/ Caos Libia: dopo Cameron, il Parlamento britannico accusa anche S...

Caos Libia: dopo Cameron, il Parlamento britannico accusa anche Sarkozy

Caos Libia: dopo Cameron, il Parlamento britannico accusa anche Sarkozy
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Un rapporto del Parlamento britannico accusa Nicolas Sarkozy di aver innescato l'intervento militare contro Gheddafi. Il presidente francese avrebbe avuto l'obiettivo di fermare le ambizioni d'indipendenza della Libia.

A Westminster, le cose sono chiare. La Francia ha guidato le danze e il Regno Unito si è accontentato di seguire. Secondo un ultimo rapporto della commissione per gli affari esteri della Camera dei Comuni britannica, sono stati gli sforzi diplomatici della Francia che hanno aperto la strada alle operazioni militari in Libia. E Nicolas Sarkozy avrebbe spinto per l'intervento, la commissione ha detto, "per aumentare l'influenza francese in Nord Africa", ma anche per "migliorare la situazione politica in Francia."

 Per giungere a questa conclusione, i parlamentari si sono basati su alcune comunicazione avvenute nel 2011 tra i servizi segreti francesi e l'allora Segretario di Stato Usa, Hillary Clinton, e su mail scambiate tra la stessa e uno dei suoi consiglieri, Sidney Blumenthal, pagato 10.000 dollari al mese, non dal governo degli Stati Uniti, ma dall' ormai famosa Fondazione Clinton .

E secondo queste e-mail, ottenute dopo una richiesta da parte della rivista Vice ai sensi della legge sulla libertà di informazione (FOIA), la Francia  avrebbe avuto un obiettivo diverso da quello di proteggere i cittadini di Bengasi dalla vendetta del leader libico. Secondo Sidney Blumenthal, la Francia voleva mettere le mani sull'oro libico, che temeva Gheddafi avrebbe usato per indebolire la sua influenza nella regione, "rispondere al progetto di Gheddafi di soppiantare la Francia nell'Africa francofona," spiega testualmente il consulente del Segretario di Stato nei memo inviati.

Ma in un'altra e-mail di Sidney Blumenthal indirizzata a Hillary Clinton, si dice: "Secondo le informazioni sensibili fornite da questa fonte, il governo di Gheddafi detiene 143 tonnellate di oro, e una simile quantità di denaro ... Questo oro è stato accumulato prima della ribellione in corso ed era destinato ad essere utilizzato per stabilire una valuta panafricana sulla base del dinaro d'oro libico ". Nel 2009, Gheddafi, allora presidente dell'Unione Africana, ha invitato i paesi africani a creare una nuova valuta, basata sull'oro, in modo da eliminare il dollaro  nelle esportazioni di petrolio. Una minaccia per l'egemonia monetaria globale del dollaro.

E anche per gli interessi della diplomazia americana, la City, Wall Street e Nicolas Sarkozy, sospettato di aver beneficiato nel 2007 di fondi libici per finanziare la sua campagna.

 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:     Fonte: Der Spiegel - Foto AFP

Germania, Francia e Regno Unito promotrici di sanzioni all'Iran per accontentare Trump

Secondo il settimanale tedesco, 'Der Spiegel', la Germania insieme a Francia e Gran Bretagna stanno esercitando pressioni su altri paesi europei per imporre altre sanzioni all'Iran, accontentando di fatto il Presidente degli USA, Donald Trump.

Citando diplomatici europei, la rivista tedesca 'Der Spiegel' afferma in un articolo pubblicato ieri...
Notizia del:     Fonte: SANA -Reuters

Il governo siriano condanna "l'aggressione turca su Afrín"

In un comunicato, Damasco condanna l'aggressione turca sulla città siriana di Afrin. Inoltre, ha smentito di essere stata messa a conoscenza da Ankara dell'avvio dell'operazione "Ramoscello d'ulivo".

Il governo siriano ha condannato "l'aggressione turca contro Afrin" condotta nell'ambito dell'operazione...
Notizia del:

Perché gli "Stati Uniti d'Europa" non è la cosa più spaventosa detta oggi da Renzi

    “Il 4 marzo come il nuovo 1948”. Lo ha scritto Fabbrini (della Luiss) il 3 dicembre su il Sole 24 ore (giornale di Confindustria). Lo ha ribadito oggi Andrea Bonanni su...
Notizia del:     Fonte: TASS - AP foto

Siria, la Russia ritira le sue truppe dopo offensiva della Turchia ad Afrin

La Russia ha comunicato il ritiro delle sue truppe dall'area di Afrin nel nord della Siria, dove l'esercito turco sta lanciando un'offensiva terrestre e aerea contro obiettivi delle Unità di protezione popolare curde, YPG, lo ha riportatoil ministero della Difesa russo.

"Per evitare eventuali provocazioni ed escludere qualsiasi minaccia contro la vita e la salute dei militari...
Notizia del:

Il tormentone fake news ha il primo risultato: la "verità" la decideranno i poliziotti di Minniti

di Dante Barontini* Siamo governati da ignoranti contenti di esserlo. Dunque da gente pericolosa per tutta la popolazione, perché – perversa conseguenza di leggi elettorali che...
Notizia del:     Fonte: Der Spiegel

Giornalista israeliano rivela l'uccisione di migliaia di persone da parte del Mossad

Il giornalista israeliano Ronen Bergman, nel suo ultimo libro, ha rivelato l'uccisione di molte persone anche per 'errore' di almeno 3.000 persone per mano di agenti del servizio di intelligence del regime di Israele (Mossad) oltre anche a diversi casi di "rapimento" e "tortura".

"In generale, stiamo parlando di almeno 3.000 persone, bersaglio non solo le persone obiettivo, ma anche...
Notizia del:     Fonte: Airwars

La coalizione guidata dagli USA ha ucciso 6.000 civili in Iraq e in Siria nel 2017

Un nuovo rapporto indica che gli attacchi della cosiddetta coalizione anti-ISIS, guidati dagli Stati Uniti, hanno provocato più di 6000 civili morti in Iraq e in Siria durante l'anno 2017. La cifra è tre volte più grande rispetto a quella del 2016.

In un rapporto pubblicato giovedì scorso, l'organizzazione giornalistica indipendente 'Airwars'...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa