/ Glenn Greenwald demolisce il Washington Post: «Ha prodotto due de...

Glenn Greenwald demolisce il Washington Post: «Ha prodotto due delle sconfitte piu' umilianti per il giornalismo americano degli ultimi anni»

Glenn Greenwald demolisce il Washington Post: «Ha prodotto due delle sconfitte piu' umilianti per il giornalismo americano degli ultimi anni»
 

Si tratta delle stesse storie che diffondono senza alcuna verifica i nostri media che in questi giorni sono impegnati nel denunciare la nuova narrazione riguardante la post-verità e le fake news

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
 

Continuano senza soluzione di continuità le accuse verso la Russia e Vladimir Putin, da parte del circuito mainstream, di aver influito sul risultato delle elezioni presidenziali e di aver sabotato il sistema elettrico del Vermont. 

 

Secondo il giornalista d’inchiesta Glenn Greenwald il ‘Washington Post’ «ha prodotto due delle sconfitte più umilianti per il giornalismo americano degli ultimi anni. Due umiliazioni che hanno avuto luogo solo nelle ultime sei settimane, sostenendo due fatti completamente fittizi circa la minaccia rappresentata dalla Russia e dal presidente Vladimir Putin». 

 

Greenwald passa poi alla descrizione delle due sconfitte per il giornalismo americano mainstream, che insieme a quello europeo sta perdendo ogni residuo di credibilità presso l’opinione pubblica, come mostrato plasticamente da eventi come la Brexit e la vittoria di Donald Trump alle scorse elezioni presidenziali statunitensi. 

 

«La prima è stata il 24 novembre, quando hanno sostenuto, sulla base di quanto dichiarato da un gruppo anonimo di recente formazione, il tentativo riuscito da parte del Cremlino di inserire la propria propaganda nel dibattito americano. (…) Questo gruppo anonimo ha affermato che una serie di mezzi di comunicazione statunitensi come Drudge Report di essere strumento della propaganda del Cremlino».

 

Il reporter di ‘The Intercept’ ha poi spiegato come «questo articolo sia stato visualizzato oltre 200 milioni di volte», una storia enorme creata dal ‘Washington Post’ per gettare discredito sulla propaganda alternativa. 

 

Ma la storia più paradossale è quella riguardante il presunto sabotaggio russo alla rete elettrica del Vermont. «Ancora più imbarazzante - spiega Greenwald - è stato quando il Washington Post ha scritto che la Russia aveva sabotato la rete elettrica del Vermont. I funzionari del Vermont come il governatore e senatore Pat Leahy hanno rilasciato dichiarazioni affermando che Vladimir Putin stava cercando di mettere in pericolo la sicurezza dei cittadini del Vermont. L’intera storia si è rivelata essere una totale invenzione. Non c’è stata alcuna intrusione nella rete elettrica americana. Il malware è stato trovato su un laptop che non aveva nulla a che fare con la Russia. I media americani, nella loro isteria, hanno fatto propria questa storia diffondendola». 

 

Si tratta delle stesse storie che diffondono senza alcuna verifica i nostri media che in questi giorni sono impegnati nel denunciare la nuova narrazione riguardante la post-verità e le fake news. Una narrazione sempre al servizio del potere. Proprio i media mainstream risultano essere i principali produttori di fake news, con i media alternativi pronti a smontarle. Forse è proprio questo il vero motivo della campagna montata?

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Fonte: democracynow.org
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:     Fonte: SIPRI

SIPRI. Crescono le spese militari nel mondo. USA sempre in testa. Italia incremento dell'11%

La spesa militare globale totale è salita a 1686.000 miliardi di dollari nel 2016, con un incremento del 0,4 per cento in termini reali rispetto al 2015, secondo i dati dell'Istituto Internazionale di Stoccolma per la ricerca sulla pace. L'Italia ha fatto registrare uno degli incrementi più alti, l'11%. Lo riporta l'Istituto Internazionale di Ricerche sulla Pace di Stoccolma.

Secondo uno studio condotto dall'Istituto Internazionale di Ricerche sulla Pace di Stoccolma, SIPRI*, le...
Notizia del:     Fonte: RT eso - Mid.ru

La Russia mostra le foto che smentiscono l'uso di gas sarin in Siria

Ieri, l'Organizzazione per la proibizione delle armi chimiche ha respinto la proposta di Russia e Iran di aprire un'indagine sul presunto attacco con armi chimiche in Siria.

Da ricerche preliminari risulta che l'Organizzazione per la proibizione delle armi chimiche (OPCW) abbia...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

Sentenza già scritta? OPCW respinge proposta di indagine russo-iraniana sull'attacco chimico in Siria

L'Organizzazione per la proibizione delle armi chimiche (OPCW) ha respinto la proposta di Iran e Russia per una diversa indagine sull'uso di armi chimiche in Siria. In particolare, i due paesi chiedevano di indagare se nella base siriana di Shayrat si trovassero resti armi chimiche, dove, secondo gli USA, sarebbero partiti i raid siriani su Khan Shaykhun.

"La proposta russo-iraniana per sostituire l'inchiesta della OPCW con un nuovo meccanismo è stato...
Notizia del:     Fonte: Euronews

Ahmadineyad: "La guerra contro la Siria provocherà il collasso dell'egemonia mondiale degli USA"

Donald Trump "ha scelto la via della guerra", nonostante "le promesse fatte al suo popolo", ha lamentato l'ex presidente iraniano.

La crisi in Siria causerà il crollo dell'egemonia mondiale degli Stati Uniti, ha dichiarato l'ex...
Notizia del:     Fonte: http://www.independent.co.uk

Robert Fisk: "Se Trump si preoccupa dei bambini siriani perché non ha condannato anche il massacro di altri ragazzini ad opera dei "ribelli" ad Aleppo?"

Il noto reporter di guerra Robert Fisk denuncia la doppia morale dell'Occidente rispetto al conflitto siriano. Si chiede Fisk: "Decine di bambini sono stati uccisi in Siria questo fine settimana, ma dove è il grido di dolore del presidente degli Stati Uniti? Dove sono le denunce da parte dell'UE e del Regno Unito? L'Occidente deve reagire con la stessa indignazione quando sciiti sono le vittime del terrorismo. Oppure dobbiamo semplicemente disinteressarci?"

Qui l'articolo originale di Robert Fisk.   È stata la Madre di ogni ipocrisia. Alcuni bambini...
Notizia del:     Fonte: New York Times

"Usare l'ISIS contro Assad, Iran e Russia". Parola di New York Times

Editorialista del ''New York Times', 3 volte vincitore del Premio Pulitzer, Thomas Friedman ha dato un consiglio davvero "brillante" a Trump, ovvero di smettere di combattere l'ISIS che potrebbe essere la sua pedina nella lotta contro Assad, Russia e Iran.

L'articolo intitolato "Perché Trump sta combattendo l'ISIS? "è stato scritto...
Notizia del:     Fonte: AFP-Sana.sy

Assad: Gli USA grazie alle informazioni di al Qaeda hanno colto il pretesto per attaccare la Siria

In una sua intervista all'AFP, pubblicata oggi, il presidente Assad ha dichiarato che le accuse di un attacco chimico da parte dell'esercito siriano contro la città di Khan Cheikhoun, sono false e sono state fornite da gruppi legati ad al Qaeda offrendo il pretesto agli USA per attaccare la Siria.

Qui il testo integrale dell'intervista.   AFP (1): Signor Presidente, vorrei innanzi tutto ringraziarla...
Notizia del:

Cosa succederà dopo l'attacco degli USA alla Siria?

Dopo l'attacco alla Siria ad opera degli Stati Uniti, quali potrebbero essere i futuri scenari nel Mediteranneo orientale, analizzati in otto punti.

Di Federico Pieraccini   1. L'attacco chimico rientra nelle operazioni speciali di tipo false flag....
Notizia del:

Venezuela: strategia golpista e guerra mediatica contro la Rivoluzione Bolivariana

La propaganda post-veritiera del circuito informativo mainstream punta a mostrare il Venezuela come una brutale dittatura che silenzia tutte le voci in dissenso

di Fabrizio Verde   Prosegue come da copione la destabilizzazione del Venezuela: dopo le manovre portate...
Notizia del:     Fonte: The Washington Post

'Blackwater ha cercato di incoraggiare la Russia a limitare i legami con l'Iran e la Siria'

La società militare privata statunitense, 'Blackwater' ha cercato di creare un canale segreto di comunicazione per Trump al fine di convincere Putin e la Russia a limitare i legami con l'Iran e la Siria.

"Gli Emirati Arabi Uniti (EAU) hanno organizzato un incontro segreto a gennaio tra il fondatore (società...
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:

Partito comunista siriano unificato: "Giù le mani dal nostro paese"

Nel gruppo degli aggressori, dobbiamo elencare, oltre a Europa e Stati uniti, Arabia saudita, Qatar, Turchia, Israele, Bahrein e altri stati reazionari, colonialisti e sionisti. E naturalmente tutte le fazioni terroriste armate, al lavoro contro la popolazione e le infrastrutture del paese. La cosiddetta “opposizione” che ha appoggiato l’attacco statunitense contro la Siria fa parte della categoria di chi vende la patria per i dollari e i rial.

  Comunicato del Partito comunista siriano unificato Dal giornale elettronico “Nur” Traduzione...
Notizia del:

25 aprile. Un corteo di popolo celebra il 25 Aprile, senza il Pd e l’arroganza dei sionisti

di Sergio Cararo* - Direttore di Contropiano Un corteo di popolo, lungo, affollato, partecipato oltre ogni aspettativa. E tra la gente circola una battuta al vetriolo: “Come si è saputo...
Notizia del:

Maggio 2013, Del Grande e Radio 3: i terroristi in Siria (Al Nusra) "sono il numero 1 dell'onestà."

Del Grande ha confezionato una serie “Syria Calling, voci dalla guerra”, trasmessa su Radio 3 dal 27 al 31 maggio 2013. Si racconta la rivoluzione siriana. Poi per chiudere in bellezza, nell’ultima puntata viene riportata la testimonianza di un generale dell’Esercito Siriano Libero che tesse le lodi dell’organizzazione terroristica Al Nusra, perché “sono il numero 1 dell’onestà, non hanno mai rubato nulla. Apprezzo il loro modo di trattare i civili”.

  Dopo essere stato rilasciato dalle autorità turche, rientra in Italia Gabriele Del Grande. Un...
Notizia del:     Fonte: SIPRI

SIPRI. Crescono le spese militari nel mondo. USA sempre in testa. Italia incremento dell'11%

La spesa militare globale totale è salita a 1686.000 miliardi di dollari nel 2016, con un incremento del 0,4 per cento in termini reali rispetto al 2015, secondo i dati dell'Istituto Internazionale di Stoccolma per la ricerca sulla pace. L'Italia ha fatto registrare uno degli incrementi più alti, l'11%. Lo riporta l'Istituto Internazionale di Ricerche sulla Pace di Stoccolma.

Secondo uno studio condotto dall'Istituto Internazionale di Ricerche sulla Pace di Stoccolma, SIPRI*, le...
Notizia del:

Abbiano almeno il pudore di tacere, certi antifascisti a corrente alternata! 

di Mauro Gemma In Ucraina i nazisti sono al potere, con il sostegno anche del governo PD. Là si incarcera, si tortura e anche si uccide chi la pensa diversamente. Si mettono fuori legge partiti...
Notizia del:

Novaja Gazeta contro Ramzan Kadyrov

di Fabrizio Poggi Un po' di cronistoria. Lo scorso 1 aprile Novaja Gazeta scriveva di “arresti in massa e crudeltà in Cecenia nei confronti di persone sospettate di orientamenti sessuali...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

Russia: Perché l'OPCW non indaga sugli attacchi chimici in Siria?

La Russia definisce 'insolita' la decisione dell'Organizzazione per la Proibizione delle Armi Chimiche (OPCW) di non indagare sui presunti attacchi chimici in Siria.

"È insolito perché la decisione non prevede altro che un'indipendente, imparziale e trasparente...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa