/ Sud-Ovest Damasco, i terroristi di al Nosra si arrendono all'eser...

Sud-Ovest Damasco, i terroristi di al Nosra si arrendono all'esercito siriano

Sud-Ovest Damasco, i terroristi di al Nosra si arrendono all'esercito siriano
 

I membri dell'alleanza terroristica Hayat Tahrir al-Sham (HTS) si sono arresi all'esercito siriano in una città nei pressi di Damasco.

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it

I terroristi del gruppo Hayat Tahrir al-Sham, guidati dal Fronte di Al-Nusra (Fath Al-Sham), che operava nella valle di Beit Jinn nella parte occidentale della provincia Damasco, si sono arresi ufficialmente all'esercito siriano e ai suoi alleati dopo un mese di combattimenti nella zona, secondo il portale web 'Al-Masdar News', citando fonti militari.
 
Questa vittoria strategica per le forze siriane arriva dopo un'importante operazione offensiva, durata più di un mese e culminata con il recupero di tutti i punti salienti nella regione di Beit Jinn, nonché l'assedio delle aree dominate dai terroristi nella parte inferiore della valle.
 
L'esercito del paese arabo ha posto quattro condizioni per questa resa, che sono state accettate dagli estremisti e saranno applicate a partire da oggi.
 

 
Il primo punto dell&# 39;accordo stabilisce la completa concessione dei termini riconciliazione per i militanti nativi della regione di Beit Jinn che desiderano smettere di combattere. Il secondo indica che i combattenti che rifiutano l'offerta di riconciliazione e non sono nativi della zona saranno trasportati in aree controllate dai gruppi armati di Daraa (sud-ovest) e Idlib (nord-ovest).
 
La terza condizione prevede che i terroristi che sono entrati nella regione di Beit Jinn attraverso il territorio occupato dal regime israeliano da Daraa, devono ritornare per la stessa rotta.
 
Infine, il quarto punto, afferma che l'esercito siriano riprenderà il controllo di tutti i siti e le basi militari che aveva prima dell'inizio della crisi nel marzo 2011.
 
Beit Jinn era uno dei più importanti feudi dei membri di Hayat Tahrir Al-Sham nella provincia meridionale di Damasco. Nelle ultime settimane, le unità militari siriane hanno avviato operazioni per sradicare i terroristi da questo luogo e dalla vicina città di Mughar al-Mir e dei suoi dintorni.
 
Ultimamente, questa banda, già in ritiro, ha subito gravi perdite su altri fronti, in particolare nel Ghouta Oriental, a est di Damasco. 
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Fonte: Al Masdar News
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:     Fonte: RT

Mosca: "Gli Stati Uniti stanno elaborando un piano B per cambiare il governo in Siria e la Russia lo neutralizzerà"

Mosca avverte sul tentativo dell'occidente, con un 'Piano B' di rovesciare il governo siriano ma allo stesso tempo ribadisce che lo neutralizzerà.

"Gli Stati Uniti hanno dato il via alla creazione di autorità alternative in una parte significativa...
Notizia del:     Fonte: TASS

La Turchia invade Afrin, ma la Francia all'ONU discuterà di Idlib e Damasco, dove l'esercito siriano affronta i gruppi jihadisti

Mentre la Turchia attacca i curdi sul territorio siriano, Parigi non considera questa operazione militare così importante da metterla al centro della riunione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite. Piuttosto si parlerà della 'situazione umanitaria' a Idlib e di Damasco dove l'esercito siriano sta conducendo un'offensiva contro i gruppi jihadisti.

La Francia, nell'ambito di una riunione a porte chiuse del Consiglio di sicurezza dell'ONU che si terrà...
Notizia del:     Fonte: Haaretz

'Il 97% dell'acqua di Gaza ha la stessa qualità di quella delle fogne'

Un rapporto dell'Autorità palestinese sull'acqua nella Striscia di Gaza. assediata da Israele, avverte che fino al 97% dell'acqua potabile nell'enclave costiera non è adatta al consumo umano a causa dell'inquinamento provocato da acque reflue non trattate e a causa di un alto livello di salinità.

Ahmed Yaqubi, idrologo, consulente per l'Autorità palestinese nella Striscia di Gaza, ha presentato...
Notizia del:

Intervento illegale turco in Siria: la dura condanna dell'Egitto

L’Egitto ha condannato fortemente l’intervento militare turco in Siria, nella regione di Arbin,  nel nord del Paese nella zona controllata attualmente dai curdo-siriani, dove sabato...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

L'Iran chiede alla Turchia la "fine immediata" degli attacchi in Siria

Il portavoce del ministero degli Esteri iraniano Bahram Qasemi ha chiesto la "fine immediata" delle operazioni militari della Turchia contro le milizie curde nella città di Afrin, nel nord della Siria, avvertendo che queste offensive possono alimentare solo "le fiamme della guerra e dell'annientamento".

"La Repubblica islamica ha sottolineato, in modo serio, la necessità di salvaguardare l'integrità...
Notizia del:     Fonte: https://ahtribune.com

'La BBC tradisce i principi giornalistici più elementari quando si parla di Siria'

Il giornalista e accademico Jeremy Salt, in un articolo, sottolinea che seppur nelle guerre la verità è la prima vittima, negli ultimi 15 anni, a partire dalla guerra in Iraq fino al conflitto in Siria, la falsificazione prodotta dai media statunitensi e britannici ha raggiunto livelli senza precedenti.

Jeremy Salt è  giornalista e professore universitario presso il Dipartimento di Scienze Politiche...
Notizia del:     Fonte: Der Spiegel - Foto AFP

Germania, Francia e Regno Unito promotrici di sanzioni all'Iran per accontentare Trump

Secondo il settimanale tedesco, 'Der Spiegel', la Germania insieme a Francia e Gran Bretagna stanno esercitando pressioni su altri paesi europei per imporre altre sanzioni all'Iran, accontentando di fatto il Presidente degli USA, Donald Trump.

Citando diplomatici europei, la rivista tedesca 'Der Spiegel' afferma in un articolo pubblicato ieri...
Notizia del:     Fonte: SANA -Reuters

Il governo siriano condanna "l'aggressione turca su Afrín"

In un comunicato, Damasco condanna l'aggressione turca sulla città siriana di Afrin. Inoltre, ha smentito di essere stata messa a conoscenza da Ankara dell'avvio dell'operazione "Ramoscello d'ulivo".

Il governo siriano ha condannato "l'aggressione turca contro Afrin" condotta nell'ambito dell'operazione...
Notizia del:     Fonte: TASS - AP foto

Siria, la Russia ritira le sue truppe dopo offensiva della Turchia ad Afrin

La Russia ha comunicato il ritiro delle sue truppe dall'area di Afrin nel nord della Siria, dove l'esercito turco sta lanciando un'offensiva terrestre e aerea contro obiettivi delle Unità di protezione popolare curde, YPG, lo ha riportatoil ministero della Difesa russo.

"Per evitare eventuali provocazioni ed escludere qualsiasi minaccia contro la vita e la salute dei militari...
Notizia del:     Fonte: Der Spiegel

Giornalista israeliano rivela l'uccisione di migliaia di persone da parte del Mossad

Il giornalista israeliano Ronen Bergman, nel suo ultimo libro, ha rivelato l'uccisione di molte persone anche per 'errore' di almeno 3.000 persone per mano di agenti del servizio di intelligence del regime di Israele (Mossad) oltre anche a diversi casi di "rapimento" e "tortura".

"In generale, stiamo parlando di almeno 3.000 persone, bersaglio non solo le persone obiettivo, ma anche...
Le più recenti da Siria e dintorni
Notizia del:

Intervento illegale turco in Siria: la dura condanna dell'Egitto

L’Egitto ha condannato fortemente l’intervento militare turco in Siria, nella regione di Arbin,  nel nord del Paese nella zona controllata attualmente dai curdo-siriani, dove sabato...
Notizia del:     Fonte: Al Masdar News

L'esercito siriano libera oltre 400 Km² di territorio a Idlib dai gruppi affiliati ad al Qaeda

L'esercito arabo siriano nella sua offensiva contro i gruppi affiliati ad al Qaeda nel Governatorato di Idlib, ha liberato oltre 15 città nel giro di 72 ore.

Come ha riferito il portale di notizie, 'Al Masdar News', guidato dalla sua forza di elite, leTiger Forces,...
Notizia del:     Fonte: Al Masdar News

Combattenti palestinesi sostengono l'esercito siriano nella lotta contro i terroristi a Idlib

La Brigata Al-Quds, braccio armato del movimento della Jihad islamica palestinese, si è diretta sul fronte della provincia siriana di Idlib per sostenere l'offensiva dell'esercito siriano contro i terroristi.

Spostandosi verso la parte meridionale di Idlib, le forze palestinesi della Brigata al Quds cercano di sostenere...
Notizia del:     Fonte: Al Masdar News

L'esercito siriano libera oltre 50 Km² di territorio in 24 ore dai gruppi affiliati ad al Qaeda

Il 2018 è cominciato molto male per i gruppi jihadisti a sud-est Idlib, dal momento che le loro forze continuano a perdere ampie fasce di territorio per l'offensiva dell'esercito siriano.

Come riportato da 'al Masdar News', guidato dalle Tiger Forces, l'esercito siriano ha liberato oltre...
Notizia del:     Fonte: Al Masdar News

Esercito siriano e le forze palestinesi si preparano a riconquistare il campo di Yarmouk

L'esercito arabo siriano e i suoi alleati palestinesi si stanno preparando a dare il via alla loro offensiva su larga scala a sud di Damasco, orientata a riconquistare il campo Yarmouk, Tadamon e Hajar Al-Aswad.

Come riportato dal portale di notizie, 'Al Masdar News, sostenuto dal 'Fronte popolare per la liberazione...
Notizia del:

Bashar al-Asad incontra Francesco Rocca (Croce Rossa): "Le sanzioni economiche intensificano le sofferenze del popolo"

Il presidente della Siria, Bashar al-Asad, ha illustrato i gravissimi effetti negativi delle sanzioni economiche contro Damasco in un incontro avuto con una delegazione della Croce Rossa con a capo il...
Notizia del:

Siria, le bandiere siriane dopo sei anni tornano ad issarsi nelle zone di Aleppo controllate dai curdi

La bandiera siriana torna ad issarsi dopo sei anni nelle aree finora controllate dalle forze curde ad Aleppo. L'accordo raggiunto tra Damasco e le Unità di protezione del popolo curdo...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa