/ “Il mio stipendio basta appena per mangiare”. Il dramma censurato...

“Il mio stipendio basta appena per mangiare”. Il dramma censurato dei lavoratori in Grecia

“Il mio stipendio basta appena per mangiare”. Il dramma censurato dei lavoratori in Grecia
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it



Di Keep Talking Greece, 4 novembre 2017

 (traduzione di Voci dall'estero)
 

Le riforme hanno gravi effetti collaterali. Dalla crisi economica in Grecia è emersa una nuova classe sociale: i lavoratori poveri. Donne e uomini istruiti, per lo più laureati, che devono adattarsi a lavori sottopagati.


lavoratori poveri sono lavoratori che hanno redditi inferiori a una determinata soglia di povertà.


In una inchiesta esclusiva, il settimanale tedesco Der Spiegel riporta, tra le altre storie di lavoratori poveri in Grecia, anche quella di Stelina Antoniou, di 24 anni, laureata, impiegata come barista al Royal Theatre di Salonicco. Lavora tre giorni alla settimana, con turni che spesso arrivano fino alle 12 ore filate, e guadagna 240 euro netti al mese.
 

“Almeno non devo pensare a come spendere i soldi che guadagno – dice – bastano giusto per mettere qualcosa in tavola”.
 

Ha studiato Lingua e Letteratura greca, ma dal momento che le assunzioni di insegnanti nelle scuole greche sono state sospese “l’unico lavoro che ho trovato è stato in questo ristorante. Questo è il lavoro e lo stipendio che ti viene offerto in Grecia al giorno d’oggi, se hai meno di 25 anni”.
 

Stelina condivide un appartamento con un’amica di 22 anni che guadagna uno stipendio simile lavorando come domestica. Le due mettono insieme i loro soldi e come prima cosa pensano a pagare le bollette. La loro priorità principale è la bolletta del riscaldamento.
 

Questa giovane donna greca appartiene a un gruppo sociale che negli ultimi anni è esploso con una forza senza paragoni: i cosiddetti “lavoratori poveri”.



 

Un terzo dei lavoratori del settore privato ora guadagna così poco che lo stipendio non è sufficiente per sopravvivere, e si tratta di più di mezzo milione di persone. Per il loro lavoro sono pagati meno di 376 euro al mese, ovvero meno del 60 per cento del salario medio. Quasi il 9 per cento dei dipendenti deve accontentarsi di meno di 200 euro. Il rischio di ritrovarsi poveri pur avendo un lavoro stabile in Grecia è più alto che in qualsiasi altro paese dell’Unione Europea.


Ma anche le persone che guadagnano un po’ di più affrontano difficoltà sempre maggiori, perché il costo della vita negli ultimi anni è aumentato significativamente. A titolo di confronto, a Berlino, i prezzi dei beni destinati al consumo quotidiano sono più alti solo del 14,5% di quelli di Atene, mentre il potere d’acquisto nella capitale tedesca è del 117% più alto.

 

È lo Stato che ha contribuito all’aumento dei costi, grazie alle riforme: le scappatoie fiscali sono state chiuse, l’Iva è aumentata e lo stesso hanno fatto le tasse sull’acquisto di terreni.

 

Un’altra causa che ha portato a queste conseguenze è la liberalizzazione del mercato del lavoro, che i creditori della Grecia hanno ripetutamente sollecitato dall’inizio della crisi finanziaria. Da allora, il Parlamento ha approvato tutta una serie di leggi che hanno attenuato in modo significativo le protezioni dei lavoratori. E intanto sono in programma ulteriori leggi sul lavoro, presto il Parlamento dovrà votare un giro di vite su diritto di sciopero e di riunione.

 

Il problema è che la liberalizzazione ha avuto spesso l’effetto opposto a quello cercato. Ad esempio, la legislazione aveva abbassato il salario minimo del 22 per cento, portandolo a 586 euro, mentre la soglia era ancora più bassa per chi aveva meno di 25 anni.

 

Questo, si sperava (o forse si diceva di sperare, NdVdE), avrebbe contrastato la disoccupazione giovanile, che in Grecia raggiunge un picco senza confronti nell’UE. Il risultato: nel 2016 il 47% dei giovani sotto i 25 anni era disoccupato. Allo stesso tempo, è emersa una classe di lavoratori che tollera qualsiasi trattamento, perché consapevoli che se proveranno a lottare per i propri diritti saranno rapidamente sostituiti. Due esempi.

 

Addetto alle consegne, 30 anni, lavora per 4 euro all’ora 36 ore alla settimana, domenica e festivi senza straordinari. Il carburante e la manutenzione del motorino sono a suo carico.

 

Impiegato in un fast food, 30 anni, lavora a tempo pieno 40 ore a settimana. Guadagno netto 490 euro al mese. Nessuno straordinario, nessun bonus per Natale né per le festività, benché obbligatori per legge.

 

Continua a leggere su Voci dell'estero

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da Europlot
Notizia del:

L’Arazzo di Bayeux e le manie di grandezza di Macron

  Qualche giorno fa ha avuto luogo il 35° summit bilaterale tra Regno Unito e Francia. Il sempre più baldanzoso presidente francese si è presentato a Theresa May con la promessa...
Notizia del:

Macron si fa la sua Davos. L'Italia al palo

Emmanuel Macron riceve oggi a Versailles più di un centinaio di manager di grandi multinazionali per investire in Francia. Per l’Italia è prevista la presenza di Fincantieri, Lavazza,...
Notizia del:

Ghedi, la protesta (occultata dai media mainstream) contro le bombe atomiche Usa e contro la NATO

da Radio Onda d’Urto Ieri pomeriggio a Ghedi, nella Bassa bresciana, giornata di manifestazione nazionale contro tutte le guerre, contro il rischio di un olocausto nucleare (nella...
Notizia del:

Modello tedesco? Senza governo e appeso al Congresso del SPD di domenica il futuro della Germania

  Sembra ieri che i principali giornali italiani accoglievano con gioia l’avvento del quarto governo consecutivo di Angela Merkel e l’imminente tempesta di rigore europeista che si sarebbe...
Notizia del:

"Le loro ideologie sono opposte". L'incredibile autogol della stampa italiana nell'intervista a Navalny

L'Ansa lo ammette, la Stampa lo conferma: Alexei Navalny, il pluricondannato blogger russo d'opposizione, è un estremista di destra. Noi lo avevamo annunciato già in diversi articoli,...
Notizia del:

Ricerca nel Regno Unito. Per i giovani inglesi "il capitalismo è una minaccia peggiore del comunismo"

Letizia Tortello in un articolo su la Stampa riporta oggi i risultati di una ricerca nel Regno unito che mostra come i giovani inglesi percepiscano "il capitalismo come una minaccia peggiore del comunismo." Secondo...
Notizia del:

Il tuffo di Vladimir Putin nelle acque ghiacciate per il rito dell'Epifania diviene virale

Da Rai News Il presidente Vladimir Putin fa un tuffo nell'acqua ghiacciata del lago Seliger durante le celebrazioni della festa ortodossa dell'Epifania al monastero di Nilov. Se sull'isola...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa