/ Compiti a casa fatti: Gentiloni a New York urla 'Forza Hillary'

Compiti a casa fatti: Gentiloni a New York urla 'Forza Hillary'

Compiti a casa fatti: Gentiloni a New York urla 'Forza Hillary'
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it

In visita a New York per i lavori di apertura dell'Assemblea Generale delel Nazioni Unite, il ministro (Conte) Gentiloni venerdì 23 settembre era al Consolato italiano di New York. 

Secondo quanto riporta La Voce di New York: “ad un certo punto, proprio alla fine del suo discorso in consolato, Gentiloni ha espresso anche i suoi timori per il responso elettorale del prossimo 8 novembre, quando la situazione politica americana potrebbe cambiare notevolmente in occasione delle elezioni presidenziali che decideranno il successore di Obama. In modo per nulla velato, Gentiloni ha fatto gli scongiuri contro la prospettiva che possa essere eletto il candidato repubblicano Donald Trump, senza mai pronunciarne il nome ma facendolo capire inviando ai presenti un messaggio, forte e chiaro al microfono, affinché tutti sentissero: “Forza Hillary!”

Avete capito bene? “Forza Hillary”, quello che hanno gridato anche altri due rappresentanti delle istituzioni italiane, Laura Boldrini e Maria Elena Boschi, recentemente alla Kermesse di Phildalphia del Partito 'democratico' statunitense che ha incoronato Hillary. 

Due sono le questioni più nauseanti della finta sinistra alla Gentiloni sulla corsa presidenziale del regime nord-americano.

1) "L'alternativa è Trump, quindi meglio Clinton". Non è vero esistono altri candidati indipendenti che la sinistra quella vera dovrebbe aiutare e sostenere. Tra tutti Jill Stein, un'alternativa che renderebbe gli Stati Uniti (e quindi il mondo) un posto migliore. Un'altra è Faas Souraya che sui crimini contro l'umanità e i crimini di guerra del suo paese in Siria ha il coraggio di dire questo. Il problema è che gli Stati Uniti non sono una democrazia, ma il regime più sanguinario dalla seconda guerra mondiale ad oggi. Al suo interno non è possibile alcuna forma di cambiamento democratico e quindi questi due nomi non compiaiono mai nei dibattiti televisivi, non hanno i finanziamenti necessari per partecipare ad una competizione che è già decisa dall'inizio. 
Comunque, il ragionamento di partenza tra Killary e Trump dovrebbe essere il contrario: "l'alternativa è Clinton, quindi meglio Trump”.

2) "Hillary è il cambiamento perché è donna". Quante volte l'avete sentito in questo periodo? Quello che è chiaro in questa corsa elettorale è che (k)illary, soprannome nato dalla sadica gestione della Libia da Segretario di Stato, rappresenta oggi il candidato della guerra, il candidato di quei neo-conn che cercano l'apocalisse in Medio Oriente e che vogliono portare la Nato ai confini con la Russia - aprendo scenari potenzialmente apocalittici. Chi ha cuore il futuro del mondo dovrebbe ribellarsi a tutto questo. Dopo Somalia, ex Jugoslavia, Afghanistan, Iraq, Libia, Siria, Ucraina a dare l'ordine della prossima guerra "umanitaria" potrebbe essere una donna. Per questo piace tanto a Laura Boldrini, ai personaggi moralmente più deprecabili come Gentiloni e a tutti coloro che avevano plaudito all'ascesa di Obama, solo perché afro-americano. Obama che poi si è rivelato il presidente che ha utilizzato più di tutti quello che Noam Chomsky ha correttamente definito il "terrorismo occidentale", l'utlizzo indiscriminato dei droni.



Nel gridare “Forza Hillary”, Gentiloni ha urlato al mondo questo: “Forza guerra. Guerra totale in Siria, adesione dell'Ucraina nella Nato e guerra con la Russia, colpi di stato in stile Honduras in tutta l'America Latina.....”. In effetti, ora che ci pensiamo, è proprio la politica estera del Partito 'democratico' (anche quello italiano). 

Alessandro Bianchi
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:     Fonte: WikiLeaks

WikiLeaks ha pubblicato una lettera di Hillary Clinton dove riconosce che il Qatar e l'Arabia Saudita sostengono l'ISIS

In una lettera al consigliere dell'ex Presidente Barack Obama, John Podesta, l'ex Segretario di Stato degli Stati Uniti Hillary Clinton del 2014, proponeva di esercitare pressioni su Qatar e Arabia Saudita per porre fine al sostegno dei terroristi.

Il Qatar ha sostenuto, insieme all'Arabia Saudita, i terroristi dell'ISIS con il supporto finanziario...
Notizia del:

Manlio Dinucci - La psicosi di Torino e il "Disarmo" nucleare di Gentiloni

  di Manlio Dinucci    La scena della folla presa dal panico in piazza San Carlo a Torino, con drammatiche conseguenze, è emblematica della nostra situazione. La psicosi...
Notizia del:     Fonte: Wikileaks - Hispantv - Al Masdar news

Wikileaks rivela come Google ha aiutato al Qaeda in Siria

Google ha aiutato al-Qaeda e altri gruppi salafiti per rafforzare il conflitto in Siria gruppi; Wikileaks ha rivelato in che modo.

Documenti segreti ed e-mail pubblicate dal sito Wikileaks mostrano  l'allora direttore di Google Ideas,...
Notizia del:     Fonte: Al Masdar- Wikileaks

2012, il consigliere di Hillary Clinton dichiarò: "Al Qaeda è dalla nostra parte in Siria"

L'ex consigliere politico di Hillary Clinton, candidata alle presidenziali nel 2016, come ha svelato Wikileaks, ieri, dichiarò che al Qaeda è dalla parte degli Stati Uniti in Siria.   "AQ...
Notizia del:

BLA BLA LAND e lo schema "Obama buono e Trump cattivo"

  di Alberto Negri Lo schema "Obama buono e Trump cattivo" è un pò fuorviante: l’accordo con l’Iran funziona a metà da un anno e mezzo perché...
Notizia del:

Se la strage alla moschea in Canada “è colpa di Trump”, allora per la proprieta' transitiva gli attentati in Europa...

  E il Premio Oscar? “Come si può impedire al siriano Raed al-Saleh l’ingresso negli USA quando il film di Clooney “White Helmets” (l’organizzazione “umanitaria”...
Notizia del:

"Deporteremo i clandestini e difenderemo i nostri confini". Trump? No, Bill Clinton (con standing ovation)

Prima di Trump, vi era stato, senza alcuna copertura mediatica, il divieto di ingresso negli Stati Uniti per i rifugiati iracheni varato da parte del presidente Obama e la dichiarazione da parte di quest'ultimo...
Notizia del:

Caso Nola, La sanita' pubblica si salva solo mettendo in discussione l'euro

di Giorgio Cremaschi Ora sulla stampa c'è lo scandalo, il governo e la regione Campania mandano gli ispettori, ma è tutta ipocrisia. Si cerca di presentare la terribile condizione...
Notizia del:     Fonte: http://piccolenote.ilgiornale.it/

Il voto Usa e i fantasmatici hacker russi

da PIccole Note   È stato reso pubblico il rapporto delle agenzie americane che accusa la Russia di aver influenzato, tramite l’hakeraggio di informazioni sensibili, il voto delle...
Notizia del:     Fonte: RT

Ex analista CIA smonta la storia degli attacchi russi: «Trucco propagandistico per screditare Trump»

In queste ore tiene banco il rapporto dell’intelligence statunitense che proverebbe la presunta ingerenza russa nel processo elettorale. Il rapporto è carente di evidenze

  Le maggiori smentite circa i presunti attacchi informatici russi volti ad alterare il risultato delle ultime...
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:

CETA. Ecco i nomi dei senatori che lo hanno votato

Una nuova pagina nera per la sovranità italiana

Il Senato della Repubblica approva il CETA. Una nuova pagina nera per la sovranità italiana, soprattutto...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

Minacce USA alla Siria, per la Russia "inammissibili". Secondo l'Iran favoriscono l'ISIS

Il Cremlino ha definito 'inaccettabili' le minacce degli Stati Uniti contro la Siria con il pretesto di presunti preparativi per effettuare una 'attacco chimico' da parte di Damasco. L'Iran le ha definite un favore di Washington all'ISIS mentre va verso un'imminente sconfitta.

"Naturalmente, riteniamo inaccettabili le minacce di questo tipo contro il governo legittimo della Siria",...
Notizia del:

Ministro del governo golpista ucraino a Roma si rifiuta di rispondere a un giornalista russo

  Fate questo piccolo e breve esperimento con noi. Pensate a quello che potrebbe accadere se oggi il ministro degli esteri della Bielorussia fosse in visita ufficiale a Roma, incontrasse il nostro...
Notizia del:

VIDEO. Il presidente siriano Assad visita i soldati feriti ad Hama

Il Presidente siriano Assad, insieme alla famiglia, ha fatto visita questo lunedì ai soldati feriti nella provincia di Hama. Presenti anche molti familiari dei martiri della guerra di aggressione...
Notizia del:

Alberto Bagnai e 12 minuti di chiarezza sulla crisi bancarie e sulle soluzioni mancate

  dodici minuti di chiarezza sulla crisi bancarie e sulle soluzioni mancate https://t.co/x9hlzyfIqV — nero (@federiconero) 27 giugno 2017 "Il problema è politico"....
Notizia del:

Perché Saif al Islam Gheddafi è l'unica alternativa credibile per la Libia

Sei anni dopo il rovesciamento e l'assassinio di Muammar Gheddafi, la questione dell'unificazione rimane vitale in Libia. Saif al Islam sembra essere l'unica alternativa credibile per evitare il collasso totale della Libia

In seguito all'uccisione del leader libico Muammar Gheddafi avvenuta il 20 ottobre 2011 per mano di quei...
Notizia del:

La storia di sempre... Gli USA, senza prove, prevedono un "altro" attacco chimico dell'esercito siriano

La Casa Bianca ha pubblicato un documento senza offrire prove, nel quale si sostiene che il governo del presidente siriano Bashar al-Assad sta preparando un nuovo attacco chimico.

Un lupo vide un agnello vicino a un torrente che beveva, e gli venne voglia di mangiarselo con qualche bel pretesto. Standosene...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa