/ La bufala degli hacker russi e i professionisti della CIA

La bufala degli hacker russi e i professionisti della CIA

La bufala degli hacker russi e i professionisti della CIA
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it

"La Cia domanda informazioni estremamente dettagliate, elencate nel documento. Alcune sono ovvie, come la richiesta di conoscere "piattaforme, piani o strategie nelle imminenti elezioni". Altre, invece, sono molto più delicate: richieste che possono determinare la raccolta di segreti utili non solo per orientare la politica estera di Washington, ma anche per alimentare ricatti, pressioni o per giocare importantissime partite economiche”. Lo scrive Repubblica che, insieme a Mediapart e Libération, ha pubblicato in esclusiva  le rivelazioni di Wikileaks, che dimostrano come la Cia abbia lanciato nel 2012 una vasta operazione di controllo delle elezioni presidenziali in Francia. 



Alimentare ricatti, pressioni o per giocare importantissime partite economiche. 

“Un'operazione lanciata nel 2012 per carpire ogni elemento della vita pubblica e privata dei candidati alla presidenza francese . I bersagli sono il Partito socialista, il Front National, l'Ump, Dominique Strauss-Kahn - arrestato nel maggio 2011 per un devastante scandalo sessuale - il presidente Sarkozy, Hollande e la sua avversaria alle primarie socialiste, Martine Aubry, e infine Marine Le Pen”, prosegue Repubblica.
 
Molto curiosa la conclusione di Le Monde, uno dei giornali maggiormente impegnati a diffondere in questi mesi le fake news sugli “hacker russi” e la “cyber propaganda russa” che minacciano le democrazie europee. Per il giornale francese: “Questo documento mette in luce un approccio del tutto convenzionale da parte di un'agenzia di intelligence, che dovrebbe fornire al potere politico tutti gli elementi che ritiene necessari per condurre la sua politica estera”. E ancora: “Che la CIA abbia avuto il compito di raccogliere informazioni sulle elezione di una delle più grandi potenze mondiali non è una sorpresa.”
 
Tutto normale, per Le Monde, il giornale che ha iniziato a supervisionare un progetto di controllo della rete in Francia che farà da "filtro preventivo" attraverso Facebook di quello che sarà o meno pubblicabile. 
 
Capite la coerenza di chi porta avanti la "crociata delle fake news" per censurare il web? Nessuna prova sugli hacker russi per alimentare la tensione con Mosca in modo irresponsabile, minimizzare quando emerge chiaramente chi è che spia e condiziona la politica in Europa. 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:

Venezuela, perseverare è diabolico

L’eurodeputato Javier Couso Permuy, che fa parte della Delegazione Ue all’Assemblea parlamentare euro-latinoamericana, ha denunciato nei giorni scorsi l’esistenza di un documento preventivo dell’Unione europea per non riconoscere a priori il risultato delle elezioni venezuelane

da ilsimplicissimus   La notizia come avviene sempre più spesso è che manca la notizia:...
Notizia del:

Xi Jinping apre al mondo la “porta della Cina”

I riflettori del mondo sono puntati sul diciannovesimo congresso del Partito Comunista Cinese e il motivo è fin troppo semplice: la politica di Pechino non riguarda più solo la Cina ma...
Notizia del:

Khamenei: "Non perdo il mio tempo a rispondere alle fesserie del maleducato presidente degli Stati Uniti".

L’ayatollah sull'accordo nucleare: "Se gli Usa lo rompono, l'Iran lo triterà"

Il leader supremo iraniano, l’ayatollah Alí Khamenei ha assicurato questo mercoledì che il...
Notizia del:

Raqqa, tra propaganda USA/CURDA e anomalie: il reale peso della liberazione nella guerra in Siria

di Stefano Orsi Sono molti mesi che prosegue questo lungo e sanguinoso assedio alla città di Raqqa, città siriana, eletta anni fa a capitale dell'allora Califfato o Isis o Daesh,...
Notizia del:     Fonte: Al Masdar News

Le forze irachene liberano i confini con la Siria e l'Iran dalla presenza dei curdi

Le forze irachene continuano ad avanzare rapidamente contro le milizie curde e assumono il controllo di diverse zone di confine del paese.

Come riportato dal sito 'Al masdar News',la Polizia Federale irachena, sostenuta da forze pro-governative...
Notizia del:     Fonte: http://nsarchive.gwu.edu

Svelati documenti che confermano la complicità degli USA nel massacro di 500.000 comunisti indonesiani

I documenti non classificati rivelano il sostegno statunitense all'esercito indonesiano per eliminare il Partito Comunista Indonesiano (PKI) tra il 1965 e il 1966.

La National Security Archive dell'Università George Washington, ha reso pubblico ieri un totale di...
Notizia del:

La tesi del “fine del comunismo” e il 19° congresso del Partito Comunista Cinese

di Fausto Sorini Intervento al Forum «Cina e Ue. I nodi politici ed economici nell’orizzonte della “nuova via della seta” e di una “nuova mondializzazione”»,...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa