/ Quando è la NATO a fare apologia del nazismo...

Quando è la NATO a fare apologia del nazismo...

Quando è la NATO a fare apologia del nazismo...
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it


di Fabrizio Poggi


La NATO ha messo in circolazione un videoclip di otto minuti su “I fratelli dei boschi in lotta per il Baltico”, attivi al termine della Seconda guerra mondiale, eroicizzandone le gesta contro “l’occupazione sovietica” che, a detta di quei “fratelli” e, dunque, anche della NATO, non avrebbe fatto altro che subentrare al giogo nazista.


Ora, chi erano quei “fratelli dei boschi” – in russo “lesnye bratja” – che seminarono il terrore nei Paesi baltici, tra il 1944 e il 1953, prima di essere definitivamente debellati dalle forze del Ministero degli interni dell’URSS? In larga parte, si trattava di ex appartenenti alle legioni baltiche delle SS o ai reparti della polizia ausiliaria agli ordini dei nazisti: la variante baltica, in sostanza, della divisione SS “Galizia” formata dai filonazisti ucraini di OUN-UPA, che seminò stragi, per lo più nel 1942-’43, tra soldati sovietici e popolazione civile di origine ebraica, ucraina, bielorussa e si distinse soprattutto nei massacri di civili polacchi nella Volinija. Tra le “gesta eroiche” delle ex SS baltiche nel dopoguerra, che, secondo la NATO, avrebbero combattuto per la “statualità baltica”, ci sono altrettante stragi di civili, loro conterranei, rei di appoggiare l’ordinamento sovietico.


E, per l’appunto, se nel periodo dell’occupazione nazista, le formazioni hitleriane baltiche erano agli ordini del Terzo Reich, a guerra finita e soprattutto a partire dagli anni ’50 cominciarono a ricevere rifornimenti e indicazioni da Washington e, quindi, dai comandi NATO. Sono ormai declassificati i documenti della CIA relativi all’OUN-UPA ucraina che, nonostante fosse definita da Washington “organizzazione terroristica”, era indicata tra i “Fattori di resistenza” nelle aree dell’Ucraina in cui, secondo gli USA, la popolazione avrebbe potuto sostenere operazioni speciali antisovietiche. Lo stesso avveniva per il Baltico. Non a caso, la glorificazione del passato nazista, in auge da tre anni in qua nell’Ucraina golpista, gode di una tradizione ventennale in Estonia, Lituania e Lettonia. Non a caso, e perché non ci siano dubbi sugli attuali obiettivi del videoclip, gli autori sottolineano come lo “spirito” dei “fratelli dei boschi” continui a vivere negli odierni reparti speciali delle forze armate dei tre Paesi baltici. Allo stesso modo, si potrebbe aggiungere, con cui lo “spirito” mussoliniano continua a vivere negli italici reparti paracadutisti che annualmente vanno a celebrare El Alamein.


Ma, in cosa si contraddistinsero i “fratelli dei boschi” baltici, nei loro sogni di grandezza e “indipendenza” nazionale? Le gesta “eroiche” non raffigurate nel videoclip della NATO consistettero nell’eliminazione, durante la guerra e nell’immediato dopoguerra, del 80% degli ebrei dei Paesi baltici e nelle stragi di prigionieri di guerra sovietici. Nell’uccisione, ad esempio, in Lituania, nei giorni a cavallo tra la fine del 1946 e l’inizio del ’47, di numerose famiglie contadine, peraltro di nazionalità non russa, compresi bambini piccolissimi; soldati dell’Armata Rossa smobilitati; giovani attivisti del Komsomol; segretari di soviet contadini; presidenti di seggi elettorali; semplici membri del PC(b) lituano. Di regola, i familiari delle vittime, mogli e bambini giovanissimi, facevano la stessa fine dei loro congiunti e le povere abitazioni erano date alle fiamme.


Secondo i dati del Fondo per la Memoria storica, tra i circa 900 estoni assassinati dai “fratelli dei boschi”, il 56% era costituito da civili e il resto da ex militari sovietici, attivisti politici, funzionari del Ministero degli interni. In Lettonia, gli uccisi furono oltre 2.200, vittime soprattutto di rappresaglie contro civili, razzie ai danni di proprietà statali e kolkhoziane, attentati e sabotaggi. Il numero più alto di vittime si registrò però in Lituania, con oltre 25.000 morti, per l’84,6% cittadini lituani e per il 15,4% di altre nazionalità. Il direttore scientifico della Società storico-militare russa, Mikhail Mjagkov ha dichiarato a RIA Novosti che la stragrande maggioranza delle vittime di quegli “eroi” dei boschi erano civili lituani, estoni e lettoni. Tra le 25mila vittime lituane, si contarono 1.054 bambini, compresi 52 piccolissimi minori di due anni. Secondo Mjagkov, “Nei paesi NATO c’è questa tendenza: i Paesi baltici costituiscono l’avamposto della guerra di informazione contro la Russia. La Russia sarà sempre il nemico e chiunque lotti contro la Russia, viene considerato un amico, indipendentemente dai crimini che commetta”. Tanto meglio se forte di un’esperienza come quella che viene dal passato nazista.
 

E, perché non ci siano dubbi sulla strumentalità di tante celebrazioni dettate in larga parte da fini politici, al quartier generale della NATO non risuona la parola “Olocausto” per le decine di migliaia di ebrei assassinati in Ucraina dalle bande di OUN-UPA o nel Baltico dai “fratelli dei boschi”. Non risuona nemmeno per le decine di migliaia di ebrei polacchi della Volinija, trucidati dai banderisti ucraini e per i quali la Varsavia ufficiale, celebrando l’11 luglio la ricorrenza del giorno più tragico di quei massacri, ha tenuto a sottolineare, in contrapposto ai manifestanti che scandivano “Non c’è vita qui per i banderisti”, che “non si tratta di vendetta, ma di memoria”: affinché non venga meno il comune “spirito” antirusso, a uso e consumo della linea d’azione NATO. Così: tanto per chiarire quali siano le aspirazione democratiche dell’Alleanza atlantica.

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:     Fonte: SANA

Siria: la Francia, sponsor del terrorismo, non farà parte del processo di pace

La Francia "non è abilitata" a svolgere un ruolo nel processo di pace in Siria, per il suo supporto al terrorismo ha le mani macchiate del sangue dei siriani, ha avvertito il Ministero degli Affari Esteri siriano in un comunicato.

Nella lettera, inviata in due copie alle Nazioni Unite (ONU) e il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite...
Notizia del:     Fonte: TASS

Russia: "Psicosi di massa" sul Ghouta dei media occidentali non aiuta la situazione

Il Segretario generale delle Nazioni Unite ha chiesto un immediato cessate il fuoco nel Ghouta Orientale, sobborgo di Damasco per fornire aiuti umanitari alla popolazione ed evacuare i feriti.

Il Consiglio di sicurezza dell'ONU si è riunito con urgenza ieri su iniziativa della Russia per affrontare...
Notizia del:     Fonte: Ruptly

VIDEO. Portavoce YPG: Le forze siriane sono venute per difendere Afrin, ma nessun accordo con Damasco

Il portavoce delle YPG curde di Afrin ha dichiarato ai giornalisti che un numero crescente di forze del governo siriano si è unito alla loro lotta contro la Turchia ad Afrin "per difendere il suolo della patria", ma ha negato il raggiungimento di un accordo con Damasco.

Il portavoce delle YPG ha dichiarato che "[le Forze popolari siriane] sono venute qui per difendere il suolo...
Notizia del:     Fonte: TASS - Interfax

Mosca: "La crisi del Ghouta orientale è colpa di chi sostiene i terroristi"

I terroristi non permettono ai civili di lasciare le aree sotto il loro controllo, impedendo l'operazione del corridoio umanitario, secondo il Centro russo per la riconciliazione delle parti in conflitto in Siria.

"La responsabilità della situazione nel Ghouta Orientale(sobborgo di Damasco) è di coloro...
Notizia del:     Fonte: RT

"L'obiettivo della risoluzione proposta all'ONU è rovesciare il governo siriano"

Le delegazioni di Svezia e Kuwait hanno presentato all'ONU una bozza di risoluzione sull'introduzione di un cessate il fuoco per 30 giorni in Siria, per la Russia è solo una proposta per rovesciare il governo siriano.

L'obiettivo della risoluzione proposta all'ONU sembra essere il rovesciamento del governo siriano, ha...
Notizia del:     Fonte: Der Tagesspiegel

Intelligence tedesca: è ora di iniziare un dialogo con Assad sulla lotta al terrorismo

Il capo dei servizi segreti tedeschi, Bruno Kahl, ha sottolineato la necessità di avviare un dialogo con le autorità siriane e il presidente Bashar al-Assad in materia di lotta contro il terrorismo.

Come ha riportato il quotidiano tedesco 'Der Tagesspiegel, finora la proposta di Bruno Kahl capo del BND il...
Notizia del:

Padre salesiano di Damasco su Ghouta: "Ma quali vittime perseguitate dal regime. È l’esatto contrario, sono terroristi che sparano missili contro le nostre scuole"

"Voi europei invece appoggiate i terroristi che colpiscono la gente innocente. Questo è inaccettabile e qualcuno deve dirlo"

Ogni volta, ogni volta, ribadiamo ogni volta che l'esercito siriano è impegnato a liberare il SUO...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa