/ Glenn Greenwald demolisce il Washington Post: «Ha prodotto due de...

Glenn Greenwald demolisce il Washington Post: «Ha prodotto due delle sconfitte piu' umilianti per il giornalismo americano degli ultimi anni»

Glenn Greenwald demolisce il Washington Post: «Ha prodotto due delle sconfitte piu' umilianti per il giornalismo americano degli ultimi anni»
 

Si tratta delle stesse storie che diffondono senza alcuna verifica i nostri media che in questi giorni sono impegnati nel denunciare la nuova narrazione riguardante la post-verità e le fake news

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
 

Continuano senza soluzione di continuità le accuse verso la Russia e Vladimir Putin, da parte del circuito mainstream, di aver influito sul risultato delle elezioni presidenziali e di aver sabotato il sistema elettrico del Vermont. 

 

Secondo il giornalista d’inchiesta Glenn Greenwald il ‘Washington Post’ «ha prodotto due delle sconfitte più umilianti per il giornalismo americano degli ultimi anni. Due umiliazioni che hanno avuto luogo solo nelle ultime sei settimane, sostenendo due fatti completamente fittizi circa la minaccia rappresentata dalla Russia e dal presidente Vladimir Putin». 

 

Greenwald passa poi alla descrizione delle due sconfitte per il giornalismo americano mainstream, che insieme a quello europeo sta perdendo ogni residuo di credibilità presso l’opinione pubblica, come mostrato plasticamente da eventi come la Brexit e la vittoria di Donald Trump alle scorse elezioni presidenziali statunitensi. 

 

«La prima è stata il 24 novembre, quando hanno sostenuto, sulla base di quanto dichiarato da un gruppo anonimo di recente formazione, il tentativo riuscito da parte del Cremlino di inserire la propria propaganda nel dibattito americano. (…) Questo gruppo anonimo ha affermato che una serie di mezzi di comunicazione statunitensi come Drudge Report di essere strumento della propaganda del Cremlino».

 

Il reporter di ‘The Intercept’ ha poi spiegato come «questo articolo sia stato visualizzato oltre 200 milioni di volte», una storia enorme creata dal ‘Washington Post’ per gettare discredito sulla propaganda alternativa. 

 

Ma la storia più paradossale è quella riguardante il presunto sabotaggio russo alla rete elettrica del Vermont. «Ancora più imbarazzante - spiega Greenwald - è stato quando il Washington Post ha scritto che la Russia aveva sabotato la rete elettrica del Vermont. I funzionari del Vermont come il governatore e senatore Pat Leahy hanno rilasciato dichiarazioni affermando che Vladimir Putin stava cercando di mettere in pericolo la sicurezza dei cittadini del Vermont. L’intera storia si è rivelata essere una totale invenzione. Non c’è stata alcuna intrusione nella rete elettrica americana. Il malware è stato trovato su un laptop che non aveva nulla a che fare con la Russia. I media americani, nella loro isteria, hanno fatto propria questa storia diffondendola». 

 

Si tratta delle stesse storie che diffondono senza alcuna verifica i nostri media che in questi giorni sono impegnati nel denunciare la nuova narrazione riguardante la post-verità e le fake news. Una narrazione sempre al servizio del potere. Proprio i media mainstream risultano essere i principali produttori di fake news, con i media alternativi pronti a smontarle. Forse è proprio questo il vero motivo della campagna montata?

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Fonte: democracynow.org
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:     Fonte: http://italia.embajada.gob.ve/

Venezuela, il Ministro degli Esteri ringrazia Cina e Russia per il loro sostegno in favore della sovranità nazionale

da italia.embajada.gob.ve   Il Ministro degli Esteri della Repubblica Bolivariana del Venezuela, Jorge Arreaza, ha ringraziato i governi della Repubblica Popolare Cinese e della Federazione...
Notizia del:     Fonte: RT

Venezuela, interviene ancora la Russia: «Le minacce di intervento militare sono inaccettabili»

Il ministro degli Esteri della Russia, Sergej Lavrov, ha definito «inaccettabili» le minacce belliche rivolte dal presidente statunitense Donald Trump contro il Venezuela

  Il ministro degli Esteri della Russia, Sergej Lavrov, ha definito «inaccettabili» le minacce...
Notizia del:     Fonte: Al Masdar News -OZ Analysis Maps

Mappa del conflitto in Siria dopo gli ultimi successi dell'esercito siriano contro l'ISIS

Giunti alla metà di agosto si registra una continua serie di sconfitte strategiche per l'ISIS sul campo di battaglia con l'esercito siriano e le forze alleate che proseguono, con l'appoggio dell'aviazione russa, la loro offensiva per sollevare l'assedio dell'ISIS su Deir Ezzor.

Come riporta il portale di notizie, 'Al Masdar news', nella Siria orientale, tre fronti massicci sono...
Notizia del:     Fonte: Fox News

CIA: La presenza di Russia, Iran, Cuba e Hezbollah in Venezuela rappresenta un serio rischio per gli USA

Il direttore della CIA, Mike Pompeo, spiega i motivi per il quale il Venezuela costituisce un "grave rischio per gli Stati Uniti".

Durante un'intervista con l'emittente statunitense 'Fox News', ieri, Mike Pompeo Direttore della...
Notizia del:     Fonte: TASS - Al Masdar News

I guadagni territoriali dell'esercito siriano sono raddoppiati dal 2015

Secondo il ministero della Difesa russo, le truppe del governo siriano sostenute dalle forze aerospaziali russe, negli ultimi due mesi, hanno fatto enormi progressi contro i gruppi terroristici, liberando un'area più grande di quella controllata dal governo siriano nel 2015.

"I risultati dell'esercito siriano sono veramente impressionanti. Negli ultimi due mesi ha liberato...
Notizia del:     Fonte: Haaretz

Paura per la presenza di Iran e Hezbollah in Siria, Israele ha incontrato in segreto USA e Russia

Secondo il quotidiano israeliano 'Haaretz', ci sono stati incontri segreti tra Israele, Russia e USA riguardo le zona di riduzione della tensione nel sud della Siria. Il regime israeliano non è rimasto soddisfatto dell'incontro, in quanto, non sarebbe stata affrontata la questione della presenza di forze filo-iraniane nella zona.

Israele, Stati Uniti e Russia hanno tenuto all'inizio dello scorso luglio una serie di trattative segrete...
Notizia del:     Fonte: The Independent

The Independent: "Il complotto saudita contro l'Iran sul petrolio ha distrutto il Venezuela"

La battaglia per il prezzo del petrolio lanciata da Riad per affondare l'economia iraniana infine ha distrutto il Venezuela, secondo il quotidiano britannico 'The Independent'.

In un articolo pubblicato oggi sul quotidiano britannico, 'The Independent', si evidenzia come il regno...
Notizia del:     Fonte: http://www.mid.ru/

USA, Gran Bretagna, Ucraina e Francia sabotano la condanna dell'ONU per gli attacchi terroristici all'ambasciata russa in Siria

La Russia definisce 'scandalosa' l'ennesima mancata condanna da parte dell'ONU ai continui attacchi terroristici contro la propria ambasciata in Siria a causa di 'vari pretesti', ogni volta 'inventati' dai rappresentanti di USA, Gran Bretagna, Ucraina e Francia.

In un duro comunicato, il Ministero degli esteri russo ha ricordato che il  2 agosto scorso, per la...
Notizia del:     Fonte: http://www.avn.info.ve/

Venezuela: la Russia esorta l'opposizione a rispettare la legge

«La nostra posizione è che tutto si sviluppi all’interno del quadro rigoroso della legge. Invitiamo alla calma e a rispettare la legislazione» ha dichiarato il portavoce del Cremlino Dmitri Peskov

  Il portavoce del Cremlino Dmitri Peskov, ha esortato l’opposizione venezuelana a mantenere la calma...
Notizia del:     Fonte: al-akhbar

Media arabi: Gli USA si accordano con la Russia per ritirarsi dal sud della Siria

Diverse fonti arabe citate dal media libanese, 'Al-Akhbar' sostengono che gli USA avrebbero raggiunto un accordo con la Russia per ritirarsi dal sud della Siria.

Secondo un articolo apparso ieri sulla versione on-line del quotidiano libanese Al-Akhbar, Washington e Mosca...
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:

Rete di estorsione del MP, capeggiata dal deputato Ferrer, avrebbe estorto ad alcune società oltre 6 milioni di dollari

Cabello, accompagnato da un gruppo di costituenti, ha formalizzato la denuncia presso il Procuratore Generale, Tarek William Saab, a cui ha consegnato i documenti originali che attestano come il deputato Ferrer con Pedro Lupera, procuratore nazionale in attività, e Gioconda González, capo dell'ufficio del ex procuratrice Luisa Ortega, posseggano conti bancari alle Bahamas

da Avn   Alti funzionari e dirigenti del Ministerio Público (MP), presumibilmente guidati dal...
Notizia del:

Generale Tricarico sul caso Regeni: "Se fosse proprio il ritorno dell'Ambasciatore al Cairo a favorire la verità?"

"Indagate sull'università di Cambridge che mandò Giulio Regeni incontro alla morte"

Riportiamo ampi stralci dell'intervista pubblicata da Tiscali di Claudia Fusani con il generale Leonardo...
Notizia del:     Fonte: http://italia.embajada.gob.ve/

Venezuela, Isaías Rodríguez: I documenti presentanti sono la prova schiacciante delle accuse rivolte al Pubblico Ministero

L'ex Procuratore Generale della Repubblica ha indicato che i documenti presentati dal costituente Diosdado Cabello rappresentano una forte prova dei fatti denunciati

da italia.embajada.gob.ve Il secondo vicepresidente dell'Assemblea Nazionale Costituente (ANC), Isaías...
Notizia del:

Venezuela invincibile

Il chavismo ha sconfitto in due decenni, uno dopo l'altro, tutti i tentativi di porre fine alla sua esperienza di trasformazione, liberazione nazionale e sociale

di Angel Guerra Cabrera - Cubainformazione* Gli USA hanno lanciato una feroce guerra non convenzionale contro...
Notizia del:

Esponente dell'opposizione ucraina morta in uno strano incidente stradale "tra Croazia ed Italia"

Mistero sul luogo del sinistro. L'ex deputata della Rada si batteva per i diritti dei russofoni. Il suo nome compariva nella blacklist del sito "Mirotvorets"

di Omar Minniti In un incidente dalle dinamiche ancora tutte da chiarire è morta, lo scorso 5 agosto,...
Notizia del:

La vendetta della Basilissa

"Quando si reclama censura preventiva oltre che punitiva, si estinguono i diritti. Non quelli speciali di chi sta in alto, che non vengono mai toccati"

di Anna Lombroso per il Simplicissimus Esiste, ed è sempre esistita in tutte le società,...
Notizia del:     Fonte: Ha'aretz

Israele ammette che ha attaccato quasi 100 volte i convogli di Hezbollah

Un funzionario militare israeliano ha riconosciuto che le forze armate del regime hanno attaccato, negli ultimi cinque anni, quasi 100 volte i convogli 'di armi' di Hezbollah.

"Il numero di attacchi israeliani su questi convogli dal 2012 si sta avvicinando a numeri a 3 cifre",...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa