/ Con Trump, "Repubblica" sveste i panni del politically correct e ...

Con Trump, "Repubblica" sveste i panni del politically correct e si prepara al peggio

Con Trump, Repubblica sveste i panni del politically correct e si prepara al peggio
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it



Al di sotto delle aspettative (dei media mainstream) le mobilitazioni contro l’insediamento di Trump a Presidente degli Stati Uniti. A Washington (dove pure la manifestazione era percepita come un “must”, e cioè un evento imperdibile perché osannato da tutti i media) i “milioni di partecipanti” della vigilia si sono ridotti a qualche centinaio di migliaia. Ancora peggio in Italia dove - con buona pace di “Repubblica” che le aveva per giorni strombazzate - le manifestazioni di Roma e di Milano hanno raccolto appena qualche decina di persone.




Che altro dire sulle reazioni all’insediamento di Trump?


Ben poco, considerando tutto quello che già è stato scritto sulla ipocrisia di chi oggi, a “sinistra”, si schiera contro Trump non avendo detto una parola sulle guerre di Obama, limitandosi a enfatizzare le sue presunte “conquiste democratiche” (ad esempio, quel “Obama Care” che eroga soldi pubblici per favorire la Sanità privata). E si rischia di annoiare anche riportando le odierne dichiarazioni a Davos di Soros o Christine Lagarde così uguali a quelle di tanti altri pescecani della Finanza, disperati non certo per quello che il miliardario Trump dice, ma per le aspettative popolari che la sua elezione può scatenare.


Meglio, quindi, limitarsi a riportare un davvero sconcertante articolo di Repubblica che plaude (“Una pioggia di "brava" sui social network, dove viene incoronata come uno di quei capi da cui gli altri dovrebbero imparare") a Donna Carpenter – miliardaria e padrona di calzaturifici nel Vermont – che ha imposto ai suoi operai (rimborsando le spese) di andare a Washington a manifestare contro Trump. Praticamente la stessa cosa che aveva proposto - due mesi fa - il Governatore Vincenzo de Luca, ai padroni della Sanità privata in Campania in occasione del Referendum di Renzi.
 

E dire che, allora, fu proprio Repubblica a gridare allo scandalo. Evidentemente, oggi il quotidiano di De Benedetti – perso il Referendum e persi i burattinai di Washington – si sfila la veste politically correct e si prepara al peggio.

 

Francesco Santoianni

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da I media alla guerra
Notizia del:

Iniziative contro la guerra: è giunto il momento di ripartire

  Finalmente, dopo quella alla Libia, alla Siria, allo Yemen, al Donbass... la parola “guerra” campeggia sullo striscione di apertura di una manifestazione nazionale. A Roma, al corteo...
Notizia del:

La bufala di Caesar sui "crimini di Assad" a cui crede ormai solo Formigli

La grottesca puntata di Piazza Pulita che ha cercato di convincere Razzi (e gli spettatori) dei “crimini di Assad” affidandosi al libro flop “La Macchina della Morte”

  Già Primo Premio Bufala 2016, la trasmissione “Piazza pulita” di Corrado Formigli continua...
Notizia del:

Emma Bonino e la bufala dei 160.000 migranti da  importare ogni anno in Italia

  Ogni anno l’ingresso di 160.000 migranti: per mantenere in piedi il nostro sistema pensionistico e compensare l'invecchiamento della popolazione italiana. È la predica di Emma...
Notizia del:

Strage di Londra: chi semina terrorismo raccoglie terrorismo

  Mentre si aggrava di ora in ora il bilancio dell’attentato di Londra e il Site (dell’israeliana Rita Katz) diffonde ai media i suoi celebrati Report finalizzati a promuovere nuove...
Notizia del:

Razzi, Schiumano di rabbia i Signori della Guerra

Schiumano di rabbia i Signori della Guerra e i loro pennivendoli davanti ai tanti parlamentari, giornalisti, uomini di cultura, opinione leader... che oggi fanno la fila per incontrare un Assad fino a...
Notizia del:

"Left" e la Siria: il pulpito e la predica

Forse, prima di soffermarsi sulla Predica, vale la pena di dare una occhiata al Pulpito. Che non si direbbe particolarmente prestigioso. Anzi, a leggere la voce di Wikipedia dedicata al settimanale Left ...
Notizia del:

“Dicono che do il microfono e la telecamera ai membri di al-Qaeda? Certo che lo faccio!"

  Ma cosa volete di più?   Bilal Abdul Kareem: "Do I give a microphone, and a camera, to al-Qaeda members? Yes I do!" pic.twitter.com/Zkn8eW93Nm — Navstéva...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa