/ Così la Gran Bretagna ha finanziato "l'opposizione moderata armat...

Così la Gran Bretagna ha finanziato "l'opposizione moderata armata" della Siria (i terroristi dal volto umano)

Così la Gran Bretagna ha finanziato l'opposizione moderata armata della Siria (i terroristi dal volto umano)
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
 Un documento prodotto lo scorso dicembre dal Foreign Office britannio, "Aiuti non-umanitari del Regno Unito in risposta al conflitto in Siria", risulta una lettura molto interessante.

Il governo britannico, si legge, ha speso "oltre 100 milioni di sterline" dal 2012 ", lavorando a stretto contatto con una serie di attori" per "trovare una soluzione politica al conflitto e si prepara a ricostruire il paese nell'era post Assad". 

"I nostri sforzi ... includono fornire più di 67 milioni di £ di sostegno per l'opposizione siriana".

 Uno degli "attori" che beneficia di buona parte del denaro dei contribuenti britannici è la Coalizione Nazionale Siriana il cui sito web afferma, in "Missione e obiettivi":

"La coalizione farà tutto quanto in suo potere per raggiungere l'obiettivo di rovesciare il regime di Assad ..." e " stabilire un governo di transizione ..." .

Così il governo britannico sta apertamente sostenendo il rovesciamento illegale di un altro governo sovrano.

 Tutto questo ricorda la storia del Congresso nazionale iracheno di Ahmed Chalabi e l'Iraq National Accord di Iyad Allawi,  sostenuti dai governi britannico e statunitense per rovesciare Saddam Hussein. Washington e l'occidente impareranno mai dai loro crimini? O  la distruzione delle società civili, l'aggressione nazista, i rovesciamenti illegali e fiumi di sangue sono la loro ragion d'essere?

Per inciso, la contabilità del Foreign Office comprende: "più di £ 29 milioni per ridurre l'impatto del conflitto sulla regione."  Smetterla di sganciare bombe britanniche sarebbe sicuramente il modo più pratico per farlo - così come persuadere i loro "partner di coalizione" a fare lo stesso. 

 Il documento del governo britannico informa anche che:

"Ad oggi, ci sono più di 2.700 volontari in 110 stazioni di protezione civile in tutta la Siria settentrionale, addestrati ed equipaggiati con l'aiuto di finanziamenti britannici ... I 'Caschi Bianchi' come sono più comunemente noti ..." che operano solo nelle aree controllate 'dall'opposizione moderata'.

 "I caschi bianchi" hanno già beneficiato di 23 milioni di dollari dagli Stati Uniti, secondo il portavoce del Dipartimento di Stato, Mark Toner (27 Apr 2016) e quattri milioni di euro da parte del governo dei Paesi Bassi. La scorsa settimana la Germania ha annunciato che aumenterà la donazione di quest'anno a € 7 milioni. 

Una grande quantità di denaro, a quanto pare, concessa ad un gruppo fondato da un cittadino inglese, James Le Mesurier, che opera in un paese sovrano e che si autodefinisce la Protezione Civile siriana. Eppure non hanno nemmeno un numero di telefono di emergenza. Come Vanessa Beeley ha fatto notare in numerosi scritti sul tema, la vera Protezione Civile Siriana è stata istituito nel 1953, è un membro dell'Organizzazione Protezione Civile Internazionale i cui partner includono il Dipartimento delle Nazioni Unite per gli affari umanitari - e, come tutte i servizi di emergenza nazionali ha un numero di telefono: 113.

La discutibile munificenza del Regno Unito si estende anche a: "... lavorare con gli altri donatori internazionali per stabilire e costruire la Polizia siriano libera (FSP) una forza di polizia moderata nelle zone controllate dall'opposizione ...". Disperdere la polizia, l'esercito, tutte le strutture di Stato, il fantasma dell'Iraq che ritorna.

Già lo scorso maggio, invece, il Guardian aveva documentato come il Regno Unito stesse spendendo milioni di sterline per finanziare le operazioni mediatiche della cossiddetta "opposizione moderata siriana" nel contesto di quello che l'e premier David Cameron definiva "propaganda di guerra" contro lo Stato islamico.

Il servizio stampa è controllato dal Ministero della Difesa del Regno Unito e ha lo scopo di produrre video, foto, rapporti militari, programmi radiofonici, e post sui social network con il logo dei gruppi di opposizione al fine di migliorare l'immagine delle fazioni ribelli che il governo britannico considera "opposizione armata moderata". 
 
I materiali vengono fatti circolare sui media radiotelevisivi arabi e pubblicati on-line senza alcuna indicazione del coinvolgimento del governo britannico.
 
Attraverso il Conflict and Stability Fund,  Londra ha speso 2,4 milioni di sterline a "supporto alle operazioni mediatiche e alla comunicazione strategica  dell'opposizione siriana moderata",  scrive il Guardian che ha potuto consultare i documenti relativi al progetto.

L'operazione del Regno Unito a servizio di questi gruppi è iniziata dopo che il governo britannico non è riuscito a convincere il Parlamento a sostenere l'azione militare contro il presidente siriano Bashar Assad. Così, nell' autunno del 2013, il Regno Unito ha deciso di agire dietro le quinte per influenzare il corso della guerra in Siria, in particolare plasmando la percezione dei gruppi di opposizione.

 Questa operazione di comunicazione è fornita ai gruppi Harakat Hazm e Jaysh al-Islam, sospettati di ricevere sostegno militare e finanziario dagli Stati Uniti e l'Arabia Saudita. Tuttavia, la Russia, che ha sempre chiesto un chiarimento del termine "opposizione moderata" , ha elencato questi gruppi nella sua lista delle organizzazioni terroristiche. Il ministero degli Esteri russo ha più volte detto di non riuscire a classificare i terroristi in "buoni" e "cattivi". Human Rights Watch ha identificato Jaysh al-Islam come i probabili rapitori di quattro attivisti per i diritti umani nel dicembre 2013.

L'operazione è parte di un più ampio sforzo di propaganda incentrato sulla Siria, con altri elementi destinati a promuovere "i valori moderati della rivoluzione" e contribuire a plasmare un senso di identità nazionale siriano che respingere sia il governo di Assad che l'ISIS, spiega il Guardian.
 
Il contratto per sostenere l'opposizione armata moderata è stato brevemente detenuto dalla Regester Larkin, una società di consulenza di comunicazione internazionale guidata da un ex tenente colonnello dell'esercito britannico che aveva anche lavorato come specialista di comunicazione strategica presso il Ministero della Difesa.L'ex ufficiale ha poi creato la Innovative Communications & Strategies, o InCoStrat, che ha rilevato il contratto a partire da novembre 2014.
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:     Fonte: Al MAsdar News

VIDEO. Esercito siriano e Hezbollah prendono il controllo della frontiera tra Siria e Libano

Come riporta il portale di informazione, 'Al Masdar News', per la prima volta dal 2011, Esercito siriano e Hezbollah hanno il pieno controllo dell'intero confine siriano-libanese.   L'esercito...
Notizia del:     Fonte: Al Masdar News

FOTO. Convoglio militare USA entra in Siria attraverso l'Iraq

Come riporta e documenta 'Al Masdar-News', un convoglio militare statunitense composto da diversi veicoli blindati, è entrato in Siria dal confine iracheno, arrivando questa mattina nella...
Notizia del:     Fonte: https://www.cia.gov

Documenti della CIA rivelano: Gli USA già programmavano di distruggere la Siria nel 1983

Un documento della CIA declassificato ha rivelato le trame ordite dagli Stati Uniti nel 1983 per distruggere la Siria e rovesciare il padre dell'attuale presidente siriano. Con le stesse pratiche adottate poi nel 2011.

Un documento declassificato della CIA, ha rivelato i piani di Washington, nel 1983, per rovesciare il governo...
Notizia del:     Fonte: The Guardian

Dopo l'incontro con Assad, il Consiglio d'Europa rimuove parlamentare spagnolo

L'Assemblea parlamentare del Consiglio d'Europa (PACE) ha ritirato la fiducia al senatore spagnolo Pedro Agramunt come presidente dell'organismo dopo il suo incontro con il presidente siriano.

Come ha riferito ieri il Consiglio d'Europa, Il PACE, (Assemblea parlamentare del Consiglio d'Europa) ha...
Notizia del:

"Forte supporto alla sovranità e all'integrità territoriale della Siria". Comunicato congiunto dei paesi BRICS

Visakhapatnam, 12 aprile 2017 da mid.ru Traduzione di Lorenzo Battisti per Marx21.it Riteniamo importante pubblicare questo comunicato congiunto diffuso da rappresentanti dei cinque paesi...
Notizia del:

Saviano e i "Caschi Bianchi": Lettera aperta ad "Amici"

Gentile redazione di Amici, Apprendiamo con stupore che l’onnipresente Roberto Saviano utilizzerà la trasmissione "Amici" di questa sera per un ennesimo panegirico degli Elmetti...
Notizia del:     Fonte: http://www.mid.ru

"Incoerenze evidenti": Mosca mette in discussione le accuse della Francia sull'uso di armi chimiche in Siria

Il ministero degli Esteri russo ha ribadito ancora una volta che l'unica possibilità di trovare la verità è che l'OPCW conduca un'indagine.

La Russia ha messo in discussione l'integrità di un rapporto dell'intelligence francese che ripete...
Notizia del:     Fonte: TASS

Russia, Ministero degli Esteri: "I Caschi Bianchi danno appoggio ai terroristi in Siria"

La portavoce del ministero degli Esteri russo, María Zajárova, ha denunciato le attività dell'organizzazione nella Repubblica araba.

"I soccorritori volontari dell'organizzazione 'Caschi Bianchi' che operano in Siria stanno sostenendo...
Notizia del:     Fonte: Hispantv - TASS - Reuters

La Russia condanna gli attacchi di Israele contro la Siria. E Damasco promette una risposta rapida

Il governo russo ha messo in guardia Israele sugli attacchi aerei contro Damasco, mentre la Siria ha promesso una rapida risposta a tale aggressione.

Il portavoce del presidente russo, Dmitri Peskov, ha dichiarato, oggi, che Mosca mette in guardia da qualsiasi...
Notizia del:     Fonte: Sana.sy

Assad: " Per gli USA, in Siria come in Venezuela, chiunque serva i suoi interessi e pratichi il terrorismo, è un 'oppositore', un 'moderato' un combattente per la libertà"

In un'intervista concessa a 'Telesur', il Presidente siriano Bashar al Assad, tra i veri argomenti affrontati, ha analizzato anche gli ultimi eventi in Venezuela e la strategia di destabilizzazione ordita dagli USA, già attuata in Siria nel 2011.

  Qui, il testo originale dell'intervista   Domanda 1:   Partiamo dai fatti più...
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:

Pepe Mujica: "La radicalizzazione di Almagro nell'Osa non è un pericolo solo per il Venezuela ma per tutta l'America Latina"

In un'intervista molto lunga e molto bella (si consiglia la lettura integrale) rilasciata a Caras y Careta, l'ex presidente dell'Uruguay Pepe Mujica ha rilasciato queste parole sulla situazione...
Notizia del:

Caracas. Ammissione shock di una dirigente opposizione: «Se Voluntad Popular potesse, brucerebbe oggi stesso il Venezuela»

Voluntad Popular è il partito il cui leader Leopoldo Lopez è incarcerato per i fatti violenti del 2014

di Fabrizio Verde   «Se potessero bruciare il Venezuela oggi stesso, lo farebbero», crolla...
Notizia del:

Il momento esatto in cui la polizia del regime brasiliano lancia una bomba lacrimogena contro un deputato in un comizio

  Un video di Ronaldo Parra diffuso da Ninja Medios mostra il momento esatto in cui la polizia militare brasiliana ha lanciato una bomba lacrimogena contro il deputato di Rio de Janeiro,...
Notizia del:     Fonte: The Guardian - Turkey Blocks

La Turchia blocca l'accesso a Wikipedia

Un gruppo turco di monitoraggio del web ha riferito che Ankara ha bloccato tutti gli accessi all'interno del paese all'enciclopedia online Wikipedia, una misura che segue l'ondata di repressione del governo contro l'opposizione e il dissenso.

Turkey Blocks, che si definisce un "progetto di trasparenza digitale" indipendente,  in un comunicato,...
Notizia del:     Fonte: Al Masdar News

Yemen, al Qaeda annuncia la sua disponibilità ad unirsi all'Arabia saudita per combattere Ansarollah

Il ramo yemenita del gruppo terroristico al Qaeda ha annunciato al sua disponibilià a combattere a fianco dell'Arabia Saudita contro Ansarollah.

Come riportato dal portale Al-Masdar News, il leader di Al Qaeda nella penisola arabica (AQAP), Qasim al-Raymi,...
Notizia del:

Manlio Dinucci - Italia «a testa alta» nelle spese per la guerra

  di Manlio Dinucci (il manifesto, 30 aprile 2017)    «L'Italia partecipa a testa alta all'Alleanza Atlantica, nella quale è il quinto maggiore contributore,...
Notizia del:

Capriles contro Papa Francesco: leader dell'opposizione venezuelana rifiuta la richiesta di dialogo del Pontefice

Il leader dell'opposizione venezuelana Henrique Capriles ha rifiutato l'offerta di papa Francisco per riattivare il dialogo con il governo del Presidente Nicolás Maduro. Lo riporta...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa