/ "Ha stato Putin". Per Kiev, c'è Mosca dietro l'arresto in Italia ...

"Ha stato Putin". Per Kiev, c'è Mosca dietro l'arresto in Italia del nazista italo-ucraino

Ha stato Putin. Per Kiev, c'è Mosca dietro l'arresto in Italia del nazista italo-ucraino
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it


di Fabrizio Poggi 


Dopo tanto daffare con le presidenziali negli Stati Uniti e in Francia, la mano di Mosca è arrivata anche in Italia. Per ora non nei seggi elettorali, ma solo nelle aule di giustizia: l'arresto dell'italo-ucraino, terrorista della Guardia Nazionale ucraina Vitalij Markiv, sospettato di responsabilità nell'assassinio del fotocorrispondente italiano Andrea Rocchelli, nell'area di Slavjansk, nel 2014, non sarebbe altro che un'altra macchinazione di Mosca. Lo assicura il deputato nazista, ex consigliori del Ministro degli interni ucraino Arsen Avakov e curatore del sito ucraino “Mirotvorets” (“Mediatore di pace”!), Anton Geraš?enko.

La Procura ucraina, scrive il mediatore, ha inviato all'Italia “una richiesta ufficiale di spiegazioni, per sapere su quali basi sia stato fermato, dato che tutta questa storia puzza e sa tanto dell'ennesima provocazione russa”. Geraš?enko, che di passaggi di carte se ne intende – all'inizio delle operazioni russe in Siria e a beneficio dei tagliagole dell'Isis, “Mirotvorets” aveva pubblicato foto, nomi, indirizzi e dati personali dei piloti russi, con tanto di numero del reparto e dislocamento e, prima ancora, aveva pubblicato dati personali, indirizzi e altre informazioni del deputato del Partito delle regioni Oleg Kalašnikov e del giornalista Oles Buzina, assassinati poi dai nazisti ucraini nell'aprile 2015 – ha detto che “probabilmente i servizi segreti russi hanno passato all'Italia dei documenti inventati, sulla cui base gli italiani hanno quindi aperto una causa penale. Essi sapevano che la madre del combattente della Guardia Nazionale vive in Italia, che egli avrebbe potuto recarsi da lei e hanno pensato bene di imbastire la faccenda”. Ancora Geraš?enko aveva candidamente dichiarato, pochi giorni fa, che l'Ucraina non ha alcuna intenzione di adempiere gli accordi di Minsk sul Donbass, a partire dalle elezioni nelle Repubbliche popolari di Donetsk e Lugansk, “finché non saranno ritirate tutte le formazioni terroristiche russe dal territorio del Donbass e non saranno prese sotto controllo ucraino le nostre frontiere”.



 

Ecco dunque con quale Ucraina ha a che fare la giustizia italiana, dopo che i massimi rappresentanti dei poteri legislativo e esecutivo hanno stretto la mano ai loro pari grado golpisti. Rappresentanti che sono scesi un gradino più in basso addirittura delle autorità polacche, che pure non si distinguono certo per impegno progressista.

Se da un lato a Varsavia la strada dello sciovinismo antisovietico segue il programmato smantellamento di oltre duecento monumenti dedicati ai soldati dell'Esercito Rosso che liberarono la Polonia dal nazismo, dato che “ricordano persone, organizzazioni, avvenimenti o date che simboleggiano il comunismo o altri regimi totalitari”, dall'altro si è ribadito ancora una volta che l'Ucraina non entrerà mai in Europa con Bandera, OUN-UPA, Šukhevi? e tutta la banda degli ex scagnozzi ucraini delle SS. La presa di posizione polacca non ha nulla di nuovo e verte principalmente sui massacri di cittadini polacchi della Volinija, perpetrati negli anni '40 dai filonazisti ucraini. Motivo immediato della nuova presa di posizione del Ministro degli esteri polacco, Witold Waszczykowski, dopo la tradizionale Festa Šukhevi? celebrata lo scorso fine settimana, è stata ora la ridenominazione, nell'ambito della “decomunistizzazione” decisa dalla junta golpista nel maggio 2015, della prospettiva “Generale Vatutin” (il generale sovietico ucciso dai filonazisti dell'UPA nel febbraio del 1944 nei pressi di Rovno) in prospettiva “Roman Šukhevi?”. La ridenominazione è stata fatta coincidere con il 110° anniversario della nascita del capo dell'OUN-UPA, il 30 giugno 1907, considerato oggi eroi nazionale nell'Ucraina golpista.

Waszczykowski, nell'intervista rilasciata alla rivista wPolityce, ha detto chiaramente che “la collaborazione economica” tra Kiev e Varsavia, “purtroppo, non va tanto bene. Ma, peggio ancora, naturalmente, stanno le cose con le questioni storiche. Noi non ripeteremo gli errori degli anni '90, allorché ci furono determinati problemi nei rapporti con Germania e Lituania. Mi riferisco allo status della minoranza polacca in quei paesi”. Secondo Waszczykowski, Varsavia insisterà affinché l'Ucraina risolva tutte le questioni controverse e fino ad allora “rimarrà sulla porta dell'Europa chiedendo di entravi. Il nostro “messaggio è molto preciso” ha detto il Ministro polacco, “con Bandera, voi in Europa non entrate. Lo diciamo sia ad alta voce che sottovoce”.

Le massime autorità della Repubblica nata dalla Resistenza antifascista, invece, non lo stanno dicendo nemmeno sommessamente.

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:     Fonte: South Front

Siria, 35 gruppi ribelli pronti ad unirsi all'esercito siriano ad Idlib

Circa 35 fazioni ribelli hanno espresso la loro volontà di unirsi all'esercito siriano nella provincia di Idlib nella Siria nordoccidentale.

"I colloqui con i leader di 35 dei gruppi armati hanno confermato la loro disponibilità ad unirsi alle...
Notizia del:

"Quattro NO". La posizione di Russia e Cina contro l'interventismo militare in Corea

di Diego Angelo Bertozzi per Marx21.it Il 12 settembre scorso, in Consiglio di sicurezza dell'ONU, Cina popolare e Russia hanno votato a favore del nuovo pacchetto di sanzioni nei...
Notizia del:     Fonte: Bloomberg

Siria. Come Berlino nel 1945, la Russia e gli Stati Uniti in competizione per Deir Ezzor

Sono separate da diversi chilometri nella valle del fiume Eufrate, le forze appoggiate da Russia e Stati Uniti che combattono l'ISIS al fine di controllare Deir Ezzor e la sua provincia, area chiave della Siria.

In un articolo pubblicato venerdì scorso, la rivista statunitense 'Bloomberg' ha ricordato che...
Notizia del:     Fonte: Foreign Policy - http://www.balkaninsight.com

Indagine rivela come gli USA falsificano i documenti per l'invio di armi in Siria

La stessa inchiesta rivela che le vendite sono effettuate attraverso una rete commerciale collegata alla criminalità organizzata.

Una relazione congiunta di due gruppi internazionali di controllo sulle armi ha confermato che il Pentagono continua...
Notizia del:     Fonte: Ruptly - Al Masdar News

Russia: l'Esercito siriano ha attraversato l'Eufrate a Deir Ezzor e libera dall'ISIS 90 km² di territorio nella provincia di Homs

Il Ministero degli Esteri russo ha annunciato che l'esercito siriano ha attraversato l'Eufrate nell'ambito dell'offensiva contro l'ISIS a Deir Ezzor. Intanto, nella provincia di Homs, le truppe siriane e alleati liberano altre aree dai terroristi.

"Vorrei informarvi che dopo la grande vittoria a Deir Ezzor, l'esercito del governo siriano continua...
Notizia del:

Venezuela, il sabotaggio contro PDVSA aveva come obiettivo rovinare le relazioni con la Russia

di Misión Verdad Traduzione di Marx21.it Nei giorni scorsi sono stati arrestati otto dirigenti della Divisione Occidentale di Pvdsa (l'impresa petrolifera di stato venezuelana)...
Notizia del:     Fonte: Haaretz

Israele ha chiesto una zona cuscinetto di 60 km alla frontiera con la Siria. NO della Russia

Ossessionato dalla presenza iraniana ai suoi confini, il regime israeliano ha chiesto che si stabilisca una zona cuscinetto di 60km alla frontiera con la Siria, ricevendo il rifiuto della Russia.

La Russia ha respinto la richiesta di Israele di fermare le forze militari iraniane ad almeno 60 chilometri dal...
Notizia del:     Fonte: TASS

Siria, la zona di riduzione della tensione ad Idlib sarà controllata da Russia, Turchia e Iran

Il cessate il fuoco nella zona di de-escalation della provincia siriana di Idlib sarà controllata dai tre paesi garanti: Russia, Iran e Turchia, ha dichiarato ieri il rappresentante speciale del presidente russo per la Siria, Alexandre Lavrentiev.

I partecipanti sui negoziati sulla Siria ad Astana sono "in procinto di accordarsi su quattro aree di de-escalation",...
Notizia del:

L’Unione europea ha perso 100 miliardi di dollari a causa delle sanzioni alla Russia

«La cifra approssimativamente più credibile è quella di una perdita pari a 3,2 miliardi di dollari al mese», si legge in un rapporto firmato da Idriss Jazairy, analista dell’ONU

di Eugenio Cipolla   Che le sanzioni alla Russia siano state e siano tutt’ora dannose per l’economia...
Notizia del:     Fonte: Ria Novosti

La Russia invierà 4.000 tonnellate di tubi, cavi e macchine per la ricostruzione della Siria

La Russia si prepara ad inviare alla Siria oltre 4.000 tonnellate di materiali e attrezzature per ricostruire il paese in guerra, nel suo sforzo di ricostruzione che necessiterà di miliardi di dollari.

La spedizione di aiuti industriali attualmente in preparazione sarà costituita da "più...
Le più recenti da Europlot
Notizia del:

Militari francesi contro la politica guerrafondaia di Macron: "Perché l’UE non è la pace e la NATO è la guerra!”

di Sinistra.ch Il mensile francese “Initiative Communiste”, edito dal Polo della Rinascita Comunista in Francia (PRCF), ospita nel suo ultimo numero una riflessione di Jean-Pierre Combe,...
Notizia del:

Dopo una seduta di 12 ore, il Parlamento catalano approva la legge per il referendum d’autodeterminazione dell’1 ottobre

di Andrea Quaranta* Dopo una seduta durata quasi 12 ore, il Parlamento catalano ha approvato ieri la legge che fornisce copertura giuridica al referendum d’autodeterminazione dell’1...
Notizia del:

Il leader di una cellula jihadista arrestato a Melilla era iscritto al partito di Rajoy (PP)

Il presidente del PP di Melilla (Spagna) e il presidente della città autonoma hanno annunciato in una conferenza stampa convocata d'urgenza, di aver espulso dal partito il tesserato del...
Notizia del:

"Modello" Rajoy: in Spagna 333.107 licenziamenti in un solo giorno

Lunedì 31 agosto è stato il “giorno nero” per l’impiego in Spagna.  Secondo i dati del Ministero del Lavoro spagnolo riportati dal quotidiano El Mundo, solo in questa...
Notizia del:     Fonte: The Guardian

Il Regno Unito approfittò della prima Guerra del Golfo per aumentare la vendita di armi

Documenti ufficiali declassificati rivelano che il governo di Margaret Thatcher approfittò della prima guerra del Golfo per aumentare l'esportazione di armi. Una pratica che con il tempo non è affatto cambiata.

Il Regno Unito ritenne che la prima guerra del Golfo (1990-1991) era "un'opportunità senza precedenti"...
Notizia del:

Jeremy Corbyn: "L'immigrazione di massa dall'UE ha distrutto le condizioni di vita della classe operaia inglese"

L'immigrazione di massa dall'Unione Europea è stata utilizzata per "distruggere" le condizioni di vita della classe operaia inglese. Lo ha dichiarato Jeremy Corbyn in un'intervista...
Notizia del:

Lavaggio del cervello razzista sui bambini: E se a mostrare il volto nazista dell'Ucraina golpista è un canale statunitense?

di Partito Comunista di Ucraina da kpu.ua Traduzione dal russo di Mauro Gemma Un agghiacciante documentario della rete statunitense NBC Giornalisti americani hanno rivelato l'esistenza...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa