/ Siria: vi racconto come si viveva ad Aleppo est sotto i jihadisti

Siria: vi racconto come si viveva ad Aleppo est sotto i jihadisti

Siria: vi racconto come si viveva ad Aleppo est sotto i jihadisti
 

Una significativa testimonianza della barbarie terrorista in Siria raccolta da Fulvio Scaglione

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it


di Fulvio Scaglione - occhidellaguerra.it
 

Aleppo, 8 gennaio. Lui accetta di farsi filmare, a scanso di equivoci. Però Mahmud Fahrad non è il suo vero nome e la foto non è la sua. Ha paura di vendette, in questa Aleppo coperta di macerie e dove pochi credono che tutti i jihadisti se ne siano davvero andati a Idlib sui pullman forniti da Assad. Perché questo muratore che ha perso il suo lavoro anni fa e si è dovuto arrangiare com moglie e quattro figli, vuol raccontare come si viveva ad Aleppo Est quando c’era la repubblica dei ribelli e dei jihadisti.

 

“Siamo rimasti intrappolati lì, dice Mahmud, “dal marzo 2012, quando è cominciato tutto. E sono stati quattro anni di orrore. Per esempio, ci facevano fare la fame. In questi anni non ho mai mangiato carne né frutta, quasi solo lenticchie e burghul (grano spezzato). Anche il pane scarseggiava. E intanto loro godevano di ogni ben di Dio e mangiavano tutto ciò che volevano. Avevano depositi pieni e si facevano beffe di noi: quando c’era qualche festività, macellavano pecore e vacche e poi rivendevano i pezzi di scarto, come gli stinchi o le interiora, a 10 mila lire siriane al chilo, il prezzo della carne migliore. I pezzi buoni, invece, costavano 30 mila lire, cioè dieci volte il prezzo normale. Una volta c’è stata una specie di manifestazione per protestare contro questi prezzi: hanno sparato sulla gente e ucciso quattro persone”.

 


E gli ospedali? Si dice che l’esercito abbia ucciso parecchie persone, bombardandoli…


“Ospedali bombardati? Forse. Quello che so, però, è che noi aleppini normali non potevamo certo andarci. Erano riservati a loro e alle loro famiglie. Quando qualcuno di noi si faceva male o aveva un problema di salute, lo lasciavano a morire fuori della porta. Non ho mai visto nessuno, in quattro anni, essere ricoverato in un ospedale”.


Ma questi “loro” di cui parla chi erano?


“C’erano tantissimi stranieri, quasi di ogni parte del mondo. Soprattutto dopo che l’esercito ha cominciato ad avvicinarsi. Li riconoscevamo perché, girando per strada o nei mercati, avevano bisogno di qualcuno che li aiutasse con la lingua. E così sentivamo dire questo è francese, questo è americano, questo è turco… C’erano anche tanti sauditi, egiziani, dei giapponesi. Ma alla fin fine si somigliavano tutti”.


E cioè?


“Guardi che questi non pregano Allah. Pregano il dio dollaro. I diversi gruppi si erano spartiti quella parte di città e per prima cosa cercavano di cavarne la maggior quantità di denaro possibile, sulla pelle della gente indifesa. Ogni tanto si ammazzavano tra loro per questioni di denaro. Un capo si allargava troppo, usciva dalla sua zona? Una bomba sotto la macchina e via. La politica… Forse. Ma questi avevano soprattutto tre passioni. La prima, appunto, i soldi…”.


La seconda?


“Il sesso. Erano come impazziti, anche perché si sentivano onnipotenti. Uno qualunque di questi barbuti poteva farti fuori impunemente, nessuno gli avrebbe detto una parola. Cercavano di procurarsi donne in due modi. Cercavano di comprarle, sfruttando la miseria della gente. Ci sono famiglie che hanno dato via una figlia per cento dollari o addirittura per qualche sacco di riso e di lenticchie. Oppure le portavano via con le minacce, con la violenza. Per esempio minacciando di ammazzare i genitori. Adesso Aleppo Est è piena di “vedove”, per dir così. Donne che hanno dovuto sposarsi a forza con un miliziano che poi è morto o è scappato, donne che adesso nessuno vuole, neppure le famiglie d’origine”.


C’era anche una terza passione…


“Sparare, ammazzare. Prima di partire per un’incursione prendevano delle pasticche che, si sentiva dire, venivano dalla Turchia. Non so che roba fosse, ma dopo averle ingoiate gli si spalancavano gli occhi e diventavano frenetici. Tra loro c’era anche un gran commercio di hashish e altre droghe”.


E la preghiera? L’Islam?


“Ci obbligavano ad andare in moschea ma quella roba lì con la nostra religione c’entrava poco. C’erano predicatori pakistani ed egiziani e l’unica cosa di cui parlavano nei sermoni era la guerra, il jihad, il dovere di combattere gli apostati. Alla fin fine parlavano sempre e solo di ammazzare gente”.



 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Fonte: http://www.occhidellaguerra.it/
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:

Evo Morales: «Gli Stati Uniti dotarono di armi chimiche Saddam per la guerra contro l'Iran»

Il presidente boliviano denuncia la «doppia morale dell'impero»

  Attraverso il proprio profilo Twitter, il presidente dello Stato Plurinazionale di Bolivia, Evo Morales,...
Notizia del:

Respingere le minacce di Trump contro il Venezuela

Dichiarazione del Centro Brasiliano di Solidarietà ai Popoli e Lotta per la Pace

  da cebrapaz.org.br Traduzione di Marx21.it Vari movimenti sociali e governi hanno condannato...
Notizia del:     Fonte: TASS

VIDEO. L'aviazione russa elimina più di 200 terroristi dell'ISIS diretti a Deir Ezzor

I terroristi stavano viaggiando verso la città siriana in un convoglio formato da circa venti veicoli, compresi carri armati.

L'aviazione russa ha eliminato oltre 200 membri dell'ISIS, colpendo un convoglio con armi pesanti diretto...
Notizia del:     Fonte: The Sunday Times

'The Sunday Times': L'ISIS ha utilizzato società britanniche per inviare materiale militare in Spagna

L'ISIS ha beneficiato di una rete di aziende collegate ad un ufficio situato a Cardiff, per inviare materiale militare di alta qualità in Spagna e finanziare i piani terroristici nei paesi europei.

"La tecnologia di sorveglianza che è stata inviata in Spagna, dove 14 persone sono morte giovedì...
Notizia del:

Il latte nero del terrore: Breve storia della “guerra sporca” anticomunista in italia (1945-73)

Occorre riprendere in mano la storia della “guerra sporca” così come si è articolata strutturalmente nel nostro Paese, per capirne i passaggi di fase che ha attraversato e la sua sostanziale riproposizione in chiave aggiornata

di Giacomo Marchetti - Contropiano   Il clima politico-sociale che la cura Minniti sta imponendo al...
Notizia del:     Fonte: Sana.sy

Assad: "Abbiamo contrastato il progetto occidentale, ma la battaglia deve continuare fino alla vittoria"

Nel corso di una conferenza organizzata dal Ministero degli esteri, il Presidente siriano, Bashar al Assad ha dichiarato che "l'Occidente ora vive un conflitto esistenziale ogni volta che percepisce che uno Stato vuole prendere parte al suo ruolo."

"Abbiamo pagato un prezzo molto alto in questa guerra, ma siamo stati in grado di contrastare il progetto...
Notizia del:     Fonte: Haaretz

Preoccupato per i nuovi progressi dell'esercito siriano, Netanyahu incontrerà Putin

Il premier del regime israeliano terrà un incontro con il presidente russo Vladimir Putin per discutere gli ultimi sviluppi della guerra in Siria dopo gli ultimi successi dell'esercito siriano.

I media israeliani hanno riferito che il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu incontrerà il suo...
Notizia del:

Il fattore Cuba: guerra psicologica e guerra asimmetrica contro il Venezuela

Viviamo una dittatura mediatica globale. Che dobbiamo combattere in un nuovo scenario di guerra asimmetrica

di José Manzaneda, coordinatore di Cubainformación - Cubainformazione   La presunta...
Notizia del:

Partito comunista venezuelano: "L'aggressione contro il nostro popolo è internazionale. Anche la risposta deve esserlo".

Dichiarazione di Carlos Aquino, dell'Ufficio Politico del Partito Comunista del Venezuela (PCV)

  da prensapcv.wordpress.com Traduzione di Marx21.it “Le recenti dichiarazioni di Donald...
Notizia del:     Fonte: Al Masdar News

L'esercito siriano ha messo l'ISIS in trappola nella Siria centrale

Era solo una questione di tempo e, infatti, adesso l'ISIS si trova completamente assediato nel Governatorato di Hama. Il crollo completo del gruppo terroristico in tutto il deserto siriano in tempi così rapidi, fino a poco tempo, non era affatto previsto.

Come ha riferito 'Al Masdar news', ieri, l'incubo dell'ISIS è diventato una realtà,...
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:

Evo Morales: «Gli Stati Uniti dotarono di armi chimiche Saddam per la guerra contro l'Iran»

Il presidente boliviano denuncia la «doppia morale dell'impero»

  Attraverso il proprio profilo Twitter, il presidente dello Stato Plurinazionale di Bolivia, Evo Morales,...
Notizia del:

Ucraina: schiavitù per i lavoratori e bombe per il Donbass

Questi non sono che i frutti di quella majdan Nezaležnosti, piazza Indipendenza, che il 24 agosto si appresta a celebrare il 26° anniversario della nezaležnosti

di Fabrizio Poggi - Contropiano   Oltre alla guerra nel Donbass, alla crisi economica che ha ridotto...
Notizia del:     Fonte: http://globovision.com/

Venezuela: l'oppositore Capriles avrebbe ricevuto ingenti finanziamenti dalla multinazionale Odebrecht

A rivelarlo è l’emittente televisiva Globovision, notoriamente vicina all’opposizione venezuelana

  Guai giudiziari in arrivo per Henrique Capriles. L’ex candidato presidenziale, sconfitto da Maduro,...
Notizia del:     Fonte: TASS

VIDEO. L'aviazione russa elimina più di 200 terroristi dell'ISIS diretti a Deir Ezzor

I terroristi stavano viaggiando verso la città siriana in un convoglio formato da circa venti veicoli, compresi carri armati.

L'aviazione russa ha eliminato oltre 200 membri dell'ISIS, colpendo un convoglio con armi pesanti diretto...
Notizia del:     Fonte: The Sunday Times

'The Sunday Times': L'ISIS ha utilizzato società britanniche per inviare materiale militare in Spagna

L'ISIS ha beneficiato di una rete di aziende collegate ad un ufficio situato a Cardiff, per inviare materiale militare di alta qualità in Spagna e finanziare i piani terroristici nei paesi europei.

"La tecnologia di sorveglianza che è stata inviata in Spagna, dove 14 persone sono morte giovedì...
Notizia del:

Il latte nero del terrore: Breve storia della “guerra sporca” anticomunista in italia (1945-73)

Occorre riprendere in mano la storia della “guerra sporca” così come si è articolata strutturalmente nel nostro Paese, per capirne i passaggi di fase che ha attraversato e la sua sostanziale riproposizione in chiave aggiornata

di Giacomo Marchetti - Contropiano   Il clima politico-sociale che la cura Minniti sta imponendo al...
Notizia del:     Fonte: Avn

Venezuela, la Costituente assume alcune competenze dell'Assemblea Nazionale per garantire pace e stabilità. L'opposizione calpesta ancora la Costituzione

Delcy Rodriguez ha ricordato che l’Assemblea Nazionale Costituente è stata eletta da oltre 8 milioni di persone attraverso elezioni libere, dirette e universali, al fine di frenare il piano sedizioso della destra contro la pace del popolo e la Rivoluzione Bolivariana

di Fabrizio Verde   L’Assemblea Nazionale Costituente del Venezuela ha approvato un decreto dove...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa