/ La bufala degli hacker russi e i professionisti della CIA

La bufala degli hacker russi e i professionisti della CIA

La bufala degli hacker russi e i professionisti della CIA
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it

"La Cia domanda informazioni estremamente dettagliate, elencate nel documento. Alcune sono ovvie, come la richiesta di conoscere "piattaforme, piani o strategie nelle imminenti elezioni". Altre, invece, sono molto più delicate: richieste che possono determinare la raccolta di segreti utili non solo per orientare la politica estera di Washington, ma anche per alimentare ricatti, pressioni o per giocare importantissime partite economiche”. Lo scrive Repubblica che, insieme a Mediapart e Libération, ha pubblicato in esclusiva  le rivelazioni di Wikileaks, che dimostrano come la Cia abbia lanciato nel 2012 una vasta operazione di controllo delle elezioni presidenziali in Francia. 



Alimentare ricatti, pressioni o per giocare importantissime partite economiche. 

“Un'operazione lanciata nel 2012 per carpire ogni elemento della vita pubblica e privata dei candidati alla presidenza francese . I bersagli sono il Partito socialista, il Front National, l'Ump, Dominique Strauss-Kahn - arrestato nel maggio 2011 per un devastante scandalo sessuale - il presidente Sarkozy, Hollande e la sua avversaria alle primarie socialiste, Martine Aubry, e infine Marine Le Pen”, prosegue Repubblica.
 
Molto curiosa la conclusione di Le Monde, uno dei giornali maggiormente impegnati a diffondere in questi mesi le fake news sugli “hacker russi” e la “cyber propaganda russa” che minacciano le democrazie europee. Per il giornale francese: “Questo documento mette in luce un approccio del tutto convenzionale da parte di un'agenzia di intelligence, che dovrebbe fornire al potere politico tutti gli elementi che ritiene necessari per condurre la sua politica estera”. E ancora: “Che la CIA abbia avuto il compito di raccogliere informazioni sulle elezione di una delle più grandi potenze mondiali non è una sorpresa.”
 
Tutto normale, per Le Monde, il giornale che ha iniziato a supervisionare un progetto di controllo della rete in Francia che farà da "filtro preventivo" attraverso Facebook di quello che sarà o meno pubblicabile. 
 
Capite la coerenza di chi porta avanti la "crociata delle fake news" per censurare il web? Nessuna prova sugli hacker russi per alimentare la tensione con Mosca in modo irresponsabile, minimizzare quando emerge chiaramente chi è che spia e condiziona la politica in Europa. 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:

Venezuela, Maduro annuncia un nuovo corso per il Chavismo

"Oggi questi scenari sono stati modificati dal carattere non convenzionale della guerra globale."

Il presidente venezuelano Nicolas Maduro ha affermato ai dirigenti del Partito Socialista Unito del Venezuela (PSUV)...
Notizia del:

Giornalista Usa: "Il nostro ruolo è controllare esattamente quello che la gente pensa"

Nel corso di una vivace discussione incentrata sui timori che il presidente Trump stia "cercando di minare i media", il giornalista della MSNBC Mika Brzezinski si lascia sfuggire finalmente...
Notizia del:

Firma la petizione contro l'aggressione dei nazisti di Kiev al Donbass

a cura di Marx21.it “Come abitante dell'Europa aggiungo la mia firma per associarmi alla denuncia delle violazioni dei diritti umani da parte dell'Ucraina nel Donbass”....
Notizia del:     Fonte: http://www.mpprijp.gob.ve/

La mole di accordi antidroga firmati dal Venezuela smentisce le fake news statunitensi

Il paese sudamericano è attivo e impegnato nella lotta globale per fermare questo flagello e anche se dal 2006 il governo degli Stati Uniti ha accusato il Venezuela di non cooperare nella guerra contro la droga nei suoi rapporti unilaterali, l’evidenza dimostra il contrario

da Ministerio del Poder Popular para Relaciones Interiores, Justicia y Paz    Il Governo del Venezuela...
Notizia del:     Fonte: sueddeutsche.de

L'Arabia Saudita intende inviare forze di terra e speciali in Siria

Il ministro degli esteri saudita, Adel al-Jubeir, ha dichiarato che Riyadh potrebbe inviare truppe di terra in Siria per combattere il gruppo terroristico ISIS (Daesh, in arabo).

In un'intervista esclusiva con il quotidiano tedesco Sueddeutsche Zeitung, pubblicata ieri, Al-Jubeir ha...
Notizia del:     Fonte: Telesur - ONU

ONU: Processo iniquo contro il figlio di Gheddafi e altri 36 funzionari della Jamahriyya libica

Un funzionario dell'Alto Commissariato per i Diritti umani delle Nazioni Unite ha rivelato che il processo contro il figlio di Gheddafi di 36 alti funzionari della Jamahriyya libica è stato ingiusto, in quanto non ha rispettato gli standard internazionali.

Uno studio dell'Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i diritti umani ha evidenziato che il processo...
Notizia del:     Fonte: ilmanifesto.it

Colombia: ucciso ambientalista, famiglie in fuga

Bogotà. Partono le Farc, arrivano i paramilitari

di Geraldina Colotti - Il Manifesto   Lo hanno ucciso con almeno 15 colpi di fucile. Si chiamava Faiver...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa