/ Come Hitler e Pinochet: YouTube e Google cancellano HispanTv

Come Hitler e Pinochet: YouTube e Google cancellano HispanTv

Come Hitler e Pinochet: YouTube e Google cancellano HispanTv
 

Questo atto rappresenta la versione del XXI secolo della notte del 10 maggio 1933, quando gli studenti nazisti bruciarono 25 mila libri davanti all'Opera di Stato a Berlino. O l'incendio dei libri il 23 settembre 1973 a Santiago del Cile

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it


di Alejandro Kirk - teleSUR
 

Se cerchi su Google i lavori di HispanTV non troverai praticamente nulla: migliaia di reportage, documentari, interviste, dibattiti, recensioni, commenti, critiche culturali fatte in tutto il mondo, cancellate dalla mappa con un solo clic.

 

Ma se cerchi su www.hispantv.com li troverai di nuovo. Questo non può essere cancellato.

 

Questo atto rappresenta la versione del XXI secolo della notte del 10 maggio 1933, quando gli studenti nazisti bruciarono 25 mila libri davanti all'Opera di Stato a Berlino. O l'incendio dei libri il 23 settembre 1973 a Santiago del Cile, in seguito alla irruzione violenta nelle torri di San Borja nel centro della capitale.

 

Quando racconti questo alle persone, molti chiedono - per la nostra relativa sorpresa - perché? Si aspettano forse una ragione tecnica, sperando magari di venire a conoscenza di qualcosa che non sia il più crudo e brutale incendio digitale dei contenuti nello stile di Hitler e Pinochet. Qualcosa che permetta di avere fiducia negli strumenti che usiamo ogni giorno e che appartengono a coloro che innalzano le bandiere del pluralismo e della libertà di espressione.

 

Non si tratta di una novità. In Cile, tutti i tentativi di includere HispanTV nei distributori via cavo sono stati infruttuosi. Dopo la prima chiamata, non rispondono nemmeno più, perché sarebbe per loro controproducente spiegare le ragioni.

A HispanTV il governo spagnolo di Mariano Rajoy ha già cancellato l'accesso al satellite. E gli inglesi hanno fatto lo stesso con PressTV, il ramo inglese del nostro canale.

 

NUOVO ORDINE INFORMATIVO

 

Nei lontani anni '70 del secolo scorso, L’Unesco lanciò un progetto per un Nuovo Ordine dell’Informazione e la Comunicazione (NOIC), che generò scandalo nei paesi dominanti del Nord: veniva denunciato lo sfacciato controllo dell'informazione e della comunicazione esercitato dalle grandi agenzie di stampa. L’Unesco aveva l’intenzione di stimolare la creazione di agenzie informative nazionali nei paesi in via di sviluppo, e su iniziativa della Yugoslavia, venne costituito il pool di agenzie dei paesi non allineati. 

 

L'idea era che nei paesi del Sud in via di sviluppo non conoscessimo quasi nulla di noi stessi, grazie al controllo delle informazioni di questi conglomerati transnazionali. Se hai dei dubbi, chiediti perché tutti sappiamo in dettaglio che il principe d'Inghilterra si è legato a un'attrice americana, ma quasi nulla della condanna al carcere perpetuo a 29 colpevoli di genocidio in Argentina.

 

Il NOIC venne poi denunciato come un attentato alla libertà di espressione, l'imposizione di apparati statali su un giornalismo oggettivo e professionale, i fondi all'Unesco vennero ridotti e infine il Nuovo Ordine fu accantonato.

 

Molti anni dopo iniziarono ad apparire nuovi media internazionali su larga scala, come HispanTV, PressTV, TeleSUR, RT, Al-Mayadeen, Al-Jazeera, che per la prima volta sfidarono l'ordine informativo sul suo campo: tecnologia, rigore, estetica, presenza globale. E questi canali iniziano ad acquisire credibilità e seguaci in tutto il pianeta. E cominciano a essere un pericolo per l'egemonia informativa.

 

Un nuovo Ordine Informativo comincia finalmente a strutturarsi, generando contenuti con un altro contesto, decostruendo i paradigmi fino ad oggi egemonici del bene e del male, della libertà e dell'oppressione, della democrazia e della dittatura, proiettando le voci dei popoli, le persone che lavorano, coloro che subiscono discriminazioni, persecuzioni, povertà o dominio culturale.

 

Affinché ci possa giungere un’altra versione sulla sorte del popolo palestinese, dei Rohingya del Myanmar, della guerra in Siria, Iraq e Yemen, degli accordi per far uscire il dollaro dai mercati delle materie prime, dei progressi tecnologici e culturali di Iran o Russia, della lotta in Cile contro gli AFP e per l'educazione pubblica, gli scioperi in Argentina, le aggressioni contro il Venezuela, lo sviluppo economico della Bolivia, le proteste in Brasile, la discriminazione razziale negli Stati Uniti, gli abusi sui rifugiati in Europa, tra le tante tematiche.

 

Questo è il motivo dell'attacco di Google e YouTube: eliminare la memoria, intimidirci, mettere una barriera, mantenere il cosiddetto mainstream (i media egemonici) come l'unica fonte di informazione professionale, seria e credibile.

 

Non ci sono riusciti in passato, non ci riusciranno nemmeno adesso. Si tratta, come ha appreso la Russia, di renderci indipendenti da queste piattaforme, che sono strumenti dello stesso ordine mondiale. Non possono più occultare la loro reale essenza. Se ci chiudono, abbiamo fatto un buon lavoro. Continueremo così. 

 

(Traduzione dallo spagnolo per l’AntiDiplomatico di Fabrizio Verde)

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:

Iran: l'arresto di Ahmadinejad è una fake news

La denuncia del giornalista Alireza Mataji

  Il pensiero illusorio (in inglese, wishful thinking), conosciuto anche come pensiero desideroso o pensiero...
Notizia del:

Guerra mediatica al Venezuela: nel 2017 i media statunitensi hanno generato 3880 fake news

La guerra mediatica è particolarmente cruenta. I suoi echi giungono anche in Italia. Infatti nella nostra periferia dell’impero il circuito mediatico mainstream ricicla di continuo le fake news a stelle e strisce prodotte contro la Rivoluzione Bolivariana

di Fabrizio Verde   Contro il Venezuela è guerra totale. Una micidiale offensiva cha va dall’assedio...
Notizia del:     Fonte: RT

Le immagini false sulle proteste in Iran che circolano sui social network

Le immagini di manifestazioni in altri paesi, e persino film, circolano sui social network mostrate come fossero proteste anti-governative in Iran.

I comunicatori influenti hanno fotografato dimostrazioni in altri paesi, e persino film di finzione, e li hanno...
Notizia del:

Non è la Russia ma Israele a intossicare l'informazione. Lo scandalo che scompare prima che sia troppo tardi

Così come è stato per l’indecente storia dei servizi segreti italiani (che, tramite mazzette, pilotavano  l’opinione pubblica ), scompare prima di nascere lo “scandalo”...
Notizia del:

Perché quella dell'antrace è l'ennesima bufala contro la Corea del Nord

Mai sentito parlare del generale Frank Schwable?   Capo di Stato maggiore nel corpo dei Marines, nel 1952, durante i bombardamenti americani sulla Corea del Nord, precipitato per un guasto...
Notizia del:

Video shock sulla povertà in Venezuela.... Ah no scusate è la Colombia

La denuncia del giornalista venezuelano Oswaldo Rivero

  Gli stessi media internazionali che utilizzano fiumi d’inchiostro e servizi lunghissimi per provare...
Notizia del:

Il trionfo di Maduro alle ultime elezioni per La Stampa diventa: "In Venezuela non c'è più forza per protestare"

Il vortice di menzogne e mistificazioni è divenuto talmente intricato da rendere praticamente impossibile a un semplice lettore di scorgere la realtà dietro la propaganda anti-venezuelana imperante sui principali media

  di Fabrizio Verde Utilizzare fake news a sostegno di precedenti fake news propalate per giustificare...
Notizia del:     Fonte: The Telegraph

Interferenza "low cost": Facebook quantifica in meno di 1 euro la spesa pubblicitaria russa durante la Brexit

Il social network ha informato il comitato elettorale britannico che l'Agenzia di ricerca su Internet ha speso una "piccola somma di denaro" su tre annunci sull'immigrazione.

Meno di un euro: nello specifico, 83 centesimi, l'equivalente a 97 centesimi o 73 pence britannici. Questo...
Notizia del:

L'ONU conferma: in Venezuela nessuna crisi umanitaria

  La propaganda è martellante e condotta a suon di fake news: il Venezuela sarebbe nel pieno di una catastrofica crisi umanitaria. Ovviamente causata dalle politiche di segno socialista promosse...
Notizia del:

Venezuela. Anche Il Sole 24 Ore smentisce le fake news di Repubblica sul default

Ricorderete tutti i titoloni sparati dal mainstream sul presunto default del Venezuela. Una notizia senza alcun fondamento, prontamente smentita da l’AntiDiplomatico

di Fabrizio Verde   L’autocitazione non è elegante, ma diviene doverosa quando attraverso...
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:     Fonte: Der Spiegel - Foto AFP

Germania, Francia e Regno Unito promotrici di sanzioni all'Iran per accontentare Trump

Secondo il settimanale tedesco, 'Der Spiegel', la Germania insieme a Francia e Gran Bretagna stanno esercitando pressioni su altri paesi europei per imporre altre sanzioni all'Iran, accontentando di fatto il Presidente degli USA, Donald Trump.

Citando diplomatici europei, la rivista tedesca 'Der Spiegel' afferma in un articolo pubblicato ieri...
Notizia del:     Fonte: SANA -Reuters

Il governo siriano condanna "l'aggressione turca su Afrín"

In un comunicato, Damasco condanna l'aggressione turca sulla città siriana di Afrin. Inoltre, ha smentito di essere stata messa a conoscenza da Ankara dell'avvio dell'operazione "Ramoscello d'ulivo".

Il governo siriano ha condannato "l'aggressione turca contro Afrin" condotta nell'ambito dell'operazione...
Notizia del:

Perché gli "Stati Uniti d'Europa" non è la cosa più spaventosa detta oggi da Renzi

    “Il 4 marzo come il nuovo 1948”. Lo ha scritto Fabbrini (della Luiss) il 3 dicembre su il Sole 24 ore (giornale di Confindustria). Lo ha ribadito oggi Andrea Bonanni su...
Notizia del:     Fonte: TASS - AP foto

Siria, la Russia ritira le sue truppe dopo offensiva della Turchia ad Afrin

La Russia ha comunicato il ritiro delle sue truppe dall'area di Afrin nel nord della Siria, dove l'esercito turco sta lanciando un'offensiva terrestre e aerea contro obiettivi delle Unità di protezione popolare curde, YPG, lo ha riportatoil ministero della Difesa russo.

"Per evitare eventuali provocazioni ed escludere qualsiasi minaccia contro la vita e la salute dei militari...
Notizia del:

Il tormentone fake news ha il primo risultato: la "verità" la decideranno i poliziotti di Minniti

di Dante Barontini* Siamo governati da ignoranti contenti di esserlo. Dunque da gente pericolosa per tutta la popolazione, perché – perversa conseguenza di leggi elettorali che...
Notizia del:     Fonte: Der Spiegel

Giornalista israeliano rivela l'uccisione di migliaia di persone da parte del Mossad

Il giornalista israeliano Ronen Bergman, nel suo ultimo libro, ha rivelato l'uccisione di molte persone anche per 'errore' di almeno 3.000 persone per mano di agenti del servizio di intelligence del regime di Israele (Mossad) oltre anche a diversi casi di "rapimento" e "tortura".

"In generale, stiamo parlando di almeno 3.000 persone, bersaglio non solo le persone obiettivo, ma anche...
Notizia del:     Fonte: Airwars

La coalizione guidata dagli USA ha ucciso 6.000 civili in Iraq e in Siria nel 2017

Un nuovo rapporto indica che gli attacchi della cosiddetta coalizione anti-ISIS, guidati dagli Stati Uniti, hanno provocato più di 6000 civili morti in Iraq e in Siria durante l'anno 2017. La cifra è tre volte più grande rispetto a quella del 2016.

In un rapporto pubblicato giovedì scorso, l'organizzazione giornalistica indipendente 'Airwars'...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa