/ Bulli e pupe: tutto quello che devi sapere sul voto Onu di oggi s...

Bulli e pupe: tutto quello che devi sapere sul voto Onu di oggi su Gerusalemme

Bulli e pupe: tutto quello che devi sapere sul voto Onu di oggi su Gerusalemme
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it

 
ll presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha minacciato di sospendere gli aiuti finanziari ai paesi che, nella prossima Assemblea generale delle Nazioni Unite, convocata in via straordinaria oggi, voteranno contro il riconoscimento di questa città da parte di Washington come capitale di Israele. "Prendono centinaia di milioni di dollari e persino miliardi di dollari, e poi votano contro di noi", ha detto ai giornalisti Trump alla Casa Bianca mercoledì. E ancora: «Prendete i nostri soldi e votate contro di noi, risparmieremo un sacco, lasciate che votino contro di noi».

Queste minacce arrivano alla vigilia della sessione speciale di emergenza dell'Assemblea Generale delle Nazioni Unite. L'incontro è stato convocato su richiesta dei paesi arabi e musulmani, dopo che lunedì gli Stati Uniti avevano posto il veto alla risoluzione del Consiglio di sicurezza dell'ONU che respingeva la decisione di Trump.
 
 
Le minacce dei giorni scorsi
 
Stati Uniti e Israele hanno fatto molta pressione per il voto di questo giovedì. Il capo della missione diplomatica statunitense all'ONU, Nikki Haley, ha minacciato gli stati membri delle Nazioni Unite martedì di una vera e propria rappresaglia contro tutti coloro che dovessero appoggiare la risoluzione che condanna la scelta Usa.  Sulla sessione speciale dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite convocata dai paesi arabi, Haley in una lettera a dozzine di stati resa pubblica da Reuters, ha addirittura avvertito che Trump le aveva chiesto di "riferire sui paesi che votavano contro di noi". Su Twitter è stata ancora più esplicita: "Gli Stati Uniti prenderanno i nomi."

Gli Stati Uniti lunedì hanno posto il veto a una risoluzione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite (UNSC) sullo status di Al-Quds (Gerusalemme) presentata dall'Egitto, mentre i restanti 14 membri votavano a favore. L'appoggio unanime alla risoluzione nel Consiglio di sicurezza dell'ONU si è rivelato un "insulto" per gli Stati Uniti, secondo l'ambasciatore degli Stati Uniti all'ONU, Nikki Haley, dopo aver posto il veto alla risoluzione. "Non sarà dimenticato", ha aggiunto. "Ciò a cui abbiamo assistito oggi nel Consiglio di sicurezza è un insulto e non sarà dimenticato, è un altro esempio dell'ONU che fa più male che bene nell'affrontare il conflitto israelo-palestinese".
 



 
Un voto su Netanyahu, che descrive l'Onu come "la casa delle bugie"
 
Israele, da parte sua, sta intensificando la pressione dei paesi di tutto il mondo per opporsi alla risoluzione di oggi. Alti funzionari del governo israeliano hanno affermato mercoledì che il  voto di oggi dell'Assemblea Generale delle Nazioni Unite (ONU) indicherà se il primo ministro israeliano, Benyamin Netanyahu, è riuscito nei suoi sforzi per raccogliere il maggior numero di sostegni possibili in giro per il mondo.

Il vice ministro degli affari esteri israeliano, Tzipi Hotovely, ha sostenuto come il suo governo e gli Stati Uniti hanno fatto enormi sforzi per bloccare la risoluzione. Un funzionario del Ministero degli Affari Esteri israeliano ha anche confermato che il regime di Tel Aviv sta conducendo una campagna di lobbying forte per minimizzare l'impatto della risoluzione. La fonte diplomatica ha poi sostenuto che Israele sta cercando di convincere i suoi alleati ad astenersi dal votare a favore della risoluzione, aggiungendo che Tel Aviv ha chiesto alle organizzazioni ebraiche in alcuni paesi di fare pressione sui loro governi per conto di Israele. Il funzionario israeliano, rimasto anonimo, ha rifiutato di rivelare il nome di quegli stati.

In qualche modo, il voto metterà alla prova la politica estera di Netanyahu. Negli ultimi anni, il premier israeliano ha compiuto grandi sforzi per andare oltre i tradizionali alleati a Washington e in Europa e rafforzare i legami con i paesi in via di sviluppo.
"Israele" rifiuta in anticipo il voto su Gerusalemme previsto per giovedì alle Nazioni Unite, definita "casa delle bugie” dal primo ministro Benjamin Netanyahu. "Gerusalemme è la capitale di Israele, che l'ONU lo riconosca o meno", ha proseguito. "Ci sono voluti 70 anni perché gli Stati Uniti lo riconoscessero ufficialmente, e ci vorranno molti anni prima che le Nazioni Unite facciano lo stesso", ha detto.

Ma il "cambiamento di atteggiamento nei confronti di Israele" di Netanyahu in molti paesi "finirà per penetrare nelle Nazioni Unite, questa casa di bugie". "Israele rifiuta categoricamente questo voto ancor prima che venga adottato”, ha concluso. "Israele" ha salutato come "storico" il riconoscimento di Trump di Gerusalemme come sua capitale, al contrario della comunità internazionale, che ha respinto quasi unanimemente questa iniziativa unilaterale.
 

L’attesa del voto in Palestina
 
La Palestina osserva come gli Stati Uniti, riconoscendo “Al-Quds come la capitale di Israele, hanno rinunciato al loro ruolo di mediatore nel processo di pace israelo-palestinese”.





Il ministro degli esteri palestinese Riyad al Malki ha denunciato con forza le intimidazioni americane e sollecitato l’Assemblea Generale a votare compatta a favore della risoluzione, di fatto la stessa che a inizio settimana è stata bloccata dal veto Usa al Consiglio di Sicurezza.
 
L'Organizzazione per la Liberazione Palestinese ha definito inaccettabile la minaccia del Presidente Trump ai paesi che hanno votato contro la sua estorsione e il suo ricatto a Gerusalemme. La leadership palestinese ha risposto mercoledì alla minaccia degli Stati Uniti di tagliare gli aiuti ai paesi sfidando la decisione di Washington di dichiarare Gerusalemme come capitale israeliana che affermava che tali tattiche di "estorsione" avrebbero solo isolato gli Stati Uniti a livello globale.

"Il presidente Trump dovrebbe sapere che ci sono cose che non sono in vendita o soggette a ricatti, in particolare questioni di principio, legalità e moralità", ha detto Hanan Ashrawi, membro del comitato esecutivo presso l'Organizzazione per la liberazione della Palestina in una dichiarazione pubblicata sul gruppo sito web. "L'estorsione è il modo più efficace per gli Stati Uniti di isolarsi ancora di più e di indebolire la sua influenza e la sua posizione a livello globale. Non saremo scoraggiati o intimiditi".
Ashrawi ha aggiunto di essere fiducioso che la maggior parte dei paesi delle Nazioni Unite onorerà i loro "obblighi legali e politici verso la Palestina" nel prossimo voto all'Assemblea Generale.

La dichiarazione di Ashrawi è arrivata poche ore dopo che Trump aveva reiterato le minacce sul voto in Assemblea Onu dichiarando ai giornalisti che la sua amministrazione avrebbe tagliato gli aiuti a quei paesi che "voteranno contro di noi".
I leader dei paesi musulmani, che si sono incontrati in un vertice di emergenza dell'Organizzazione della cooperazione islamica (OIC) a metà dicembre nella città turca di Istanbul, hanno dichiarato che la decisione degli Stati Uniti Ha effettivamente annullato il suo status di mediatore nel conflitto israelo-palestinese e ha chiesto il riconoscimento a livello mondiale di Gerusalemme Est come capitale della Palestina.

 
La posizione della Chiesa cattolica
 
Scrive Michele Giorgio come Pierbattista Pizzaballa, amministratore apostolico del Patriarcato latino di Gerusalemme, ha nuovamente denunciato il riconoscimento unilaterale americano della città santa come capitale di Israele. “Ieri nel tradizionale incontro con i giornalisti che precede il Natale, Pizzaballa ha spiegato che «Decisioni unilaterali» come quella di Trump «non porteranno la pace, ma anzi la allontaneranno…Gerusalemme – ha aggiunto – è un tesoro dell’intera umanità. Ogni rivendicazione esclusiva, sia essa politica o religiosa, è contraria alla logica propria della città».”

A.B.
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da L'Analisi
Notizia del:

Il pensiero dell'establishment sul Corriere: via libera dei mercati ai normalizzati Salvini e Meloni

di Dante Barontini* Da tempo immemorabile, se uno vuol capire cosa sta covando nei “salotti importanti” dell’establishment nazionale, bisogna leggere con attenzione il Corriere...
Notizia del:

GUERRA NUCLEARE IL GIORNO PRIMA - Da Hiroshima a oggi:  chi e come ci porta alla catastrofe

  di Manlio Dinucci      La lancetta dell’«Orologio dell’Apocalisse» – il segnatempo che sul Bollettino degli Scienziati Atomici statunitensi indica...
Notizia del:

Che cosa avverrebbe se caccia russi Sukhoi Su 35 pattugliassero il confine con l’Italia con la motivazione di proteggere la Svizzera?

Per dislocare in Estonia gli 8 cacciabombardieri, con un personale di 250 uomini, si spendono (con denaro proveniente dalle casse pubbliche italiane) 12,5 milioni di euro da gennaio a settembre

  di Manlio Dinucci* - il manifesto, 16 gennaio 2018 Che cosa avverrebbe se caccia russi...
Notizia del:

Business is business. Gli affari russi di Poroshenko e quelli degli oligarchi russi negli Usa

"Ancora una volta, che sia a ovest o a est del Dnepr, pecunia non olet."

  di Fabrizio Poggi    Colleghi, amici, mogli o mariti, avventori di bar, postini, sorpresi...
Notizia del:

Manlio Dinucci - Il vero libro esplosivo è a firma Trump 

  di Manlio Dinucci* - il manifesto, 9 gennaio 2018              Tutti parlano del libro esplosivo su Trump, con rivelazioni sensazionali di come Donald...
Notizia del:     Fonte: Al Manar

Iran: Chi pesca nel torbido?

Un'analisi per cercare di capire gli ultimi eventi in Iran, partendo dall'ossessione costante e dagli attacchi quasi quotidiani del Presidente USA, Donald Trump.

Link dell'analisi.   Pochi analisti credono nella buona fede degli americani quando affermano di voler...
Notizia del:

1922-2017: dall'URSS alle privatizzazioni capitaliste in Russia

Di Fabrizio Poggi* Nel giorno in cui, 95 anni fa, il 30 dicembre 1922, si tenne il primo Congresso dei soviet dell'URSS, nel corso del quale i rappresentanti di RSFSR, USSR, BSSR e Federazione...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa