/ Il Partito comunista spagnolo: "Contro il taglio di libertà in Ca...

Il Partito comunista spagnolo: "Contro il taglio di libertà in Catalogna, un appello a tutte le forze progressiste di Spagna"

Il Partito comunista spagnolo: Contro il taglio di libertà in Catalogna, un appello a tutte le forze progressiste di Spagna
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
 

da pce.es

Traduzione di Marx21.it


Ricercare una via di uscita all'attuale situazione che vada a beneficio della classe lavoratrice e degli strati popolari


Stiamo assistendo a un pericoloso dialogo tra sordi tra un presidente della Generalitat che è determinato a dare legittimità, dal suo punto di vista, al Referendum del 1° ottobre per proclamare legalmente l'indipendenza della Catalogna e un presidente del governo centrale che è determinato a mantenere la sua politica repressiva e autoritaria, ignorando la richiesta della grande maggioranza del Popolo della Catalogna di potere decidere liberamente e democraticamente il proprio futuro. Questa dinamica sta contribuendo ad approfondire la frattura sociale e facilita il risorgere della destra più estrema a cui – lo ricordiamo – ha contribuito anche l'intervento del Monarca che si è posizionato chiaramente a fianco dell'uscita autoritaria e repressiva dal conflitto.




In questo momento, il Partito Comunista di Spagna (PCE) ritiene che le forze progressiste e di sinistra abbiano l'obbligo di impegnarsi e lottare per un'uscita dall'attuale situazione che vada a beneficio della classe lavoratrice e degli strati popolari della Catalogna e del resto dello Stato Spagnolo e, in questo senso, pensiamo che occorra spingere perché entrambi i presidenti riconoscano la realtà.


E ciò significa che il presidente Puigdemont riconosca che il 1°ottobre ha rappresentato un'importante mobilitazione – che è stata repressa dal Governo del Partito Popolare, il che ha meritato la nostra condanna e la richiesta delle responsabilità a tutti i livelli -, ma che non può legittimare la Dichiarazione Unilaterale di Indipendenza (DUI) come se il referendum si fosse celebrato in condizioni di normalità.


E significa che il presidente Rajoy interrompa la repressione, la smetta di utilizzare la Procura come braccio armato del Governo per promuovere l'imprigionamento di dirigenti sociali e ammetta che è necessario cambiare il quadro costituzionale per dare risposta alla necessità di garantire per legge diritti sociali, democratici e permettere che i diversi popoli dello Stato Spagnolo possano decidere liberamente e democraticamente il proprio futuro.


Il PCE riafferma che l'uscita da questa situazione non può essere né il Referendum del 1°ottobre, né l'applicazione dell'art. 155 della Costituzione Spagnola (CE), e dal momento che constatiamo che nella lettera del presidente Puigdemont non si afferma che è applicata la DUI, pensiamo che non abbia più senso di esistere la provocazione di un Governo che non vuole risolvere questa realtà mediante il dialogo e il negoziato, ma intende utilizzare questa situazione per proseguire nella pratica repressiva che mantiene sotto processo centinaia di sindacalisti e attivisti sociali.





In tal senso, intendiamo richiamare l'attenzione delle forze politiche che appoggiano questa decisione del Governo, perché tengano conto del fatto che stanno permettendo che si consolidino le politiche conservatrici, reazionarie e autoritarie, di taglio delle libertà che oggi si applicano in Catalogna e domani si applicheranno nel resto dello Stato anche contro coloro che oggi stanno appoggiando il Governo del PP, come già è accaduto con il PdeCat (ex CIU), che aveva approvato con il PSOE la legislazione contro la sedizione che oggi viene applicata contro i detenuti, per i quali ribadiamo la richiesta di liberazione.

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:     Fonte: SANA

Siria: la Francia, sponsor del terrorismo, non farà parte del processo di pace

La Francia "non è abilitata" a svolgere un ruolo nel processo di pace in Siria, per il suo supporto al terrorismo ha le mani macchiate del sangue dei siriani, ha avvertito il Ministero degli Affari Esteri siriano in un comunicato.

Nella lettera, inviata in due copie alle Nazioni Unite (ONU) e il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite...
Notizia del:     Fonte: TASS

Russia: "Psicosi di massa" sul Ghouta dei media occidentali non aiuta la situazione

Il Segretario generale delle Nazioni Unite ha chiesto un immediato cessate il fuoco nel Ghouta Orientale, sobborgo di Damasco per fornire aiuti umanitari alla popolazione ed evacuare i feriti.

Il Consiglio di sicurezza dell'ONU si è riunito con urgenza ieri su iniziativa della Russia per affrontare...
Notizia del:     Fonte: Ruptly

VIDEO. Portavoce YPG: Le forze siriane sono venute per difendere Afrin, ma nessun accordo con Damasco

Il portavoce delle YPG curde di Afrin ha dichiarato ai giornalisti che un numero crescente di forze del governo siriano si è unito alla loro lotta contro la Turchia ad Afrin "per difendere il suolo della patria", ma ha negato il raggiungimento di un accordo con Damasco.

Il portavoce delle YPG ha dichiarato che "[le Forze popolari siriane] sono venute qui per difendere il suolo...
Notizia del:     Fonte: TASS - Interfax

Mosca: "La crisi del Ghouta orientale è colpa di chi sostiene i terroristi"

I terroristi non permettono ai civili di lasciare le aree sotto il loro controllo, impedendo l'operazione del corridoio umanitario, secondo il Centro russo per la riconciliazione delle parti in conflitto in Siria.

"La responsabilità della situazione nel Ghouta Orientale(sobborgo di Damasco) è di coloro...
Notizia del:     Fonte: RT

"L'obiettivo della risoluzione proposta all'ONU è rovesciare il governo siriano"

Le delegazioni di Svezia e Kuwait hanno presentato all'ONU una bozza di risoluzione sull'introduzione di un cessate il fuoco per 30 giorni in Siria, per la Russia è solo una proposta per rovesciare il governo siriano.

L'obiettivo della risoluzione proposta all'ONU sembra essere il rovesciamento del governo siriano, ha...
Notizia del:     Fonte: Der Tagesspiegel

Intelligence tedesca: è ora di iniziare un dialogo con Assad sulla lotta al terrorismo

Il capo dei servizi segreti tedeschi, Bruno Kahl, ha sottolineato la necessità di avviare un dialogo con le autorità siriane e il presidente Bashar al-Assad in materia di lotta contro il terrorismo.

Come ha riportato il quotidiano tedesco 'Der Tagesspiegel, finora la proposta di Bruno Kahl capo del BND il...
Notizia del:

Padre salesiano di Damasco su Ghouta: "Ma quali vittime perseguitate dal regime. È l’esatto contrario, sono terroristi che sparano missili contro le nostre scuole"

"Voi europei invece appoggiate i terroristi che colpiscono la gente innocente. Questo è inaccettabile e qualcuno deve dirlo"

Ogni volta, ogni volta, ribadiamo ogni volta che l'esercito siriano è impegnato a liberare il SUO...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa