/ Geraldina Colotti - Possono la Colombia di Santos e l'Argentina d...

Geraldina Colotti - Possono la Colombia di Santos e l'Argentina di Macri dare lezioni di democrazia?

Geraldina Colotti - Possono la Colombia di Santos e l'Argentina di Macri dare lezioni di democrazia?
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it


di Geraldina Colotti*


Qual è il livello di credibilità di Manuel Santos, presidente di una Colombia in cui puoi essere ammazzato impunemente per aver difeso la terra, il posto di lavoro o il diritto a informare? La polizia ha appena compiuto una strage di contadini a Tumaco (FOTO). I paramilitari hanno ucciso un testimone e poi falciato un gruppo di ex guerriglieri delle Farc: impegnati in un processo di pace che Santos – ex ministro della Difesa di Uribe – vorrebbe fosse la pace del sepolcro. E infatti, il giorno dopo aver ricevuto il Nobel per la pace, ha chiesto l'iscrizione alla Nato. 


Eppure dà lezioni al Venezuela, non riconosce le elezioni regionali di domenica 15, pretende di cambiare tutte le regole del gioco fino a far sedere sulle poltrone governative – portandoceli per mano perché non son capaci di governare neanche la sedia su cui sono seduti – i suoi protetti dell'opposizione venezuelana. La “democrazia” che dà lezioni al socialismo bolivariano, laureato da 22 processi elettorali, due dei quali vinti dall'opposizione, è quella di Santos, del cosiddetto Gruppo di Lima (impresentabili paesi neoliberisti come Messico e Perù), quella di Trump e del Segretario generale dell'Osa, Luis Almagro, del repressore spagnolo Rajoy. 


Contro l'uruguayano Almagro, grande sponsor dei golpisti venezuelani, si stanno raccogliendo firme da tutti i continenti. Ogni volta che si muove, scatena le proteste dei movimenti popolari, che ora chiedono venga espulso dal Frente Amplio (quello dell'ex presidente Tupamaro Pepe Mujica) con una petizione su change.org (este títere debe ser expulsado del Frente Amplio www.redcontactosur.blogspot.com.uy). 


Persino il venezuelano Ramos Allup, dirigente del partito di opposizione Accion Democratica (Ad), ha chiesto ad Almagro di darsi una calmata nell'ansia di voler dettare l'agenda alle destre venezuelane. Ma lo ha fatto, come sempre, con l'ambiguità che caratterizza il suo partito (erede della IV Repubblica) e l'alleanza di cui fa parte, la Mesa de la Unidad Democratica (Mud): i governatori eletti con la Mud – ha detto – decideranno autonomamente se prestare giuramento davanti all'Assemblea Nazionale Costituente (Anc), massimo organo plenipotenziario, retto da un potere fondante la democrazia bolivariana: quello popolare. 


Dopo aver diretto quattro mesi di violenze nei municipi che governa (120 morti, 29 persone bruciate vive, 9 delle quali uccise), dopo aver tentato di sovvertire in ogni modo le istituzioni bolivariane, la Mud ha deciso di partecipare alle elezioni dei governatori, il 15 ottobre: organizzate da quello stesso potere elettorale (il Cne) e da quello stesso sistema elettorale che aveva screditato, e che invece ha avallato, controfirmando i controlli incrociati previsti dalla macchina elettorale venezuelana, considerata a prova di frodi. 





Durante la campagna elettorale, la Mud ha dichiarato ai quattro venti che quello sarebbe stato un “plebiscito” contro il governo. Ha vinto, però, solo in 5 Stati, seppur determinanti, come Tachira e Zulia, che ora pretende di usare a fini eversivi. Il chavismo ha conquistato 18 su 23 governazioni, strappando alla destra anche alcuni suoi “feudi” come Miranda e Lara. I 18 governatori chavisti hanno giurato ieri davanti all'Anc e oggi sono già al lavoro per attuare il programma sottoscritto con gli elettori per quattro anni.


Quelli di opposizione, invece, hanno dichiarato che non andranno all'Anc, infrangendo così la legge, ed esponendosi alle sanzioni previste: annullamento del loro incarico e nuove elezioni. Nel copione di Almagro e degli Usa, le elezioni bisognerebbe rifarle tutte daccapo, in base alle regole truccate e ai burattini che sono abituati a pilotare: per istallare democrazie camuffate dal voto come quella argentina di Macri, su cui tornano a stagliarsi le ombre scure della passata dittatura civico-militare. 


Quello ritrovato nel fiume Chubut potrebbe essere il corpo del giovane militante Santiago Maldonado, solidale con la lotta dei mapuche, fatto scomparire dalla polizia. E il Senato ha approvato l'operazione Cormorano, che permette il dispiegamento di truppe Usa in Argentina.



*Post pubblicato il 19 ottobre 2017 su Facebook. Riproposto su gentile concessione dell'Autrice 

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da L'Analisi
Notizia del:

"Potere al popolo". Impediamo che il morto afferri il vivo

di Dante Barontini* - Contropiano   L’assemblea di ieri a Roma ha mostrato le grandi potenzialità di ciò che si muove fuori dai circuiti della politica servile, quella mainstream,...
Notizia del:

Minniti scippa i soldi all’Africa, andrà davanti al Tribunale Permanente dei popoli

di Giordano Savini - Contropiano Mentre donne, bambini e uomini vengono torturati o lasciati morire nelle carceri libiche, annegano nel Mediterraneo, o raggiungono le coste italiane già senza...
Notizia del:

Alberto Negri - Guerra "sporca" al terrorismo: ecco dove vanno i jihadisti

"Che fine hanno fatto i 4mila jihadisti di Raqqa?"

di Alberto Negri* - Il Sole 24 Ore  Il dopo-guerra della lotta al terrorismo è ancora più...
Notizia del:

50 giorni senza governo: c'è del marcio in Germania!

C’è del marcio in Germania. Sono passati più di 50 giorni dalle elezioni che hanno consegnato (così ci hanno raccontato) la vittoria all’invincibile Angela Merkel. La verità...
Notizia del:

Manlio Dinucci - Il mito della Nato denuclearizzata

    di Manlio Dinucci - Il manifesto, 14 novembre 2017 «La Nato è stata tradizionalmente flessibile di fronte ai desideri dei suoi membri, e aperta a dissociazioni da specifiche...
Notizia del:

La “capocciata” di Ostia e la scoperta di Pulcinella dei "narcofascisti"

di Federico Rucco - Contropiano  In queste settimane, c’è una singolare – e tardiva – scoperta dei legami tra gli ambienti neofascisti e la malavita. La “capocciata”...
Notizia del:

"La crisi dell'euro è finita". Siete proprio sicuri?

di Carlo Conti - Contropiano Tutta va bene, madama la marchesa… A patto di stare a sentire soltanto i Tg o leggere gli editoriali di Repubblica. Se invece si prova a guardare ai dati e agli...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa