/ 'La BBC tradisce i principi giornalistici più elementari quando s...

'La BBC tradisce i principi giornalistici più elementari quando si parla di Siria'

'La BBC tradisce i principi giornalistici più elementari quando si parla di Siria'
 

Il giornalista e accademico Jeremy Salt, in un articolo, sottolinea che seppur nelle guerre la verità è la prima vittima, negli ultimi 15 anni, a partire dalla guerra in Iraq fino al conflitto in Siria, la falsificazione prodotta dai media statunitensi e britannici ha raggiunto livelli senza precedenti.

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it

Jeremy Salt è  giornalista e professore universitario presso il Dipartimento di Scienze Politiche e Pubblica Amministrazione  dell'Università di Bilkent, Ankara, dove insegna storia e propaganda del Medio Oriente moderno. Il suo ultimo libro, scritto nel 2008, è "La disfatta del Medio Oriente. Due secoli di interventi occidentali nei paesi islamici."
 
Testo in lingua originale dell'articolo.
 
Bugie, manipolazioni e falsificazioni hanno sempre fatto parte della guerra, la verità è "la primo ad essere sacrificata". Ma gli ultimi due decenni si è visto, grazie alla tecnologia, un'escalation senza precedenti di falsificazioni in tempo di guerra. Le bugie di americani, inglesi, australiani e dei loro alleati avevano già raggiunto un certo livello prima e durante l'invasione dell'Iraq nel 2003. Poi, siamo passati alle bugie sull'episodio libico, come quello sui mercenari africani e il viagra( NDT gli USA ai tempi della guerra alla Libia del 2011 sostennero che Gheddafi fornisse viagra ai mercenari per stupri di massa contro le donne). Ma il vertice è stato raggiunto, da sette anni, con la Siria e la sua famosa "rivoluzione", le cui informazioni ci arrivano sotto forma di foto finte, montaggi e ricostruzioni, tutte approvate dai media mainstream.
 
Con rare eccezioni, i media anglo-americani (Stati Uniti, Gran Bretagna, Francia, Australia e Canada) non hanno coperto la crisi siriana in quanto tale. La loro informazione consisteva in un'ondata di propaganda crescente. Dire che la credibilità dei media non è mai stata così bassa sarebbe un eufemismo. È addirittura nulla per il Medio Oriente, con l'eccezione di una manciata di corrispondenti che occasionalmente correggono il tiro.
 
Facendo affidamento sulle parole di "ribelli" e "attivisti" e rifiutandosi di trasmettere quella del governo siriano, i media hanno diffuso sul web una rete di bugie volte a giustificare e perpetuare ancora una volta l'aggressione "occidentale" contro un paese arabo, con la differenza che non è questa volta, un'aggressione militare aperta come in Iraq o in Libia, ma è perpetrata da gruppi terroristici armati intermediari che uccidono e seminano il caos in tutto il paese.
 
Se ci atteniamo agli standard accettati, non ci sono "moderati" tra questi gruppi. Il vicepresidente americano Joe Biden ha gettato la maschera nel 2014, affermando apertamente che i "ribelli" non avevano gruppi moderati nelle loro file. Possono combattere l'un l'altro su questioni di territorio, armi e potere, ma hanno la stessa ideologia del loro nemico ufficiale - che è anche il nemico designato dai governi occidentali - L'ISIS. L'obiettivo principale comune a tutti questi gruppi è l'eliminazione degli sciiti e degli alawiti e l'istituzione di un regime islamico dei takfiri a Damasco.
 
Gli ultimi titoli a sono dedicati "all'assedio" imposto dal "regime" sugli abitanti del Ghouta orientale, una regione intorno a Damasco, sullo sfondo di storie commoventi di bambini che muoiono di fame o che gli si rifiutano le cure ospedaliere. La responsabilità di questi abusi è attribuita al 'regime', esonerando così il gruppo takfirista Jaysh al-Islam (l'esercito dell'Islam) da qualsiasi coinvolgimento, lo stesso John Kerry si riferiva a questo gruppo come a una branca dell'ISIS o del Fronte al-Nusra. Questi gruppi, armati e finanziati da governi stranieri, tra cui l'Arabia Saudita e il Qatar, hanno conquistato gran parte della regione e tengono in ostaggio la popolazione. La loro eliminazione, legittimamente intrapresa dal governo siriano, porta alla morte di civili. Le notizie che parlano dell'"assedio" del Ghouta e il sincero sostegno dato dalla popolazione ai gruppi takfiri sono così favolistici che ricordano quelle dii Aleppo Est. Nei report dei media, fu presentato come un "assedio" imposto dal "regime", ma quando la città è stata liberata dai suoi occupanti  gli abitanti hanno ballato per le strade! La stessa cosa succederà nel Ghouta, nei diversi settori dove i gruppi terroristici saranno cacciati.
 
Si parla ora dell'uso di armi chimiche da parte del "regime" in questa regione. Secondo il sito web della BBC, ‘Syrian war: Reports of chlorine gas attack on rebel-held Eastern Ghouta" del 13 gennaio scorso, le "persone" hanno riferito di aver sentito un odore di gas a seguito di un attacco missilistico. Viene menzionata anche una "badante" e un "operatore umanitario" secondo cui sarebbero interessati dieci ospedali. Nulla di veramente concreto, nessuna prova di un attacco al cloro, nessuna conferma ulteriore di questa informazione da parte della BBC.
 
Quest'ultima produce meravigliosi documentari sulla fauna selvatica e eccellenti lungometraggi, ma per quanto riguarda il conflitto siriano, ha totalmente violato le regole etiche del giornalismo in termini di obiettività e ponderazione. Come gli altri media [delll’establishment , tra cui Le Monde, Le Temps, Libération, ndr], diffonde il punto di vista dei "ribelli" e degli "attivisti". Le accuse portate da questi gruppi compaiono nei titoli senza essere sostanziati, la loro vocazione a non informare ma a denigrare il governo siriano, il cui punto di vista non è mai presentato se non in termini di diniego: "Il governo siriano respinge le accuse". Questo gioco simbiotico tra gruppi terroristici e media è in corso da sette anni. Attraverso questa informazione parziale, i media hanno sostenuto il conflitto siriano e come tale devono assumersi la loro parte di responsabilità per l'enorme distruzione umana e materiale che ha generato.
 
Tra tutti i media, la BBC infrange record di non credibilità su questo problema delle armi chimiche. Nel 2013, si è compromessa nell'invenzione di un presunto attacco chimico in una scuola di Aleppo. Bambini e giovani che gemevano sul pavimento, facce ricoperte di crema da barba, effetti teatrali per dare l'illusione di scottature e stracci di pelle strappati, tutto era solo un palcoscenico grottesco con attori cattivi. La donna che stava parlando alla telecamera, la dott.ssa Roula, si rivelò essere Roula al-Hallam, la figlia di un membro dell&#
39;opposizione siriana in esilio. Prima di questo montaggio, ci fu la storia della giovane donna che aveva dichiarato, mentre piangeva come un vitello, che i bambini erano stati gettati dai loro incubatori dai soldati iracheni dopo l'invasione del Kuwait nel 1991. Si è scoperto che non era un'infermiera, ma la figlia dell'ambasciatore del Kuwait negli Stati Uniti. Questo montaggio teatrale è stato prodotto da una società di pubbliche relazioni.
 
Nel giro di poche ore dalla sua seconda trasmissione il 30 agosto, la prima dichiarazione della dottoressa Roula (datata 29 agosto), sembrava essere un attacco al napalm, era stata poi sostituita da "un attacco di un'arma chimica". Il film era lo stesso, era la stessa Roula, ma le parole che uscivano dalla sua bocca non erano le stesse.
 
La data di questo montaggio è centrale in questa storia. Il 21 agosto 2013, giorno in cui arrivarono a Damasco esperti di armi chimiche con mandato delle Nazioni Unite, il governo siriano fu accusato di aver orchestrato un attacco chimico nella regione Ghouta che avrebbe ucciso centinaia di persone. Il 26 agosto 2013, il cosiddetto attacco al napalm - che in seguito divenne un attacco chimico - ebbe luogo contro la scuola di Aleppo. Il 29 e il 30 agosto queste accuse sono state trasmesse due volte dalla BBC, con la sostituzione della parola "napalm" con "chimica" nel secondo rapporto. Più tardi nel corso della giornata (30 agosto), la Camera dei Comuni ha votato sulla questione dell'intervento militare in Siria. Il governo di Cameron alla fine perse la partita, ma molto poco (285 voti a 272). La trasmissione di questo montaggio prodotto dalla BBC aveva probabilmente lo scopo di dare un voto a favore di un intervento.
 
Questo (presunto) attacco chimico nella regione del Ghouta alla periferia di Damasco - che doveva preparare e giustificare un intervento militare contro la Siria - non è mai stato spiegato dai media che hanno falsamente accusato il governo siriano. L'identità dei bambini i cui corpi erano stati esposti (a volte gli stessi corpi in luoghi diversi) rimane un mistero. Sono stati usati per scopi di propaganda prima di scomparire per sempre. I takfiri hanno massacrato centinaia di alouiti nel Governatorato di Latakia e rapito dozzine di donne e bambini: secondo Madre Agnes, la religiosa che, facendo quello che i media avrebbero dovuto fare, ha cercato di conoscere la verità, alcune madri identificarono i loro figli delle immagini del Ghouta come loro.
 
Le prove di scienziati e giornalisti, in particolare quelle fornite da Seymour Hersh, hanno dimostrato inconfutabilmente che le armi chimiche sparavano da posizioni detenute da takfiri. Barack Obama avvertì che un attacco di armi chimiche sarebbe la sua "linea rossa" e i takfiri hanno cercato di farla attraversare. Il probabile coinvolgimento di altri governi in questa provocazione è stato un altro argomento a cui i media non hanno risposto.
 
Il 'New Yorker' non era interessato alla sua storia, quindi Hersh lo sottopose alla 'London Review of Books' (rivista politica e letteraria), che la pubblicò. Quando ha segnalato la menzogna del secondo pseudo-attacco, a Kan Shaikhum, nell'aprile 2017, ha dovuto rivolgersi a un editore tedesco (Die Welt). Il suo motto "dire le verità scomode" gli è valso un rapido calo di interesse da parte dei media, mentre è innegabilmente un notevole giornalista investigativo, a cominciare dalla copertura degli eventi del massacro di My Lai durante guerra che gli Stati Uniti hanno portato in Vietnam (e in altri paesi vicini). Mentre Trump bombardava una base aerea siriana vicino a Khan Shaikhum, Obama si ritirò all'ultimo minuto. Secondo Hersh, gli esperti di intelligence sapevano che il governo siriano non era dietro l'attacco alle armi chimiche intorno a Damasco, ma "Come usare questo ragazzo - Obama - quando lui e il suo team della Casa Bianca manipolano le informazioni come e quando vogliono? ".
 
La guerra in Siria continua. Come molti avevano previsto, è tutt'altro che finita, ma per quanto riguarda l'intervento esterno, non avrebbe mai dovuto iniziare. Mentre la distruzione dell'ISISn Siria, che giustifica la presenza del suo esercito, è praticamente completa, l'America si rifiuta di lasciare il campo. Ha fatto un doppio gioco, dichiarando guerra all'ISIS mentre collabora segretamente con lui in modi diversi. Ha scommesso sulla creazione di un principato salafita nella parte orientale della Siria e il gruppo terroristico lo lo ha fatto. Ha lasciato i combattenti terroristi a girare il deserto siriano, verso Mosul e Palmyra, senza intervenire, mentre il riconoscimento satellitare aveva chiaramente individuato i solchi scavati dai camion nella polvere estiva. Durante il loro trasferimento a Deir Ezzor, le forze speciali dell'esercito americano hanno attraversato posizioni detenute dall'ISIS; fu con il loro aiuto che i combattenti takfiri e le loro famiglie poterono uscire da Raqqa; molti di loro, ribattezzati "ribelli", hanno beneficiato della formazione fornita dall'esercito statunitense nella sua base di al-Tanf.
 
Lungi dal ritirarsi dalla Siria, gli Stati Uniti si sono radicati ancora più profondamente. Non è per i curdi né per il bene del popolo siriano. È per i loro interessi e probabilmente quelli di Israele - che ha appena trascorso un anno a prepararsi per la sua prossima guerra, con il Libano nella sua linea di priorità, e che ammette di aver sparato almeno 100 missili contro la Siria. Gli Stati Uniti non lasciano neanche l'Afghanistan. Inoltre, non c'è dubbio che disarmino o si ritirino; Al contrario, rafforzano la loro posizione globale, alla ricerca di qualsiasi opportunità che possa giovarli nella loro rivalità con Russia e Cina. La Siria è attualmente in questa morsa.
 
La retorica vuota di sostenere "solo i ribelli" continua. Se i gruppi takfiri raggruppati in Jaysh al-Islam non sono ufficialmente designati come gruppo terroristico, è perché, quando la Russia ha proposto, a novembre 2016, di aggiungerli all'elenco delle sanzioni delle Nazioni Unite, gli Stati Uniti, Francia e Regno Unito hanno posto il veto. Questi paesi sostengono politicamente i terroristi, che allo stesso tempo ricevono dall'Arabia Saudita e da altri paesi i soldi e le armi necessari per tenere in ostaggio la popolazione del Ghouta orientale. Questa è la vera realtà "sull'assedio"di questa regione.
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Fonte: https://ahtribune.com
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:     Fonte: BBC - The Guardian

Londra riprende il progetto di "finanziamento ad Al-Qaeda" in Siria

Il Regno Unito ha ripreso un controverso programma di miliardi di sterline per addestrare 'polizia' nelle aree occupate dai gruppi armati in Siria, un progetto sospeso più di due mesi fa a causa di accuse di aver finanziato gruppi 'estremisti' affiliati ad Al- Qaeda.

Il progetto è cessato nel novembre dello scorso anno dopo che un'indagine ha rivelato che le forze...
Notizia del:     Fonte: The Jerusalem Post

Israele prevede la guerra nel Golan nel 2018 per i progressi dell'esercito siriano

In mezzo a tensioni crescenti in Medio Oriente, un alto generale delle forze armate di Israele, ha messo in guardia contro la "crescente possibilità di una guerra" sulle alture del Golan seguito i progressi dell'esercito siriano contro i gruppi estremisti e "ribelli".

In dichiarazioni rilasciate durante un'intervista alla radio dell'esercito, il comandante delle operazioni...
Notizia del:     Fonte: RT arabic - AP news - Ria Novosti

VIDEO. Le forze siriane entrano ad Afrin e la Turchia bombarda

Le unità dell'esercito siriano sono entrate oggi nel distretto di Afrin, dove le forze armate turche e le sue milizie alleate stanno portando avanti un'aggressione contro le YPG curde.

Le forze filo-governative siriane hanno iniziato ad entrare ad Afrín nonostante le minacce provenienti...
Notizia del:     Fonte: https://www.israelnationalnews.com

VIDEO. Ministro israeliano: L'ISIS non è una minaccia strategica per Israele

Il ministro dell'Economia israeliano Naftali Bennett ammette che Tel Aviv non ha mai visto il gruppo terroristico ISIS (Daesh in arabo) come una "minaccia esistenziale o strategica" e crede che la distruzione di questo gruppo potrebbe rafforzare la posizione dell'Iran in Siria e in Iraq.

"Non abbiamo mai visto l'ISIS come una minaccia esistenziale o strategica, (e) non si dovrebbe rimuovere...
Notizia del:     Fonte: Ruptly - Al Masdar News

VIDEO. 'Afrin è siriana' I commenti dei residenti sulle relazioni tra YPG e governo siriano

La popolazione di Afrin ha commentato le ultime indiscrezioni sul possibile accordi tra le YPG e l'esercito siriano per combattere l'offensiva turca.

I residenti di Afrin nel nord-ovest della Siria, hanno commentatole recenti indiscrezioni, secondo le quali,...
Notizia del:     Fonte: Haaretz

Israele fornisce armi e denaro a 7 gruppi "ribelli" in Siria

Un rapporto dettagliato pubblicato oggi dal quotidiano israeliano 'Harretz', rivela come il regime israeliano sta inviando denaro, armi e munizioni a sette gruppi 'ribelli' che operano attraverso le alture del Golan occupate da Israele e che combattono contro l'esercito siriano.

Secondo l'analista Elishabeth Tsurkov, che per anni ha monitorato lo sviluppo del conflitto siriano, almeno...
Notizia del:     Fonte: RT

Lavrov: "La Russia esorta gli Stati Uniti a non giocare con il fuoco in Siria"

La Russia è preoccupata per le azioni degli Stati Uniti che mirano alla "disintegrazione della Siria".

La Russia "esorta gli Stati Uniti a non giocare con il fuoco in Siria e a calibrare attentamente i suoi...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

Ecco la mappa dei giacimenti di gas israeliani che Hezbollah potrebbe distruggere

Sabato scorso, il Segretario generale del Movimento di Resistenza Islamico in Libano (Hezbollah), Seyed Hassan Nasrallah ha minacciato il regime israeliano di attaccare i suoi giacimenti di gas e petrolio nel Mar Mediterraneo, se il governo Beirut lo chiedesse.

Media legati a Hezbollah hanno diffuso le mappe dei giacimenti di gas israeliani che potrebbero essere attaccati...
Notizia del:

Gaza: dove la Resistenza non si arrende

Gaza la Resistente, l'indomita, la ribelle, non si piega all'occupazione e paga sempre il prezzo più alto. Assassinati due diciassettenni nei bombardamenti israeliani della scorsa notte

di Paola di Lullo   Sono le 16,00 circa, di sabato pomeriggio, quando una jeep israeliana della Brigata...
Notizia del:     Fonte: Al Mayadeen

VIDEO. Consulente Media YPG: L'esercito siriano è il benvenuto ad Afrin in qualsiasi momento

Le Unità di Protezione popolare curde, YPG, ribadiscono che l'esercito siriano è benvenuto nella regione di Afrin, dove da alcune settimane la Turchia ha avviato una brutale aggressione.

Il consigliere dei media delle Unità di protezione popolare (YPG), Rizan Haddou, ha dichiarato venerdì...
Le più recenti da L'Analisi
Notizia del:

Mentre noi stiamo aspettando il 4 marzo... la Nato ha già votato

Manlio Dinucci: "C’è un partito che, anche se non compare, partecipa di fatto alle elezioni italiane: il Nato Party"

  di Manlio Dinucci - il manifesto, 20 febbraio 2018 C’è un partito che, anche...
Notizia del:

Centro Mondiale Commerciale. Indegna censura canadese cerca di fermare la verità

    di Michele Metta    Come già ben sanno i lettori che hanno seguito le precedenti puntate della mia inchiesta sul Centro Mondiale Commerciale – la S.p.A. romana...
Notizia del:

Manlio Dinucci - A chi sono utili "le inutili guerre"

  di Manlio Dinucci* - il manifesto, 13 febbraio 2018    La canzone meritoriamente vincitrice del Festival di Sanremo è accompagnata da un videoclip che mostra drammatiche...
Notizia del:

Alberto Negri - Ecco perché a Washington una stretta di mano fa più paura della bomba atomica di Kim Jong Un

  di Alberto Negri* - Tiscali L'ipotesi di una Corea unita è temuta non solo dagli Usa, che hanno le basi nel Sud, ma anche dalla Cina, dalla Russia e dal Giappone. Se crolla il muro...
Notizia del:

Strategia della tensione in Venezuela: altra bomba lacrimogena nella metro di Caracas

di Geraldina Colotti* - 9 febbraio 2018 In Venezuela, è cominciata la strategia della tensione. Per la seconda volta in pochi giorni, incappucciati hanno buttato una bomba lacrimogena nella...
Notizia del:

Il Governo per il «disbrigo degli affari correnti» sta per assumere questi altri vincolanti impegni nella Nato

    di Manlio Dinucci* - Il manifesto   Il Governo, che nel periodo elettorale resta in carica per il «disbrigo degli affari correnti», sta per assumere altri vincolanti...
Notizia del:

CENTRO MONDIALE COMMERCIALE, STRAGE DI USTICA, STRAGE DI BOLOGNA, ISRAELE

Continua la pubblicazione su l'AntiDiplomatico delle ricerche dello studioso Michele Metta sul Centro Mondiale Commerciale. Sul nostro sito potete trovare anche tutti gli articoli precedenti di...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa