/ Hezbollah esige la fine dell'intervento dell'Arabia Saudita in Li...

Hezbollah esige la fine dell'intervento dell'Arabia Saudita in Libano

Hezbollah esige la fine dell'intervento dell'Arabia Saudita in Libano
 

Il Movimento di resistenza del Libano, Hezbollah, esorta l'Arabia Saudita a smettere di intervenire negli affari interni del suo paese.

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it

"Sollecitiamo l'Arabia Saudita di non provocare una crisi in Libano, di non intervenire negli affari interni di altri paesi e per finire ai suoi attacchi contro alcuni paesi della regione", ha dichiarato, oggi, il blocco parlamentare di Hezbollah, dopo che il primo ministro libanese, Saad Hariri, si è dimesso sabato scorso in maniera a dir poco anomala, dal momento che ha dato le dimissioni da Ryad.
 
Hasan Fadlallá deputato di Hezbollah ha affermato che il suo blocco sostiene la posizione del presidente, Michel Aoun, che ha rifiutato di decidere sulle dimissioni di Hariri fin quando non tornerà al Paese e ha ribadito la necessità di preservare la sicurezza e la stabilità del Libano.
 
Secondo i funzionari libanesi, Hariri, che ha annunciato le sue dimissioni è prigioniero di fatto in Arabia Saudita.
 
"Quando è andato (in Arabia Saudita), gli hanno chiesto di restare e gli hanno ordinato di dimettersi. Da allora, è stato costretto a leggere la sua dichiarazione di dimissioni ed è stato arrestato",
com/article/us-lebanon-politics/exclusive-lebanon-believes-saudi-holds-hariri-demands-return-idUSKBN1D914F">ha riferito alla Reuters un alto funzionario libanese vicino ad Hariri.
 
La fonte citata dall'agenzia ha aggiunto che l'idea di Beirut è di chiedere ad altri paesi della regione di esercitare pressioni sull'Arabia Saudita per liberare Hariri. "Mantenerlo con libertà ristrette a Riyad è un attacco alla sovranità libanese", ha ammonito.
 
Secondo gli analisti, i funzionari sauditi hanno dato ad Hariri due opzioni: la prima è tornare a Beirut e prendere una posizione aggressiva contro Hezbollah e la seconda opzione sarebbe quella di andare in esilio in Europa e lasciare la politica per sempre.
 
Diversi rapporti sostengono inoltre che i sauditi cercano di nominare il fratello Bahaa Hariri come leader del Movimento Futuro e come nuovo "uomo saudita" in Libano.
 
Il presidente del parlamento libanese, Nabih Berri, ha annunciato ieri che il governo del paese continuerà ad operare nonostante le dimissioni di Hariri. Il presidente Michel Aoun ha anche spiegato che sta ancora aspettando che Hariri ritorni e presenti le sue dimissioni.
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Fonte: Hispantv - Reuters
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:     Fonte: The Jerusalem Post

Israele prevede la guerra nel Golan nel 2018 per i progressi dell'esercito siriano

In mezzo a tensioni crescenti in Medio Oriente, un alto generale delle forze armate di Israele, ha messo in guardia contro la "crescente possibilità di una guerra" sulle alture del Golan seguito i progressi dell'esercito siriano contro i gruppi estremisti e "ribelli".

In dichiarazioni rilasciate durante un'intervista alla radio dell'esercito, il comandante delle operazioni...
Notizia del:     Fonte: https://www.israelnationalnews.com

VIDEO. Ministro israeliano: L'ISIS non è una minaccia strategica per Israele

Il ministro dell'Economia israeliano Naftali Bennett ammette che Tel Aviv non ha mai visto il gruppo terroristico ISIS (Daesh in arabo) come una "minaccia esistenziale o strategica" e crede che la distruzione di questo gruppo potrebbe rafforzare la posizione dell'Iran in Siria e in Iraq.

"Non abbiamo mai visto l'ISIS come una minaccia esistenziale o strategica, (e) non si dovrebbe rimuovere...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

Ecco la mappa dei giacimenti di gas israeliani che Hezbollah potrebbe distruggere

Sabato scorso, il Segretario generale del Movimento di Resistenza Islamico in Libano (Hezbollah), Seyed Hassan Nasrallah ha minacciato il regime israeliano di attaccare i suoi giacimenti di gas e petrolio nel Mar Mediterraneo, se il governo Beirut lo chiedesse.

Media legati a Hezbollah hanno diffuso le mappe dei giacimenti di gas israeliani che potrebbero essere attaccati...
Notizia del:     Fonte: Al Manar

Nasrallah: Possiamo distruggere le piattaforme petrolifere israeliane nel giro di poche ore

Il segretario generale di Hezbollah Sayyed Hassan Nasrallah ribadisce che la presenza degli USA nella regione è data dalla volontà di impadronirsi delle risorse naturali.

In occasione della ricorrenza del martirio di due leader del Movimento di resistenza libanese Hezbollah, il segretario...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

Hezbollah: Per Israele è finita l'epoca di colpire in Siria senza ricevere risposta

Il vice segretario generale del Movimento di resistenza islamica del Libano (Hezbollah), Naim Qasem, ha affermato che è finita "l'epoca in cui il regime israeliano attaccava e non ha ricevuto alcuna risposta" in Siria, dopo l'abbattimento di un aereo israeliano F-16 da parte dell'esercito siriano.

"L'abbattimento dell'aereo militare israeliano mostra che la tattica di colpire e fuggire per il...
Notizia del:     Fonte: Haaretz

"La Russia non prende una posizione anti-iraniana in Siria e non collabora con Israele"

Il capo del regime israeliano, Benyamin Netanyahu, crede erroneamente che la Russia adotti posizioni anti-iraniane in Siria, secondo un giornale israeliano dopo l'abbattimento di un caccia F-16 di Israele da parte delle difesa aerea siriana nelle Alture del Golan occupato.

"Netanyahu ha elaborato l'idea sbagliata che Mosca potrebbe cooperare con Israele per impedire il rafforzamento...
Notizia del:     Fonte: Al Mayadeen - Al Manar

Palestina, massima allerta di Hamas e Jihad islamica: pronti a rispondere all'aggressione israeliana contro la Siria

Le Brigate Ezzedine AlQassam, braccio armato di Hamas, hanno annunciato ieri sera lo stato di massima allerta per prevenire un'aggressione israeliana contro Gaza in seguito agli attacchi israeliani contro la Siria.

Il portavoce del braccio armato di Hamas, le Brigate Ezzedine AlQassam, Abu Oubeida, ha spiegato che sulla scia...
Notizia del:     Fonte: Al Manar

Hezbollah: si annuncia una nuova tappa strategica con la distruzione degli F-16 israeliani

Hezbollah ha condannato con veemenza la continua aggressione di Israele contro la Repubblica araba siriana e i ripetuti attacchi ai suoi siti e alle strutture militari e civili.

Nella sua dichiarazione diffusa oggi, il movimento di resistenza libanese Hezbollah ha applaudito "la vigilanza...
Notizia del:     Fonte: The Jerusalem Post

"Il potere missilistico di Hezbollah, un fallimento strategico per Israele"

Il Movimento di resistenza islamica del Libano, Hezbollah si è dotato tra il 2006 e il 2012 di 130.000 missili, che rappresentano un "fallimento strategico" per il regime di Tel Aviv, ha dichiarato oggi il ministro dell'Istruzione di Israele, Naftali Bennett .

In un'intervista riportata dal quotidiano 'The Jerusalem Post', il ministro dell'Istruzione del...
Notizia del:     Fonte: Al Mayadeen

Documento del 'Gruppo di Washington' sulla Siria: Amministrazione ONU e divisione per entità regionali

Il canale libanese 'Al Mayadeen' ha ottenuto un documento del cosiddetto 'Gruppo di Washington'(USA, Francia, Gran Bretagna, Giordania Arabia Saudita) che include riferimento sul futuro della Siria come l'amministrazione fiduciaria dell'ONU e la divisione del paese arabo in entità regionali con grandi poteri.

Il canale satellitare libanese 'al Mayadeen' ha ottenuto dal sedicente 'Gruppo di Washington'...
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:     Fonte: BBC - The Guardian

Londra riprende il progetto di "finanziamento ad Al-Qaeda" in Siria

Il Regno Unito ha ripreso un controverso programma di miliardi di sterline per addestrare 'polizia' nelle aree occupate dai gruppi armati in Siria, un progetto sospeso più di due mesi fa a causa di accuse di aver finanziato gruppi 'estremisti' affiliati ad Al- Qaeda.

Il progetto è cessato nel novembre dello scorso anno dopo che un'indagine ha rivelato che le forze...
Notizia del:     Fonte: The Jerusalem Post

Israele prevede la guerra nel Golan nel 2018 per i progressi dell'esercito siriano

In mezzo a tensioni crescenti in Medio Oriente, un alto generale delle forze armate di Israele, ha messo in guardia contro la "crescente possibilità di una guerra" sulle alture del Golan seguito i progressi dell'esercito siriano contro i gruppi estremisti e "ribelli".

In dichiarazioni rilasciate durante un'intervista alla radio dell'esercito, il comandante delle operazioni...
Notizia del:     Fonte: RT arabic - AP news - Ria Novosti

VIDEO. Le forze siriane entrano ad Afrin e la Turchia bombarda

Le unità dell'esercito siriano sono entrate oggi nel distretto di Afrin, dove le forze armate turche e le sue milizie alleate stanno portando avanti un'aggressione contro le YPG curde.

Le forze filo-governative siriane hanno iniziato ad entrare ad Afrín nonostante le minacce provenienti...
Notizia del:

Così si impone e trionfa in Italia e nel mondo il nuovo fascismo della finanza e delle corporation

di Francesco Erspamer* Da trent'anni il gioco dei liberisti è sempre quello e il fatto che continuino a vincere dipende solo dalla mancanza di lucidità, capacità e coraggio...
Notizia del:     Fonte: https://www.israelnationalnews.com

VIDEO. Ministro israeliano: L'ISIS non è una minaccia strategica per Israele

Il ministro dell'Economia israeliano Naftali Bennett ammette che Tel Aviv non ha mai visto il gruppo terroristico ISIS (Daesh in arabo) come una "minaccia esistenziale o strategica" e crede che la distruzione di questo gruppo potrebbe rafforzare la posizione dell'Iran in Siria e in Iraq.

"Non abbiamo mai visto l'ISIS come una minaccia esistenziale o strategica, (e) non si dovrebbe rimuovere...
Notizia del:     Fonte: Ruptly - Al Masdar News

VIDEO. 'Afrin è siriana' I commenti dei residenti sulle relazioni tra YPG e governo siriano

La popolazione di Afrin ha commentato le ultime indiscrezioni sul possibile accordi tra le YPG e l'esercito siriano per combattere l'offensiva turca.

I residenti di Afrin nel nord-ovest della Siria, hanno commentatole recenti indiscrezioni, secondo le quali,...
Notizia del:

Pyongyang: "Se non ci fossero stati gli USA, la pace e l'unificazione nazionale sarebbe realtà"

di Fabrizio Poggi    Decise prese di posizione dei media della RPDC contro il tentativo statunitense di minare il pur embrionale processo di avvicinamento tra Pyongyang e Seoul, che ha...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa