/ L'America Latina in pericolo: nuova base militare degli Stati Uni...

L'America Latina in pericolo: nuova base militare degli Stati Uniti in Peru'

L'America Latina in pericolo: nuova base militare degli Stati Uniti in Peru'
 

Senza ombra di dubbio, si tratta di interventismo travestito da aiuto umanitario. Contrariamente a quello che viene ufficialmente sostenuto, non si tratta di una strategia orientata a rafforzare la capacità di risposta dei peruviani di fronte alle catastrofi naturali

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it


di Ariel Noyola Rodríguez - RT
 

Pochi giorni prima di abbandonare la Casa Bianca, Barack Obama ha deciso di non perdere l’opportunità di rafforzare il dispiegamento di forze statunitensi in Sudamerica. Succede che il governo regionale dello Stato Amazonas (Perù), il Comando Sud degli Stati Uniti (U.S. Southern Command) e la società Partenon Contractors E.I.R.L., abbiano appena concluso un accordo per installare una nuova base militare, camuffata sotto il nome di Centro Regionale per le Operazioni di Emergenza (COER) di Amazonas. Il finanziamento per l’opera sarà di circa 1,35 milioni di dollari e il completamento è previsto in 540 giorni approssimativamente. 

 

Secondo le informazioni fornite dal governo peruviano, la base militare degli Stati Uniti avrà un eliporto di 625 metri quadrati; un edificio di due piani, nel primo dei quali vi sarà un magazzino per aiuti umanitari di 1000 metri quadrati, mentre nel secondo ci sarà la COER con i moduli operativi (logistica, comunicazioni, monitoraggio, analisi). La base avrà anche una sala riunioni, sala stampa, dormitori e un parcheggio di 800 metri quadrati. 

 

Senza ombra di dubbio, si tratta di interventismo travestito da aiuto umanitario. Contrariamente a quello che viene ufficialmente sostenuto, non si tratta di una strategia orientata a rafforzare la capacità di risposta dei peruviani di fronte alle catastrofi naturali. Gli Stati Uniti stanno affondando i propri artigli militari nel Cono Sur con l’approvazione del presidente del Perù, Pedro Pablo Kaczynski. La sovranità del Sud America è minacciata. 


Gli Stati Uniti non hanno più bisogno di lanciare guerre di conquista per affermare la propria egemonia sul territorio latinoamericano; adesso la sottomissione avviene in maniera molto più sottile: attraverso iniziative di militarizzazione coperta. Oltre alla lotta contro il terrorismo, Washington utilizza lotta al narcotraffico e il suo presunto impegno in favore del rispetto dei diritti umani per immischiarsi negli affari interni di altri paesi. 

 

Il Perù rappresenta una piattaforma fondamentale affinché gli Stati Uniti possano consolidare il proprio piano di dominazione dell’intero Sudamerica, una zona che, come sappiamo, possiede immense riserve strategiche di risorse naturali (gas, petrolio, metalli, minerali). Per almeno l’ultima decade, i governi sudamericani hanno assestato un colpo tremendo alla gravitazione economica e geopolitica nel continente.  

 

Tuttavia, dal 2009 il Perù non ha opposto alcuna resistenza alle aggressioni imperiali di Washington, che lo ha convertito in uno dei paesi che ha la maggiore presenza di forze armate nordamericane sul proprio territorio; prima di approvare l’installazione di questa nuova base militare nel Dipartimento Amazonas, il Comando Sud degli Stati Uniti si era già stabilito nelle regioni di Lambayeque, Trujillo, Tumbes, Piura, San Martín e Loreto. 

 

Bisogna sottolineare che la cooperazione militare tra Washington e Lima non si limita all’installazione di basi militari; gli Stati Uniti sono riusciti a introdursi negli apparati di sicurezza e difesa. Su autorizzazione del Ministero della Difesa del Perù, le unità speciali d’intervento del Comando Congiunto delle Forze Armate, il Comando d’Intelligence e Operazioni Speciali Congiunte e il Componente Speciale del VRAEM hanno ricevuto addestramento da parte delle forze statunitensi tra maggio e settembre del 2016. 


In parallelo, le forze peruviane hanno condotto una serie di esercitazioni militari congiunte con gli Stati Uniti, secondo le loro argomentazioni, per rafforzare strategie di difesa contro le aggressioni esterne; si tratta di importanti esercitazioni del Ejercicio de Fuerzas Silentes (SIFOREX, l’acronimo in inglese) che si tengono ogni due anni nel Mar de Grau, considerate tra le esercitazioni navali più importanti a livello internazionale. 

 

Il Perù riflette chiaramente che il Sudamerica attraverso momenti critici e una forte campagna di aggressione. Oltre alle difficoltà economiche, la regione è vittima di una poderosa offensiva promossa dall’esterno, volta a rafforzare, in varie forme, la presenza di Washington. 

 

Le incursioni militari statunitensi nella regione procedono a passo veloce, sia per la virata di vari governi verso il conservatorismo - fondamentalmente dopo l’arrivo di Mauricio Macri alla presidenza dell’Argentina e la destituzione parlamentare di Dilma Rousseff in Brasile - sia per lo sforzo permanente volta a indebolire l’influenza di paesi come Cina, Russia e Iran. 

 

Armarsi fino ai denti in Perù rappresenta una questione vitale per gli Stati Uniti, per arrivare in seguito all’installazione di un’altra base militare in Argentina, al confine con Brasile e Paraguay. Indubbiamente, la costruzione di un futuro migliore per i paesi sudamericani è in serio pericolo. 

 

(Traduzione dallo spagnolo per l’AntiDiplomatico di Fabrizio Verde)  

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Fonte: RT
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:

"Giustificare le azioni che violano la sovranità della Siria è inaccettabile"

La portavoce del ministero degli Esteri russo, Maria Zakharova, durante la sua conferenza stampa settimanale definisce 'goffi' e 'inaccettabili', le giustificazioni statunitensi riguardo la permanenza in Siria.

La portavoce del ministero degli Esteri russo, Maria Zakhárova, ha parlato anche della situazione in Siria...
Notizia del:     Fonte: RIA.Ru . Bloomberg

La Cina spiega a Trump chi ha vinto la guerra contro il terrorismo in Siria

Il Presidente degli USA, Trump, rivendica la vittoria sull'ISIS in Siria. La Cina, invece, elogia il contributo decisivo della lotta al terrorismo della Russia

Lo scorso 12 dicembre, mentre firmava il bilancio della difesa vicino ai 700 miliardi di dollari per il 2018, il...
Notizia del:     Fonte: Tasnim

L'Iran avverte: Gli Stati Uniti cercano di riportare l'Iraq e la Siria nel caos

Un importante consigliere del leader della rivoluzione islamica in Iran avverte sui tentativi degli Stati Uniti di riportare l'Iraq e la Siria nel caos.

"Gli Stati Uniti cercano di generare conflitti e caos sia in Iraq che in Siria, in particolare nella città...
Notizia del:     Fonte: RT

Mosca: "Gli Stati Uniti sono in Siria senza una base legale, minando le norme del diritto internazionale"

Il rifiuto degli Stati Uniti di ritirare le loro truppe dalla Siria è un riflesso dell'atteggiamento sdegnoso di Washington nei confronti delle norme del diritto internazionale, secondo il vice ministro degli Esteri russo Sergey Ryabkov.

Gli Stati Uniti sono in Siria senza una base legale, sminuendo le regole del diritto internazionale, ha dichiarato...
Notizia del:     Fonte: http://www.2001.com.ve/

Venezuela, Maduro denuncia: gli Stati Uniti hanno scelto il candidato dell'opposizione alle prossime presidenziali

La «destra nordamericana» gestisce a proprio piacimento l’opposizione venezuelana, in maniera «volgare».

  Dopo aver esercitato il suo diritto di voto, in una giornata che ha regalato un altro trionfo al chavismo...
Notizia del:

Oltre 170.000 documenti confermano che Gerusalemme appartiene ai palestinesi

Sull’edizione odierna di un quotidiano italiano, che non citiamo per non pubblicizzarlo immeritatamente, il direttore si lancia in un’affermazione perentoria: «…le orrende mozioni dell’Unesco che hanno provato a mettere in dubbio il legame millenario tra il popolo ebraico e Gerusalemme»

  Il recente riconoscimento ufficiale della città di Gerusalemme come capitale di Israele, annunciato...
Notizia del:     Fonte: CNN

L'ONU sollecita l'Arabia Saudita a porre fine alla 'stupida guerra' nello Yemen

Il Segretario generale delle Nazioni Unite ha sottolineato ancora una volta che l'Arabia Saudita e i suoi alleati regionali devono mettere fine alla guerra vana e "stupida" contro lo Yemen.

"Penso che questa sia una stupida guerra. Penso che questa guerra sia contraria agli interessi dell'Arabia...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

Generale iraniano: Israele sarebbe in pericolo in una nuova guerra con Hezbollah

Un alto generale iraniano afferma che gli equilibri di potere nella regione si sono spostati verso Hezbollah e che qualsiasi guerra potrebbe porre fine all'esistenza di Israele.

"Se dovesse scoppiare una nuova guerra nella regione tra Israele e un'altra identità come Hezbollah...
Notizia del:

Venezuela, una "dittatura" che celebra tre elezioni in un anno

da Mision Verdad   Il 30 luglio di quest'anno si sono svolte le elezioni per l'Assemblea nazionale costituente (ANC) con una partecipazione di 8 milioni e 89 mila elettori, che rappresentano...
Notizia del:     Fonte: HispanTv

«Gerusalemme sarà la tomba del regime israeliano»

A parlare è Mohamad Ali Yafari, comandante in capo del Corpo dei Guardiani della Rivoluzione Islamica (CGRI)

  «Gli Stati Uniti e il regime israeliano hanno commesso una grande sciocchezza con la loro decisione...
Le più recenti da ALBA LATINA
Notizia del:

Video shock sulla povertà in Venezuela.... Ah no scusate è la Colombia

La denuncia del giornalista venezuelano Oswaldo Rivero

  Gli stessi media internazionali che utilizzano fiumi d’inchiostro e servizi lunghissimi per provare...
Notizia del:

Il trionfo di Maduro alle ultime elezioni per La Stampa diventa: "In Venezuela non c'è più forza per protestare"

Il vortice di menzogne e mistificazioni è divenuto talmente intricato da rendere praticamente impossibile a un semplice lettore di scorgere la realtà dietro la propaganda anti-venezuelana imperante sui principali media

  di Fabrizio Verde Utilizzare fake news a sostegno di precedenti fake news propalate per giustificare...
Notizia del:

Premio Sacharov, l'Ue come giudice di "diritti umani" che credibilità ha?

di Marina Albiol Guzmán Portavoce di zquierda Unida nel Parlamento Europeo e responsabile Affari Esteri di IU e Jose Criado García Consulente de IU nel Parlamento europeo....
Notizia del:

"Cagna comunista". Hate speech di oppositori "democratici" venezuelani (premiati dall'UE per i "diritti umani") contro l'eurodeputata critica

Ennesima vergogna oggi al Parlamento europeo. Una più, una meno direte voi. Ma con Tajani che conferisce al venezuelano Borges il premio dei "diritti umani" Sacharov possiamo dire di aver...
Notizia del:     Fonte: Aporrea

La Cina sottolinea l'importanza della stabilità del Venezuela

  La Cina ha sottolineato oggi che le elezioni municipali in Venezuela che hanno dato la vittoria al governo si sono tenute "senza contrattempi” ed ha assicurato che la stabilità...
Notizia del:     Fonte: http://www.2001.com.ve/

Venezuela, Maduro denuncia: gli Stati Uniti hanno scelto il candidato dell'opposizione alle prossime presidenziali

La «destra nordamericana» gestisce a proprio piacimento l’opposizione venezuelana, in maniera «volgare».

  Dopo aver esercitato il suo diritto di voto, in una giornata che ha regalato un altro trionfo al chavismo...
Notizia del:

Venezuela: perché il chavismo è tornato alla vittoria?

di Marco Teruggi - teleSUR   Il chavismo ha conquistato la sua terza vittoria elettorale in meno di quattro mesi. Nuovamente, in maniera schiacciante. Le prime furono le elezioni per l'Assemblea...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa