/ La protesta che non vi raccontano: migliaia di israeliani in piaz...

La protesta che non vi raccontano: migliaia di israeliani in piazza chiedono dimissioni di Netanyahu

La protesta che non vi raccontano: migliaia di israeliani in piazza chiedono dimissioni di Netanyahu
 

Le mobilitazioni formano parte delle azioni di protesta intraprese per contrastare un progetto di legge volto a limitare l’autorità della polizia nelle azioni penali contro i funzionari pubblici e che vuole proibire la divulgazione di dettagli delle indagini contro le autorità

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
 

Migliaia di israeliani sono tornati a riempire le piazze delle principali città del paese come Tel Aviv, Haifa e Afula. per protestare contro la dilagante corruzione nel regime del primo ministro di Israele, Benjamin Netanyahu, di cui i manifestanti chiedono immediate dimissioni. 

 

Nei cortei erano presenti striscioni contro quello che viene definito come il «ministro del crimine». Come riportato da vari quotidiani tra cui Hareetz e Times Of Israel.

 

Il primo ministro Netanyahu si trova sotto indagine insieme alla sua consorte Sara in quanto accusato di reati quali frode e corruzione. 

 

Le mobilitazioni formano parte delle azioni di protesta intraprese per contrastare un progetto di legge volto a limitare l’autorità della polizia nelle azioni penali contro i funzionari pubblici e che vuole proibire la divulgazione di dettagli delle indagini contro le autorità del regime di Tel Aviv. 

 

Adesso immaginate per un momento se una tale legge fosse stata solo proposta in paesi come la Russia o il Venezuela. Titoli a caratteri cubitali e servizi a reti unificate per denunciare l’ennesimo atto liberticida di regimi dispotici in cerca della massima impunità. Invece siccome il progetto è dell’alleato Israele tutto tace. Così come sul versante delle manifestazioni. 

 

Il primo ministro israeliano è sospettato di casi di corruzione, che includono l'accettazione di tangenti e regali costosi, nonché traffico di influenze. Di fatto, affronta due distinte investigazioni criminali, note come i cosiddetti casi 1000 e 2000.

 

Il caso 1000 ruota attorno a costosi regali che avrebbe ricevuto in cambio della promozione degli interessi dei suoi benefattori, mentre nel caso del 2000 è sospettato di aver chiuso accordi clandestini con l'editore del giornale Yedioth Aharonoth per ottenere una copertura informativa positiva.

 

Inoltre, un altro membro della coalizione di Netanyahu, David Bitan è stato coinvolto in un'indagine della polizia a metà settembre con l'accusa di corruzione, riciclaggio di denaro, violazione della fiducia e frode.

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:     Fonte: Rai al-Youm

"Gli Stati Uniti, con il supporto di Israele, non stanno cercando di sconfiggere l'ISIS ma creare uno stato curdo"

Gli Stati Uniti, in collaborazione con il regime israeliano, fin dall'inizio hanno avuto l'intenzione di creare uno stato curdo che sarebbe servito come base militare 'permanente' di Washington nella regione sud-occidentale come alternativa alla base militare turca di Incirlik.

Nell'articolo del quotidiano arabo 'Rai al-Youm' si evidenzia come l'intervento degli Stati Uniti...
Notizia del:     Fonte: https://www.democracynow.org

VIDEO. Norman Finkelstein: Netanyahu, corrotto e razzista, è il vero volto di Israele

In un'intervista, lo storico e politologo statunitense, Norman Gary Finkelstein, figlio di sopravvissuti ebrei ai campi di sterminio nazisti, ritiene che, nonostante le politiche razziste e gli scandali di corruzione, Netanyahu mantiene il potere in Israele.

Link della trascrizione dell'intervista in lingua originale Nel corso dell'intervista concessa alla...
Notizia del:     Fonte: Soufan Group

L'ISIS potrebbe attaccare Hamas a Gaza dal Sinai egiziano

I tentativi del gruppo terroristico ISIS (Daesh, in arabo) di espandersi dalla penisola del Sinai nell'Egitto nordorientale aumentano il rischio di attacchi contro membri del Movimento palestinese di resistenza, Hamas nella Striscia di Gaza.

La società di intelligence e sicurezza strategica 'Soufan Group', con sede a New York (USA), in...
Notizia del:     Fonte: Haaretz

Il capo del Mossad confessa di essere dietro le rivolte in Iran

Il capo Mossad, Yossi Cohen, ha praticamente ammesso, ieri, la partecipazione del regime di Tel Aviv alle proteste in alcune città iraniane che si sono tenute le scorse settimane sulla situazione economica.

Parlando in una sessione di lavori del Ministero dell'Economia del regime israeliano, il direttore del Mossad...
Notizia del:     Fonte: SANA

L'esercito siriano colpisce un aereo israeliano nei pressi di Damasco

L'esercito siriano ha riferito di aver colpito un aereo da combattimento israeliano che stava per bombardare alcune aree militari vicino alla città di Damasco.

"Gli aerei da guerra israeliani hanno lanciato quattro missili contro la regione di Al-Qatifa, situata nella...
Notizia del:

Jared Kushner ha ricevuto 30 milioni di dollari da un'azienda israeliana

Kushner avrebbe ricevuto i soldi poco prima del suo primo viaggio in Israele con Trump in qualità di consigliere

da teleSUR   Il genero e consigliere del presidente degli Stati Uniti, Jared Kushner, ha stretto un...
Notizia del:     Fonte: http://www.raialyoum.com - Al mayadeen

Nasrallah sorprenderà di nuovo Israele

La prima settimana dell'anno è stata ricca di eventi. Israele si è illuso che le proteste in alcune città iraniane, si tramutassero nell'inizio di una "rivoluzione colorata".

In Israele, l'euforia ha così rapidamente preso piede nella classe dirigente che il primo ministro...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

L'Iran identifica l'organizzatore chiave delle proteste: Un ex agente CIA

Un triangolo formato dagli Stati Uniti, l'Arabia Saudita e regime israeliano per quattro anni consecutivi ha cospirato per provocare caos e disordini in Iran, il fattore principale è stato identificato dal procuratore generale del paese persiano.

"Il mentore principale di questo piano era uno statunitense di nome Michael Andrea, ex agente dell'antiterrorismo...
Notizia del:     Fonte: teleSUR

Argentina: continua la repressione del regime neoliberista contro Milagro Sala

La giustizia argentina di Jujuy, secondo alcuni osservatori per sviare l’attenzione su alcuni scandali che investono il governatore della provincia Morales, ripescando una vecchia denuncia per riciclaggio di denaro ha effettuato una perquisizione domiciliare presso l’abitazione di Milagro Sala

  Non conosce sosta l’attività di repressione condotta dal regime neoliberista di Mauricio Macri...
Notizia del:     Fonte: IRna - Hispantv - PressTV

(Video) Iran, nuove manifestazioni a sostegno del governo e contro il complotto USA-Israele

Centinaia di migliaia di persone anche oggi sono scese in strada in varie città dell'Iran per manifestare il loro appoggio al governo e al sistema politico iraniano.

Portando striscioni e bandiere nazionali, centinaia di migliaia di iraniani hanno scandito slogan a favore del...
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:

Guerra alle Fake news, ovvero libertà di censura

Riceviamo da un nostro lettore e pubblichiamo molto volentieri di Lorenzo Ferrazzano É di questi giorni la notizia, riportata da tutti i giornali, che Mark Zuckerberg, AD di Facebook,...
Notizia del:

Frasi shock di Tillerson riprese dal WP. "I morti in Corea del nord dimostrano che le sanzioni stanno funzionando"

"Gli indici di fame e di morte in Corea del Nord sono un segno che la strategia di diplomazia degli Stati Uniti sta funzionando". Lo ha detto il segretario di Stato, Rex Tillerson, in una conversazione...
Notizia del:

Usa, ordigno finto in aeroporto per un reality show. Arrestati i membri della troupe

Secondo quello che riporta oggi l'emittente nordamericana ABC, una troupe televisiva è stata arrestata nella giornata di ieri nel tentativo di far passare materiale sospetto con "tutto...
Notizia del:

Elezioni presidenziali in Russia. Pavel Grudinin e il “socialismo scandinavo” del candidato del PCFR

di Fabrizio Poggi*   Due settimane dopo le elezioni parlamentari italiane, si svolgeranno in Russia quelle presidenziali. Diversi osservatori sostengono che la data del 18 marzo non sia stata...
Notizia del:

Colombia, il paese dove gli omicidi politici non fanno mai notizia

di Geraldina Colotti* Giovedi, è stato ammazzato a Cordoba (in Colombia) il dirigente contadino Plinio Pulgarin, esponente del movimento Marcha Patriotica. Nei giorni precedenti erano...
Notizia del:

“Ingiustizie di secoli, questa Messa è per chi ha sofferto". Il Papa con i Mapuche

di Patrizia Larese - 18 gennaio 2018   Nel secondo giorno del suo viaggio in Cile il Papa è giunto a Temuco, capitale dell’Araucania, a circa 600 chilometri da Santiago. Ha...
Notizia del:

In nome del dio profitto, quanti morti ancora nel mondo del lavoro?

“E mentre non si fa altro che chiedere riduzione del costo del lavoro, troppe volte quei risparmi già vengono fatti, ma scommettendo sulla vita dei lavoratori.

di Stefano Barbieri per Marx21.it Altri morti sul lavoro, stavolta nella produttivissima Milano,...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa