/ GLI STATI UNITI INVIERANNO UNA PROPRIA DELEGAZIONE ALLA CONFERENZ...

GLI STATI UNITI INVIERANNO UNA PROPRIA DELEGAZIONE ALLA CONFERENZA “BELT AND ROAD” DI PECHINO

GLI STATI UNITI INVIERANNO UNA PROPRIA DELEGAZIONE ALLA CONFERENZA “BELT AND ROAD” DI PECHINO
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it


In occasione del Forum mondiale sulla “Nuova Via della Seta” organizzato dal governo cinese per i giorni 13 e 14 maggio 2017, il governo degli Stati Uniti invierà una propria delegazione.


Zhu Guangyao, vice ministro delle Finanze della Repubblica Popolare cinese, ha annunciato la notizia nel corso di una conferenza-stampa tenuta nel pomeriggio di venerdì 12 maggio. Nel confermare la partecipazione dei delegati statunitensi, Zhu ha detto gli Usa riconoscono in questo modo l'importanza dell'iniziativa “Belt and Road”.


Matt Pottinger, assistente speciale del presidente degli Stati Uniti Donald Trump e senior director per l&# 39;Asia orientale nel Consiglio di Sicurezza Nazionale, guiderà la delegazione, come ha riferito l’agenzia “Bloomberg” citando il portavoce del Dipartimento di Stato Justin Higgins.


Inizialmente era stata esclusa una partecipazione del governo statunitense all’iniziativa dell’omologo cinese.

(Traduzione di Giuseppe Dibello)

Fonte: CGTN
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:     Fonte: Der Spiegel - Foto AFP

Germania, Francia e Regno Unito promotrici di sanzioni all'Iran per accontentare Trump

Secondo il settimanale tedesco, 'Der Spiegel', la Germania insieme a Francia e Gran Bretagna stanno esercitando pressioni su altri paesi europei per imporre altre sanzioni all'Iran, accontentando di fatto il Presidente degli USA, Donald Trump.

Citando diplomatici europei, la rivista tedesca 'Der Spiegel' afferma in un articolo pubblicato ieri...
Notizia del:     Fonte: SANA -Reuters

Il governo siriano condanna "l'aggressione turca su Afrín"

In un comunicato, Damasco condanna l'aggressione turca sulla città siriana di Afrin. Inoltre, ha smentito di essere stata messa a conoscenza da Ankara dell'avvio dell'operazione "Ramoscello d'ulivo".

Il governo siriano ha condannato "l'aggressione turca contro Afrin" condotta nell'ambito dell'operazione...
Notizia del:

Perché gli "Stati Uniti d'Europa" non è la cosa più spaventosa detta oggi da Renzi

    “Il 4 marzo come il nuovo 1948”. Lo ha scritto Fabbrini (della Luiss) il 3 dicembre su il Sole 24 ore (giornale di Confindustria). Lo ha ribadito oggi Andrea Bonanni su...
Notizia del:     Fonte: TASS - AP foto

Siria, la Russia ritira le sue truppe dopo offensiva della Turchia ad Afrin

La Russia ha comunicato il ritiro delle sue truppe dall'area di Afrin nel nord della Siria, dove l'esercito turco sta lanciando un'offensiva terrestre e aerea contro obiettivi delle Unità di protezione popolare curde, YPG, lo ha riportatoil ministero della Difesa russo.

"Per evitare eventuali provocazioni ed escludere qualsiasi minaccia contro la vita e la salute dei militari...
Notizia del:

Il tormentone fake news ha il primo risultato: la "verità" la decideranno i poliziotti di Minniti

di Dante Barontini* Siamo governati da ignoranti contenti di esserlo. Dunque da gente pericolosa per tutta la popolazione, perché – perversa conseguenza di leggi elettorali che...
Notizia del:     Fonte: Der Spiegel

Giornalista israeliano rivela l'uccisione di migliaia di persone da parte del Mossad

Il giornalista israeliano Ronen Bergman, nel suo ultimo libro, ha rivelato l'uccisione di molte persone anche per 'errore' di almeno 3.000 persone per mano di agenti del servizio di intelligence del regime di Israele (Mossad) oltre anche a diversi casi di "rapimento" e "tortura".

"In generale, stiamo parlando di almeno 3.000 persone, bersaglio non solo le persone obiettivo, ma anche...
Notizia del:     Fonte: Airwars

La coalizione guidata dagli USA ha ucciso 6.000 civili in Iraq e in Siria nel 2017

Un nuovo rapporto indica che gli attacchi della cosiddetta coalizione anti-ISIS, guidati dagli Stati Uniti, hanno provocato più di 6000 civili morti in Iraq e in Siria durante l'anno 2017. La cifra è tre volte più grande rispetto a quella del 2016.

In un rapporto pubblicato giovedì scorso, l'organizzazione giornalistica indipendente 'Airwars'...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa