/ Il voto Usa e i fantasmatici hacker russi

Il voto Usa e i fantasmatici hacker russi

Il voto Usa e i fantasmatici hacker russi
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it


da PIccole Note
 

È stato reso pubblico il rapporto delle agenzie americane che accusa la Russia di aver influenzato, tramite l’hakeraggio di informazioni sensibili, il voto delle presidenzialiUsa. Ed è subito controversia. Donald Trump minimizza, mentre i suoi avversari, che non demordono nonostante siano stati battuti nel voto popolare, cavalcano l’asserito scandalo.

 

Al di là del dibattito politico, c’è da dire che la documentazione resa nota è alquanto labile. Lo fa notare, sulla Stampa dell’8 gennaio Carola Frediani in un articolo in cui dettaglia il contenuto del report e accenna alla posizione più «moderata» della Nsa rispetto alle altre Agenzie (cosa che comunque fa pensare, stante che la National security agency è l’apparato di sicurezza più autorevole degli Stati Uniti).

 

«“Dal punto di vista delle prove tecniche e informatiche, il report appena uscito non aggiunge nulla di nuovo. Chi era scettico probabilmente rimarrà tale”», conclude la Frediani.

 

Val la pena aggiungere una chiosa: «non aggiunge nulla» rispetto a quanto uscito finora vuol dire che non c’è nulla, dal momento che fino alla pubblicazione del report sono state formulate accuse più che generiche, senza il sostegno di alcuna prova.

 

Alla stessa conclusione arriva Calder Walton, storico del Belfer Center of International Affaires di Harvard, in un’intervista alla Repubblica dell’8 gennaio nella quale pure sostiene a spada tratta la veridicità delle accuse delle agenzie Usa.

 

Tanto egli deve giustificare la mancanza di prove con questa argomentazione: «“Chi dice che le accuse non sono sostanziate sbaglia: questo genere di report non mette a repentaglio le fonti, non svela i metodi. Mette nero su bianco i risultati di accurate analisi”».

 

Insomma, nel rapporto c’è, appunto, solo il risultato di asserite indagini, nient’altro. Un po’ quel che accadde per la armi di distruzione di massa irachene, quando l’accusa delle stesse agenzie statunitensi, che portò a una guerra, fu sostenuta senza mostrare al mondo alcuna prova.

 

Tutto si basava sull’autorevolezza della fonte, che certo non avrebbe dovuto avere alcun interesse a mentire, come invece fu dimostrato successivamente (dopo una guerra sanguinosa).

 

Val la pena riportare anche parte di un articolo di Lucia Sgueglia, pubblicato sulla Stampa dello stesso giorno, che, oltre a dar conto dell’ironia del Cremlino, che irride alla povertà delle accuse che gli sono rivolte, conclude così: «“A sottolineare le lacune del rapporto sono anche esperti di Russia occidentali non tacciabili di simpatie filo-Cremlino”».

 

«“Sul “Moscow Times”, Kevin Rothrock definisce “deludenti” e “ottuse” le argomentazioni Usa, almeno nella versione declassificata, evidenziando come molti passaggi sembrino copiati dalla stampa statunitense vicina ai Dem, e svela errori che fanno dubitare della conoscenza della realtà russa nelle “spie” Usa”».

 

«[…]““La montagna ha partorito il topolino” chiosa su Twitter il senatore Pushkov, evocando Saddam e le armi di distruzioni di massa. Persino Leonid Volkov, collaboratore dell’oppositore Alexey Navalny, esperto di tecnologie informatiche, è deluso: «Spero che la parte non desecretata della relazione sia a un livello più serio”».

 

Lo spionaggio è sempre esistito. Ma questo complottismo di ritorno delle agenzie Usa è alquanto stucchevole. Ricorda il passato: non tanto la Guerra Fredda, tante volte giustamente evocata, ma il maccartismo e la caccia alle streghe cui consegnò gli Stati Uniti d’America. Non fu una bella stagione per la democrazia statunitense, né per il mondo.

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Fonte: http://piccolenote.ilgiornale.it/
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:

Il "messaggio a Putin". Così il Regno Unito prosegue nella militarizzazione dell'est Europa

di Fabrizio Poggi - Contropiano  Pressoché in contemporanea con l'apertura a Mosca della Conferenza internazionale sulla sicurezza “MCIS-2017”, disertata dalla Nato, i...
Notizia del:     Fonte: SIPRI

SIPRI. Crescono le spese militari nel mondo. USA sempre in testa. Italia incremento dell'11%

La spesa militare globale totale è salita a 1686.000 miliardi di dollari nel 2016, con un incremento del 0,4 per cento in termini reali rispetto al 2015, secondo i dati dell'Istituto Internazionale di Stoccolma per la ricerca sulla pace. L'Italia ha fatto registrare uno degli incrementi più alti, l'11%. Lo riporta l'Istituto Internazionale di Ricerche sulla Pace di Stoccolma.

Secondo uno studio condotto dall'Istituto Internazionale di Ricerche sulla Pace di Stoccolma, SIPRI*, le...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

Russia: Perché l'OPCW non indaga sugli attacchi chimici in Siria?

La Russia definisce 'insolita' la decisione dell'Organizzazione per la Proibizione delle Armi Chimiche (OPCW) di non indagare sui presunti attacchi chimici in Siria.

"È insolito perché la decisione non prevede altro che un'indipendente, imparziale e trasparente...
Notizia del:     Fonte: Al Masdar News - Hispantv

Aleppo. I terroristi di Tahrir al-Sham usano missili anticarro TOW di fabbricazione USA, forniti da Turchia e Arabia Saudita

I terroristi di Tahrir al-Sham Hayat sono dotati di 'grandi' arsenali di missili anti-carro di fabbricazione USA nella parte occidentale di Aleppo, molto probabilmente forniti dai loro sponsor Arabia Saudita e Turchia

Il portale di informazione 'Al-Masdar News', in un articolo sullo stato di avanzamento dell'esercito...
Notizia del:     Fonte: RT

Venezuela: sono in gioco il futuro del popolo e della Rivoluzione Bolivariana

Se qualcuno lanciasse una molotov in una manifestazione contro il governo statunitense a Washington, sarebbe arrestato e accusato di terrorismo domestico

di Eva Golinger - RT   Il Venezuela è nuovamente sulla prima pagina del ‘New York Times’...
Notizia del:     Fonte: RT eso - Mid.ru

La Russia mostra le foto che smentiscono l'uso di gas sarin in Siria

Ieri, l'Organizzazione per la proibizione delle armi chimiche ha respinto la proposta di Russia e Iran di aprire un'indagine sul presunto attacco con armi chimiche in Siria.

Da ricerche preliminari risulta che l'Organizzazione per la proibizione delle armi chimiche (OPCW) abbia...
Notizia del:     Fonte: teleSUR

Elezioni in Francia: Evo Morales plaude all'avanzata di Mélenchon

Attraverso il proprio profilo Twitter, Evo Morales, si congratula con l'esponente della gauche francese che continua a salire nei sondaggi

  «La lotta per la pace e la vita avanza in tutto il mondo. Salutiamo con favore i progressi del fratello...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

Sentenza già scritta? OPCW respinge proposta di indagine russo-iraniana sull'attacco chimico in Siria

L'Organizzazione per la proibizione delle armi chimiche (OPCW) ha respinto la proposta di Iran e Russia per una diversa indagine sull'uso di armi chimiche in Siria. In particolare, i due paesi chiedevano di indagare se nella base siriana di Shayrat si trovassero resti armi chimiche, dove, secondo gli USA, sarebbero partiti i raid siriani su Khan Shaykhun.

"La proposta russo-iraniana per sostituire l'inchiesta della OPCW con un nuovo meccanismo è stato...
Notizia del:     Fonte: ria.ru

Assad: "Non c'è stato nessun attacco chimico a Khan Shaykhun, per questo l'ONU non invia nessuna delegazione in Siria"

Assad sostiene che quando gli esperti arriveranno nella città siriana di Khan Shaykhun si renderanno conto che tutte le affermazioni circa il presunto attacco chimico erano bugie ma, proprio per questa ragione, l'ONU non invia nessuna delegazione per indagare, nonostante le richiesta ufficiale del governo siriano.

Il presidente siriano Bashar al Assad ha negato in un'intervista concessa a 'RIA Novosti' che un...
Notizia del:     Fonte: Euronews

Ahmadineyad: "La guerra contro la Siria provocherà il collasso dell'egemonia mondiale degli USA"

Donald Trump "ha scelto la via della guerra", nonostante "le promesse fatte al suo popolo", ha lamentato l'ex presidente iraniano.

La crisi in Siria causerà il crollo dell'egemonia mondiale degli Stati Uniti, ha dichiarato l'ex...
Le più recenti da Piccole Note
Notizia del:

Di migranti e ong

PICCOLE NOTE «L’impennata di sbarchi nei giorni di Pasqua ha avuto l’effetto di un’onda tellurica nelle stanze del governo. Non è normale che dai porticcioli...
Notizia del:

Tra Assad e il terrorismo, la Russia ha scelto. E l'Europa?

PICCOLE NOTE In un articolo pubblicato sul Corriere della Sera del 13 aprile, Sergio Romano analizza il conflitto siriano e le contraddizioni che bloccano una soluzione politica...
Notizia del:

Gli oscuri messaggi delle bombe d’Egitto

Ottanta morti e messaggi indirizzati ad Al Sisi e Papa Francesco

PICCOLE NOTE La Bestia è assetata di sangue e ieri, in Egitto ha fatto strage in due chiese durante...
Notizia del:

Stoccolma, l'assist dei terroristi ai terroristi in Siria

PICCOLE NOTE   Ancora da capire la dinamica dell’attentato a Stoccolma, dove un camion rubato è stato lanciato a bomba contro la folla, provocando almeno tre morti...
Notizia del:

Se si bombarda l’esercito di Damasco si favorisce solo il Terrore, quello che forse oggi ha fatto strage a Stoccolma

Piccole Note Ancora da capire la dinamica dell’attentato a Stoccolma, dove un camion rubato è stato lanciato a bomba contro la folla, provocando almeno tre morti e una decina di feriti....
Notizia del:

Idlib, le domande da porsi prima che sia troppo tardi

PICCOLE NOTE Sarebbero cento i morti a seguito di un bombardamento con armi chimiche realizzato dalle forze siriane. Il web è invaso dal nuovo orrore che proviene dalla Siria,...
Notizia del:

Petreaus: "Un errore il sostegno delle primavere arabe". Si ma chi paga ora?

PICCOLE NOTE Considera un errore il sostegno alle primavere arabe? «Come diceva Churchill, non importa quanto una strategia possa sembrarti meravigliosa, contano i risultati. Quelli ci dicono...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa