/ Intervista ad Andre Vltchek su Catalogna, Kurdistan, Corea, nucle...

Intervista ad Andre Vltchek su Catalogna, Kurdistan, Corea, nucleare e America Latina

Intervista ad Andre Vltchek su Catalogna, Kurdistan, Corea, nucleare e America Latina
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
di Alessandro Bianchi

Intervista ad Andre Vltchek* su Catalogna, Corea, Kurdistan e America Latina


Autodeterminazione dei popoli e rispetto dei confini e della sovranità di un paese. Uno dei temi più complicati per il diritto internazionale. Come articolarlo per il caso della Catalogna?
 
Personalmente non sono entusiasta di piccole nazioni che formano i loro stati, specialmente se in Occidente. Stati che, dopo l'indipendenza, rimarrebbero poi in alleanze che opprimono l'intero mondo. Mi riferisco a Nato o Unione Europea.
Chiaramente, la disintegrazione di un grande paese come la Jugoslavia in piccole entità è stato un piano ostile e diabolico designato dall'Occidente, in particolare Germania e Austria. La dissoluzione della Cecoslovacchia dopo la cosiddetta "Rivoluzione di velluto" è stata una idiozia totale.
Ma la Catalogna (o i Paesi Baschi), se dovesse raggiungere l'indipendenza, sarebbe una delle parti più ricche d'Europa. Non penso avrebbe nessun impatto positivo o negativo per il resto del mondo. Come internazionalista, non mi interessa se si separano o meno dalla Spagna, o se diventano più o meno ricchi, mi interessa molto di più quello che accade in posti come Afghanistan, Venezuela or North Korea.
Dall'altro lato, il modo in cui la Spagna sta ora agendo in Catalogna dopo il referendum è una follia pura. Hanno deciso di trattare il popolo catalano allo stesso modo utilizzato dagli indonesiani contro i Papuani per decenni. Se continua così, la riconciliazione sarà impossibile. Non puoi molestare donne, rompere ossa, ferire centinaia di persone solo perché non vogliono essere governati da Madrid. Ma la Spagna è abituata a commettere genocidi in quello che oggi è noto come America Latina. 
E la costituzione della Spagna? Non c'è nulla di sacro nelle costituzioni occidentali, scritte per proteggere gli interessi delle classi dominanti. Quando diventano obsolete, dovrebbero essere aggiornate o totalmente riscritte. Se i catalani o i baschi vogliono la loro indipendenza, se lo vogliono veramente, se è così importante per loro, allora perché no - dovrebbero farlo. La Spagna non è un paese del "popolo". È un aggressore occidentale oppressivo. Avrei una posizione completamente diversa se qualche parte della Bolivia o della Cina dovesse cercare di separarsi.




 
 
Situazione diversa e realtà diversa. Altro tema di questione internazionale  fondamentale è la questione del referendum del Kurdistan iracheno che rischia di divenire la nuova miccia pronta ad esplodere in quell'area. Sarebbe il nuovo Israele in medio oriente come sostiene qualcuno o cosa?
 
AV: Si tratta di una questione veramente delicata. Ho lavorato nella regione autonoma del Kurdistan già due volte. Sono stato anche al confine con Mosul e quello che ho visto non mi èpiaciuto affatto!
Si tratta chiaramente di uno stato clientelare dell'occidente, della Turchia e in qualche maniera di Israele. Si tratta di uno stato pluricapitalista senza vergogna, che strappa la terra alla sua popolazione, calpestandola, solo per pompare e raffinare petrolio. Trattano i profughi siriani come animali, costringendoli a fare dichiarazioni contro Assad. Stanno trasformando la città storica di Erbil in un grande centro commerciale. I suoi capi militari sono indottrinati negli Stati Uniti e provocano Baghdad, giorno e notte.
Davvero non mi è piaciuto quello che ho visto: se ai curdi iracheni sarà concessa la possibilità di avere la loro indipendenza, l'impatto sulla regione sarà enorme e certamente negativo.  Baghdad non dovrebbe permetterlo, anche a costo di uno scontro armato.

 
Venendo alla questione del momento: il nucleare nord-coreano e una possibile escalation bellica nella penisola coreana. Come giudica la straegia di Kim e quali i rischi concreti?
 
AV: C'è un solo rischio e pericolo: che il mondo stia accettando come inevitabile il fatto che il regime occidentale possa farla franca. Non vedo altri problemi seri per il mondo.
Qual è la strategia di Kim? Difendere la sua popolazione con ogni mezzo, contro la forza brutale che ha già ucciso milioni di uomini, donne e bambini di Corea. Quella forza brutale è dell'Occidente e i suoi alleati. E' tutto molto semplice, solo che non lo vedrete alla Bbc. Ma se si usa il proprio cervello è davvero tutto "ovvio".


Per Pyongyang l’atomica sta diventando sempre più vitale, perché il paese teme sempre di più di fare la fine dell’Iraq e della Libia. Non crede che le sanzioni delle Nazioni Unite, per questo, siano totalmente inefficaci e controproducenti perché alimentano questa escalation?


AV: Naturalmente, ma le sanzioni sono ancora una volta imposte alla vittima! È perché quasi nessuno osa affrontare a muso duro  i demagoghi e i dittatori occidentali. Il mondo assomiglia alle aree occupate dalla Germania nazista, dall'Italia e dal Giappone durante la seconda guerra mondiale. Lì, nessuno avrebbe osato votare in modo indipendente, difendendo le vittime del fascismo.


La Federazione degli scienziati americani (Fas) abbia stimato che nel 2017 la Corea del Nord abbia “materiale fissile per produrre potenzialmente 10-20 testate nucleari” anche se si dubita fortemente che nessuna possa essere considerata pronta per il lancio, gli Usa posseggono 6800 testate nucleari. Comprese quelle francesi e britanniche (rispettivamente 300 e 215), le forze nucleari della Nato dispongono di 7315 testate nucleari, di cui 2200 pronte al lancio, in confronto alle 7000 russe di cui 1950 pronte al lancio. Con quelle cinesi (270), pachistane (120-130), indiane (110-120) e israeliane (80), il numero totale delle testate nucleari viene stimato per difetto in circa 15000. Un oligopolio nucleare che non può che creare una escalation continua e la ricerca da chi si senta minacciato di procurarsele. E' la Corea del Nord l’unica fonte di minaccia nucleare per il mondo?
 
 
A.V.: Naturalmente, la Corea del Nord non è affatto una minaccia. Ne ho già parlato durante numerose interviste televisive. Ho visitato la Corea del Nord e vissuto con la sua gente. Lì, nessuno vuole la guerra. Il popolo nord-coreano ha pagato un prezzo terribile per la sua indipendenza. Tanti civili sono stati uccisi senza pietà dalle forze occidentali; le donne sono state violentate brutalmente, interi villaggi e città sono stati rasi al suolo.
Tutto questo non viene mai discusso in Occidente, ma è ricordato in Corea del Nord.
Ora, la propaganda anglosassone assolutamente senza vergogna sta «preparando» il pubblico mondiale per l'«inevitabilità» della guerra. Sai, se ancora qualcuno oggi crede che gli Stati Uniti siano l'unico colpevole, questa persona forse sta vivendo in una trincea isolata o in una grotta. L'indottrinamento e il lavaggio del cervello sono principalmente progettati "Made in Europe", più evidentemente nel Regno Unito, dove la maggior parte delle persone ha già perso la capacità di pensare razionalmente. L'apparato propagandistico colonialista britannico è terribilmente sinistro, ma strategicamente è brillante! È stato utilizzato per secoli, e persino riuscì a "programmare" il cervello delle vittime in Africa e altrove.
Naturalmente, i tuoi numeri sono corretti e tutto ciò che sta succedendo è completamente assurdo! Ma la gente del giorno e della notte racconta che la Corea del Nord rappresenta un vero pericolo per il mondo. Lo stesso è stato riferito all'Unione Sovietica, alla Cina, a Cuba, all'Iraq, all'Afghanistan e in molti altri paesi. La maggior parte di questi paesi sono già stati distrutti.
Il peccato della Corea del Nord è che si rifiuta di arrendersi, di cadere sulle sue ginocchia, di sacrificare il suo popolo. Rifiuta di diventare schiavo. Per secoli, il colonialismo europeo e poi quello americano ha punito questa sfida nei modi più brutali. La cultura occidentale, dopo tutto, è basata e costruita sulla schiavitù. Richiede l'assoluta conformità, la sottomissione incondizionata.
Se la Corea del Nord viene attaccata, dovrebbe combattere! E lo farà.
 
 
Le Nazioni Unite a luglio hanno adottato l’importante Trattato sulla proibizione delle armi nucleari. L’Onu viene spesso utilizzato a giorni e paesi alterni:  questo Trattato  infatti viene ignorato da tutte le potenze nucleari, dai membri della Nato (Italia compresa). La Nato ha vietato ai paesi membri di ratificarlo. Può l'occidente fare da moralizzatore a chi persegua un deterrente per non finire come Saddam e Gheddafi?

 
AV: L'Occidente è come un esercito di briganti che è riuscito a superare una città, a stuprare tutto ciò che si muoveva, bruciare il centro, costruire case e negozi e poi eseguire tutti i pensatori. Pochi giorni dopo vedono qualcuno che ruba un mazzo di banane da una stalla di frutta. E lo catturano, lo giudicano e si sentono moralmente nel giusto. È tutto così comico! Ma non è così che si dovrebbe vedere!
 

Russia e Cina (con Iran, Venezuela e tanti altri paesi) stanno intensificando la de-dollarizzazione nei loro scambi reciproci. Prevede un progressivo indebolimento del dollaro di considizionare la finanza internazionale e che ripercussioni geopolitiche?
 
AV: Sì, sicuramente! E dovresti parlare di questo con il mio amico, Peter Koenig, un vero dissidente, ex economista della Banca mondiale, che sta ora consigliando molti paesi a procedere verso la de-dollarizzazione.
I dollari USA non dovrebbero più essere utilizzati. Le istituzioni occidentali dovrebbero essere ignorate. Strutture completamente nuove dovrebbero essere erette. La Cina e la Russia sono, naturalmente, al comando. Tutto questo è estremamente importante e può cambiare il mondo, nel prossimo futuro.






E in America Latina sta davvero finendo il sogno dell'indipendenza e tornerà il giardino di casa degli Usa?
 
AV: No, non sta affatto finendo. Il desiderio dei popoli dell'America Latina americani di vivere in società giuste ed eguali è troppo forte; non può essere distrutta durante la notte.
Ci sono state alcune gravi battute d'arresto - in Argentina e Brasile. E il Venezuela soffre immensamente, colpita dalle proprie elite spietate sponsorizzate dall'estero. Ma il paese è ancora in piedi.
In Brasile, Temer è immensamente impopolare. Il suo "colpo di stato costituzionale" si ritarderà subito. Il Partito dei Lavoratori tornerà, nella sua vecchia forma o in una nuova. E sarà molto più forte di prima. Lo stesso vale per l'Argentina. Vedete, nonostante tutte le manipolazioni dei media, propaganda e bugie spudorate, le persone si stanno già rendendo conto che sono state ingannate. Vogliono un po 'di decenza, vogliono il socialismo, l'orgoglio e la speranza! Vogliono la vera indipendenza.
Tra due settimane tornerò in Sud America. Il mio prossimo libro sarà pubblicato da una casa editrice di sinistra molto importante in Cile. In questi giorni vado spesso in Sud America. È una delle frontiere, i campi di battaglia, dove le persone devono lottare contro l'imperialismo occidentale e i suoi lacché!


*Andre Vltchek is a philosopher, novelist, filmmaker and investigative journalist. He has covered wars and conflicts in dozens of countries. Three of his latest books are his tribute to “The Great October Socialist Revolution” a revolutionary novel “Aurora” and a bestselling work of political non-fiction: “Exposing Lies Of The Empire. View his other books here. Watch Rwanda Gambit, his groundbreaking documentary about Rwanda and DRCongo and his film/dialogue with Noam Chomsky “On Western Terrorism”. Vltchek presently resides in East Asia and the Middle East, and continues to work around the world. He can be reached through his website and his Twitter.
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da L'intervista
Notizia del:

Portone circolo PD bruciato a Ostia Antica, G. Zannola: "Hanno colpito una casa della città"

Intervista all'esponente del PD di Ostia: "Il X municipio può ripartire se il Comune, la Regione ed il Governo fanno uno sforzo reale in termini di investimento di risorse per potenziare i servizi sociali lì dove le marginalità e le fragilità dilagano; luoghi in cui si insedia il 'welfare' alternativo delle mafie ed il fascismo."

Dopo la manifestazione contro le mafie, contro il fascismo e per la libertà di stampa, indetta da Libera...
Notizia del:

"Ci censurano perché rompiamo lo schema narrativo creato ad arte dal sistema"

Intervista a Giorgio Cremaschi dopo il successo della manifestazione dell'11 novembre. "Noi non siamo buonisti e neanche tolleranti. Ma intolleranti e faziosi" Sulle sanzioni al Venezuela: "Sono un'autentica vergogna"

Come AntiDiplomatico abbiamo risentito telefonicamente Giorgio Cremaschi uno dei promotori della grande iniziativa...
Notizia del:

Il diritto internazionale non conta più niente: "La formula Arria" contro il Venezuela bolivariano

Con la giornalista e scrittrice Geraldina Colotti abbiamo parlato di sanzioni Ue, "interessamento" Onu e ruolo del governo italiano. "Arria è l'inventore della “formula Arria” al Consiglio di sicurezza dell'Onu, messa in campo nel '92 per la Bosnia. Una formula che prevede di includere nelle consultazioni informali dell'Onu personalità e associazioni della “società civile”

Intervista a Geraldina Colotti, giornalista e saggista esperta di America Latina  L'Unione...
Notizia del:

"Sono 50 anni che organizzo manifestazioni e una cosa così non mi era mai capitata"

Intervista al Prof. Vasapollo: "L’atteggiamento autoritario di Minniti e del Pd apre una nuova pagina delle relazioni istituzionali per una grande forza sindacale di questo paese che è l’USB"

Come AntiDiplomatico vi abbiamo riportato diverse testimonianze delle ragioni dello sciopero di oggi. Ve le riproponiamo...
Notizia del:

Giorgio Cremaschi sullo sciopero generale e la manifestazione di Piazza Vittorio. "La censura dei media ci fa un baffo"

Ai media conviene parlare delle marcette di qualche decina di fascisti. E' normale che ci censurino"

Oggi lo sciopero generale indetto dai sindacati di base, Usb - Cobas e Unicobas. Domani una grande manifestazione...
Notizia del:

Perché Arabia Saudita e Usa non possono permettersi una guerra contro l'Iran. Intervista a Mostafa El Ayoubi

"L’Arabia Saudita è da sempre il “luogotenente statunitense nel Golfo Persico”. Non c’è mossa che avvenga da parte di Riad che da Washington non abbia avuto il lasciapassare."

Intervista de l'AntiDiplomatico a Mostafa El Ayoubi, giornalista esperto di Medio Oriente E’...
Notizia del:

Intervista ad Alberto Negri: ecco cosa sta accadendo in Arabia Saudita e perché è molto preoccupante

Il giornalista e inviato de il Sole 24 Ore a l'AntiDiplomatico: "Gli Usa con le dichiarazioni su accordo nucleare con l'Iran hanno convinto i saud ad agire"

  “La crisi interna saudita ha effetti internazionali notevoli”. Questo il primo commento che...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa