/ Politico britannico voleva finanziare le operazioni militari di I...

Politico britannico voleva finanziare le operazioni militari di Israele nel Golan occupato

Politico britannico voleva finanziare le operazioni militari di Israele nel Golan occupato
 

Downing Street ha ammesso che il Segretario per lo Sviluppo Internazionale Priti Patel ha discusso con esponenti di Israele l'idea di inviare fondi del governo britannico al suo esercito.

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it

Il politico britannico Priti Patel si è incontrata segretamente  con il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu e diversi altri funzionari di alto rango nel tentativo di finanziare le operazioni dell'esercito israeliano nelle Alture occupate del Golan.
 
La notizia è stata confermata dal quotidiano britannico, 'The Independent', Patel aveva chiesto ai membri del dipartimento dello sviluppo internazionale del governo britannico se fosse possibile fornire un sostegno finanziario alle forze israeliane per le loro presunte operazioni umanitarie nelle altezze occupate di Golan.
Patel aveva tenuto almeno una dozzina di incontri con Netanyahu e altri funzionari israeliani mentre era in vacanza in Israele in agosto.
 
Il portavoce del primo ministro britannico, alla domanda se Patel aveva già informato Theresa May su questa parte della sua visita una volta che è stata scoperta, ha dichiarato: "Era assolutamente chiaro chi aveva incontrato e [il suo dipartimento] ed era molto chiaro che questa conversazione ha avuto luogo.  Ma non c'è stato alcun cambiamento nella politica risultante da tale incontro. Non v'è alcun sostegno finanziario del Regno Unito all'esercito israeliano ". 
 
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Fonte: The Independent
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:     Fonte: Al Manar

Hezbollah celebra la sconfitta dell'ISIS in Siria, nonostante i sabotaggi degli USA

Il segretario generale di Hezbollah Seyed Hassan Nasrallah ha celebrato la fine dell'ISIS in Siria nonostante il sostegno degli Stati Uniti a questo gruppo terroristico.

Durante un discorso televisivo, Nasrallah, questa sera, ha fatto riferimento alla recente liberazione della città...
Notizia del:     Fonte: Reuters

Ministro israeliano: Collaboriamo 'in segreto' con l'Arabia Saudita contro l'Iran

Un ministro israeliano conferma ufficialmente l'esistenza di contatti 'segreti' tra l'Arabia Saudita e il regime israeliano per affrontare l'Iran.

Il ministro dell'energia del regime di Israele, Yuval Steinitz, ha confermato ieri l'esistenza di contatti...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

La Russia critica la "vergognosa" gestione dell'OPCW-ONU sull'uso di armi chimiche in Siria

Il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov critica la condotta "vergognosa" del meccanismo congiunto ONU-OPCW in Siria sulla raccolta delle prove sugli attacchi chimici.

Il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov ha lamentato il fatto che il meccanismo congiunto OPCW e ONU ha...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

La Russia sfida Israele e Stati Uniti: Hezbollah rimarrà in Siria

L'ambasciatore russo in Libano avverte che Hezbollah "non andrà via dalla Siria", sfidando così Israele e gli Stati Uniti, che stanno cercando il ritiro del movimento di resistenza libanese.

"Chiunque ha cercato di rovesciare il presidente siriano Bashar al-Asad, ora, con tutti i mezzi, cerca il...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

Russia: Gli USA hanno fallito in Siria e accusano Assad per l'uso di armi chimiche

La Russia rifiuta il "documento politicizzato" degli Stati Uniti sugli attacchi chimici in Siria e lo attribuisce al fallimento dei piani di Washington per rovesciare al-Assad.

In alcune dichiarazioni rilasciate ieri ai giornalisti, il capo della Commissione Difesa del Senato russo, Victor...
Notizia del:     Fonte: TASS

La Russia pone il veto all'ONU alla risoluzione USA per l'indagine sull'uso di armi chimiche in Siria

Mosca ha votato contro l'estensione del mandato del meccanismo congiunto delle Nazioni Unite e dell'OPCW per le indagini sull'uso di armi chimiche in Siria.

La Russia ha votato oggi contro il progetto di risoluzione presentato dagli Stati Uniti all'ONU, che sosteneva...
Notizia del:     Fonte: Rupty

Mosca: "Sembra che gli Stati Uniti vogliano mantenere una parte del territorio della Siria"

Il ministero degli Esteri russo ha ricordato che l'esercito statunitense è in Siria "contro la volontà" del governo siriano, quindi si comportano da "invasori".

La Russia è preoccupata per i tentativi degli Stati Uniti di "stabilirsi nella casa di qualcun altro",...
Notizia del:     Fonte: The Jerusalem Post

Israele minaccia: Non permetteremo che la Siria diventi un avamposto dell'Iran

Il regime israeliano assicura di mantenere la completa libertà di azione in Siria e prende in considerazione solo gli interessi della propria sicurezza.

"Abbiamo assoluta libertà di azione e le uniche considerazioni che ci guidano sono le considerazioni...
Notizia del:     Fonte: SANA

Forum arabo contro alleanza USA-Israele-Arabia Saudita: "La Vittoria della Siria ha creato le basi per un mondo multipolare"

Il Forum arabo per combattere l'alleanza USA-Israele e con gli stati reazionari arabi ed a supporto della resistenza del popolo palestinese, ieri, ha concluso sue attività a Damasco, dove hanno partecipato figure e forze politiche di Siria, Libano, Palestina, Yemen, Giordania, Egitto, Iraq, Algeria, Bahrain e Mauritania.

Al termine di 3 giorni di dibattiti e confronti, i partecipanti del Forum sulle nuove strategie di lotta contro...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

La Russia difende la "presenza legittima" dei consiglieri militari iraniani in Siria

Il ministro degli esteri russo difende la "legittimità" della presenza di consiglieri militari iraniani in Siria e rifiuta di accettare il loro ritiro dal paese arabo.

"È un fatto che la presenza della Russia e dell'Iran (in Siria) è legittima, su invito...
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:

Dalla Nunziatella spirano venti di guerra su Napoli

Dalle notizie che trapelano dall’accordo di Bruxelles sembra che nello specifico l’hub formativo di Napoli si specializzerà sugli attacchi a distanza ovvero la guerra coi droni. Wargames

da Contropiano   Venti di guerra spirano su Napoli. Nessun attacco in vista ma la conferma che l’accademia...
Notizia del:

Zimbabwe: continua il braccio di ferro tra Mugabe e forze armate

Le mancate dimissioni dell'anziano leader e le mosse conseguenti dei militari

  Le mancate dimissioni del presidente Mugabe hanno ulteriormente aggravato la crisi politica dello Zimbabwe....
Notizia del:     Fonte: Al Manar

Hezbollah celebra la sconfitta dell'ISIS in Siria, nonostante i sabotaggi degli USA

Il segretario generale di Hezbollah Seyed Hassan Nasrallah ha celebrato la fine dell'ISIS in Siria nonostante il sostegno degli Stati Uniti a questo gruppo terroristico.

Durante un discorso televisivo, Nasrallah, questa sera, ha fatto riferimento alla recente liberazione della città...
Notizia del:

Il consigliere capo di Erdogan dice che la Turchia potrebbe lasciare la NATO

Le tensioni tra il blocco militare e la Turchia sono aumentate la settimana scorsa quando durante un'esercitazione dell'alleanza la Turchia è stata dipinta come nemico

  Nervi tesi tra la NATO e uno dei suoi componenti più importanti come la Turchia. Nazione che possiede...
Notizia del:

E ora in Germania (e nell'Unione Europea) che succede?

Dopo il fallimento del negoziato per la Jamaica Koalition, la Germania naviga a vista in acque sconosciute.

di Federico Nero  Dopo il fallimento del negoziato per la Jamaica Koalition, la Germania naviga...
Notizia del:     Fonte: RT

Zimbabwe, Mugabe a sorpresa non annuncia dimissioni

L’Unione Africana dello Zimbabwe - Fronte Patriottico, propone per la carica di presidente Emmerson Mnangagwa

  La settimana scorsa con la comparsa di blindati nelle strade di Harare e l’annuncio dato dal capo...
Notizia del:     Fonte: Hispantv - SABA

FOTO. I bambini yemeniti denunciano i crimini subiti da USA e Arabia Saudita

Oggi, in occasione della Giornata mondiale dei diritti dell'infanzia, i bambini yemeniti hanno manifestato la loro condanna per i crimini commessi ai loro danni da parte di Arabia Saudita e USA.

"I bambini nel mondo celebrano i loro diritti e i bambini dello Yemen muoiono per il silenzio del mondo...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa