/ Iran: Gli europei non dovrebbero avere paura degli Stati Uniti

Iran: Gli europei non dovrebbero avere paura degli Stati Uniti

Iran: Gli europei non dovrebbero avere paura degli Stati Uniti
 

In un'intervista rilasciata a France 24, il viceministro dell'Economia iraniano ha dichiarato che l'Iran è rimasto fedele all'accordo sul nucleare, il piano globale di azione congiunta e ha arricchito gli scambi economici con il mondo.

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
"Siamo impegnati a rimanere nel patto nucleare, ma ammettiamo che il livello degli investimenti stranieri in Iran da quando l'accordo è in vigore è stato inferiore alle aspettative", ha dichiarato Mohammad Khazai, viceministro dell'Economia iraniano, durante un'intervista rilasciata a 'France 24'.
 
"Il piano globale di azione comune è", ha spiegato Khazai, "un accordo firmato tra l'Iran ed i sei membri permanenti del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite. Questo è un accordo la cui conformità è resa obbligatoria da una risoluzione delle Nazioni Unite. La procrastinazione nella sua realizzazione deve essere evitata e il ritiro dell'accordo non è possibile."
 
"Fortunatamente, gli stati europei, inclusa la Francia, hanno prestato il loro sostegno all'accordo di Ginevra. Finché c'è un tale sostegno unanime, non siamo preoccupati per il futuro dell'accordo ", ha affermato Khazai.
 
Alla domanda sull'effetto delle minacce statunitensi sugli investimenti stranieri in Iran, Kharzai che è stato l'ambasciatore delle Nazioni Unite dell'Iran ha precisato: "Le minacce di Trump creano instabilità. Questo è ciò che dobbiamo considerare. Ma, a dire il vero, abbiamo imparato a convivere con l'ostilità degli Stati Uniti, che ha perso la sua influenza."
 
Il presidente del comitato per gli investimenti sperava che l'interazione con i paesi di tutto il mondo potesse contribuire a promuovere lo scambio economico con loro.
 
Alla domanda su un possibile ritorno dell'Iran al tavolo dei negoziati sul suo programma balistico per soddisfare Trump ed evitare un nuovo treno di sanzioni, ha ribadito che "questa domanda dovrebbe essere posta al capo della diplomazia Mohammad Javad Zarif. Ma è evidente tutto ciò che l&#
39;Iran fa, non mira affatto a soddisfare i desideri di Trump."
 
Inoltre, ha aggiunto che "i paesi europei ora privilegiano i propri interessi rispetto a quelli degli Stati Uniti, e questo è un segnale positivo. In effetti, paesi come Francia e Italia intendono seguire i loro scambi con l'Iran. Diversi paesi asiatici ed europei hanno espresso interesse a investire in Iran. Tuttavia, è ammesso che il livello degli investimenti stranieri in Iran dopo l'accordo nucleare è ancora al di sotto delle aspettative. "
 
I contratti firmati negli ultimi anni ammontano a 24 miliardi di dollari. "L'Iran ha già concluso accordi di finanziamento con Francia, Danimarca, Italia, Austria, Corea del Sud e Cina. La situazione sembra migliorare dal 2015, anno della firma dell'accordo nucleare. Tuttavia, per un cambio di marcia, è necessario un nuovo veicolo finanziario. Ne discutiamo a Parigi con la Public Investment Bank [Bpifrance] e il governo", ha aggiunto.
 
Non temete che gli investitori stranieri si ritirino dai loro progetti sotto la pressione americana, ha chiesto il giornalista della Francia 24. Khazai ha risposto: "I progetti stanno progredendo al loro ritmo, finora non abbiamo registrato alcun ritiro a seguito delle minacce americane. Washington continua con le sue minacce, ma la situazione è cambiata. "
 
Riguardo alla recente crisi in Iran e al suo impatto sul settore economico, ha affermato: "Una delle priorità dell'Iran è ascoltare le critiche del popolo ... Questa crisi non è una novità in sé. Questo potrebbe accadere in qualsiasi parte del mondo e specialmente in Francia. Ciò non ha avuto alcun impatto significativo sui nostri scambi economici e il malcontento economico o sociale rimane relativo. Certo, non tutto è perfetto nel paese: il che non sorprende considerando gli anni delle sanzioni. Ma il governo sta stabilizzando la situazione e sta lavorando per affrontare l'inflazione e la povertà. "
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Fonte: France 24
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:     Fonte: TASS - Interfax

Mosca: "La crisi del Ghouta orientale è colpa di chi sostiene i terroristi"

I terroristi non permettono ai civili di lasciare le aree sotto il loro controllo, impedendo l'operazione del corridoio umanitario, secondo il Centro russo per la riconciliazione delle parti in conflitto in Siria.

"La responsabilità della situazione nel Ghouta Orientale(sobborgo di Damasco) è di coloro...
Notizia del:     Fonte: RT

"L'obiettivo della risoluzione proposta all'ONU è rovesciare il governo siriano"

Le delegazioni di Svezia e Kuwait hanno presentato all'ONU una bozza di risoluzione sull'introduzione di un cessate il fuoco per 30 giorni in Siria, per la Russia è solo una proposta per rovesciare il governo siriano.

L'obiettivo della risoluzione proposta all'ONU sembra essere il rovesciamento del governo siriano, ha...
Notizia del:

USA, ricerca rivela che sotto la presidenza Trump sono cresciuti i gruppi neonazisti

Nel 2017 c’erano 954 gruppi d'odio nel paese, un aumento del 4 percento rispetto all'anno precedente quando il numero è aumentato del 2,8 percento, ha dichiarato l'osservatorio dei diritti civili nel suo censimento annuale di tali gruppi

da teleSUR   Il numero di gruppi di odio degli Stati Uniti è aumentato per il terzo anno consecutivo,...
Notizia del:

Crisi umanitaria in Venezuela? Solo una fake news, afferma esperto dell'ONU

L'avvocato e storico statunitense Alfred de Zayas, esperto nel campo dei diritti umani, ha messo in guardia sull'uso del termine crisi umanitaria per intervenire in Venezuela e rovesciare l'attuale governo

di Fabrizio Verde   «Ho comparato le statistiche del Venezuela con quelle di altri paesi e non...
Notizia del:     Fonte: The Jerusalem Post

Israele prevede la guerra nel Golan nel 2018 per i progressi dell'esercito siriano

In mezzo a tensioni crescenti in Medio Oriente, un alto generale delle forze armate di Israele, ha messo in guardia contro la "crescente possibilità di una guerra" sulle alture del Golan seguito i progressi dell'esercito siriano contro i gruppi estremisti e "ribelli".

In dichiarazioni rilasciate durante un'intervista alla radio dell'esercito, il comandante delle operazioni...
Notizia del:

Viola Carofalo (Potere al Popolo) a Pagina12: «Il Venezuela nostra principale fonte d'ispirazione»

La giovane ricercatrice universitaria di Napoli è stata nominata "capo politico" del nuovo partito della sinistra italiana, Potere al Popolo, che cercherà di emulare i suoi pari di Spagna e Francia alle elezioni generali del 4 marzo

di Federico Larsen - Pagina12   Il suo movimento è stato accolto in Europa come la rinascita...
Notizia del:     Fonte: https://www.israelnationalnews.com

VIDEO. Ministro israeliano: L'ISIS non è una minaccia strategica per Israele

Il ministro dell'Economia israeliano Naftali Bennett ammette che Tel Aviv non ha mai visto il gruppo terroristico ISIS (Daesh in arabo) come una "minaccia esistenziale o strategica" e crede che la distruzione di questo gruppo potrebbe rafforzare la posizione dell'Iran in Siria e in Iraq.

"Non abbiamo mai visto l'ISIS come una minaccia esistenziale o strategica, (e) non si dovrebbe rimuovere...
Notizia del:     Fonte: Ruptly - Al Masdar News

VIDEO. 'Afrin è siriana' I commenti dei residenti sulle relazioni tra YPG e governo siriano

La popolazione di Afrin ha commentato le ultime indiscrezioni sul possibile accordi tra le YPG e l'esercito siriano per combattere l'offensiva turca.

I residenti di Afrin nel nord-ovest della Siria, hanno commentatole recenti indiscrezioni, secondo le quali,...
Notizia del:     Fonte: Haaretz

Israele fornisce armi e denaro a 7 gruppi "ribelli" in Siria

Un rapporto dettagliato pubblicato oggi dal quotidiano israeliano 'Harretz', rivela come il regime israeliano sta inviando denaro, armi e munizioni a sette gruppi 'ribelli' che operano attraverso le alture del Golan occupate da Israele e che combattono contro l'esercito siriano.

Secondo l'analista Elishabeth Tsurkov, che per anni ha monitorato lo sviluppo del conflitto siriano, almeno...
Notizia del:     Fonte: RT

Lavrov: "La Russia esorta gli Stati Uniti a non giocare con il fuoco in Siria"

La Russia è preoccupata per le azioni degli Stati Uniti che mirano alla "disintegrazione della Siria".

La Russia "esorta gli Stati Uniti a non giocare con il fuoco in Siria e a calibrare attentamente i suoi...
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:     Fonte: TASS - Interfax

Mosca: "La crisi del Ghouta orientale è colpa di chi sostiene i terroristi"

I terroristi non permettono ai civili di lasciare le aree sotto il loro controllo, impedendo l'operazione del corridoio umanitario, secondo il Centro russo per la riconciliazione delle parti in conflitto in Siria.

"La responsabilità della situazione nel Ghouta Orientale(sobborgo di Damasco) è di coloro...
Notizia del:     Fonte: RT

"L'obiettivo della risoluzione proposta all'ONU è rovesciare il governo siriano"

Le delegazioni di Svezia e Kuwait hanno presentato all'ONU una bozza di risoluzione sull'introduzione di un cessate il fuoco per 30 giorni in Siria, per la Russia è solo una proposta per rovesciare il governo siriano.

L'obiettivo della risoluzione proposta all'ONU sembra essere il rovesciamento del governo siriano, ha...
Notizia del:     Fonte: Der Tagesspiegel

Intelligence tedesca: è ora di iniziare un dialogo con Assad sulla lotta al terrorismo

Il capo dei servizi segreti tedeschi, Bruno Kahl, ha sottolineato la necessità di avviare un dialogo con le autorità siriane e il presidente Bashar al-Assad in materia di lotta contro il terrorismo.

Come ha riportato il quotidiano tedesco 'Der Tagesspiegel, finora la proposta di Bruno Kahl capo del BND il...
Notizia del:

Padre salesiano di Damasco su Ghouta: "Ma quali vittime perseguitate dal regime. È l’esatto contrario, sono terroristi che sparano missili contro le nostre scuole"

"Voi europei invece appoggiate i terroristi che colpiscono la gente innocente. Questo è inaccettabile e qualcuno deve dirlo"

Ogni volta, ogni volta, ribadiamo ogni volta che l'esercito siriano è impegnato a liberare il SUO...
Notizia del:

Alberto Negri - Psico-politica delle guerre in Medio Oriente e il vuoto della politica estera italiana

di Alberto Negri* - Tiscali    Comprendere il groviglio di interessi delle potenze in conflitto Medio Oriente e lungo l'arco della crisi che arriva fino all'Asia è un'impresa...
Notizia del:

USA, ricerca rivela che sotto la presidenza Trump sono cresciuti i gruppi neonazisti

Nel 2017 c’erano 954 gruppi d'odio nel paese, un aumento del 4 percento rispetto all'anno precedente quando il numero è aumentato del 2,8 percento, ha dichiarato l'osservatorio dei diritti civili nel suo censimento annuale di tali gruppi

da teleSUR   Il numero di gruppi di odio degli Stati Uniti è aumentato per il terzo anno consecutivo,...
Notizia del:

Ghouta, le solite fake news di regime come su Aleppo (oggi finalmente libera dai terroristi)

di Mauro Gemma La Siria sovrana è nuovamente sotto attacco mediatico, in attesa di una nuova aggressione dei banditi con la bandiera a tre stelle, sostenuti dalle potenze imperialiste e dai...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa