/ Iran, Rohani: "Il nostro popolo è libero di esprimere le proprie ...

Iran, Rohani: "Il nostro popolo è libero di esprimere le proprie critiche al governo e protestare in tutte le forme previste dalla Costituzione"

Iran, Rohani: Il nostro popolo è libero di esprimere le proprie critiche al governo e protestare in tutte le forme previste dalla Costituzione
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it

Il presidente iraniano Hassan Rouhani ha dichiarato che il popolo iraniano è completamente libero di esprimere le proprie critiche nei confronti del governo e di protestare in tutte le forme previste dalla Costituzione. Lo riporta Press Tv.

Rivolgendosi a una sessione del Consiglio dei ministri riunitosi domenica, Rohani ha commentato le proteste recenti contro le condizioni economiche del paese in diverse città iraniane. "Siamo una nazione libera e basata sui diritti costituzionali, le persone sono completamente libere di esprimere le loro critiche e la loro protesta", ha affermato.

Tuttavia, ha aggiunto, il modo di esprimere critiche e proteste deve essere costruttivo e "portare al miglioramento delle condizioni del paese e della vita delle persone".  "Crediamo che il governo e il paese appartengano al popolo e che il popolo debba esprimere correttamente ciò che vuole", ha sottolineato.

Da giovedì, gruppi di manifestanti iraniani hanno organizzato manifestazioni in diverse città per esprimere la propria rabbia sull'aumento dei prezzi e sulle condizioni economiche del paese. Habibollah Khojastehpour, vice governatore della Lorestan per gli affari politici e di sicurezza, ha detto oggi che due persone sono state uccise durante una manifestazione di protesta nella città occidentale di Dorood, aggiungendo che gruppi Takfiri e servizi segreti stranieri sono con molta probabilità dietro le morti.


Habibollah Khojastepour, deputato per gli affari politici e di sicurezza della provincia di Lorestan, ha sottolineato che nessun proiettile è stato sparato da militari iraniani, forze dell'ordine e forze di sicurezza del paese. "Il nostro obiettivo era di contenere pacificamente la manifestazione, ma a causa della presenza di Takfiri e di individui e gruppi ostili diretti da servizi segreti stranieri, due persone sono state purtroppo uccise", ha detto Khojastehpour.

Dura, infine, la critica di Rouhani sui commenti del presidente americano Donald Trump. "Quest'uomo che oggi in America vuole simpatizzare con il nostro popolo ha dimenticato che qualche mese fa ha chiamato terrorista la nazione iraniana". E poi ha aggiunto: "Questa persona che avversa così la nazione iraniana dalla testa ai piedi, non ha diritto di dispiacersi per il nostro popolo ".

Le dichiarazioni di Rouhani sono arrivate dopo che Trump su Twitter ha espresso pieno sostegno alle manifestazioni in diverse città iraniane, affermando che "la brava gente dell'Iran vuole il cambiamento".

 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:     Fonte: TASS - Interfax

Mosca: "La crisi del Ghouta orientale è colpa di chi sostiene i terroristi"

I terroristi non permettono ai civili di lasciare le aree sotto il loro controllo, impedendo l'operazione del corridoio umanitario, secondo il Centro russo per la riconciliazione delle parti in conflitto in Siria.

"La responsabilità della situazione nel Ghouta Orientale(sobborgo di Damasco) è di coloro...
Notizia del:     Fonte: RT

"L'obiettivo della risoluzione proposta all'ONU è rovesciare il governo siriano"

Le delegazioni di Svezia e Kuwait hanno presentato all'ONU una bozza di risoluzione sull'introduzione di un cessate il fuoco per 30 giorni in Siria, per la Russia è solo una proposta per rovesciare il governo siriano.

L'obiettivo della risoluzione proposta all'ONU sembra essere il rovesciamento del governo siriano, ha...
Notizia del:     Fonte: Der Tagesspiegel

Intelligence tedesca: è ora di iniziare un dialogo con Assad sulla lotta al terrorismo

Il capo dei servizi segreti tedeschi, Bruno Kahl, ha sottolineato la necessità di avviare un dialogo con le autorità siriane e il presidente Bashar al-Assad in materia di lotta contro il terrorismo.

Come ha riportato il quotidiano tedesco 'Der Tagesspiegel, finora la proposta di Bruno Kahl capo del BND il...
Notizia del:

Padre salesiano di Damasco su Ghouta: "Ma quali vittime perseguitate dal regime. È l’esatto contrario, sono terroristi che sparano missili contro le nostre scuole"

"Voi europei invece appoggiate i terroristi che colpiscono la gente innocente. Questo è inaccettabile e qualcuno deve dirlo"

Ogni volta, ogni volta, ribadiamo ogni volta che l'esercito siriano è impegnato a liberare il SUO...
Notizia del:

Alberto Negri - Psico-politica delle guerre in Medio Oriente e il vuoto della politica estera italiana

di Alberto Negri* - Tiscali    Comprendere il groviglio di interessi delle potenze in conflitto Medio Oriente e lungo l'arco della crisi che arriva fino all'Asia è un'impresa...
Notizia del:

USA, ricerca rivela che sotto la presidenza Trump sono cresciuti i gruppi neonazisti

Nel 2017 c’erano 954 gruppi d'odio nel paese, un aumento del 4 percento rispetto all'anno precedente quando il numero è aumentato del 2,8 percento, ha dichiarato l'osservatorio dei diritti civili nel suo censimento annuale di tali gruppi

da teleSUR   Il numero di gruppi di odio degli Stati Uniti è aumentato per il terzo anno consecutivo,...
Notizia del:

Ghouta, le solite fake news di regime come su Aleppo (oggi finalmente libera dai terroristi)

di Mauro Gemma La Siria sovrana è nuovamente sotto attacco mediatico, in attesa di una nuova aggressione dei banditi con la bandiera a tre stelle, sostenuti dalle potenze imperialiste e dai...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa