/ Nicaragua: i successi e l'offensiva imperialista

Nicaragua: i successi e l'offensiva imperialista

Nicaragua: i successi e l'offensiva imperialista
 

La rotonda vittoria ottenuta da Daniel Ortega ha rafforzato politicamente l’Alternativa Bolivariana per i Popoli della Nuestra America (ALBA)

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it


di Angel Guerra - teleSUR
 

Nella seconda fase della rivoluzione sandinista, il Nicaragua, che si trovava sempre arretrato rispetto ai paesi dell’America Latina e dei Caraibi, rivaleggiando in povertà ed esclusione sociale con Haiti, ha ottenuto significativi progressi sociali. Tuttavia, questi risultati e la sfavillante vittoria del Fronte Sandinista di Liberazione Nazionale (FSLN) nelle elezioni dello scorso 6 di novembre, dove Daniel Ortega, il suo candidato alla presidenza, ha ottenuto il 72,5% dei voti, è stato accolto con un silenzio assordante dai media mainstream e perfino dai media progressisti che non hanno compreso l’importanza del sandinismo nella geopolitica della sinistra regionale. 

 

Naturale che sia così per i media tradizionali, perché questo risultato elettorale contraddice i teorici della ‘fine del ciclo progressista’, che si rallegrarono enormemente e sostennero che le loro tesi venivano confermate quando si verificarono le sconfitte elettorali dei governi popolari nelle presidenziali argentine, le parlamentari in Venezuela, nel referendum per la ricandidatura di Evo Morales in Bolivia e con il colpo di Stato parlamentare-mediatico-giudiziario in Brasile. 

 

Quindi non ci può essere alcun dubbio: la vittoria elettorale del FSLN costituisce un magnifico auspicio per le elezioni di febbraio in Ecuador, dove il ticket Lenín Moreno-Jorge Glass, di Alianza País, gode di un importante sostegno popolare e potrebbe imporsi già nel primo turno sospinto dalla grande popolarità del leader Rafael Correa. 

 

La rotonda vittoria ottenuta da Daniel Ortega, con il 62% di partecipazione elettorale - una cifra che raggiungono pochi paesi nella nostra regione - ha rafforzato politicamente l’Alternativa Bolivariana per i Popoli della Nuestra America (ALBA), l’organismo di unità, integrazione e concertazione politica più avanzato a sud del río Bravo, la cui concezione e pratica si basa su relazioni di solidarietà e integrazione tra i suoi membri, così come anche sul riconoscimento dei gradi di sviluppo come principio guida del mutuo appoggio come stabilito da Fidel Castro e Hugo Chávez nel dicembre del 2004.

 

Il Nicaragua ha progettato una serie di programmi sociali come Hambre Cero, Plan Techo, Usura Cero, Merienda Escolar, Bono Productivo e Casas para el Pueblo, che nell’insieme sono miranti alla diminuzione ed eliminazione del dramma della povertà. Un’inchiesta, che abbraccia il periodo 2009-2014, coadiuvata e convalidata dalla Banca Mondiale, ha rilevato che la povertà generale è scesa dal 42,5% al 29,6%, mentre la povertà estrema si è ridotta dal 14,6% all’8,3%. L’investigazione ha portato alla luce che il 70% dei nicaraguensi rientra nella categoria dei non poveri, qualcosa di inimmaginabile durante i 17 anni di governi neoliberisti che hanno preceduto il ritorno di Daniel Ortega alla presidenza nel 2007. Questi fecero tabula rasa delle immense conquiste raggiunte nella prima fase del sandinismo nonostante fosse sottoposto a una cruenta guerra di logoramento e mediatica da parte degli Stati Uniti, che arrivarono a minare i porti del Nicaragua per isolarlo dal mondo e ad armare e finanziare la sanguinosa guerriglia dei Contras, sostenuti dal governo di Ronald Reagan. Finanche l’analfabetismo, sradicato negli anni precedenti tornò a rinascere con il neoliberismo. Ortega ha dovuto rilanciare la campagna di alfabetizzazione, coronata con un successo ancora maggiore. I programmi contro la povertà nel paese centroamericano hanno avuto il merito di non basarsi sull’assistenzialismo ma sul dotare le famiglie degli strumenti giusti per entrare nel lavoro produttivo, costruire o riparare le loro case, o nel caso di bambine e bambini, ricevere un’importante integrazione alimentare con la prima colazione a scuola. 

 

Molte famiglie sono passate dal non aver nulla a essere parte della catena produttiva fornendo il ‘Bono Productivo gallinas y vacas’ non solo per la mera sussistenza ma per creare un surplus che permette loro di portare al mercato latte, uova e formaggio. L’esperienza include forme di collaborazione tra governo e imprenditori. La FAO, riconosce che il Nicaragua tra il 1990 e il 2014 è riuscito a ridurre dal 50,5% al 16% l’indice che misura la denutrizione. Tutte le cifre menzionate sono più che eloquenti e mostrano che il paese dei vulcani non è rimasto indietro nelle statistiche regionali grazie al ritorno del sandinismo e che il successo elettorale del FSLN è dovuto a questo cambiamento. 

 

Perché in una subregione dove vi è un’emigrazione di massa verso gli Stati Uniti, come accade in Messico, il Nicaragua rappresenta un’eccezione? Inoltre: perché a differenza di quanto accade nei paesi vicini il crimine organizzato non spadroneggia?

 

I successi del sandinismo, nonostante il paese sia legato al Trattato di Libero Scambio dell’America Centrale e Repubblica Dominicana, in una regione storicamente segnata da interventi e ingerenze dell’imperialismo statunitense, hanno fatto sì che il Gruppo di Lavoro del Foro di San Paolo, che comprende partiti di sinistra e diversi movimenti sociali dell’America Latina e dei Caraibi ha stabilito di tenere una riunione di riflessione a Managua nei giorni 11 e 12 di gennaio, seguente all’insediamento di Daniel Ortega e della sua vice Rosario Murillo. 

 

Dobbiamo tenere a mente che Washington ha lanciato una controffensiva nei confronti dei governi progressisti a partire dall’incursione yankee-uribista in territorio ecuadoriano contro un distaccamento delle FARC in missione di pace, guidato dal comandante Raúl Reyes. Precedentemente il colpo di Stato fallito contro il presidente Hugo Chávez e poi i golpe andati a segno contro Manuel Zelaya in Honduras; Fernando Lugo in Paraguay e Dilma Rousseff in Brasile. Inoltre vi sono stati tentativi di rovesciare i governi di Evo Morales e Correa. 

 

Non bisogna mai dimenticare la guerra multidimensionale dell’imperialismo contro il Venezuela bolivariano, dove guerra economica e mediatica sono delle componenti fondamentali. Così come la politica sovversiva permanente degli Stati Uniti contro Cuba. Anche se sono state ristabilite relazioni diplomatiche, continua il bloqueo e i fondi di bilancio per finanziare la controrivoluzione continuano a essere elargiti. 

 

Il Nicaragua sandinista, dove viene pianificato il golpe blando (si veda il mio articolo http://www.jornada.unam.mx/2016/11/03/opinion/026a1mun) è stato sempre solidale con i suoi fratelli dell’ALBA e le cause giuste della Neutra America, come la lotta per l’indipendenza di Porto Rico, i diritti dell’Argentina sulle Malvinas e quello della Bolivia di avere uno sbocco al mare. Un motivo in più per cui merita sostegno e riconoscimento per i risultati raggiunti. 

 

(Traduzione dallo spagnolo per l’AntiDiplomatico di Fabrizio Verde)  

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Fonte: teleSUR
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:     Fonte: http://italia.embajada.gob.ve/

Venezuela: domenica popolo in piazza contro l'interventismo statunitense

da italia.embajada.gob.ve   Caracas, 21 marzo 2017 (MPPRE) - Di fronte ai piani interventisti del Dipartimento di Stato degli USA, il Presidente della Repubblica Bolivariana del Venezuela, Nicolás...
Notizia del:     Fonte: IRNA

Hezbollah iracheni: Attaccheremo i soldati statunitensi se non lasceranno l'Iraq

Gli Hezbollah iracheni avvertono che dopo l'espulsione dell'ISIS dall'Iraq attaccheranno le forze nordamericane se non lasciano il loro paese.

Ja'far al-Husseini, portavoce del Movimento di Resistenza Islamico in Iraq (Kataib Hezbollah) ha dichiarato...
Notizia del:     Fonte: teleSUR

Ecuador al ballottaggio: Lenin Moreno in testa nei sondaggi

Il candidato della Revolucion Ciudadana avrebbe un margine del 6,4% rispetto al candidato conservatore e neoliberista Lasso

  Il candidato presidente in Ecuador, Lenin Moreno, afferente al partito Alianza Pais del presidente uscente...
Notizia del:

La Nato sotto comando Usa sta preparando altre guerre e la Sicilia sarà base d'attacco

di Manlio Dinucci* - il manifesto, 21 marzo 2017 Si svolge dal 12 al 24 marzo, di fronte alle coste mediterranee della Sicilia, l’esercitazione navale Nato Dynamic Manta cui partecipano...
Notizia del:     Fonte: http://www.avn.info.ve/

Documento declassificato del governo Usa riconosce la lotta del Venezuela al narcotraffico

Il vicepresidente Tareck El Aissami ha mostrato in pubblico il documento reso noto da Wikileaks

  Il Venezuela favorisce il narcotraffico. Tareck El Aissami, vicepresidente della Repubblica, è un...
Notizia del:     Fonte: Sana.sy

Assad sul piano degli Stati Uniti per Raqqa: Liberarla dall'ISIS, per darla a chi?

Il presidente siriano Bashar al Assad ha messo in discussione i piani della coalizione guidata dagli Stati Uniti per liberare Raqqa.

Il presidente siriano Bashar al-Assad ha rilasciato un'intervista ai media russi in cui ha discusso, tra gli...
Notizia del:     Fonte: Sana.sy

Nasrallah: la sconfitta dell'ISIS in Siria è un fallimento per Israele

Il Segretario Generale di Hezbollah, Sayyed Hassan Nasrallah, ha dichiarato che la sconfitta dell'ISIS è un fallimento del piano di Israele messo a punto nella regione.   In un discorso,...
Notizia del:     Fonte: The Huffington Post

'Arabia Saudita, il principale sponsor del terrorismo'

L'Arabia Saudita e non l'Iran è il principale sponsor del terrorismo di Stato nella regione e nel mondo, secondo il quotidiano statunitense 'The Huffington Post'.

"L'Arabia Saudita, non l'Iran, è il più grande stato sponsor del terrorismo oggi nel...
Notizia del:     Fonte: leparisien

L'ONU elogia l'Iran per l'accoglienza dei rifugiati

In un'epoca in cui gli iraniani non sono più i benvenuti negli Stati Uniti, l'Iran è considerato dall'ONU uno dei paesi più generosi nell'accoglienza dei rifugiati, in particolare afgani.

Il governo iraniano è stato "esemplare nell'accoglienza dei profughi e nel lasciare i confini aperti",...
Notizia del:     Fonte: ru.scribd.com

Senatori USA chiedono un'indagine contro Obama per le sue ingerenze in altri Paesi

I Parlamentari sostengono che l'amministrazione Obama ha finanziato e fatto pressione su alcuni partiti politici con i soldi dei contribuenti statunitensi.

Un gruppo di senatori repubblicani ha inviato una lettera al Segretario di Stato, Rex Tillerson, sollecitandolo...
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:

AAA ONG dei diritti umani cercasi... L’Ucraina nega l’ingresso alla cantante (disabile) che doveva rappresentare la Russia all’Eurovision

di Eugenio Cipolla Nell’assurdo gioco delle ripicche tra Russia e Ucraina, connesse all’attuale situazione della guerra in Donbass e della decisione della Crimea di ritornare russa, oggi...
Notizia del:

E' questa la miglior risposta possibile al bieco razzismo di Dijsselbloem

Cioè, nei Paesi Bassi il consumo pro capite di birra annuo è il triplo dell'Italia, la prostituzione è legale e noi siamo gli acolizzati mignottari? Eugenio Cipolla **   ...
Notizia del:

Ucraina, l'esperimento NATO passa alla "Dottrina della Sicurezza Nazionale dell'Informazione"

di Partito Comunista di Ucraina da solidnet.org Traduzione di Marx21.it  Il presidente dell'Ucraina ha varato la Dottrina della Sicurezza Nazionale dell'Informazione con...
Notizia del:     Fonte: IRNA

Hezbollah iracheni: Attaccheremo i soldati statunitensi se non lasceranno l'Iraq

Gli Hezbollah iracheni avvertono che dopo l'espulsione dell'ISIS dall'Iraq attaccheranno le forze nordamericane se non lasciano il loro paese.

Ja'far al-Husseini, portavoce del Movimento di Resistenza Islamico in Iraq (Kataib Hezbollah) ha dichiarato...
Notizia del:     Fonte: Jpost

Netanyahu a Putin: Israele continuerà i suoi attacchi aerei in Siria

"Se è fattibile dal punto di vista militare e dell'intelligence, allora attacchiamo, e così continueremo", ha dichiarato il primo ministro israeliano.

Il primo ministro israeliano Benjamín Netanyahu, ha dichiarato ai giornalisti in Cina che ha informato...
Notizia del:     Fonte: Haaretz - Akevot.org

Il governo israeliano finanziò la creazione della sezione locale di Amnesty International

Il governo israeliano finanziò la creazione della sezione locale di Amnesty International negli anni sessanta e settanta per renderlo un docile strumento della sua immagine internazionale, secondo i documenti ufficiali rivelate dal quotidiano Haaretz.

I documenti, secondo il quotidiano israeliano 'Haaretz, sono stati ottenuti dall'Istituto di Ricerca...
Notizia del:

11 settembre: le famiglie di 800 vittime hanno fatto causa all'Arabia Saudita

 Pix 11, un media di New York, ha riferito che le famiglie di 800 vittime hanno intentato una causa contro l'Arabia Saudita per il suo ruolo negli attentati dell'11 settembre 2001. Rappresentate...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa