/ Guerra mediatica al Venezuela: nel 2017 i media statunitensi hann...

Guerra mediatica al Venezuela: nel 2017 i media statunitensi hanno generato 3880 fake news

Guerra mediatica al Venezuela: nel 2017 i media statunitensi hanno generato 3880 fake news
 

La guerra mediatica è particolarmente cruenta. I suoi echi giungono anche in Italia. Infatti nella nostra periferia dell’impero il circuito mediatico mainstream ricicla di continuo le fake news a stelle e strisce prodotte contro la Rivoluzione Bolivariana

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it


di Fabrizio Verde
 

Contro il Venezuela è guerra totale. Una micidiale offensiva cha va dall’assedio finanziario all’attacco mediatico continuo. Uno stillicidio di notizie distorte o completamente false, fake news per utilizzare la terminologia attualmente in voga, volto ad accreditare la narrazione di un paese in guerra. Affamato da un regime dispotico che schiaccia ogni dissenso con il tallone di ferro. 

 

La guerra mediatica è particolarmente cruenta. I suoi echi giungono anche in Italia. Infatti nella nostra periferia dell’impero il circuito mediatico mainstream ricicla di continuo le fake news a stelle e strisce  prodotte contro la Rivoluzione Bolivariana. 

 

Il presidente Maduro ha denunciato che i media statunitensi hanno generato un totale di 3.880 notizie negative sul Venezuela nel solo 2017. 

 

«Sono state conteggiate 3.880 notizie negative... Nel mese di gennaio 130 notizie negative, nel febbraio 131, in questi media nordamericani, spesso (pubblicate) in prima pagina», ha affermato il Capo dello Stato nazionale dal Palazzo Miraflores. Come riportato dal quotidiano Correo del Orinoco.

 

In una trasmissione dell’emittente Venezolana de Televisión, il Capo dello Stato ha spiegato che il ministro degli Esteri, Jorge Arreaza, gli ha consegnato una relazione dove è svelata nel dettaglio la campagna dei media statunitensi contro la madrepatria di Bolívar nel 2017.

 

«Da questo studio effettuato da un gruppo di professionisti, si evince qual è la natura di questa campagna dei media statunitensi e, la guerra mondiale della comunicazione contro il governo bolivariano, contro di me come essere umano, contro il popolo del Venezuela, contro la Rivoluzione», ha denunciato Maduro.

 

Che poi ha aggiunto come durante i mesi in cui nel paese si sono sviluppati gli atti terroristici (Guarimbas), siano state trasmesse 439 notizie negative, publicate quasi ogni giorno in prima pagina dalla maggior parte dei media statunitensi. Quelle stesse notizie che poi troviamo rimasticate in Italia e rilanciate a reti unificate. 

 

Questi i numeri della denuncia di Maduro: «

505 (notizie negative pubblicate) in maggio, 385 in giugno, mentre in luglio 531, in agosto si è raggiunta quota 618 e quando la pace è arrivata in Venezuela con l'Assemblea Nazionale Costituente il livello è sceso fino ad arrivare alle 166 notizie negative nel mese di dicembre». 

 

Tra i protagonisti di questa strategia troviamo i principali media statunitensi. Quegli stessi che godono di credibilità e affidabilità evidentemente immeritate, alla luce del loro agire truffaldino. Bloomberg, mezzo di comunicazione finanziario degli Stati Uniti, ha generato più notizie negative contro il Venezuela con 245 note diffuse. Al secondo posto c'è il Miami Herald e il terzo posto è occupato dal Washington Post. 

 

«Coloro che hanno investito in azioni del Miami Herald sono i corrotti che hanno portato via i dollari dal Venezuela, ora hanno un'influenza quasi decisiva su tutto ciò a cui è dato risalto dal Miami Herald sui social network, nella stampa scritta».

 

Ha evidenziato il presidente, aggiungendo i nomi degli altri protagonisti di questa guerra asimmetrica condotta ai danni della Repubblica Bolivariana del Venezuela. Si tratta di nomi noti come CNN, New York Times, CBS, Fox News. Il cui compito principale è quello di giustificare le aggressioni al Venezuela. 

 

Dal rapporto presentato, emerge infine che Reuters è l’agenzia di stampa che ha generato più note negative sul Venezuela, seguita a ruota dall’Associare Press (AP), che si deve ‘accontentare’ della seconda piazza. 

 

«Ciò che le agenzie di stampa cercano di dipingere dall’estero è che ‘siamo un paese in guerra’ (...) è per questo che quando persone di nazioni diverse visitano il nostro paese non possono credere a quello che vedono: un paese in pace, un paese in rivoluzione, un Governo che ha vinto le ultime tre elezioni tra i mesi di luglio e dicembre del 2017 e che si sta già preparando per una grande vittoria nel 2018», ha chiosato Jorge Rodríguez, ministro del Potere Popolare per la Comunicazione e l’Informazione.

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:

Ken Livingstone sulle accuse di spionaggio a Corbyn: «Troppo di sinistra anche per il KGB»

L'ex sindaco di Londra intervistato da RT

  L’ex sindaco di Londra Ken Livingstone, anche conosciuto come Ken il rosso, ha canzonato le accuse...
Notizia del:

Crisi umanitaria in Venezuela? Solo una fake news, afferma esperto dell'ONU

L'avvocato e storico statunitense Alfred de Zayas, esperto nel campo dei diritti umani, ha messo in guardia sull'uso del termine crisi umanitaria per intervenire in Venezuela e rovesciare l'attuale governo

di Fabrizio Verde   «Ho comparato le statistiche del Venezuela con quelle di altri paesi e non...
Notizia del:

Viola Carofalo (Potere al Popolo) a Pagina12: «Il Venezuela nostra principale fonte d'ispirazione»

La giovane ricercatrice universitaria di Napoli è stata nominata "capo politico" del nuovo partito della sinistra italiana, Potere al Popolo, che cercherà di emulare i suoi pari di Spagna e Francia alle elezioni generali del 4 marzo

di Federico Larsen - Pagina12   Il suo movimento è stato accolto in Europa come la rinascita...
Notizia del:

"Il Venezuela è un pioniere nel mondo". Nicolas Maduro annuncia la pre-vendita della criptomoneta Petro

RT  Questo mercoledì inizia la prevendita del cosiddetto Petro, una criptovaluta diversa da tutte le altre perché creata direttamente dal governo venezuelano e sostenuta dalle...
Notizia del:     Fonte: Ruptly - Al Masdar News

VIDEO. 'Afrin è siriana' I commenti dei residenti sulle relazioni tra YPG e governo siriano

La popolazione di Afrin ha commentato le ultime indiscrezioni sul possibile accordi tra le YPG e l'esercito siriano per combattere l'offensiva turca.

I residenti di Afrin nel nord-ovest della Siria, hanno commentatole recenti indiscrezioni, secondo le quali,...
Notizia del:     Fonte: RT

Lavrov: "La Russia esorta gli Stati Uniti a non giocare con il fuoco in Siria"

La Russia è preoccupata per le azioni degli Stati Uniti che mirano alla "disintegrazione della Siria".

La Russia "esorta gli Stati Uniti a non giocare con il fuoco in Siria e a calibrare attentamente i suoi...
Notizia del:     Fonte: Euronews

Russia: Gli Stati Uniti intendono rimanere in Siria per sempre

Gli Stati Uniti cercano di separare una vasta regione dal resto del territorio siriano, ha avvertito ieri il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov, il quale ha ribadito che Washington intende rimanere nel paese arabo a tempo indefinito.

"(Gli statunitensi) sembrano voler dividere gran parte del territorio siriano dal resto del paese, per creare...
Notizia del:     Fonte: Al Manar

Nasrallah: Possiamo distruggere le piattaforme petrolifere israeliane nel giro di poche ore

Il segretario generale di Hezbollah Sayyed Hassan Nasrallah ribadisce che la presenza degli USA nella regione è data dalla volontà di impadronirsi delle risorse naturali.

In occasione della ricorrenza del martirio di due leader del Movimento di resistenza libanese Hezbollah, il segretario...
Notizia del:

Attivista indigena denuncia: «I media nascondono gli interessi europei in Guatemala»

La redazione di Cubainformación TV ha intervistato Aura Lolita Chávez Ixcaquic

di Fabrizio Verde   Aura Lolita Chávez Ixcaquic, leader del Consiglio dei popoli K'iche per...
Notizia del:

Turchia, il primo ministro Yildirim afferma che Ankara è pronta a combattere contro gli Usa

Intervistato dall’emittente televisiva tedesca ‘Ard’, il primo ministro turco Binali Yildirim, ha dichiarato che la Turchia «ha un problema con le Ypg» e che nel caso gli Stati Uniti decidessero di entrare in guerra al fianco dei curdi siriani, «combatteremo anche contro di loro»

  Aumentano le tensioni in Siria tra Turchia e Stati Uniti. il governo di Ankara si è infatti detto...
Le più recenti da ALBA LATINA
Notizia del:

VIDEO. Duro colpo al contrabbando in Colombia contro il Venezuela: maxi sequestro nello stato Táchira

  E' in corso in Venezuela l'Operación Centinela con la quale le autorità del paese hanno giù sequestrato enormi quantità di prodotti rubati e sequestrati...
Notizia del:

Crisi umanitaria in Venezuela? Solo una fake news, afferma esperto dell'ONU

L'avvocato e storico statunitense Alfred de Zayas, esperto nel campo dei diritti umani, ha messo in guardia sull'uso del termine crisi umanitaria per intervenire in Venezuela e rovesciare l'attuale governo

di Fabrizio Verde   «Ho comparato le statistiche del Venezuela con quelle di altri paesi e non...
Notizia del:

"Il Venezuela è un pioniere nel mondo". Nicolas Maduro annuncia la pre-vendita della criptomoneta Petro

RT  Questo mercoledì inizia la prevendita del cosiddetto Petro, una criptovaluta diversa da tutte le altre perché creata direttamente dal governo venezuelano e sostenuta dalle...
Notizia del:

Mobilitazione dei lavoratori brasiliani contro le misure del golpista Temer

Dopo aver precarizzato il mercato del lavoro Temer vuole tagliare le pensioni

  La Confederazione Unica dei Lavoratori (CUT) del Brasile, insieme ai movimenti sociali e ad altre sigle...
Notizia del:

Guerra al Venezuela: tutte le contraddizioni politiche dell'ultimo comunicato del "Gruppo di Lima"

  Mision Verdad Il gruppo di Lima, in un passaggio che prosegue nella pressione sul terreno politico volta ad aumentare le possibilità di intervento negli affari interni del Venezuela,...
Notizia del:

Attivista indigena denuncia: «I media nascondono gli interessi europei in Guatemala»

La redazione di Cubainformación TV ha intervistato Aura Lolita Chávez Ixcaquic

di Fabrizio Verde   Aura Lolita Chávez Ixcaquic, leader del Consiglio dei popoli K'iche per...
Notizia del:

Honduras, la denuncia di Nasralla: «Hernandez controlla il crimine organizzato»

Intanto il partito di governo dopo aver scippato l'elezione accusa i leader dell'opposizione di fomentare la violenza e di collegamenti con il narcotraffico

  Oltre il danno la beffa. I leader dell’opposizione in Honduras - il candidato dell’Alleanza...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa