltello per decapitare: “Si va in una chiesa dove si pratica il politeismo e si ammazzano tutti”».

PICCOLE NOTE Un agente della DRPP (Direzione dell’intelligence della prefettura di Parigi) aveva intercettato...
Notizia del:

Kim Jong-un ordina di normalizzare le relazioni con la Corea del Sud

PICCOLE NOTE Fiorisce la Pax Olimpica: dopo le aperture del presidente nordcoreano Kim jong-un nel discorso di fine anno e la pronta risposta della Corea del Sud, che ha subito accolto la mano...
Notizia del:

Rapimento di Hariri da parte di Riad. Il NYT svela il retroscena

Anche questa volta i media mainstream per settimane vi avevano raccontato "fake news"

PICCOLE NOTE Il rapimento del primo ministro Saad Hariri da parte dell’Arabia Saudita, uno dei capitoli...
Notizia del:

Fa bene Trump ad armare l'Ucraina "per la sua libertà", Paolo Mieli e l'apologia del regime di Kiev

PICCOLE NOTE Una intemerata contro un «movimento di opinione teso a minimizzare» la minaccia che la Russia rappresenterebbe per l’Europa, in particolar modo contro quanti non si...
Notizia del:

Gerusalemme, fonte israeliana denuncia l'"ultimatum" di Arabia Saudita e Emirati Arabi Uniti contro Abu Mazen

Secondo quanto riferisce il sito israeliano Debka, e non solo, i due paesi stanno lavorando attivamente nel segreto per piegare il presidente palestinese alle ragioni (sic) del presidente americano.

PICCOLE NOTE La controversia su Gerusalemme vede intrecciarsi manovre oscure. Ne riferisce Debkafile,...
Notizia del:

Nuova Delhi: vertice a tre Russia, Cina e India per la "sicurezza regionale"

Mentre l’attenzione internazionale è concentrata sul Medio oriente in fiamme, in Asia, a Nuova Delhi per l’esattezza, è avvenuto un incontro più che importante....
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa