/ "Intervento del 2011 in Libia basato su supposizioni sbagliate". ...

"Intervento del 2011 in Libia basato su supposizioni sbagliate". Un nuovo rapporto Chilcot inchioda Cameron

Intervento del 2011 in Libia basato su supposizioni sbagliate. Un nuovo rapporto Chilcot inchioda Cameron
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
L'intervento militare della Gran Bretagna in Libia del 2011, ordinato dall'ex primo ministro David Cameron, si è basato su una intelligence non accurata e ha accelerato il collasso politico ed economico del paese nordafricano, favorendo l'ascesa dell'estremismo islamico in Nord Africa, si legge in un rapporto pubblicato oggi da una commissione bipartisan della Camera dei Comuni, presieduta da Crispin Blunt, un membro del partito conservatore di Cameron.

 Il rapporto accusa duramente Cameron e il suo Consiglio di Sicurezza Nazionale per aver utilizzato una missione di protezione civile in Libia  come copertura per un cambio di regime e non essere riusciti a pianificare adeguatamente il futuro del paese dopo il rovesciamento di Muammar Gheddafi.

Cameron, che ha guidato la Gran Bretagna a partire dal 2010 fino a luglio, ha avuto un ruolo "decisivo" nella decisione di intervenire e deve assumersi la responsabilità per il ruolo della Gran Bretagna nella crisi in Libia, si legge nella relazione.

"Le azioni del Regno Unito in Libia fanno parte di un intervento mal concepito, i cui risultati stanno venendo fuori ancora oggi", ha detto il presidente della commissione. "Questo rapporto evidenzia che la politica del Regno Unito in Libia, prima e dopo l
9;intervento di marzo 2011 è stata fondata su presupposti errati".   In particolare poi, il governo del primo ministro britannico David Cameron non ha compreso dai rapporti di intelligence che la minaccia per i civili era sopravvalutata e che i ribelli includevano una significativa componente islamista.  Anche la risposta post-intervento è stato anche carente, ha detto il Presidente.

 Nella dichiarazione del comitato si chiarisce che la "responsabilità ultima spetta alla leadership di David Cameron".

 Il rapporto parlamentare sostiene che l'incapacità di prevedere le conseguenze ha portato al collasso politico, la guerra interna, una crisi umanitaria e l'ascesa delllo Stato islamico - una critica simile ai risultati di un'inchiesta ufficiale, conosciuta come il Rapporto Chilcot, che ha esaminato il ruolo della Gran Bretagna nell'invasione dell'Iraq e le sue conseguenze.  "Il risultato è stato un collasso politico ed economico, scontri tra milizie e tra tribù, crisi umanitarie e di migranti, aumento delle violazioni dei diritti umani, diffusione delle armi dell'arsenale di Gheddafi nel Paese e nella regione e crescita dello Stato Islamico nel nord dell'Africa". 
 
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:

Noam Chomsky spiega quello che si nasconde dietro la chiamata alle armi con "l'intervento umanitario"

Telesur   "Quasi ogni atto aggressivo di una grande potenza è giustificata per motivi umanitari", afferma l'intellettuale statunitense Noam Chomsky in un'intervista...
Notizia del:

Ricordando, da Gaza, le Fosse Ardeatine

di Patrizia Cecconi - Pressenza Gaza city, 18 febbraio Durante tutta la notte da Gaza city si sono sentiti gli echi dei bombardamenti sulla Striscia di Gaza. Prima erano lontani, poi si sono...
Notizia del:

In Florida al massacro di 14 studenti e 3 insegnanti si reagisce così...

di Francesco Erspamer La foto sotto è di oggi (la riprendo da NBC News) e mostra come hanno reagito centinaia di abitanti della zona della Florida dove è avvenuto il massacro di 14...
Notizia del:     Fonte: Al Mayadeen

VIDEO. Consulente Media YPG: L'esercito siriano è il benvenuto ad Afrin in qualsiasi momento

Le Unità di Protezione popolare curde, YPG, ribadiscono che l'esercito siriano è benvenuto nella regione di Afrin, dove da alcune settimane la Turchia ha avviato una brutale aggressione.

Il consigliere dei media delle Unità di protezione popolare (YPG), Rizan Haddou, ha dichiarato venerdì...
Notizia del:     Fonte: The News York Times

The New York Times: "La CIA ha interferito più di 80 volte nelle elezioni di altri Paesi"

Sin dal suo inizio, la CIA ha anche contribuito a rovesciare i leader eletti in altri paesi, sostenuto colpi di stato, ha organizzato omicidi per ragioni politiche e sostenuto i governi anti-comunisti, si legge in un articolo del quotidiano statunitense, 'The New York Times'.

La Central Intelligence Agency (CIA) degli Stati Uniti ha interferito nelle elezioni in diversi paesi sin dall'inizio...
Notizia del:     Fonte: Euronews

Russia: Gli Stati Uniti intendono rimanere in Siria per sempre

Gli Stati Uniti cercano di separare una vasta regione dal resto del territorio siriano, ha avvertito ieri il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov, il quale ha ribadito che Washington intende rimanere nel paese arabo a tempo indefinito.

"(Gli statunitensi) sembrano voler dividere gran parte del territorio siriano dal resto del paese, per creare...
Notizia del:     Fonte: Al Manar

Nasrallah: Possiamo distruggere le piattaforme petrolifere israeliane nel giro di poche ore

Il segretario generale di Hezbollah Sayyed Hassan Nasrallah ribadisce che la presenza degli USA nella regione è data dalla volontà di impadronirsi delle risorse naturali.

In occasione della ricorrenza del martirio di due leader del Movimento di resistenza libanese Hezbollah, il segretario...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa