/ 'Jobs Act' e ridefinizione schiavitù: i sindacati brasiliani denu...

'Jobs Act' e ridefinizione schiavitù: i sindacati brasiliani denunciano Temer alla Commissione Interamericana per i Diritti Umani

'Jobs Act' e ridefinizione schiavitù: i sindacati brasiliani denunciano Temer alla Commissione Interamericana per i Diritti Umani
 

Il governo neoliberista si difende citando ad esempio leggi sul lavoro approvate in Italia e Francia

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
 

La riforma del lavoro imposta in Brasile dal golpista Michel Temer, ha significato una regressione per i diritti del lavoratori conquistati nell’arco di decenni e consacrati dalla Costituzione. Questo è quanto denunciato da tre sigle sindacali brasiliane di fronte alla Commissione Interamericana per i Diritti Umani (CIDH). 

 

L’audizione si è svolta a Montevideo, in Uruguay, dove la Central Única de Trabajadores (CUT), la Nueva Central Sindical  l’Unión General de Trabajadores (UGT) hanno chiesto che vega fermata la riforma neoliberista targata Temer, che entrerà in vigore il prossimo 11 di novembre. Una ‘riforma’ che contiene misure irricevibili per le centrali sindacali, come la giornata lavorativa da 12 ore con soli 30 minuti di pausa. 

 

I rappresentanti sindacali hanno inoltre denunciato alla Commissione Interamericana per i Diritti Umani che il ‘Jobs Act’ brasiliano di Temer viola le norme dell'Organizzazione Internazionale del Lavoro (ILO) sulla schiavitù, poiché Temer promuove una risoluzione che ridefinisce la schiavitù definendola solo come «limitazione alla libertà di movimento» dei lavoratori.

Secondo gli esperti, questa ridefinizione fa ripiombare il paese a prima del 13 maggio del 1888, data in cui in Brasile fu abolita la schiavitù. 

 

L’ufficio dell’Organizzazione delle Nazioni Unite (ONU) in Brasile ha già espresso la sua «profonda preoccupazione» per la risoluzione sulla schiavitù. 

 

Con la cancellazione dei diritti dei lavoratori e la ridefinizione del concetto di schiavitù il governo Temer persegue uno storico obiettivo del neoliberismo a livello mondiale: la riduzione del lavoro a merce. L’operaio non più come essere umano dotato di diritti, ma uno schiavo moderno. 

 

Un percorso già battuto da altri, le cui conseguenze nefaste sono sotto gli occhi di tutti. Il governo Temer in difesa delle proprie misure ha indicato la riforma del lavoro come indispensabile per la crescita economica e la creazione di nuovi posti di lavoro. Come già fatto - spiegano - in Italia, Francia, Portogallo e Stati Uniti. 

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Fonte: teleSUR
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:

Honduras, la denuncia di Nasralla: «Hernandez controlla il crimine organizzato»

Intanto il partito di governo dopo aver scippato l'elezione accusa i leader dell'opposizione di fomentare la violenza e di collegamenti con il narcotraffico

  Oltre il danno la beffa. I leader dell’opposizione in Honduras - il candidato dell’Alleanza...
Notizia del:

I giudici al servizio della finanza. L'inaccettabile condanna di Lula e la rabbia del suo popolo

di Giusi Greta Di Cristina*   Non vi sono prove. Come non ve n’erano per il primo grado. Lula viene condannato in secondo grado a dodici anni di prigione più un mese ai domiciliari:...
Notizia del:

"La sentenza non è obiettiva. E' truccata". Mujica esprime solidarietà a Lula

L'ex presidente dell'Uruguay José Mujica ha commentato la sentenza di 12 anni contro Lula emessa dalla Corte di Appello di Porto Alegre in Brasile. Mujica ha dichiarato di non credere...
Notizia del:     Fonte: teleSUR

Odebrecht conferma di aver finanziato l'opposizione venezuelana

In diverse occasioni, esponenti del chavismo hanno accusato l'ex governatore dello stato di Miranda Henrique Capriles di aver ricevuto finanziamenti dalla società di costruzioni brasiliana

  L’imprenditore brasiliano Marcelo Odebrecht, il cui nome risuona in America Latina perennemente legato...
Notizia del:     Fonte: Embajada de la República Bolivariana de Venezuela en Italia

Le dodici vittorie del Presidente Maduro nel 2017

di Ignacio Ramonet Per cominciare, dobbiamo ricordare che il presidente Nicolás Maduro è il presidente più ingiustamente accusato, calunniato e aggredito nella storia del Venezuela....
Notizia del:

Siamo nel paese dove la realtà è capovolta

di Nicolò Monti Siamo nel paese dove nell'ultimo giorno di scuola prima delle feste, uno studente si infortuna in azienda durante l'Alternanza Scuola/Lavoro, dove i supermercati sono...
Notizia del:

Venezuela, Operazione Peter Pan: quando i bambini sono il bersaglio della manipolazione psicologica

Oggi, ci sono settori in Venezuela che intendono riproporre questa operazione, in mezzo a campagne mediatiche che cercano di distorcere la realtà della situazione interna del paese, che si trova di fronte a un blocco economico promosso dagli Stati Uniti

da AVN   Alla fine del 1960 fu perpetrato uno degli episodi di maggiore manipolazione psicologica contro...
Notizia del:

Il Parlamento europeo sostiene il neonazismo venezuelano

Tra i vincitori del Premio Sakharov spicca Lorent Saleh, golpista venezuelano pienamente inserito in ambienti neonazisti colombiani

di Fabrizio Verde   In occasione della consegna del Premio Sakharov all’opposizione venezuelana,...
Notizia del:

Venezuela, una "dittatura" che celebra tre elezioni in un anno

da Mision Verdad   Il 30 luglio di quest'anno si sono svolte le elezioni per l'Assemblea nazionale costituente (ANC) con una partecipazione di 8 milioni e 89 mila elettori, che rappresentano...
Notizia del:

Honduras: la polizia in sciopero contro la repressione

Un funzionario della polizia dell'Honduras ha dichiarato alla rete televisiva locale, l'UNE, che alcuni ufficiali faranno uno sciopero della fame perché sono stanchi di prendere ordini da politici corrotti per reprimere innocenti

  da teleSUR Esprimendo sgomento per la repressione di Stato in corso in Honduras sotto la stretta presidenziale,...
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:     Fonte: Euronews

Russia: Gli Stati Uniti intendono rimanere in Siria per sempre

Gli Stati Uniti cercano di separare una vasta regione dal resto del territorio siriano, ha avvertito ieri il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov, il quale ha ribadito che Washington intende rimanere nel paese arabo a tempo indefinito.

"(Gli statunitensi) sembrano voler dividere gran parte del territorio siriano dal resto del paese, per creare...
Notizia del:     Fonte: Al Manar

Nasrallah: Possiamo distruggere le piattaforme petrolifere israeliane nel giro di poche ore

Il segretario generale di Hezbollah Sayyed Hassan Nasrallah ribadisce che la presenza degli USA nella regione è data dalla volontà di impadronirsi delle risorse naturali.

In occasione della ricorrenza del martirio di due leader del Movimento di resistenza libanese Hezbollah, il segretario...
Notizia del:

Jean-Luc Melenchon da Napoli: «La Russia non è un nostro nemico»

Il leader francese invita anche a contrastare le politiche guerrafondaie della NATO

  Dall’ex Opg di Napoli dove si è recato per un incontro con gli esponenti della lista Potere...
Notizia del:

Consiglio Mondiale della Pace: "E' un dovere difendere le vittorie della Siria contro il terrorismo, per il dialogo e la sovranità"

di Socorro Gomes, presidente del Consiglio Mondiale della Pace da cebrapaz.org.br Traduzione di Marx21.it Le forze di pace giudicano con ottimismo i progressi della Siria di fronte...
Notizia del:     Fonte: Al Masdar News - Al Mayadeen

L'Esercito siriano rifiuta la proposta delle YPG di entrare ad Afrin, ma continuerà a permettere il passaggio dei rinforzi curdi da Aleppo

Il portale di notizie 'Al Masdar News' ha smentito che l'esercito siriano entrerà ad Afrin, nord della Siria, per combattere l'aggressione turca, rifiutando la proposta delle YPG curde.

Ieri il canale libanese 'Al Mayadeen' ha annunciato che "lo schieramento di truppe siriane nei prossimi...
Notizia del:     Fonte: http://redstar.ru

La Russia ha lanciato più di 100 missili da crociera durante l'operazione anti-terrorismo in Siria

Il gruppo di attacco della portaerei russa nel Mediterraneo è riuscito a raggiungere più di 1.250 obiettivi terroristici in Siria.

Durante l'operazione antiterrorismo in Siria la marina russa ha lanciato contro le posizioni dei terroristi...
Notizia del:     Fonte: SANA

Cuba: sosteniamo la Siria e apprezziamo la sua fermezza contro il terrorismo e l'imperialismo

Cuba ribadisce la sua solidarietà e appoggio alla Siria elogiando la fermezza dei siriani di fronte al terrorismo e all'imperialismo.

Durante il suo incontro con il ministro siriano dell'Istruzione superiore, Atef Nadaf, a L'Avana, ieri,...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa