/ Con Trump, "Repubblica" sveste i panni del politically correct e ...

Con Trump, "Repubblica" sveste i panni del politically correct e si prepara al peggio

Con Trump, Repubblica sveste i panni del politically correct e si prepara al peggio
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it



Al di sotto delle aspettative (dei media mainstream) le mobilitazioni contro l’insediamento di Trump a Presidente degli Stati Uniti. A Washington (dove pure la manifestazione era percepita come un “must”, e cioè un evento imperdibile perché osannato da tutti i media) i “milioni di partecipanti” della vigilia si sono ridotti a qualche centinaio di migliaia. Ancora peggio in Italia dove - con buona pace di “Repubblica” che le aveva per giorni strombazzate - le manifestazioni di Roma e di Milano hanno raccolto appena qualche decina di persone.




Che altro dire sulle reazioni all’insediamento di Trump?


Ben poco, considerando tutto quello che già è stato scritto sulla ipocrisia di chi oggi, a “sinistra”, si schiera contro Trump non avendo detto una parola sulle guerre di Obama, limitandosi a enfatizzare le sue presunte “conquiste democratiche” (ad esempio, quel “Obama Care” che eroga soldi pubblici per favorire la Sanità privata). E si rischia di annoiare anche riportando le odierne dichiarazioni a Davos di Soros o Christine Lagarde così uguali a quelle di tanti altri pescecani della Finanza, disperati non certo per quello che il miliardario Trump dice, ma per le aspettative popolari che la sua elezione può scatenare.


Meglio, quindi, limitarsi a riportare un davvero sconcertante articolo di Repubblica che plaude (“Una pioggia di "brava" sui social network, dove viene incoronata come uno di quei capi da cui gli altri dovrebbero imparare") a Donna Carpenter – miliardaria e padrona di calzaturifici nel Vermont – che ha imposto ai suoi operai (rimborsando le spese) di andare a Washington a manifestare contro Trump. Praticamente la stessa cosa che aveva proposto - due mesi fa - il Governatore Vincenzo de Luca, ai padroni della Sanità privata in Campania in occasione del Referendum di Renzi.
 

E dire che, allora, fu proprio Repubblica a gridare allo scandalo. Evidentemente, oggi il quotidiano di De Benedetti – perso il Referendum e persi i burattinai di Washington – si sfila la veste politically correct e si prepara al peggio.

 

Francesco Santoianni

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da I media alla guerra
Notizia del:

Saviano, le navi delle Ong e le "rivoluzioni colorate"

“Il Venezuela, come il Cile di Pinochet, che i migranti li vorrebbe morti in fondo al mare”. Non è certo la prima volta che Roberto Saviano – icona della sinistra sushi&spumantino...
Notizia del:

L' “Armada” perduta, Yeonmi Park, Hyeonseo Lee e tutte le esilaranti bufale sulla Corea del Nord

"Ma perchè? Ci sono borse di Chanel nella Corea del Nord?” comincia a franare con questa domanda – posta dalla giornalista investigativa Mary Ann Jolley - la leggenda di ...
Notizia del:

Il video che smaschera la bufala di Idlib

Il “Sarin di Assad” a Idlib nell’aprile 2017: una bufala che rischia di scatenare la Terza Guerra mondiale (e/o far vincere un altro Premio Oscar a George Clooney e ai suoi White Helmets)....
Notizia del:

Bambini intenzionalmente uccisi dai “ribelli siriani” per rendere più convincenti i loro video

Strage di  Idlib. Bambini intenzionalmente uccisi dai “ribelli siriani” per rendere più convincenti i loro video da rifilare ai media occidentali?  La risposta è si....
Notizia del:

Idlib: le foto che i media non vi hanno fatto vedere perché mostrano la verità

  “Bombardamento con armi chimiche di un ospedale a Idlib.” Questa la versione dei “ribelli siriani” e di tutta la stampa mainstream della strage di Idlib, (incredibilmente,...
Notizia del:

La bufala di "Igor il russo": non solo russofobia, è strategia di controllo sociale

Forse per i media mainstream ci sarebbe stato qualcosa di più sensato da fare che alimentare la saga di "Igor il russo", evaso dal carcere di massima sicurezza di Frosinone e accusato...
Notizia del:

Le bufale che spianano la guerra contro la Corea smontate in due minuti

Talmente inverosimili da svanire nel giro di qualche giorno o di qualche ora, le bufale contro Kim Jong-un sono, da anni, un tormentone dei media mainstream. Perché? Sostanzialmente perché,...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa