/ F35, Pentagono ammette che i primi 100 non saranno mai in grado d...

F35, Pentagono ammette che i primi 100 non saranno mai in grado di combattere.

F35, Pentagono ammette che i primi 100 non saranno mai in grado di combattere.
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
 
Vi ricordate quando a inizio anno l’esercito degli Stati Uniti dichiarava che avrebbe dispiegato uno squadrone di F35 in Estonia per testarli a livello operativo? Si chiede Marko Marjanovi?.

“Tutto quello che sospettavamo allora si è rivelato vero”, risponde l’esperto commentando la nota del Pentagono su questi strumenti di guerra. Questi aerei non sono ancora operativi.

E, ora, il Pentagono conferma che potrebbero non esserlo mai.
 
Il Pentagono ha dichiarato che per considerare "pienamente abili" i primi 108 F-35 costruiti per la Forza Aerea sarebbero necessarie 150-160 modifiche tra cui complicati aggiornamenti software, fissaggi per l'atterraggio, sedili di espulsione e per la fusoliera.



Gli aggiornamenti necessari sarebbero così difficili e costosi da attuare che il capo del programma del Pentagono F-35, il vice Ammiraglio Mat Winter, ora dice che i militari stanno pensando di…. non ordinare mai gli aggiornamenti.
 
Gli altri 81 F-35 acquistati nello stesso periodo di tempo da parte della Marina Militare USA, prosegue l’esperto, stanno affrontando la stessa prospettiva di non utilizzo. L'ufficio di test del Pentagono ha ripetutamente affermato che tutti i piloti che volano nel blocco 2B F-35 che si trovano in una situazione di combattimento "avrebbero bisogno di evitare la minaccia e richiederebbero aiuto di altre forze amiche". Guiderebbero cioè un aereo civile di transito più o meno.
 
I 108 combattenti acquistati dalla Forza Aerea Usa, prosegue l’esperto, costano 21 miliardi di dollari (più di un terzo dell'intero bilancio annuale della difesa della Russia). Ma di questo sono contenti sono alla Lockheed-Martin.
 
Per quel che riguarda l’Italia e la lungimiranza della nostra classe politica basta questo tweet di Vladimiro Giacché:

 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:

Le "scatole cinesi" dietro le corporazioni dei diritti umani: lo strano caso di una ONG "siriana" in tour a Roma

di Marinella Correggia - Sibialiria   La Ong siriana CCSD (Center for Civil Society and Democracy), registrata in Turchia, Usa e Kurdistan iracheno è al centro di una serie di incontri...
Notizia del:

I soldi dei servizi segreti per influenzare i mass media

Un articolo uscito il 16 novembre scorso, ha svelato non solo l’esistenza di molti conti bancari dei servizi segreti dentro la Banca Popolare di Vicenza, ma anche e soprattutto l’obiettivo di questa liquidità finanziaria dei servizi segreti: far arrivare soldi a chi in qualche modo è vicino o dà una mano all’attività dei servizi

di Federico Rucco - Contropiano   Il Sole 24 Ore è un giornale propriamente padronale, nel senso...
Notizia del:     Fonte: Sputnik

La Siria confida nelle misure di Rohani e Putin per risolvere la crisi

La Siria è fiduciosa che le misure di Russia e Iran porranno fine sia ai conflitti che al terrorismo nel paese arabo.

"Tutte le azioni e le misure adottate dai presidenti Putin e Rohani contribuiranno alla soluzione della...
Notizia del:     Fonte: The Times of Israel

Netanyahu minaccia di attaccare gli obiettivi dell'Iran in Siria

Il primo ministro israeliano afferma che il suo esercito è pronto a colpire e attaccare obiettivi iraniani sul suolo siriano.

Durante una conversazione con il presidente francese Emmanuel Macron, il primo ministro israeliano Benyamin Netanyahu...
Notizia del:     Fonte: The Washington Post

"Gli Stati Uniti hanno intenzione di preservare la propria presenza militare in Siria dopo aver eliminato l'ISIS"

Washington vuole creare nuove strutture amministrative in Siria che non siano collegate a Damasco.

Le autorità degli Stati Uniti intendono mantenere la propria presenza militare nel nord della Siria, dopo...
Notizia del:     Fonte: Reuters

L'Arabia Saudita acquisterà 7 miliardi di dollari in munizioni di precisione dagli Stati Uniti

L'Arabia Saudita è pronta ad acquistare munizioni di precisione da aziende statunitensi per un valore di 7 miliardi di dollari, secondo quanto riferisce l'agenzia Reuters.

Riyadh ha accettato di acquistare munizioni di precisione dagli appaltatori della difesa degli Stati Uniti, secondo...
Notizia del:     Fonte: teleSUR

Zimbabwe: 3 passaggi chiave per comprendere il golpe

Il panorama politico in Zimbabwe è mutato in pochi giorni con il licenziamento di Emmerson Mnangagwa, passando per il colpo di Stato e le dimissioni di Robert Mugabe, dopo oltre 30 anni di governo

La destituzione del vicepresidente Robert Mugabe destituisce Emmerson Mnangagwa dalla vicepresidenza il...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa