/ 'Gasolinazo' in Messico ed esplosione dell'inflazione in Argentin...

'Gasolinazo' in Messico ed esplosione dell'inflazione in Argentina non fanno notizia: esempio da manuale di post-verita'

'Gasolinazo' in Messico ed esplosione dell'inflazione in Argentina non fanno notizia: esempio da manuale di post-verita'
 

Singolare è il comportamento dei nostri media che semplicemente ignorano queste notizie. Evidentemente non sono ritenute degne di nota perché i fatti descritti accadono in paesi ‘amici’ dove al governo vi sono neoliberisti incalliti che implementano le stesse politiche che hanno affamato e affamano tutt'oggi i popoli europei

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it


di Fabrizio Verde
 

Spira forte il vento della rivolta in Messico dove il governo ha decretato un drastico aumento del prezzo della benzina. Lo stesso accade in Argentina dove il regime neoliberista di Mauricio Macri sembra aver perso il controllo dell’economia: l’inflazione è fuori controllo, mentre continuano ad aumentare i prezzi delle tariffe di acqua, luce e gas. 

 

Cinque morti e centinaia di arresti, questo il tragico bilancio derivante da una settimana che ha segnato un Messico scosso da un’ondata di forti proteste e saccheggi. Tutto ha avuto inizio quando il presidente, Enrique Peña Nieto, ha decretato un aumento del 20% del prezzo dei carburanti, chiedendo al contempo comprensione per una misura dolorosa ma necessaria per la stabilità economica del paese. 

 

Come denunciato dall’analista e professore presso l’Universidad Nacional Autonoma de Mexico, John Ackermann: «Il vero colpevole della crisi è il neoliberismo. Le riforme contenute nel patto per il Messico hanno distrutto l’economia nazionale. I partiti del patto per il Messico ed Enrique Peña Nieto cercano di aggravare la situazione, finendo per affondare l’economia». L’aumento del prezzo della benzina costituisce solo l’ultimo salasso per il popolo messicano martoriato dalle folli politiche neoliberiste. «Hanno tagliato i fondi all’educazione del 10%, alla salute dell’8%, la scienza e la tecnologia del 20%», continua con questa amara constatazione la denuncia di Ackermann. 

 

Ci hanno raccontato per anni che l’economia argentina era ‘fuori controllo’ a casa delle politiche adottate dal governo kirchnerista, che un ritorno a politiche economiche razionali (leggi neoliberismo) avrebbe consentito all’Argentina di tornare a navigare in acque tranquille. Nulla di più falso. L’economia argentina godeva di ottima salute. 

L’avvento al potere di Mauricio Macri ha riportato l’Argentina nell’alveo del neoliberismo. Il paese sudamericano che faticosamente si era rialzato dopo il default, è tornato a percorrere quella strada che lo aveva portato dritto al fallimento. In un anno di governo Macri in Argentina ci sono stati 200.000 licenziamenti, il peso si è svalutato del 40%, le tariffe di acqua, trasporti, gas ed elettricità hanno subito aumenti che vanno dal 200% al 2000%. Senza dimenticare la povertà che è schizzata alle stelle. Capitolo a parte merita l’inflazione fuori controllo: l’ex presidente Cristina Fernandez ha denunciato che in Argentina l’aumento è stato 5 volte maggiore a quello di Uruguay e Brasile, 10 volte superiore rispetto a Bolivia e Paraguay, 15 volte maggiore al tasso d’inflazione cileno. Sottolineando come i neoliberisti all’epoca all’opposizione accusassero il governo di causare inflazione con le sue politiche. 


Singolare è il comportamento dei nostri media che semplicemente ignorano queste notizie. Evidentemente non sono ritenute degne di nota perché i fatti descritti accadono in paesi ‘amici’ dove al governo vi sono neoliberisti incalliti che implementano le stesse politiche che hanno affamato e affamano tutt'oggi i popoli europei. Basta notare la differenza di trattamento con il Venezuela: fiumi di inchiostro sono stati utilizzati per spiegare che l’iperinflazione è causata dalle politiche del governo socialista (sul tema inflazione in Venezuela si può leggere questo ottimo articolo); così come accadde quando il presidente Maduro decise di aumentare il prezzo della benzina che sino a quel momento era venduta praticamente al di sotto del prezzo di costo. Una misura che non è stata accompagnata dai drastici tagli alla spesa sociale attuati dai governi neoliberisti di Messico e Argentina. In Venezuela nonostante la crisi derivante dalla caduta dei prezzi del petrolio e una durissima guerra economica, la Rivoluzione Bolivariana ha mantenuto a pieno regime le Missioni Sociali. 

 

Quello appena descritto è un classico esempio di post-verità. Un tema tanto caro ai media mainstream, maestri in questo campo.      

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:     Fonte: RT

Sorpresa! Torna la sinistra in America Latina

In Messico arriva la rivincita

di John M. Ackerman - RT   Sorpresa! Quando meno te l’aspetti, la sinistra torna in America Latina.   L’ottima...
Notizia del:     Fonte: http://www.mppre.gob.ve/

Il Parlasur non accetta le sanzioni contro il Venezuela nel Mercosur

Sconfessata la strategia della Triplice Alleanza diretta ad escludere il Venezuela dall'organismo regionale

da mppre.gob.ve   I parlamentari degli Stati Membri del Mercato Comune del Sud (Mercosur), riunitisi...
Notizia del:     Fonte: http://www.eltelegrafo.com.ec/

La CNN e la rivoluzione della comunicazione

Andiamo verso una fase davvero appassionante della lotta di classe che si esprime anche nei mezzi di comunicazione

di Fernando Buen Abad - El Telegrafo   Mentre ci sono governi neoliberisti che sospendono, in maniera...
Notizia del:

Ecuador: sfida elettorale per la Revolucion Ciudadana. Cambia la leadership dopo dieci anni di Correa

Sono sette i candidati alla presidenza che concorrono. Il favorito è Lenin Moreno di Alianza Pais

di Federica Zaccagnini   Dopo due mandati e mezzo, l’adozione di una nuova Costituzione e la profonda...
Notizia del:     Fonte: http://contropiano.org/

Ecuador al voto: vittoria di Lenin?

Domenica 19 febbraio in Ecuador ci sono le elezioni presidenziali e legislative. In esse competono otto forze politiche. Senza Rafael Correa, Alianza-País, al governo, vuole radicare maggiormente la Rivoluzione Cittadina e la destra interromperla

da Contropiano Il politologo argentino Atilio Borón ha scritto che le elezioni in Ecuador erano come...
Notizia del:     Fonte: teleSUR

Podemos critica Felipe Gonzalez per le ingerenze in America Latina

Il segretario generale di Podemos della Comunità di Madrid considera l'ex presidente socialista un lobbista del magnate messicano Slim

  Il segretario generale di Podemos della Comunità di Madrid, Ramón Espinar, ha fortemente...
Notizia del:     Fonte: http://vocidallestero.it/

Financial Times: Gli Usa non dovrebbero incolpare il Messico per il deficit commerciale, ma la Germania

Il disavanzo complessivo della bilancia commerciale si può ridurre concentrandosi sui deficit commerciali bilaterali con i singoli paesi

  di Matthew C. Klein, 1 febbraio 2017 - vocidallestero.it Traduzione di Margherita Russo A partire...
Notizia del:     Fonte: http://www.jornada.unam.mx/

La Jornada: Spudorata montatura della CNN contro il Venezuela

La CNN in spagnolo si è trasformata in un’altra emittente controrivoluzionaria come quelle fetide di Miami

di Angel Guerra Cabrera - La Jornada   Il 13 di febbraio, il Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti...
Notizia del:     Fonte: teleSUR

Fake news contro il Venezuela: Caracas apre procedimento sanzionatorio nei confronti della CNN

La denuncia di Maduro: «La CNN promuove un intervento contro il Venezuela»

di Fabrizio Verde   La Commissione Nazionale per le Telecomunicazioni del Venezuela (Conatel) ha diffuso...
Notizia del:

Venezuela: le infami accuse al vicepresidente smentite dai risultati nella lotta al narcotraffico

La repubblica Bolivariana del Venezuela risponde anche sul piano diplomatico: Delcy Rodriguez ha consegnato una nota di protesta all’incaricato d’affari degli Stati Uniti a Caracas

di Fabrizio Verde   «La verità è invincibile e vedremo come svanirà questa...
Le più recenti da ALBA LATINA
Notizia del:

Macri in visita in Spagna. Podemos chiede la liberazione di Milagro Sala

La deputata di Podemos Irene Montero ha esposto una maglietta con uno slogan in cui si inneggiava alla liberazione per la prigioniera politica Milagro Sala, in occasione della visita di Macri in Spagna.  Come...
Notizia del:     Fonte: http://www.mre.gob.ve/

Venezuela: giornalisti a sostegno della Rivoluzione Bolivariana

da mre.gob.ve   Gli spazi dell’Università Nazionale Sperimentale delle Arti (Unearte), a Caracas, sono stati lo scenario di una dichiarazione pubblica fatta da giornalisti, comunicatori,...
Notizia del:

Bolivia: una fake news fece perdere il referendum ad Evo Morales

  Una colossale fake news costata al presidente Evo Morales la sconfitta in un referendum costituzionale. Questo è quanto accadde in Bolivia il 21 febbraio dell’anno passato quando fu...
Notizia del:     Fonte: www.andes.info.ec

Elezioni Ecuador: missione elettorale Unasur conferma massima trasparenza

il partito di governo Alianza PAIS registra due importanti vittorie: conquista la maggioranza assoluta all’Assemblea Nazionale ecuadoriana e vince il referendum sui paradisi fiscali voluto da Correa

  L’eventuale elezione al primo turno di Lenin Moreno resta ancora appesa a un filo, mentre il partito...
Notizia del:     Fonte: http://www.mppre.gob.ve/

Il Parlasur non accetta le sanzioni contro il Venezuela nel Mercosur

Sconfessata la strategia della Triplice Alleanza diretta ad escludere il Venezuela dall'organismo regionale

da mppre.gob.ve   I parlamentari degli Stati Membri del Mercato Comune del Sud (Mercosur), riunitisi...
Notizia del:     Fonte: RT

Elezioni in Ecuador: Lenin Moreno a RT fiducioso sulla vittoria al primo turno

In ogni caso il candidato di Alianza PAIS afferma di essere pronto ad affrontare l'eventuale ballottaggio con la destra di Lasso

  Nella giornata si ieri si sono tenute in Ecuador le elezioni presidenziali. Una «festa democratica»...
Notizia del:     Fonte: www.andes.info.ec

Exit poll Ecuador: vittoria al primo turno per Lenin Moreno di Alianza PAIS

  In Ecuador, la Revolucion Ciudadana vince ancora, anche senza il proprio leader carismatico Rafael Correa: secondo i primi exit poll diffusi da Opinión Pública, il candidato di Alianza...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa