/ Compiti a casa fatti: Gentiloni a New York urla 'Forza Hillary'

Compiti a casa fatti: Gentiloni a New York urla 'Forza Hillary'

Compiti a casa fatti: Gentiloni a New York urla 'Forza Hillary'
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it

In visita a New York per i lavori di apertura dell'Assemblea Generale delel Nazioni Unite, il ministro (Conte) Gentiloni venerdì 23 settembre era al Consolato italiano di New York. 

Secondo quanto riporta La Voce di New York: “ad un certo punto, proprio alla fine del suo discorso in consolato, Gentiloni ha espresso anche i suoi timori per il responso elettorale del prossimo 8 novembre, quando la situazione politica americana potrebbe cambiare notevolmente in occasione delle elezioni presidenziali che decideranno il successore di Obama. In modo per nulla velato, Gentiloni ha fatto gli scongiuri contro la prospettiva che possa essere eletto il candidato repubblicano Donald Trump, senza mai pronunciarne il nome ma facendolo capire inviando ai presenti un messaggio, forte e chiaro al microfono, affinché tutti sentissero: “Forza Hillary!”

Avete capito bene? “Forza Hillary”, quello che hanno gridato anche altri due rappresentanti delle istituzioni italiane, Laura Boldrini e Maria Elena Boschi, recentemente alla Kermesse di Phildalphia del Partito 'democratico' statunitense che ha incoronato Hillary. 

Due sono le questioni più nauseanti della finta sinistra alla Gentiloni sulla corsa presidenziale del regime nord-americano.

1) "L'alternativa è Trump, quindi meglio Clinton". Non è vero esistono altri candidati indipendenti che la sinistra quella vera dovrebbe aiutare e sostenere. Tra tutti Jill Stein, un'alternativa che renderebbe gli Stati Uniti (e quindi il mondo) un posto migliore. Un'altra è Faas Souraya che sui crimini contro l'umanità e i crimini di guerra del suo paese in Siria ha il coraggio di dire questo. Il problema è che gli Stati Uniti non sono una democrazia, ma il regime più sanguinario dalla seconda guerra mondiale ad oggi. Al suo interno non è possibile alcuna forma di cambiamento democratico e quindi questi due nomi non compiaiono mai nei dibattiti televisivi, non hanno i finanziamenti necessari per partecipare ad una competizione che è già decisa dall'inizio. 
Comunque, il ragionamento di partenza tra Killary e Trump dovrebbe essere il contrario: "l'alternativa è Clinton, quindi meglio Trump”.

2) "Hillary è il cambiamento perché è donna". Quante volte l'avete sentito in questo periodo? Quello che è chiaro in questa corsa elettorale è che (k)illary, soprannome nato dalla sadica gestione della Libia da Segretario di Stato, rappresenta oggi il candidato della guerra, il candidato di quei neo-conn che cercano l'apocalisse in Medio Oriente e che vogliono portare la Nato ai confini con la Russia - aprendo scenari potenzialmente apocalittici. Chi ha cuore il futuro del mondo dovrebbe ribellarsi a tutto questo. Dopo Somalia, ex Jugoslavia, Afghanistan, Iraq, Libia, Siria, Ucraina a dare l'ordine della prossima guerra "umanitaria" potrebbe essere una donna. Per questo piace tanto a Laura Boldrini, ai personaggi moralmente più deprecabili come Gentiloni e a tutti coloro che avevano plaudito all'ascesa di Obama, solo perché afro-americano. Obama che poi si è rivelato il presidente che ha utilizzato più di tutti quello che Noam Chomsky ha correttamente definito il "terrorismo occidentale", l'utlizzo indiscriminato dei droni.



Nel gridare “Forza Hillary”, Gentiloni ha urlato al mondo questo: “Forza guerra. Guerra totale in Siria, adesione dell'Ucraina nella Nato e guerra con la Russia, colpi di stato in stile Honduras in tutta l'America Latina.....”. In effetti, ora che ci pensiamo, è proprio la politica estera del Partito 'democratico' (anche quello italiano). 

Alessandro Bianchi
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:

BLA BLA LAND e lo schema "Obama buono e Trump cattivo"

  di Alberto Negri Lo schema "Obama buono e Trump cattivo" è un pò fuorviante: l’accordo con l’Iran funziona a metà da un anno e mezzo perché...
Notizia del:

Se la strage alla moschea in Canada “è colpa di Trump”, allora per la proprieta' transitiva gli attentati in Europa...

  E il Premio Oscar? “Come si può impedire al siriano Raed al-Saleh l’ingresso negli USA quando il film di Clooney “White Helmets” (l’organizzazione “umanitaria”...
Notizia del:

"Deporteremo i clandestini e difenderemo i nostri confini". Trump? No, Bill Clinton (con standing ovation)

Prima di Trump, vi era stato, senza alcuna copertura mediatica, il divieto di ingresso negli Stati Uniti per i rifugiati iracheni varato da parte del presidente Obama e la dichiarazione da parte di quest'ultimo...
Notizia del:

Caso Nola, La sanita' pubblica si salva solo mettendo in discussione l'euro

di Giorgio Cremaschi Ora sulla stampa c'è lo scandalo, il governo e la regione Campania mandano gli ispettori, ma è tutta ipocrisia. Si cerca di presentare la terribile condizione...
Notizia del:     Fonte: http://piccolenote.ilgiornale.it/

Il voto Usa e i fantasmatici hacker russi

da PIccole Note   È stato reso pubblico il rapporto delle agenzie americane che accusa la Russia di aver influenzato, tramite l’hakeraggio di informazioni sensibili, il voto delle...
Notizia del:     Fonte: RT

Ex analista CIA smonta la storia degli attacchi russi: «Trucco propagandistico per screditare Trump»

In queste ore tiene banco il rapporto dell’intelligence statunitense che proverebbe la presunta ingerenza russa nel processo elettorale. Il rapporto è carente di evidenze

  Le maggiori smentite circa i presunti attacchi informatici russi volti ad alterare il risultato delle ultime...
Notizia del:

GENTILONI : ANDREMO AVANTI CON LE RIFORME DI RENZI, CIOÈ LA LIBERALIZZAZIONE DEI LICENZIAMENTI DI MASSA

Quasi 1700 licenziamenti sono stati spiccati da Almaviva, che si prepara a delocalizzare le attività in Romania. Il solo intervento del governo nella vertenza è stato quello di proporre...
Notizia del:

Gli Stati Uniti e la Corsa al Controllo Globale

  di Federico Pieraccini Nel precedente articolo è stata posta particolare attenzione in merito alla definizione di ordine internazionale, al fenomeno della globalizzazione, le teorie...
Notizia del:

Paolo Gentiloni? Un'ombra agli ordini di Renzi

Un concetto che è ben chiaro alla stragrande maggioranza degli italiani, ma che i nostri media mainstream non rendono noto al grande pubblico

di Fabrizio Verde   «Paolo Gentiloni, un’ombra agli ordini di Renzi», questo l’eloquente...
Notizia del:

Gentiloni e la politica estera: il nostro bilancio

"Se vogliamo che tutto rimanga come è, bisogna che tutto cambi. Mi sono spiegato?"  Il Gattopardo Dopo le dimissioni del presidente del Consiglio Matteo Renzi in seguito...
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:

La retorica americana contro la Russia ha seguito negli anni la stessa strategia

Agli aspiranti giornalisti, agli storici, o ai cittadini politicamente impegnati, Gleen Greenwald di The Intercept suggerisce la lettura delle newsletter di IF Stone, un intrepido e indipendente giornalista...
Notizia del:

La tradizione nazista dell'Ucraina golpista

di Fabrizio Poggi Corsa ai fasti del Terzo Reich nel paese più europeista, più democratico, più liberale del vecchio continente, nella terra chiamata a costituire il “vallo...
Notizia del:

Il Nafta ha danneggiato il Messico molto più di quello che potrebbe fare qualsiasi muro

di Mark Weisbrot* Il Presidente Trump difficilmente realizzerà il suo sogno di obbligare il Messico a pagare il muro da lui proposto lungo il confine sud degli Stati Uniti. Se fosse costruito,...
Notizia del:

ROMA: DALL'ASSEDIO DI GAZA ALL'ASSEDIO MEDIATICO

"L'assedio israeliano è anche questo. Forse iniziare a parlarne è il modo per cominciare a romperlo."

Inizia oggi l'Israeli Apartheid Week, una serie di eventi che, ogni anno, si svolgono in oltre 200 città...
Notizia del:     Fonte: AP

"L'opposizione siriana" invita Trump a deporre Assad

L'"opposizione siriana" ha invitato, ieri, il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, a correggere gli errori di Barack Obama in Siria, appoggiato i sedicenti "ribelli" per deporre Assad.

L'Alto Comitato di negoziazione, HNC, guidato da Nasr al-Hariri, ha riferito che spera di convincere l'Amministrazione...
Notizia del:     Fonte: AP

Lettera di Ahmadinejad a Trump: "L'ingerenza continua degli USA ha portato, guerra, divisione e morte"

Nella sua lettera, l'ex presidente iraniano si è riferito alle guerre degli Stati Uniti in Medio Oriente ed ha criticato il veto di Trump sull'immigrazione, che interessa sette paesi a maggioranza musulmana, compreso l'Iran.

I media iraniani, oggi, hanno pubblicato una lettera dell'ex presidente iraniano, Mahmoud Ahmadinejad, all'attuale...
Notizia del:

Studentessa a Romano Prodi: "Lei ha svenduto il nostro futuro e in cambio di cosa?"

Pubblichiamo il video e l'intervento della studentessa di Rethinking economics Bologna indirizzato a Romano Prodi.  di Cristina Re "Salve professore, Sono Cristina di...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa