/ La fine indegna di Tsipras: da "rivoluzionario" a zerbino delle b...

La fine indegna di Tsipras: da "rivoluzionario" a zerbino delle banche, della Germania e del FMI.

La fine indegna di Tsipras: da rivoluzionario a zerbino delle banche, della Germania e del FMI.
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it



Finalmente una luce in fondo al tunnel. Maurizio Pagliasotti, inviato da Atene per il diariodelweb, offre una panoramica ampia della drammatica situazione della Grecia attuale. Riporta il giornalista come "La Grecia di Alexis Tsipras è entrata nella «fase laboratorio»: vedere cosa succede ad un paese lasciato nelle mani dei creditori."


Sono anni che come AntiDiplomatico vi scriviamo che la Grecia sia di fatto "il topo da laboratorio della Troika" a, distanza di tanti mesi, ci fa piacere vedere che altri inizino ad accorgersene.





Sulla vergogna delle case all'asta, noi de l'AntiDiplomatico, insieme a Contropiano e pochissimi altri organi d'informazione vi avevamo dato notizia nei giorni scorsi. Scrive sempre Paglisotti: "Nel nuovo reame globalizzato la Grecia è il primo esperimento compiuto di «stato disciolto»: il governo della sinistra, solo pochi anni fa definito estremista, ha assunto il ruolo finale: l’assorbimento del conflitto sociale che si scatena a fronte di una colonizzazione. Il 2018 sarà l’anno dove l’esproprio della ricchezza pubblica e privata diventerà in Grecia molto più veloce, e aggredirà i rimasugli di patrimonio restanti. Gli immobili vengono messi all’asta e i compratori stranieri – banche, privati e perfino istituzioni – possono prendersi un’isola, un appartamento, una spiaggia, un'opera antica: qualsiasi cosa. Il tutto a prezzi stracciati, a meno del 5% del loro valore." 


Dal "salvataggio" imposto a Tsipras nel 2015 ad oggi, la resa senza condizioni alla Troika di chi aveva dato al paese una speranza di riscatto ha prodotto che, perfino le case, possano finire all'asta sul web. I ricchi ringraziano, poveri e classe media restano senza niente. E' il regime dell'UE, bellezza. 


Nel paese la libertà di sciopero diventa oggi a rischio. "Di fatto in Grecia diventa illegale, perché per la proclamazione degli scioperi dovrà partecipare alle assemblee il 50% degli iscritti ai vari sindacati di categoria. E questa è solo l’ultima parte di un processo che ha già pesantemente colpito lo stato sociale, le pensioni, i salari, i beni pubblici, e il diritto del lavoro. Imbarazzante, tra l’altro, l’asse politico tra Alexis Tsipras e Emmanuel Macron: ennesima prova dello sbandamento culturale della sinistra incapace di inquadrare un orizzonte politico differente da quello dei banchieri."


E la conclusione che sintetizza anni di informazione che come AntiDiplomatico vi abbiamo fornito: "L’esperimento greco, la palla di cristallo in cui si può vedere il futuro dell’Italia se non vi sarà una drastica inversione politica, è davanti a noi."


Abbiamo riportato ampi stralci dell'articolo coraggioso di Pagliasotti che prova a rompere finalmente la cortina di ferro mediatica sulla Grecia, oggi protettorato della Troika. Speriamo sia solo l'inizio.


La Redazione 

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da Europlot
Notizia del:

"Il fascismo di chi si dichiara tale fa ridere. Quello del governo no. E’ ora di prenderne atto."

"Il verofascismo moderno non sono quei quattro coglionazzi che stendono il braccio teso nel saluto romano, ma la “cultura di governo” che anima i governi europei degli ultimi anni."

di Alessandro Avvisato - ControPiano Le scene immortalate a Napoli – decine di antifascisti...
Notizia del:

Il futuro della Germania (e dell'Unione Europea) passa per un voto online

  Martedì comincia il voto per il referendum tra i 463.713 iscritti della SPD che dovranno esprimersi sulle 179 pagine dell’accordo definitivo di Grosse Koalition (GroKo) con la CDU/CSU...
Notizia del:

Non importa chi vince: il programma di governo (della Troika?) è già deciso. Parola di Gentiloni

di Lidia Undiemi* In sostanza Gentiloni afferma che non importa chi vince, il programma di governo è già deciso, e probabilmente è quello scelto dalla Merkel/Troika (cosiddetta...
Notizia del:

La frase shock di Vincenzo Boccia sul ruolo futuro dello Stato. Nessuna reazione dai "capi politici" in campagna elettorale...

di Claudio Conti - Contropiano  Se un paese è allo sbando, la sua classe dirigente ne è la prima responsabile. E, nella classe dirigente, il primo posto ce l’hanno sempre...
Notizia del:

CI AVETE ROVINATO LA VITA: VI ASPETTAVATE SORRISI E BACINI?

La strada non è un comodo salotto televisivo, né un convegno in un teatro, è un luogo di incontro e di scontro. In questi giorni gelidi, le stiamo battendo, con le mani intirizzite...
Notizia del:

Gli ultimi sondaggi tedeschi sono spietati contro i partiti della Groko

di Federico Nero   Dopo quasi 5 mesi di travaglio la CDU/CSU è riuscita a raggiungere l’accordo per la formazione del nuovo governo con la SPD, un’altra Grosse Koalition (GroKo)...
Notizia del:

Giorgio Cremaschi: "Trovo sfacciata la campagna contro il M5S fatta da partiti che non hanno mai restituito niente"

"Questo è il regime politico mediatico che censura scandalosamente #Poterealpopolo"

Giorgio Cremaschi, candidato per Potere al Popolo a Napoli e Bologna, prende posizione sulla cosidetta "rimborsopoli"...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa