/ E' come Trump. Renzi e il suo narcisismo patologico

E' come Trump. Renzi e il suo narcisismo patologico

E' come Trump. Renzi e il suo narcisismo patologico
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it

di Francesco Erspamer*


Renzi non mollerà mai: piuttosto porterà il Pd e, potendo, l'Italia all'autodistruzione. Non è Hitler, naturalmente, ma ne condivide la psicologia, come Trump: tre narcisisti, a livello patologico, pieni di sé al punto da identificare il proprio pensiero con quello dell'intera nazione, da credersi unti del Signore o uomini del destino, da ignorare qualsiasi evento che non coincida con le loro aspettative.

Chissà, magari se Renzi non avesse vinto alla Ruota della fortuna la sua arroganza non avrebbe avuto via libera; chissà, se non avesse avuto l'opportunità di diventare il più giovane primo ministro della storia italiana la sua hubris non sarebbe esplosa.





Ormai dal ruolo dell'enfant prodige non può più uscire e tanto meno dal suo egocentrismo; insomma non ha modo di recuperare un minimo di empatia e una cognizione della realtà. In un certo senso ciò lo rende una vittima di sé stesso e dunque irresponsabile. Ma totalmente responsabili dei danni che sta provocando al paese e che ha provocato al suo partito sono coloro che lo hanno appoggiato o tollerato, inclusi i dirigenti che hanno impiegato anni per dissociarsi e che continuano a sperare in una riconciliazione, per non dire dei tanti cittadini che ancora votano per il suo partito personale, ciechi a ogni evidenza, incapaci di autocritica, pateticamente aggrappati all'illusione di poter restare nel giusto senza fare nulla.


*Professore all'Harvard University. Post Facebook del 8 novembre 2017
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:

Noam Chomsky spiega quello che si nasconde dietro la chiamata alle armi con "l'intervento umanitario"

Telesur   "Quasi ogni atto aggressivo di una grande potenza è giustificata per motivi umanitari", afferma l'intellettuale statunitense Noam Chomsky in un'intervista...
Notizia del:

Ricordando, da Gaza, le Fosse Ardeatine

di Patrizia Cecconi - Pressenza Gaza city, 18 febbraio Durante tutta la notte da Gaza city si sono sentiti gli echi dei bombardamenti sulla Striscia di Gaza. Prima erano lontani, poi si sono...
Notizia del:

In Florida al massacro di 14 studenti e 3 insegnanti si reagisce così...

di Francesco Erspamer La foto sotto è di oggi (la riprendo da NBC News) e mostra come hanno reagito centinaia di abitanti della zona della Florida dove è avvenuto il massacro di 14...
Notizia del:     Fonte: Al Mayadeen

VIDEO. Consulente Media YPG: L'esercito siriano è il benvenuto ad Afrin in qualsiasi momento

Le Unità di Protezione popolare curde, YPG, ribadiscono che l'esercito siriano è benvenuto nella regione di Afrin, dove da alcune settimane la Turchia ha avviato una brutale aggressione.

Il consigliere dei media delle Unità di protezione popolare (YPG), Rizan Haddou, ha dichiarato venerdì...
Notizia del:     Fonte: The News York Times

The New York Times: "La CIA ha interferito più di 80 volte nelle elezioni di altri Paesi"

Sin dal suo inizio, la CIA ha anche contribuito a rovesciare i leader eletti in altri paesi, sostenuto colpi di stato, ha organizzato omicidi per ragioni politiche e sostenuto i governi anti-comunisti, si legge in un articolo del quotidiano statunitense, 'The New York Times'.

La Central Intelligence Agency (CIA) degli Stati Uniti ha interferito nelle elezioni in diversi paesi sin dall'inizio...
Notizia del:     Fonte: Euronews

Russia: Gli Stati Uniti intendono rimanere in Siria per sempre

Gli Stati Uniti cercano di separare una vasta regione dal resto del territorio siriano, ha avvertito ieri il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov, il quale ha ribadito che Washington intende rimanere nel paese arabo a tempo indefinito.

"(Gli statunitensi) sembrano voler dividere gran parte del territorio siriano dal resto del paese, per creare...
Notizia del:     Fonte: Al Manar

Nasrallah: Possiamo distruggere le piattaforme petrolifere israeliane nel giro di poche ore

Il segretario generale di Hezbollah Sayyed Hassan Nasrallah ribadisce che la presenza degli USA nella regione è data dalla volontà di impadronirsi delle risorse naturali.

In occasione della ricorrenza del martirio di due leader del Movimento di resistenza libanese Hezbollah, il segretario...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa