/ Siria: vi racconto come si viveva ad Aleppo est sotto i jihadisti

Siria: vi racconto come si viveva ad Aleppo est sotto i jihadisti

Siria: vi racconto come si viveva ad Aleppo est sotto i jihadisti
 

Una significativa testimonianza della barbarie terrorista in Siria raccolta da Fulvio Scaglione

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it


di Fulvio Scaglione - occhidellaguerra.it
 

Aleppo, 8 gennaio. Lui accetta di farsi filmare, a scanso di equivoci. Però Mahmud Fahrad non è il suo vero nome e la foto non è la sua. Ha paura di vendette, in questa Aleppo coperta di macerie e dove pochi credono che tutti i jihadisti se ne siano davvero andati a Idlib sui pullman forniti da Assad. Perché questo muratore che ha perso il suo lavoro anni fa e si è dovuto arrangiare com moglie e quattro figli, vuol raccontare come si viveva ad Aleppo Est quando c’era la repubblica dei ribelli e dei jihadisti.

 

“Siamo rimasti intrappolati lì, dice Mahmud, “dal marzo 2012, quando è cominciato tutto. E sono stati quattro anni di orrore. Per esempio, ci facevano fare la fame. In questi anni non ho mai mangiato carne né frutta, quasi solo lenticchie e burghul (grano spezzato). Anche il pane scarseggiava. E intanto loro godevano di ogni ben di Dio e mangiavano tutto ciò che volevano. Avevano depositi pieni e si facevano beffe di noi: quando c’era qualche festività, macellavano pecore e vacche e poi rivendevano i pezzi di scarto, come gli stinchi o le interiora, a 10 mila lire siriane al chilo, il prezzo della carne migliore. I pezzi buoni, invece, costavano 30 mila lire, cioè dieci volte il prezzo normale. Una volta c’è stata una specie di manifestazione per protestare contro questi prezzi: hanno sparato sulla gente e ucciso quattro persone”.

 


E gli ospedali? Si dice che l’esercito abbia ucciso parecchie persone, bombardandoli…


“Ospedali bombardati? Forse. Quello che so, però, è che noi aleppini normali non potevamo certo andarci. Erano riservati a loro e alle loro famiglie. Quando qualcuno di noi si faceva male o aveva un problema di salute, lo lasciavano a morire fuori della porta. Non ho mai visto nessuno, in quattro anni, essere ricoverato in un ospedale”.


Ma questi “loro” di cui parla chi erano?


“C’erano tantissimi stranieri, quasi di ogni parte del mondo. Soprattutto dopo che l’esercito ha cominciato ad avvicinarsi. Li riconoscevamo perché, girando per strada o nei mercati, avevano bisogno di qualcuno che li aiutasse con la lingua. E così sentivamo dire questo è francese, questo è americano, questo è turco… C’erano anche tanti sauditi, egiziani, dei giapponesi. Ma alla fin fine si somigliavano tutti”.


E cioè?


“Guardi che questi non pregano Allah. Pregano il dio dollaro. I diversi gruppi si erano spartiti quella parte di città e per prima cosa cercavano di cavarne la maggior quantità di denaro possibile, sulla pelle della gente indifesa. Ogni tanto si ammazzavano tra loro per questioni di denaro. Un capo si allargava troppo, usciva dalla sua zona? Una bomba sotto la macchina e via. La politica… Forse. Ma questi avevano soprattutto tre passioni. La prima, appunto, i soldi…”.


La seconda?


“Il sesso. Erano come impazziti, anche perché si sentivano onnipotenti. Uno qualunque di questi barbuti poteva farti fuori impunemente, nessuno gli avrebbe detto una parola. Cercavano di procurarsi donne in due modi. Cercavano di comprarle, sfruttando la miseria della gente. Ci sono famiglie che hanno dato via una figlia per cento dollari o addirittura per qualche sacco di riso e di lenticchie. Oppure le portavano via con le minacce, con la violenza. Per esempio minacciando di ammazzare i genitori. Adesso Aleppo Est è piena di “vedove”, per dir così. Donne che hanno dovuto sposarsi a forza con un miliziano che poi è morto o è scappato, donne che adesso nessuno vuole, neppure le famiglie d’origine”.


C’era anche una terza passione…


“Sparare, ammazzare. Prima di partire per un’incursione prendevano delle pasticche che, si sentiva dire, venivano dalla Turchia. Non so che roba fosse, ma dopo averle ingoiate gli si spalancavano gli occhi e diventavano frenetici. Tra loro c’era anche un gran commercio di hashish e altre droghe”.


E la preghiera? L’Islam?


“Ci obbligavano ad andare in moschea ma quella roba lì con la nostra religione c’entrava poco. C’erano predicatori pakistani ed egiziani e l’unica cosa di cui parlavano nei sermoni era la guerra, il jihad, il dovere di combattere gli apostati. Alla fin fine parlavano sempre e solo di ammazzare gente”.



 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Fonte: http://www.occhidellaguerra.it/
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:

Venezuela: un semplice video smonta mesi di fake news sul paese ridotto alla fame

Come mostra un video diffuso attraverso Facebook dall’imprenditore basco Agustin Otxotorena, nella capitale del Venezuela così come nel resto del paese la vita scorre normalmente nonostante la violenza terrorista dell’opposizione

di Fabrizio Verde   La narrazione post-veritiera del mainstream sul Venezuela mistifica la realtà...
Notizia del:

Macron non vede un successore legittimo ad Assad

Il presidente francese Emmanuel Macron, ritiene che oggi non v'è alcuna valida alternativa al presidente siriano Bashar al-Assad, per evitare che il paese diventi uno Stato fallito.

 "La nuova prospettiva che ho avuto su questo tema è che non ho dichiarato che la rimozione di...
Notizia del:

Siria: le lacrime di coccodrillo del PD

  Lacrime di coccodrillo. Le versa periodicamente il PD per la guerra alla Siria. Guerra che da cinque anni - al pari dell'Unione Europea, delle nazioni occidentali e delle petromonarchie -...
Notizia del:     Fonte: Hispantv - Al Jazeera

Primi effetti degli avvertimenti della Russia: l'Australia sospende i bombardamenti in Siria

L'Australia ha annunciato la sospensione della sua partecipazione ai bombardamenti in Siria della cosiddetta coalizione anti ISIS.

"Come misura precauzionale, le operazioni di bombardamento della Forza di difesa australiana ADF, in Siria...
Notizia del:     Fonte: https://aawsat.com

Ex Ambasciatore USA in Siria: "Fallito il piano per rovesciare Assad". E avverte i curdi: "Pagheranno a caro prezzo la loro fiducia in Washington"

Secondo l'ex ambasciatore degli Stati Uniti in Siria, Washington ha fallito nei suoi piani di rovesciare il Presidente Assad.

Robert Ford, ex ambasciatore Usa in Siria (2010-2014), ha dichiarato ieri, nel corso di un'intervista...
Notizia del:     Fonte: Interfax

Mosca: "L'abbattimento dell'aereo siriano da parte degli USA è un atto di aggressione e di aiuto ai terroristi"

La Russia ha condannato l'attacco da parte della coalizione internazionale guidata dagli Stati Uniti avvenuto ieri contro un aereo da combattimento siriano.

La Russia ha espresso preoccupazione per l'abbattimento dell'aereo della Syrian Air Force da parte della...
Notizia del:     Fonte: The Wall Street Journal

'Israele paga 5.000 dollari al mese ai "ribelli" in Siria'

Il regime israeliano ha fornito aiuti 'segreti' ai cosiddetti 'ribelli' vicino alle alture siriane del Golan per molti anni, secondo il quotidiano statunitense 'The Wall Street Journal.

Il quotidiano statunitense 'The Wall Street Journal', in un articolo pubblicato ieri, ha rivelato che...
Notizia del:     Fonte: Al Masdar - OSDH

Raqqa, duri scontri tra esercito siriano e curdi delle FDS appoggiati dagli USA

Duri combattimenti tra l'esercito siriano che tentava di recuperare il pilota dell'aereo abbattuto dalla Coalizione guidata dagli USA e i curdi delle 'Forze democratiche siriane' che gli sbarravano la strada.

Gli scontri hanno avuto inizio ieri notte ad Al-Rasafa, a sud ovest di Raqqa, poco dopo che la coalizione internazionale...
Notizia del:     Fonte: Sana

La Coalizione guidata dagli USA abbatte aereo siriano a Raqqa

L'esercito siriano ha riferito che un suo jet è stato abbattuto dalla coalizione a guida USA nei dintorni di Raqqa.

L'esercito siriano ha riferito che la coalizione guidata dagli Stati Uniti ha abbattuto un aereo della Syrian...
Notizia del:     Fonte: Tasmine news

L'Iran ha condotto un attacco missilistico contro l'ISIS in Siria

L'attacco iraniano ha avuto come obiettivo le postazioni dell'ISIS nella città siriana di Deir Ezzor, come rappresaglia per un doppio attacco di recente perpetrato dai terroristi a Teheran.

Le autorità iraniane hanno reso noto oggi di un attacco missilistico contro le basi terroristiche in Siria,...
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:     Fonte: teleSUR

Una tigre a Cancun: spettacolare intervento di Delcy Rodriguez all'OSA (Video)

La ministra degli Esteri della Repubblica Bolivariana del Venezuela zittisce i paesi satelliti dell'Impero statunitense

di Fabrizio Verde   «Credo che la ministra degli Esteri, che deve lasciare l’incarico in...
Notizia del:

Evo Morales: "Il Cile è l'Israele dell'America Latina"

Il presidente della Bolivia, Evo Morales, ha definito il Cile "l'Israele dell'America Latina" per la sentenza "a morte civile" contro nove suoi connazionali.   Chile...
Notizia del:

Ambasciatore siriano all'ONU, La Siria chiede rispetto per la sovranità del Venezuela

L'Ambasciatore della Repubblica araba Siriana alla sede Onu di Ginevra, Hussam Eddin Ala, ha invitato tutti gli stati a rispettare pienamente la sovranità del Venezuela, non interferire nei...
Notizia del:

La "dignità dei popoli dei Caraibi" e la grande sconfitta politica delle destre imperiali

di Geraldina Colotti* - Il Manifesto   Le destre lo davano per certo: questa volta Maduro avrebbe perso all’Osa e avrebbe dovuto subire l’imposizione della Carta democratica interamericana. Per...
Notizia del:

Siria. Parla il cugino del pilota abbattuto: “Gli Usa proteggono l’Isis. Tre ufficiali israeliani morti nel convoglio colpito”

Mohyddin Fahd, è il cugino del pilota, Ali Fahd, che guidava l'aereo siriano abbattuto dalla coalizione Usa nella campagna di Raqqa la settima scorsa. In un'intervista a Ruptly....
Notizia del:

Venezuela: il popolo vuole la pace e la Costituente

Le destre applicano le teorie del "caos costruttivo" escogitate dal pensatore statunitense Brzezinski, recentemente defunto, "e che abbiamo già visto applicate in Libia, Siria"

di Fabio Marcelli* Guarimba è una parola apparentemente innocente che corrisponde a un gioco infantile,...
Notizia del:

Bolivia, Conferencia Mundial de los Pueblos per la "costruzione di una vera pace". Assente l'Europa e Trump

Da una parte (quella di Trump e della Troika), sfruttamento, guerra e devastazioni, dall'altra (quella di Cuba e del socialismo latinoamericano) una prospettiva di cambiamento strutturale a favore...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa