/ Clinton e Trump: Hugo Chavez troppo grande per essere accostato a...

Clinton e Trump: Hugo Chavez troppo grande per essere accostato a loro

Clinton e Trump: Hugo Chavez troppo grande per essere accostato a loro
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it


di Luis Pino per teleSUR
 

La campagna per la presidenza del paese più decadente, più bellicoso e produttore di armi, il più grande consumatore di droga e senza cultura del pianeta Terra, è semplicemente una latrina. 

 

La signora Hillary che è corrotta, genocida e inadeguata, con complesso di inferiorità, non ha fatto altro che rifugiarsi dietro il nome del suo sadico marito, il che dice già molto di questa signora, mentre l’altro signore è un mercenario della bellezza femminile e imprenditore vorace, è caduto nel gioco sporco delle signora presentemente menzionata, in assenza di una proposta programmatica che sia passabile per la popolazione. 

 

Hanno entrambi un’agenda occulta inconfessabile: cercheranno di aumentare l’assassinio di neri e afrodiscendenti, così questi si ‘sbiancheranno’ per ingraziarsi l’oppressore; uscire dall’ingombro che per loro rappresentano gli immigrati latini e restare solo con quelli che possono essere utili come servi, tipo le persone che lavorano presso la CNN in spagnolo e quelli che lavano pavimenti e bagni; cancellare dalla faccia della terra la Palestina e consegnarla agli ebrei, come regalo per essere commissariati dal governo statunitense; lanciare l’offensiva finale contro la Siria, insieme ai governi rapinatori dell’Unione Europea (UE) e rafforzarsi nelle risorse energetiche per soggiogare Russia e Cina da diversi fronti di attacco; liquidare la Rivoluzione Bolivariana, Socialista e Chavista del Venezuela, per generare un effetto domino nel resto dell’America Latina e nei Caraibi, con il precedente del genocidio che cercano di eseguire contro il Presidente Nicolás Maduro, nel caso che l’autorazzista uscente dalla Casa Bianca non ci riesca e, così, convincere e dissuadere gli altri popoli e governi che oggi rappresentano il nuovo mondo multipolare e multicentrico. 

 

La signora Clinton, conoscendo le sue limitate facoltà e la sua disgustosa fedina penale, che supera la lussuria del marito, ha indetto con il suo partito chiamato Democratico, una campagna di guerra sporca attraverso uno spot pubblicitario in cui si afferma che «Trump è il Chávez statunitense», propaganda sublime utilizzata in senso peggiorativo sta solo facendo un gran favore al folle dei Repubblicani, visto che il Comandante Hugo Chávez ha toccato l’anima di tutti i popoli e negli Stati Uniti d’America, per quanto abbiano preteso di demonizzarlo, il Comandante Hugo Chávez è presente nella maggioranza del Popolo statunitense e tra i neri non ‘sbiancati’, perché Hugo Chávez è l’emblema della libertà e dell’emancipazione, insieme al Comandante Ernesto Che Guevara.  

 

Non vi è alcun modo per nascondere la bassezza della signora Hillary Clinton, che l’ha portata ad essere così in errore e, per non fornire su un piatto d’argento il trionfo a Trump, lei sta aiutando a far passare un candidato venuto dall’eredità dei puritani arrivati dalla vecchia Inghilterra quando furono inviati a conquistare e rubare le terre che oggi occupano come territorio degli Stati Uniti, un candidato che vorrebbe avanzare verso un’altra guerra mondiale, ispirato nelle sue idee religiose allucinate, piene di moralismo bigotto simile all’ISIS. 

 

Se i democratici fossero un poi più seri e per non sparire insieme ai repubblicani, dovrebbero ritirare la candidatura della signora Clinton. 

 

In quanto allo spot che si basa sull’analogia pazza tra il Comandante Hugo Chávez e il signor Donald Trump, se nel suo comando di campagna elettorale non fossero così elementari, dovrebbero proseguire a diffondere questo video. In ogni caso, anche se fa male al suo assassino autorazzista, il Comandante Hugo Chávez vince la campagna nel cuore del popolo statunitense, perché resta molto più grande della signora Clinton e del signor Trump, oltre al fatto che, come viene affermato nella canzone poetica e profetica del gruppo Ska-P: «tra miseria, fame e desolazione, in mezzo al fango qualcuno ha piantato un fiore», anche se questo è molto profondo per i due candidati della latrina.

 

(Traduzione dallo spagnolo per l’AntiDiplomatico di Fabrizio Verde)   

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Fonte: teleSUR
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:     Fonte: The Washington Post

"Gli Stati Uniti hanno intenzione di preservare la propria presenza militare in Siria dopo aver eliminato l'ISIS"

Washington vuole creare nuove strutture amministrative in Siria che non siano collegate a Damasco.

Le autorità degli Stati Uniti intendono mantenere la propria presenza militare nel nord della Siria, dopo...
Notizia del:     Fonte: Reuters

L'Arabia Saudita acquisterà 7 miliardi di dollari in munizioni di precisione dagli Stati Uniti

L'Arabia Saudita è pronta ad acquistare munizioni di precisione da aziende statunitensi per un valore di 7 miliardi di dollari, secondo quanto riferisce l'agenzia Reuters.

Riyadh ha accettato di acquistare munizioni di precisione dagli appaltatori della difesa degli Stati Uniti, secondo...
Notizia del:

Il golpista venezuelano, fuggiasco in Europa, ringrazia Tajani e Gentiloni

«Ringrazio il ruolo dell'Italia nel Consiglio dell'Onu in difesa dell'autonomia e voglio ringraziare Antonio Tajani perché ha rappresentato in modo dignitoso il popolo venezuelano»

di Geraldina Colotti «Ringrazio il ruolo dell'Italia nel Consiglio dell'Onu in difesa dell'autonomia...
Notizia del:

Dalla Nunziatella spirano venti di guerra su Napoli

Dalle notizie che trapelano dall’accordo di Bruxelles sembra che nello specifico l’hub formativo di Napoli si specializzerà sugli attacchi a distanza ovvero la guerra coi droni. Wargames

da Contropiano   Venti di guerra spirano su Napoli. Nessun attacco in vista ma la conferma che l’accademia...
Notizia del:     Fonte: Al Manar

Hezbollah celebra la sconfitta dell'ISIS in Siria, nonostante i sabotaggi degli USA

Il segretario generale di Hezbollah Seyed Hassan Nasrallah ha celebrato la fine dell'ISIS in Siria nonostante il sostegno degli Stati Uniti a questo gruppo terroristico.

Durante un discorso televisivo, Nasrallah, questa sera, ha fatto riferimento alla recente liberazione della città...
Notizia del:

Il consigliere capo di Erdogan dice che la Turchia potrebbe lasciare la NATO

Le tensioni tra il blocco militare e la Turchia sono aumentate la settimana scorsa quando durante un'esercitazione dell'alleanza la Turchia è stata dipinta come nemico

  Nervi tesi tra la NATO e uno dei suoi componenti più importanti come la Turchia. Nazione che possiede...
Notizia del:     Fonte: Hispantv - SABA

FOTO. I bambini yemeniti denunciano i crimini subiti da USA e Arabia Saudita

Oggi, in occasione della Giornata mondiale dei diritti dell'infanzia, i bambini yemeniti hanno manifestato la loro condanna per i crimini commessi ai loro danni da parte di Arabia Saudita e USA.

"I bambini nel mondo celebrano i loro diritti e i bambini dello Yemen muoiono per il silenzio del mondo...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

La Russia sfida Israele e Stati Uniti: Hezbollah rimarrà in Siria

L'ambasciatore russo in Libano avverte che Hezbollah "non andrà via dalla Siria", sfidando così Israele e gli Stati Uniti, che stanno cercando il ritiro del movimento di resistenza libanese.

"Chiunque ha cercato di rovesciare il presidente siriano Bashar al-Asad, ora, con tutti i mezzi, cerca il...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

Russia: Gli USA hanno fallito in Siria e accusano Assad per l'uso di armi chimiche

La Russia rifiuta il "documento politicizzato" degli Stati Uniti sugli attacchi chimici in Siria e lo attribuisce al fallimento dei piani di Washington per rovesciare al-Assad.

In alcune dichiarazioni rilasciate ieri ai giornalisti, il capo della Commissione Difesa del Senato russo, Victor...
Notizia del:     Fonte: https://www.timesofisrael.com

Macron e Trump accettano di unirsi per combattere Iran e Hezbollah

Il presidente francese e il suo omologo statunitense hanno deciso di unirsi per lottare contro l'Iran e Hezbollah.

In una conversazione telefonica, il presidente della Francia e Stati Uniti, e Donald Trump Emmanuel Macron, rispettivamente,...
Le più recenti da ALBA LATINA
Notizia del:

VIDEO. Catalogna e Cuba: i due pesi e due misure di Amnesty International

Il video Catalunya y Cuba: un barco a la deriva llamado Amnistía Internacional (Catalogna e Cuba: una barca alla deriva chiamata Amnesty International) (qui il testo e il  video: http://www....
Notizia del:

Citgo Petroleum Corporation, il Venezuela smantella una rete di corruzione di altissimo livello in servizio negli USA

di Geraldina Colotti*   In una conferenza stampa, il Procuratore generale del Venezuela, Tareck William Saab, ha dato conto di una rete di corruzione ad altissimo livello in cui risultano...
Notizia del:

Il golpista venezuelano, fuggiasco in Europa, ringrazia Tajani e Gentiloni

«Ringrazio il ruolo dell'Italia nel Consiglio dell'Onu in difesa dell'autonomia e voglio ringraziare Antonio Tajani perché ha rappresentato in modo dignitoso il popolo venezuelano»

di Geraldina Colotti «Ringrazio il ruolo dell'Italia nel Consiglio dell'Onu in difesa dell'autonomia...
Notizia del:     Fonte: teleSUR

Lula ai popoli latinoamericani: «Sconfiggeremo ancora una volta il neoliberismo»

«In tutti i nostri paesi abbiamo già sconfitto il progetto neoliberista una volta e non ho dubbi che saremo in grado di sconfiggerlo di nuovo», ha dichiarato il leader brasiliano ai latinoamericani riuniti a Montevideo

  «Fuori Macri!» e «Fuori Temer!», questi sono stati due degli slogan maggiormente...
Notizia del:

L'irrefrenabile e insana passione di Pierferdinando Casini per il golpismo venezuelano

Questa volta il nostro ha voluto dedicare un affettuoso tweet al latitante Antonio Ledezma dipingendolo come un perseguitato politico

di Fabrizio Verde   Sempre dalla stessa parte. Quella del golpismo in Venezuela. Il ‘moderato’...
Notizia del:

Così in Argentina si è installata una dittatura mafiosa

Prof. Jorge Beinstein (docente dell'Università di Buenos Aires): "L'avventura macrista non si appoggia su un mito globale sufficientemente credibile, e neppure promette prosperità e libertà. La sua ascesa ricompone l'odio classista con esplosioni di razzismo e accanimento conservatore, mentre i suoi referenti globali-occidentali, gli Stati Uniti e L'Unione Europea mostrano quotidianamente il loro declino economico e il deterioramento istituzionale."

di Jorge Beinstein* da alainet.org Traduzione di Marx21.it Mancano solo alcuni piccoli aggiustamenti...
Notizia del:     Fonte: Embajada de la República Bolivariana de Venezuela en Italia

Il Governo Bolivariano condanna la decisione di Mariano Rajoy di accogliere il latitante venezuelano Antonio Ledezma

  Il Ministero del Potere Popolare per gli Affari Esteri della Repubblica Bolivariana del Venezuela esprime la sua indignazione per la decisione del primo ministro spagnolo, Mariano Rajoy, che ha...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa