/ Il discorso di Trump all'Onu: l'epitaffio dell'Impero

Il discorso di Trump all'Onu: l'epitaffio dell'Impero

Il discorso di Trump all'Onu: l'epitaffio dell'Impero
 

Ancora una volta, conta la realtà dei fatti e non le parole dietro cui Trump e l'establishment americano spesso si nascondono: in Siria hanno perso, così come in Iraq ed Afghanistan

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it


di Federico Pieraccini
 

Trump, nel suo discorso alle Nazioni Unite, ha attaccato nell'ordine Kim Jong-Un, Maduro, Obama, Castro, la rivoluzione islamica Iraniana, Hezbollah, le Nazioni Unite, Assad, il socialismo Sovietico, il comunismo Cubano e indirettamente pure Chavez e la Federazione Russa (in merito alla vicenda Ucraina). 

 

Per il resto, solito doppio messaggio. Uno indirizzato alla popolazione americana, sullo stile della campagna elettorale che l'ha portato alla presidenza. L'altro indirizzato al resto del mondo, chiaramente incentrato sul ruolo degli Stati Uniti quale nazione unica ed indispensabile (American exceptionalism) tinto però di una sorta di realismo politico (a suo dire).

 

Quel che conta è la frattura nel campo imperialista nordatlantico. Trump è disprezzato dai neoliberal alla Clinton e detestato dai neocon alla McCain (anche se fa di tutto, specie con la retorica più che azioni, per entrare nelle loro grazie), osteggiato persino dalla maggior parte dei partner Europei. Senza contare l'incapacità di fondo dell'amministrazione di conciliare le diverse posizioni di Trump in politica estera, generando terremoti (geo)politici devastanti come visto con Qatar e Arabia Saudita o tra Washington ed Ankara. 

 

Trump non pare voler lasciare in eredità al paese l'ennesima guerra (con conseguente sconfitta), tradendo ulteriormente il mandato elettorale. Si è però volutamente circondato di generali assetati di guerre, soldi e appalti per i giganti del complesso militare industriale, sperando di salvarsi la presidenza. Non a caso ha deciso di aumentare il budget della difesa, ma non perde occasione per ribadire che gli Stati Uniti non vogliono usare la forza.

 

Ancora una volta, conta la realtà dei fatti e non le parole dietro cui Trump e l'establishment americano spesso si nascondono: in Siria hanno perso, così come in Iraq ed Afghanistan; tutto mentre Pyongyang sviluppava il suo deterrente nucleare e perfezionava quello convenzionale, rendendo le minacce nordamericane vuota retorica.

 

Il discorso di Trump provoca indifferenza ed ilarità ai nemici nordamericani, sfiducia nelle nazioni ancora orbitanti nella bolla unipolare di Washington e grande soddisfazione per regimi come Israele e Arabia Saudita che si accontentano ormai persino della scadente retorica di una delle persone meno stimate sulla scena internazionale.

 

Trump, ogni volta che parla, ci ricorda indirettamente quanto la transizione ad un ordine mondiale multipolare sia fortunatamente irreversibile ed in pieno svolgimento.

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:

Venezuela, perseverare è diabolico

L’eurodeputato Javier Couso Permuy, che fa parte della Delegazione Ue all’Assemblea parlamentare euro-latinoamericana, ha denunciato nei giorni scorsi l’esistenza di un documento preventivo dell’Unione europea per non riconoscere a priori il risultato delle elezioni venezuelane

da ilsimplicissimus   La notizia come avviene sempre più spesso è che manca la notizia:...
Notizia del:

La stampa italiana parla di brogli in Venezuela, la prof. Riccio denuncia: «Giornalismo senza etica»

La docente di Lingua e Letterature ispano-americane presso la Facoltà di Lingue e Letterature straniere dell’Istituto Universitario Orientale di Napoli ai microfoni de l'AntiDiplomatico evidenzia inoltre come Maduro sia un «uomo politico di grande taglia»

di Fabrizio Verde   All’indomani della netta vittoria ottenuta dal Partito Socialista Unito del...
Notizia del:     Fonte: http://nsarchive.gwu.edu

Svelati documenti che confermano la complicità degli USA nel massacro di 500.000 comunisti indonesiani

I documenti non classificati rivelano il sostegno statunitense all'esercito indonesiano per eliminare il Partito Comunista Indonesiano (PKI) tra il 1965 e il 1966.

La National Security Archive dell'Università George Washington, ha reso pubblico ieri un totale di...
Notizia del:     Fonte: Embajada de la República Bolivariana de Venezuela en Italia

Il Venezuela respinge categoricamente i tentativi del Governo degli USA di non riconoscere la volontà del popolo venezuelano

La Repubblica Bolivariana del Venezuela, riaffermando il suo stato indipendente e sovrano, condanna con forza le minacce del Governo del Presidente Donald Trump

La Repubblica Bolivariana del Venezuela respinge categoricamente i tentativi del Governo degli Stati Uniti...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

La Russia avverte sul "piano B" degli Stati Uniti per rovesciare Assad

Il ministro degli esteri russo ritiene che la coalizione guidata dagli Stati Uniti protegga i terroristi in Siria per tornare al suo 'piano B': rovesciare il presidente siriano.

Gli indizi indicano come la coalizione che dice di combattere il gruppo terroristico ISIS(Daesh, in arabo), protegga...
Notizia del:     Fonte: The Washington Post

Trump ribadisce: Abbandonare l'accordo sul nucleare iraniano è "una possibilità reale"

Il presidente degli USA Donald Trump continua a considerare l'abbandono dell'accordo nucleare iraniano come una "possibilità reale".

"Può esserci una cessazione completa, che è una possibilità reale, qualcuno potrebbe...
Notizia del:     Fonte: RT

VIDEO. L'Esercito siriano nella capitale 'de facto' dell'ISIS in Siria scopre armi prodotte in USA e Israele

Le forze siriane, dopo aver liberato la città di Al-Mayadeen, nella provincia orientale di Deir Ezzor, capitale de facto dell'ISIS in Siria, hanno scoperto una grande quantità di armi di produzione statunitense e israeliana.

Le Tiger Forces, unità speciali delle forze armate siriane, come riferito dai dai media russi, indicano...
Notizia del:     Fonte: TASS - Ria Novosti

"Fratelli in armi": La Corea del Nord propone all'Iran di unire forze contro "l'ingiustizia" statunitense

L'Iran ha condannato la "mancanza di rispetto" alla comunità internazionale mostrata dal presidente degli Stati Uniti Donald Trump e la Corea del Nord a tal proposito invita Teheran ad unire le forze contro il comune nemico

La Corea del Nord ha proposto, oggi, che la Repubblica islamica dell'Iran unisca le forze per "combattere...
Notizia del:     Fonte: Al Mayadeen

L'Iran avverte Trump: "In 4 giorni possiamo portare l'arricchimento dell'uranio al 20%"

L'Iran avverte Trump ma insiste sul fatto che la sua volontà è quella di mantenere il patto siglato nel 2015 con il gruppo 5 + 1 (Stati Uniti, Regno Unito, Francia e Russia e Cina, più Germania) senza modifiche.

Il capo dell'Organizzazione dell'energia atomica dell'Iran (OEAI), Ali Akbar Salehi ha assicurato...
Notizia del:

La Cina ribadisce sostegno all'Unesco dopo uscita degli Stati Uniti

«La Cina spera che tutte le nazioni contribuiscano al raggiungimento degli obiettivi dell’organizzazione mondiale per promuovere la cooperazione scientifica, educativa e culturale, così come la comprensione tra le differenti civiltà»

  Il governo della Repubblica Popolare Cinese ha ribadito il proprio sostegno all’Organizzazione delle...
Le più recenti da Geopolitica e Conflitto
Notizia del:

"L'impero fallito": la Russia e la strategia militare cinese per contenere gli Stati Uniti

di  Federico Pieraccini - Strategiculture (traduzione di Controinformazione) Guardando al panorama politico globale nel corso dell’ultimo mese, due tendenze stanno diventando più...
Notizia del:

Nonostante le bufale russofobe dei media, sono gli Stati Uniti il paese più temuto. Pew Research Center

di Federico Pieraccini Media mainstream, Intelligence, politici, lobby straniere, Think Tank, apparato militare, conglomerati Industriale, Banche e la FED compongono il deep state americano e considerano...
Notizia del:

L’intesa tra Mosca e Pechino Spaventa un Occidente Diviso

Il 4 luglio 2017, Xi Jinping è stato accolto a Mosca da Putin nel loro ventunesimo incontro ufficiale, utile per coordinare le prossime mosse di un G20 che si preannuncia delicato per i temi internazionali sul tavolo.

  di Federico Pieraccini   I più di venti accordi firmati tra Russia e Cina ammontano...
Notizia del:

Trump come Bush, un "problema". Ma solo perché mostra il vero volto dell'imperialismo a stelle strisce.

Il problema per gli americani è avere gente come Bush o Trump presidente: mostra il vero volto dell'imperialismo a stelle strisce.   Ormai è tutto marketing: i poteri forti...
Notizia del:

Il Grande Gioco Mediorientale: Qatar vs Arabia Saudita

In un clima da resa dei conti, persino le monarchie del golfo sono state raggiunte da una serie di eventi senza precedenti. I contrasti tra Qatar e EAU-Bahrein-Arabia Saudita hanno superato il livello di guardia con una crisi diplomatica dagli esiti imprevedibili.

  di Federico Pieraccini  Ufficialmente tutto è iniziato con le dichiarazioni attribuite a...
Notizia del:

Caro Trump, quindi i 10 mila soldati Usa in Qatar addestrano e proteggono i terroristi?

Trump: La Decisione Saudita nei confronti del Qatar va nella direzione corretta di combattere il terrorismo.   Qualcuno lo avvisi che:   1. In Qatar ci sono circa 10.000 truppe USA. Che...
Notizia del:

Caos in Asia: l’ISIS nelle Filippine è un progetto americano

di Federico Pieraccini   La cronaca legata agli eventi del 23 Maggio nella città Mindanao nelle filippine, la prima ad essere caduta nelle mani di daesh in Asia, traccia paralleli inquietanti...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa