/ Ecco cosa succede a Mosca quando manifesta il leader dell'opposiz...

Ecco cosa succede a Mosca quando manifesta il leader dell'opposizione

Ecco cosa succede a Mosca quando manifesta il leader dell'opposizione
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it

"Quello che i nostri media difficilmente scriveranno". Si potrebbe titolare così ciò che stiamo per raccontarvi, ossia della protesta rumorosa dell'opposizione russa che però passerà inosservata agli occhi dei media nostrani che fino a ieri sbattevano in prima pagina le foto degli arresti durante una manifestazione non autorizzata nella "dittatura Putiniana" che reprimeva "il leader dell'opposizione Navalny".



La notizia passerà inosservata agli occhi dei "distratti giornalisti nostrani" per due motivi: il primo è che non c'è stato nessun arresto visto che la manifestazione era autorizzata. Cade quindi la storia che vuole che la Russia sia una feroce dittatura modello latinoamerica degli anni 70 con tanto di desaparecidos lanciati dagli aerei; il secondo è che in piazza c'era il Kprf, il principale partito di opposizione russo che non ha di certo simpatie eurocentriche e che propaganda le idee del socialismo. Ebbene questi due motivi sono validi agli occhi dei nostri baldi "esperti" per falsificare la realtà e far risultare un partito dell'1% leader delle opposizioni e un partito del 13-15% (con picchi del 20%) totalmente inesistente.



 

Nella giornata di ieri il Kprf ha indetto un presidio nella città di Mosca per la giustizia sociale alla quale hanno partecipato i militanti del partito e i propri leader. Questo è un anno molto importante dal punto di vista storico per la Russia, dato che si ricorda il 1917, l'anno della Rivoluzione Bolscevica. Attestandosi come prosecutore del Pcus, il Kprf si sta molto attivando anche in vista delle elezioni presidenziali del 2018, che potrebbe presentare anche l'ascesa di un nuovo candidato alla Presidenza al posto del Presidente del Partito, e già candidato in passato, Gennady Zyuganov. Proprio lui dal palco non le ha mandate a dire, indirizzando ficcanti colpi sia al governo in carica, commentando la situazione attuale della Russia, sia al governo Statunitense, dopo il raid che ha colpito la base aerea siriana.

 

"Solo il socialismo è la ricetta giusta per salvare il pianeta dalla povertà e dalle guerre", ha tuonato il leader dell'opposizione dal palco moscovita. " Quando nel 1917 il partito bolscevico salì al potere sulle proprie bandiere aveva una scritta che recitava 'Pace tra le nazioni', e mai quello slogan fu più giusto. Oggi il principale colpevole di ciò che accade nel mondo è l'imperialismo statunitense che ha deciso di rendere obbediente ai suoi voleri l'intero pianeta, usando anche il ricatto del terrore. Proprio in quest'ottica si deve vedere l'attacco vigliacco perpretato ai danni della base siriana proprio durante l'incontro tra il Presidente Trump e il Presidente della Repubblica Popolare Cinese Xi Jinping. Una provocazione molto pericolosa, come si può bombardare uno stato sovrano, quale è quello della Siria, contravvenendo al diritto internazionale? Perfino il Congresso non era stato avvisato, è stata una minaccia da gangster. E pensare che il "trumpomane" Zhirinovsky (leader dell'altro partito di opposizione LDPR) alla Duma brindava alla sua salute e a "nuovi bagni di sangue". 

"Voglio sottolineare che non c'è alcuna differenza tra chi schiaccia la gente per le strade di Berlino e di Stoccolma, tra chi piazza le bombe nella metropolitana e chi ordina di bombardare uno Stato sovrano. Si tratta della stessa politica della violenza, del terrore e dell'espansione.", ha dichiarato Zyuganov.



 

Inoltre il leader del Kprf si è soffermato anche sulla politica interna, anche perchè nel 2018 in Russia ci saranno le elezioni Presidenziali, alle quali sembra possa cedere il passo ad un altro candidato alla Presidenza sempre interno al Partito.

 

"Oggi in Russia intere generazioni di cittadini tremano. I giovani non possono ottenere un lavoro soddisfacente, gli anziani non possono permettersi neanche le medicine date le misere pensioni di 12-13.000 rubli. Ormai i cittadini non hanno più diritto ad una vita dignitosa. Però quando si è trattato di salvare i banchieri tutto il Partito di Russia Unita ha votato compatto a favore. Oggi la Russia si trova ad affrontare il pericolo della oligarchia compradore che sfrutta le nostre risorse naturali per i propri interessi e non vuole che il Paese si sviluppi. Solo il popolo seguendo l'esempio di 100 anni fa può fermare e sconfiggere l'oligarchia. Sono d'accordo quando il Presidente Putin dice che il patriottismo e l'amore per il Paese sono valori importanti, ma lo sono solo se c'è una sicurezza sociale ed un governo del popolo, non degli oligarchi e dei capitalisti. Credo che tutte le forze patriottiche di Russia si debbano unire ai nostri "10 passi per una vita dignitosa" per costruire un Paese più giusto nel nome della solidarietà, dell'unità e dell'amicizia, che sono i valori che ci porteranno ad una nuova vittoria".

 

Dello stesso tono, forse anche più acceso, è stato il deputato Valery Rashkin, segretario del Kprf di Mosca e, sembrerebbe, uno dei candidati alla scalata nel Partito. Rashkin, molto attivo sul fronte delle proteste intraprese nelle ultime settimane dai lavoratori dei trasporti nel Daghestan, ha ribadito che più di 40 milioni di russi vivono sotto la soglia di povertà e l'aumento delle difficoltà per molti settori di lavoratori russi. Chiedendo infine le dimissioni di Dimitry Medvedev, Rashkin ha puntato il dito contro Russia Unita rea di non affrontare alla maniera dovuta il problema della corruzione che sarebbe il vero problema del Paese.

 

Insomma, considerati i toni non proprio pacati, le accuse pesanti e il programma del Kprf, sicuramente più "antisistema" di quello dell'ultraliberista Navalny, se avessimo ragionato con gli standard dei media nostrani di stampo russofobo ci saremmo dovuti aspettare deportazioni di massa e fucilazioni di piazza. Invece la manifestazione del primo partito di opposizione della Federazione Russa si è svolta senza intoppi e con accuse forti al sistema economico vigente oggi in Russia ed alla oligarchia compradora che sta dividendo sempre più il Paese in due. Forse proprio per questo la notizia verrà taciuta dai media europei....a farsi due conti è meglio aspettare "opposizioni liberiste dell'1%".

Danilo Della Valle

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da L'intervista
Notizia del:

"Il trionfo di Maduro censurato perché è già pronto il nuovo tentativo di rivoluzione colorata per balcanizzare il Venezuela"

Intervista alla scrittrice e gioralista Geraldina Colotti: "Per mettere all'angolo il Venezuela, lo si sbatte in prima pagina per mesi con ogni genere di menzogna. Quando assesta qualche colpo, dando lezioni di vera democrazia, scompare dalle notizie"

di Alessandro Bianchi Intervista a Geraldina Colotti, giornalista e scrittrice, esperta di America Latina   Vittoria...
Notizia del:

B. Tajeldine: "In Venezuela la NATO non si arrenderà. L'obiettivo è fare come come con Al Nusra in Siria"

Intervista a Basem Tajeldine, analista politico venezuelano, dopo il voto delle regionali di ieri: "E' stato il fallimento totale delle destre"

di Alessandro Bianchi Intervista a Basem Tajeldine. Analista politico venezuelano specialista in questioni...
Notizia del:

Prof. Vasapollo: "Dov'è il PD oggi che ha trionfato Maduro in elezioni libere e democratiche?"

di Alessandro Bianchi Intervista al Prof. Luciano Vasapollo  In Venezuela nelle elezioni regionali ha vinto la coalizione del chavismo. Quali le primissime considerazioni? Sono di un...
Notizia del:

Intervista a Jacobo Torres de Leon (CBST) "In Venezuela siamo a un livello superiore della lotta di classe: quella dello stato-nazione contro l'impero"

"Questa strana “dittatura” ha portato a discutere candidati di diversi settori, che magari non si sarebbero incontrati, invece fanno proposte per il paese. Un ancor più strano “dittatore” consegna il potere al popolo... a milioni di “dittatori e dittatrici” che hanno sfidato violenze di ogni tipo per andare a votare"

di Geraldina Colotti  Jacobo Torres de Leon è un dirigente operaio di lungo corso. Attualmente...
Notizia del:

Intervista ad Andre Vltchek su Catalogna, Kurdistan, Corea, nucleare e America Latina

di Alessandro Bianchi Intervista ad Andre Vltchek* su Catalogna, Corea, Kurdistan e America Latina Autodeterminazione dei popoli e rispetto dei confini e della sovranità di un paese. Uno...
Notizia del:

Carceri in Venezuela: superficialità o malafede?

In questi giorni si è tornato a parlare di carceri in Venezuela: con superficialità o malafede. Comunque senza contestualizzazione e senza contraddittorio: sempre, ovviamente, in nome di...
Notizia del:

Interview with ANDRE VLTCHEK: ON ‘INDEPENDENCE’: CATALUNIA, KURDISTAN, NORTH KOREA AND LATIN AMERICA

    Interview with ANDRE VLTCHEK by ALESSANDRO BIANCHI     1) AB: Self-determination of peoples and respect for the borders and sovereignty of a country. This is of the...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa