/ Nicaragua: i successi e l'offensiva imperialista

Nicaragua: i successi e l'offensiva imperialista

Nicaragua: i successi e l'offensiva imperialista
 

La rotonda vittoria ottenuta da Daniel Ortega ha rafforzato politicamente l’Alternativa Bolivariana per i Popoli della Nuestra America (ALBA)

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it


di Angel Guerra - teleSUR
 

Nella seconda fase della rivoluzione sandinista, il Nicaragua, che si trovava sempre arretrato rispetto ai paesi dell’America Latina e dei Caraibi, rivaleggiando in povertà ed esclusione sociale con Haiti, ha ottenuto significativi progressi sociali. Tuttavia, questi risultati e la sfavillante vittoria del Fronte Sandinista di Liberazione Nazionale (FSLN) nelle elezioni dello scorso 6 di novembre, dove Daniel Ortega, il suo candidato alla presidenza, ha ottenuto il 72,5% dei voti, è stato accolto con un silenzio assordante dai media mainstream e perfino dai media progressisti che non hanno compreso l’importanza del sandinismo nella geopolitica della sinistra regionale. 

 

Naturale che sia così per i media tradizionali, perché questo risultato elettorale contraddice i teorici della ‘fine del ciclo progressista’, che si rallegrarono enormemente e sostennero che le loro tesi venivano confermate quando si verificarono le sconfitte elettorali dei governi popolari nelle presidenziali argentine, le parlamentari in Venezuela, nel referendum per la ricandidatura di Evo Morales in Bolivia e con il colpo di Stato parlamentare-mediatico-giudiziario in Brasile. 

 

Quindi non ci può essere alcun dubbio: la vittoria elettorale del FSLN costituisce un magnifico auspicio per le elezioni di febbraio in Ecuador, dove il ticket Lenín Moreno-Jorge Glass, di Alianza País, gode di un importante sostegno popolare e potrebbe imporsi già nel primo turno sospinto dalla grande popolarità del leader Rafael Correa. 

 

La rotonda vittoria ottenuta da Daniel Ortega, con il 62% di partecipazione elettorale - una cifra che raggiungono pochi paesi nella nostra regione - ha rafforzato politicamente l’Alternativa Bolivariana per i Popoli della Nuestra America (ALBA), l’organismo di unità, integrazione e concertazione politica più avanzato a sud del río Bravo, la cui concezione e pratica si basa su relazioni di solidarietà e integrazione tra i suoi membri, così come anche sul riconoscimento dei gradi di sviluppo come principio guida del mutuo appoggio come stabilito da Fidel Castro e Hugo Chávez nel dicembre del 2004.

 

Il Nicaragua ha progettato una serie di programmi sociali come Hambre Cero, Plan Techo, Usura Cero, Merienda Escolar, Bono Productivo e Casas para el Pueblo, che nell’insieme sono miranti alla diminuzione ed eliminazione del dramma della povertà. Un’inchiesta, che abbraccia il periodo 2009-2014, coadiuvata e convalidata dalla Banca Mondiale, ha rilevato che la povertà generale è scesa dal 42,5% al 29,6%, mentre la povertà estrema si è ridotta dal 14,6% all’8,3%. L’investigazione ha portato alla luce che il 70% dei nicaraguensi rientra nella categoria dei non poveri, qualcosa di inimmaginabile durante i 17 anni di governi neoliberisti che hanno preceduto il ritorno di Daniel Ortega alla presidenza nel 2007. Questi fecero tabula rasa delle immense conquiste raggiunte nella prima fase del sandinismo nonostante fosse sottoposto a una cruenta guerra di logoramento e mediatica da parte degli Stati Uniti, che arrivarono a minare i porti del Nicaragua per isolarlo dal mondo e ad armare e finanziare la sanguinosa guerriglia dei Contras, sostenuti dal governo di Ronald Reagan. Finanche l’analfabetismo, sradicato negli anni precedenti tornò a rinascere con il neoliberismo. Ortega ha dovuto rilanciare la campagna di alfabetizzazione, coronata con un successo ancora maggiore. I programmi contro la povertà nel paese centroamericano hanno avuto il merito di non basarsi sull’assistenzialismo ma sul dotare le famiglie degli strumenti giusti per entrare nel lavoro produttivo, costruire o riparare le loro case, o nel caso di bambine e bambini, ricevere un’importante integrazione alimentare con la prima colazione a scuola. 

 

Molte famiglie sono passate dal non aver nulla a essere parte della catena produttiva fornendo il ‘Bono Productivo gallinas y vacas’ non solo per la mera sussistenza ma per creare un surplus che permette loro di portare al mercato latte, uova e formaggio. L’esperienza include forme di collaborazione tra governo e imprenditori. La FAO, riconosce che il Nicaragua tra il 1990 e il 2014 è riuscito a ridurre dal 50,5% al 16% l’indice che misura la denutrizione. Tutte le cifre menzionate sono più che eloquenti e mostrano che il paese dei vulcani non è rimasto indietro nelle statistiche regionali grazie al ritorno del sandinismo e che il successo elettorale del FSLN è dovuto a questo cambiamento. 

 

Perché in una subregione dove vi è un’emigrazione di massa verso gli Stati Uniti, come accade in Messico, il Nicaragua rappresenta un’eccezione? Inoltre: perché a differenza di quanto accade nei paesi vicini il crimine organizzato non spadroneggia?

 

I successi del sandinismo, nonostante il paese sia legato al Trattato di Libero Scambio dell’America Centrale e Repubblica Dominicana, in una regione storicamente segnata da interventi e ingerenze dell’imperialismo statunitense, hanno fatto sì che il Gruppo di Lavoro del Foro di San Paolo, che comprende partiti di sinistra e diversi movimenti sociali dell’America Latina e dei Caraibi ha stabilito di tenere una riunione di riflessione a Managua nei giorni 11 e 12 di gennaio, seguente all’insediamento di Daniel Ortega e della sua vice Rosario Murillo. 

 

Dobbiamo tenere a mente che Washington ha lanciato una controffensiva nei confronti dei governi progressisti a partire dall’incursione yankee-uribista in territorio ecuadoriano contro un distaccamento delle FARC in missione di pace, guidato dal comandante Raúl Reyes. Precedentemente il colpo di Stato fallito contro il presidente Hugo Chávez e poi i golpe andati a segno contro Manuel Zelaya in Honduras; Fernando Lugo in Paraguay e Dilma Rousseff in Brasile. Inoltre vi sono stati tentativi di rovesciare i governi di Evo Morales e Correa. 

 

Non bisogna mai dimenticare la guerra multidimensionale dell’imperialismo contro il Venezuela bolivariano, dove guerra economica e mediatica sono delle componenti fondamentali. Così come la politica sovversiva permanente degli Stati Uniti contro Cuba. Anche se sono state ristabilite relazioni diplomatiche, continua il bloqueo e i fondi di bilancio per finanziare la controrivoluzione continuano a essere elargiti. 

 

Il Nicaragua sandinista, dove viene pianificato il golpe blando (si veda il mio articolo http://www.jornada.unam.mx/2016/11/03/opinion/026a1mun) è stato sempre solidale con i suoi fratelli dell’ALBA e le cause giuste della Neutra America, come la lotta per l’indipendenza di Porto Rico, i diritti dell’Argentina sulle Malvinas e quello della Bolivia di avere uno sbocco al mare. Un motivo in più per cui merita sostegno e riconoscimento per i risultati raggiunti. 

 

(Traduzione dallo spagnolo per l’AntiDiplomatico di Fabrizio Verde)  

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Fonte: teleSUR
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:

Venezuela: la disinformazione di Repubblica attraverso 'l'inviato' residente a Miami

La protesta via Twitter dell'Ambasciata in Italia della Repubblica Bolivariana del Venezuela

di Fabrizio Verde   L’America Latina, con Cuba e Venezuela in testa, è da sempre uno dei...
Notizia del:     Fonte: Al-Mayadeen

VIDEO. Yemen sempre più allo stremo, oltre all'aggressione dell'Arabia Saudita, le organizzazioni internazionali riducono gli aiuti

Più di quarantamila sfollati yemeniti ad Abes, nella Provincia di Hajja, Yemen occidentale, soffrono la carenza di cibo in seguito alla decisione delle organizzazioni internazionali per ridurre il loro aiuto a meno della metà. Un reportage di Ahmed Abdul Rahman parla delle grandi difficoltà nelle quali gli sfollati yemeniti dal vivo, oltre a quella dell'aggressione dell'Arabia Saudita appoggiata dagli USA.

Lunghe code in attesa della distribuzione del cibo che non è sufficiente. Dopo la riduzione, quel poco...
Notizia del:

Il Venezuela rompe con l'OSA, Maduro: «Almagro vergogna dell'America Latina»

Maduro ha ricordato che nelle ultime settimane sono state violate numerose norme interne dell’organizzazione e prese decisioni fraudolente

  «Hanno rotto ogni schema di convivenza (…) con un segretario Generale manovrato, svergognato,...
Notizia del:     Fonte: Sana.sy

Assad: " Per gli USA, in Siria come in Venezuela, chiunque serva i suoi interessi e pratichi il terrorismo, è un 'oppositore', un 'moderato' un combattente per la libertà"

In un'intervista concessa a 'Telesur', il Presidente siriano Bashar al Assad, tra i veri argomenti affrontati, ha analizzato anche gli ultimi eventi in Venezuela e la strategia di destabilizzazione ordita dagli USA, già attuata in Siria nel 2011.

  Qui, il testo originale dell'intervista   Domanda 1:   Partiamo dai fatti più...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

Russia, Siria e Iran continueranno sulla stessa trincea la lotta al terrorismo

I ministri della difesa di Iran, Siria e Russia sottolineano che continueranno sulla stessa trincea la lotta al terrorismo fino alla sua totale eliminazione.

In una riunione, ieri, a Mosca, il generale di brigata Hussein Dehqan (Iran), il generale Fahd Jassem al-Freij...
Notizia del:     Fonte: teleSUR

Venezuela: 4 vittorie di Maduro che i media mainstream ignorano

di Ramiro S. Funez - teleSUR Quattro anni fa, un ex autista di autobus con umili origini di classe operaia è diventato il presidente del Venezuela.    Promettendo di portare...
Notizia del:

Venezuela: l'opposizione produce violenza e morti che i media internazionali occultano

Negli ultimi giorni si sta verificando una vera e propria mattanza di militanti chavisti e lavoratori governativi

di Fabrizio Verde   La narrazione dominante ci racconta in maniera distorta che in Venezuela sono in...
Notizia del:     Fonte: SIPRI

SIPRI. Crescono le spese militari nel mondo. USA sempre in testa. Italia incremento dell'11%

La spesa militare globale totale è salita a 1686.000 miliardi di dollari nel 2016, con un incremento del 0,4 per cento in termini reali rispetto al 2015, secondo i dati dell'Istituto Internazionale di Stoccolma per la ricerca sulla pace. L'Italia ha fatto registrare uno degli incrementi più alti, l'11%. Lo riporta l'Istituto Internazionale di Ricerche sulla Pace di Stoccolma.

Secondo uno studio condotto dall'Istituto Internazionale di Ricerche sulla Pace di Stoccolma, SIPRI*, le...
Notizia del:     Fonte: http://americaxxi.com.ve/

Giocando con il fuoco

di Elias Jaua - America XXI   Il Governatore di uno Stato Federale della Repubblica Bolivariana del Venezuela, l’oppositore Henrique Capriles Radonski, circondato da funzionari della polizia...
Notizia del:     Fonte: http://www.conelmazodando.com.ve/

La Cina punta sulla stabilità e lo sviluppo economico del Venezuela

Il grande paese asiatico ribadisce la propria fiducia nella Rivoluzione Bolivariana e nel popolo venezuelano

  La Cina ribadisce la propria vicinanza al Venezuela e scommette sulla stabilità e lo sviluppo economico...
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:     Fonte: Haaretz

Ogni anno 7.000 soldati israeliani lasciano l'esercito

Secondo i dati diffusi dal quotidiano israeliano 'Haaretz', migliaia di soldati israeliani non portano a termine la leva obbligatoria sulla base di varie motivazioni mediche e psicologiche.

I nuovi dati rilasciati da parte dell'esercito israeliano riferiscono che circa 7.000 soldati israeliani non...
Notizia del:     Fonte: https://www.cia.gov

Documenti della CIA rivelano: Gli USA già programmavano di distruggere la Siria nel 1983

Un documento della CIA declassificato ha rivelato le trame ordite dagli Stati Uniti nel 1983 per distruggere la Siria e rovesciare il padre dell'attuale presidente siriano. Con le stesse pratiche adottate poi nel 2011.

Un documento declassificato della CIA, ha rivelato i piani di Washington, nel 1983, per rovesciare il governo...
Notizia del:

"Forte supporto alla sovranità e all'integrità territoriale della Siria". Comunicato congiunto dei paesi BRICS

Visakhapatnam, 12 aprile 2017 da mid.ru Traduzione di Lorenzo Battisti per Marx21.it Riteniamo importante pubblicare questo comunicato congiunto diffuso da rappresentanti dei cinque paesi...
Notizia del:

QUANTI MORTI SONO ANCORA NECESSARI IN VENEZUELA?

  di Marco Teruggi   28 morti e 437 feriti è il bilancio delle vittime - in meno di un mese - degli scontri che stanno avendo luogo in Venezuela. Se a questo numero si aggiungono...
Notizia del:

LA CINA METTE IN GUARDIA SULL’USO DELLA FORZA IN COREA

Il Ministro degli esteri cinese Wang Yi ha affermato che il dialogo e il negoziato sono gli unici strumenti per poter risolvere il problema della crisi nucleare in Corea, in un suo intervento ad una riunione...
Notizia del:

Saviano e i "Caschi Bianchi": Lettera aperta ad "Amici"

Gentile redazione di Amici, Apprendiamo con stupore che l’onnipresente Roberto Saviano utilizzerà la trasmissione "Amici" di questa sera per un ennesimo panegirico degli Elmetti...
Notizia del:

Per la prima volta un paese bombardato dalla Nato vota per l'integrazione nell'Alleanza

Il Parlamento del Montenegro ha votato questo venerdì a favore del progetto per l'integrazione del paese nella Nato, proposto dalla coalizione al governo. L'opposizione ha convocato proteste...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa