/ L’Unione europea ha perso 100 miliardi di dollari a causa delle s...

L’Unione europea ha perso 100 miliardi di dollari a causa delle sanzioni alla Russia

L’Unione europea ha perso 100 miliardi di dollari a causa delle sanzioni alla Russia
 

«La cifra approssimativamente più credibile è quella di una perdita pari a 3,2 miliardi di dollari al mese», si legge in un rapporto firmato da Idriss Jazairy, analista dell’ONU

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it


di Eugenio Cipolla
 

Che le sanzioni alla Russia siano state e siano tutt’ora dannose per l’economia dell’Unione europea è un fatto risaputo. E a metterlo nero su bianco oggi ci ha pensato un rapporto firmato da Idriss Jazairy, analista dell’ONU, il quale ha pubblicato un rapporto dove viene fatta una stima delle perdite economiche subite dall’Europa a causa delle scelte politiche dei burocrati europei. Negli ultimi tre anni, infatti, l’Unione Europa ha perso qualcosa come 3,2 miliardi di dollari al mese.

 

«La cifra approssimativamente più credibile è quella di una perdita pari a 3,2 miliardi di dollari al mese», si legge nel rapporto sull’impatto negativo delle misure unilaterali adottate da Bruxelles negli ultimi tre anni. A conti fatti si tratta, stimando una cifra totale, parliamo di circa 100 miliardi di dollari. Jazairy ha aggiunto che anche la parte russa ha subito perdite, più contenute, pari a 55 miliardi di dollari nell’arco degli ultimi anni. «Il risultato totale parla di 155 miliardi di dollari di perdite condivise», si può leggere ancora nell’analisi di Jazairy. Le sanzioni contro la Russia sono state introdotte nel 2014, subito dopo lo scoppio del conflitto in est Ucraina e l’adesione della Crimea alla Federazione russa.  


Le sanzioni hanno riguardato e riguardano tutt’ora i settori finanziari, energetici e di difesa della Russia, assieme ad alcuni funzionari governativi, uomini d’affari e personaggi pubblici. Alle azioni dell’Unione Europea, Mosca ha risposto imponendo un embargo sui prodotti agricoli e alimentari provenienti dalla stragrande maggioranza dei paesi europei. La Russia è il quarto partner commerciale dell’Unione europea, dopo Stati Uniti, Cina e Svizzera ed è anche il maggiore fornitore di gas naturale dell’Europea, nonché uno dei suoi principali fornitori di petrolio.

 

Nonostante questo oggi il Consiglio europeo ha prorogato ufficialmente di altri sei mesi le misure restrittive contro l’economia russia fino al marzo del 2018. «Oggi, 14 settembre 2017, il Consiglio ha prorogato di altri sei mesi le sue misure restrittive contro le azioni che minano e minacciano l’integrità territoriale, la sovranità e l’indipendenza dell’Ucraina». La maggior parte di queste misure consistono nel congelamento di beni finanziari e nel divieto di viaggiare in diversi paesi europei. Bruxelles ha fatto sapere di aver aggiornato l’elenco delle persone e delle imprese sotto sanzioni, che attualmente conta 149 persone fisiche e 38 organizzazioni.  

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:     Fonte: Sputnik

La Siria confida nelle misure di Rohani e Putin per risolvere la crisi

La Siria è fiduciosa che le misure di Russia e Iran porranno fine sia ai conflitti che al terrorismo nel paese arabo.

"Tutte le azioni e le misure adottate dai presidenti Putin e Rohani contribuiranno alla soluzione della...
Notizia del:     Fonte: The Times of Israel

Netanyahu minaccia di attaccare gli obiettivi dell'Iran in Siria

Il primo ministro israeliano afferma che il suo esercito è pronto a colpire e attaccare obiettivi iraniani sul suolo siriano.

Durante una conversazione con il presidente francese Emmanuel Macron, il primo ministro israeliano Benyamin Netanyahu...
Notizia del:     Fonte: The Washington Post

"Gli Stati Uniti hanno intenzione di preservare la propria presenza militare in Siria dopo aver eliminato l'ISIS"

Washington vuole creare nuove strutture amministrative in Siria che non siano collegate a Damasco.

Le autorità degli Stati Uniti intendono mantenere la propria presenza militare nel nord della Siria, dopo...
Notizia del:

Pensioni, lavoro e diritti sociali: l'Italia è come la Grecia

La letterina della Commissione UE appena giunta al governo italiano chiarisce tutto. I burocrati europei confermano che la legge Fornero è un tabù intoccabile. E che il governo si è già formalmente impegnato su questo

di Giorgio Cremaschi Un vecchio governo democristiano avrebbe sicuramente evitato questo crisi da burla...
Notizia del:     Fonte: TASS

Netanyahu a Putin: Israele non permetterà all'Iran di guadagnare terreno in Siria

Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha detto al presidente russo Vladimir Putin durante la loro conversazione telefonica che Israele non accetterà i tentativi dell'Iran di ottenere un punto d'appoggio in Siria.

"Una conversazione ha avuto luogo [tra Netanyahu e Putin ndt] ed è durata circa mezz'ora. Hanno...
Notizia del:     Fonte: Mehrn

Iran: la tratta di esseri umani in Libia è dovuta all'aggressione straniera

Gli invasori militari che creano zone di conflitto e instabilità spianano la strada alla tratta di esseri umani in Libia, è la denuncia inviata dall'Iran alle Nazioni Unite.

"La tratta di esseri umani, soprattutto in situazioni di conflitto, sta diventando una sfida globale con...
Notizia del:

'Incontro di Assad e Putin mostra il fallimento della politica di Israele'

L'ex primo ministro israeliano, Ehud Barak ha affermato che la visita del presidente siriano Bashar al-Assad in Russia dimostra la sconfitta della politica israeliana.

L'ex primo ministro israeliano Ehud Barak, in una serie di messaggi pubblicati ieri sul suo account del social...
Notizia del:

Lugansk: arresti ai vertici dell'intelligence della LNR

Uomini armati del Berkut e di altri non meglio precisati reparti delle forze armate della Repubblica popolare stanno presidiando gli edifici e le aree attigue al Ministero degli Interni

di Fabrizio Poggi Situazione non esattamente chiara in queste ore a Lugansk. Uomini armati del Berkut e...
Notizia del:     Fonte: Haaretz

Israele riconosce che Assad ha vinto la guerra contro i terroristi

Il ministro della Difesa israeliano, Avigdor Lieberman, riconosce che la Siria ha vinto la lotta contro il gruppo terroristico ISIS (Daesh, in arabo) e allo stesso tempo chiede al suo governo lo stanziamento di altri fondi per le forze armate per la presenza di Iran e Hezbollah nel paese arabo.

Il presidente siriano "(Bashar) al-Assad haterminato la lotta, perché ora controlla il 90 per cento...
Notizia del:     Fonte: Reuters

Il Libano dispone per il suo esercito la stato di "massima allerta" per affrontare il "nemico israeliano" al confine

All'esercito libanese è stato ordinato di rimanere vigile sul confine meridionale del paese.

Il capo dell'esercito libanese ha esortato i militari ad essere completamente pronti ad affrontare il "nemico...
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:

Le "scatole cinesi" dietro le corporazioni dei diritti umani: lo strano caso di una ONG "siriana" in tour a Roma

di Marinella Correggia - Sibialiria   La Ong siriana CCSD (Center for Civil Society and Democracy), registrata in Turchia, Usa e Kurdistan iracheno è al centro di una serie di incontri...
Notizia del:

I soldi dei servizi segreti per influenzare i mass media

Un articolo uscito il 16 novembre scorso, ha svelato non solo l’esistenza di molti conti bancari dei servizi segreti dentro la Banca Popolare di Vicenza, ma anche e soprattutto l’obiettivo di questa liquidità finanziaria dei servizi segreti: far arrivare soldi a chi in qualche modo è vicino o dà una mano all’attività dei servizi

di Federico Rucco - Contropiano   Il Sole 24 Ore è un giornale propriamente padronale, nel senso...
Notizia del:     Fonte: Sputnik

La Siria confida nelle misure di Rohani e Putin per risolvere la crisi

La Siria è fiduciosa che le misure di Russia e Iran porranno fine sia ai conflitti che al terrorismo nel paese arabo.

"Tutte le azioni e le misure adottate dai presidenti Putin e Rohani contribuiranno alla soluzione della...
Notizia del:     Fonte: The Times of Israel

Netanyahu minaccia di attaccare gli obiettivi dell'Iran in Siria

Il primo ministro israeliano afferma che il suo esercito è pronto a colpire e attaccare obiettivi iraniani sul suolo siriano.

Durante una conversazione con il presidente francese Emmanuel Macron, il primo ministro israeliano Benyamin Netanyahu...
Notizia del:     Fonte: The Washington Post

"Gli Stati Uniti hanno intenzione di preservare la propria presenza militare in Siria dopo aver eliminato l'ISIS"

Washington vuole creare nuove strutture amministrative in Siria che non siano collegate a Damasco.

Le autorità degli Stati Uniti intendono mantenere la propria presenza militare nel nord della Siria, dopo...
Notizia del:     Fonte: Reuters

L'Arabia Saudita acquisterà 7 miliardi di dollari in munizioni di precisione dagli Stati Uniti

L'Arabia Saudita è pronta ad acquistare munizioni di precisione da aziende statunitensi per un valore di 7 miliardi di dollari, secondo quanto riferisce l'agenzia Reuters.

Riyadh ha accettato di acquistare munizioni di precisione dagli appaltatori della difesa degli Stati Uniti, secondo...
Notizia del:     Fonte: teleSUR

Zimbabwe: 3 passaggi chiave per comprendere il golpe

Il panorama politico in Zimbabwe è mutato in pochi giorni con il licenziamento di Emmerson Mnangagwa, passando per il colpo di Stato e le dimissioni di Robert Mugabe, dopo oltre 30 anni di governo

La destituzione del vicepresidente Robert Mugabe destituisce Emmerson Mnangagwa dalla vicepresidenza il...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa