/ L'America Latina in pericolo: nuova base militare degli Stati Uni...

L'America Latina in pericolo: nuova base militare degli Stati Uniti in Peru'

L'America Latina in pericolo: nuova base militare degli Stati Uniti in Peru'
 

Senza ombra di dubbio, si tratta di interventismo travestito da aiuto umanitario. Contrariamente a quello che viene ufficialmente sostenuto, non si tratta di una strategia orientata a rafforzare la capacità di risposta dei peruviani di fronte alle catastrofi naturali

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it


di Ariel Noyola Rodríguez - RT
 

Pochi giorni prima di abbandonare la Casa Bianca, Barack Obama ha deciso di non perdere l’opportunità di rafforzare il dispiegamento di forze statunitensi in Sudamerica. Succede che il governo regionale dello Stato Amazonas (Perù), il Comando Sud degli Stati Uniti (U.S. Southern Command) e la società Partenon Contractors E.I.R.L., abbiano appena concluso un accordo per installare una nuova base militare, camuffata sotto il nome di Centro Regionale per le Operazioni di Emergenza (COER) di Amazonas. Il finanziamento per l’opera sarà di circa 1,35 milioni di dollari e il completamento è previsto in 540 giorni approssimativamente. 

 

Secondo le informazioni fornite dal governo peruviano, la base militare degli Stati Uniti avrà un eliporto di 625 metri quadrati; un edificio di due piani, nel primo dei quali vi sarà un magazzino per aiuti umanitari di 1000 metri quadrati, mentre nel secondo ci sarà la COER con i moduli operativi (logistica, comunicazioni, monitoraggio, analisi). La base avrà anche una sala riunioni, sala stampa, dormitori e un parcheggio di 800 metri quadrati. 

 

Senza ombra di dubbio, si tratta di interventismo travestito da aiuto umanitario. Contrariamente a quello che viene ufficialmente sostenuto, non si tratta di una strategia orientata a rafforzare la capacità di risposta dei peruviani di fronte alle catastrofi naturali. Gli Stati Uniti stanno affondando i propri artigli militari nel Cono Sur con l’approvazione del presidente del Perù, Pedro Pablo Kaczynski. La sovranità del Sud America è minacciata. 


Gli Stati Uniti non hanno più bisogno di lanciare guerre di conquista per affermare la propria egemonia sul territorio latinoamericano; adesso la sottomissione avviene in maniera molto più sottile: attraverso iniziative di militarizzazione coperta. Oltre alla lotta contro il terrorismo, Washington utilizza lotta al narcotraffico e il suo presunto impegno in favore del rispetto dei diritti umani per immischiarsi negli affari interni di altri paesi. 

 

Il Perù rappresenta una piattaforma fondamentale affinché gli Stati Uniti possano consolidare il proprio piano di dominazione dell’intero Sudamerica, una zona che, come sappiamo, possiede immense riserve strategiche di risorse naturali (gas, petrolio, metalli, minerali). Per almeno l’ultima decade, i governi sudamericani hanno assestato un colpo tremendo alla gravitazione economica e geopolitica nel continente.  

 

Tuttavia, dal 2009 il Perù non ha opposto alcuna resistenza alle aggressioni imperiali di Washington, che lo ha convertito in uno dei paesi che ha la maggiore presenza di forze armate nordamericane sul proprio territorio; prima di approvare l’installazione di questa nuova base militare nel Dipartimento Amazonas, il Comando Sud degli Stati Uniti si era già stabilito nelle regioni di Lambayeque, Trujillo, Tumbes, Piura, San Martín e Loreto. 

 

Bisogna sottolineare che la cooperazione militare tra Washington e Lima non si limita all’installazione di basi militari; gli Stati Uniti sono riusciti a introdursi negli apparati di sicurezza e difesa. Su autorizzazione del Ministero della Difesa del Perù, le unità speciali d’intervento del Comando Congiunto delle Forze Armate, il Comando d’Intelligence e Operazioni Speciali Congiunte e il Componente Speciale del VRAEM hanno ricevuto addestramento da parte delle forze statunitensi tra maggio e settembre del 2016. 


In parallelo, le forze peruviane hanno condotto una serie di esercitazioni militari congiunte con gli Stati Uniti, secondo le loro argomentazioni, per rafforzare strategie di difesa contro le aggressioni esterne; si tratta di importanti esercitazioni del Ejercicio de Fuerzas Silentes (SIFOREX, l’acronimo in inglese) che si tengono ogni due anni nel Mar de Grau, considerate tra le esercitazioni navali più importanti a livello internazionale. 

 

Il Perù riflette chiaramente che il Sudamerica attraverso momenti critici e una forte campagna di aggressione. Oltre alle difficoltà economiche, la regione è vittima di una poderosa offensiva promossa dall’esterno, volta a rafforzare, in varie forme, la presenza di Washington. 

 

Le incursioni militari statunitensi nella regione procedono a passo veloce, sia per la virata di vari governi verso il conservatorismo - fondamentalmente dopo l’arrivo di Mauricio Macri alla presidenza dell’Argentina e la destituzione parlamentare di Dilma Rousseff in Brasile - sia per lo sforzo permanente volta a indebolire l’influenza di paesi come Cina, Russia e Iran. 

 

Armarsi fino ai denti in Perù rappresenta una questione vitale per gli Stati Uniti, per arrivare in seguito all’installazione di un’altra base militare in Argentina, al confine con Brasile e Paraguay. Indubbiamente, la costruzione di un futuro migliore per i paesi sudamericani è in serio pericolo. 

 

(Traduzione dallo spagnolo per l’AntiDiplomatico di Fabrizio Verde)  

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Fonte: RT
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:     Fonte: Embajada de la República Bolivariana de Venezuela en Italia

Il Venezuela respinge categoricamente i tentativi del Governo degli USA di non riconoscere la volontà del popolo venezuelano

La Repubblica Bolivariana del Venezuela, riaffermando il suo stato indipendente e sovrano, condanna con forza le minacce del Governo del Presidente Donald Trump

La Repubblica Bolivariana del Venezuela respinge categoricamente i tentativi del Governo degli Stati Uniti...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

La Russia avverte sul "piano B" degli Stati Uniti per rovesciare Assad

Il ministro degli esteri russo ritiene che la coalizione guidata dagli Stati Uniti protegga i terroristi in Siria per tornare al suo 'piano B': rovesciare il presidente siriano.

Gli indizi indicano come la coalizione che dice di combattere il gruppo terroristico ISIS(Daesh, in arabo), protegga...
Notizia del:     Fonte: RT

VIDEO. L'Esercito siriano nella capitale 'de facto' dell'ISIS in Siria scopre armi prodotte in USA e Israele

Le forze siriane, dopo aver liberato la città di Al-Mayadeen, nella provincia orientale di Deir Ezzor, capitale de facto dell'ISIS in Siria, hanno scoperto una grande quantità di armi di produzione statunitense e israeliana.

Le Tiger Forces, unità speciali delle forze armate siriane, come riferito dai dai media russi, indicano...
Notizia del:     Fonte: Al Mayadeen

L'Iran avverte Trump: "In 4 giorni possiamo portare l'arricchimento dell'uranio al 20%"

L'Iran avverte Trump ma insiste sul fatto che la sua volontà è quella di mantenere il patto siglato nel 2015 con il gruppo 5 + 1 (Stati Uniti, Regno Unito, Francia e Russia e Cina, più Germania) senza modifiche.

Il capo dell'Organizzazione dell'energia atomica dell'Iran (OEAI), Ali Akbar Salehi ha assicurato...
Notizia del:

La Cina ribadisce sostegno all'Unesco dopo uscita degli Stati Uniti

«La Cina spera che tutte le nazioni contribuiscano al raggiungimento degli obiettivi dell’organizzazione mondiale per promuovere la cooperazione scientifica, educativa e culturale, così come la comprensione tra le differenti civiltà»

  Il governo della Repubblica Popolare Cinese ha ribadito il proprio sostegno all’Organizzazione delle...
Notizia del:

Manovre militari Usa in Colombia e Perù: il Condor plana di nuovo sull'America latina

di Geraldina Colotti*   Il Condor plana di nuovo sull'America latina. E ha le sembianze di Temer, il golpista corrotto che sta svendendo il Brasile e la sovranità nazionale. A novembre...
Notizia del:

L'economista argentino Kicillof: il neoliberismo cerca di spaccare l'America Latina

L'ex ministro dell'Economia argentino denuncia la gestione Macri: «Il primo anno è stato disastroso, si è registrato un peggioramento in tutti gli indicatori economici»

  «Il neoliberismo ha una strategia per l'America Latina, che ha a che fare con il libero mercato,...
Notizia del:     Fonte: Al Masdar News

L'esercito siriano ha liberato più di 8000 km² di territorio dai "ribelli" appoggiati dagli USA

Tra i vari fronti della guerra in Siria, uno dei più caldi è quello sulla frontiera con la Giordania dove orbitano i "ribelli" appoggiati dagli USA che nella zona hanno illegalmente costruito una base militare per "combattere" l'ISIS

Secondo quanto riporta il portale, 'Al Masdar News', l'esercito arabo siriano ha proseguito la massiccia...
Notizia del:

Immanuel Wallerstein - Il mito della sovranità ai tempi di Donald Trump

«Quando Trump usa il termine, ha implicazioni reazionarie. Quando altri lo utilizzano, possono esserci implicazioni progressiste. Il termine stesso non ci dice niente»

di Immanuel Wallerstein - La Jornada   Donald Trump ha impiegato gran parte del suo discorso alle...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

La Russia denuncia la "farsa" della Coalizione guidata dagli USA nella lotta all'ISIS in Iraq e Siria

Il ministero della Difesa russo denuncia la "farsa" della coalizione anti-ISIS nella lotta contro il terrorismo in Iraq e la Siria.

"La coalizione guidata dagli Stati Uniti, che finge di combattere l'ISIS in Iraq come vedono tutti, per...
Le più recenti da ALBA LATINA
Notizia del:     Fonte: Embajada de la República Bolivariana de Venezuela en Italia

Il Venezuela respinge categoricamente i tentativi del Governo degli USA di non riconoscere la volontà del popolo venezuelano

La Repubblica Bolivariana del Venezuela, riaffermando il suo stato indipendente e sovrano, condanna con forza le minacce del Governo del Presidente Donald Trump

La Repubblica Bolivariana del Venezuela respinge categoricamente i tentativi del Governo degli Stati Uniti...
Notizia del:

Venezuela, l’ennesima lezione di democrazia e sovranità al morente occidente

Il presidente Nicolas Maduro ha sottolineato che «il chavismo ha ripreso il cammino della vittoria in un momento molto difficile»

di Fabrizio Verde   Nel bel mezzo di un assedio internazionale dove le sanzioni economiche vanno ad...
Notizia del:

Salim Lamrani - Che Guevara, apostolo degli oppressi

di Salim Lamrani - aporrea Università de La Réunion (traduzione di Francesco Monterisi) Il cinquantesimo anniversario dell'assassinio del Che in Bolivia, il 9 ottobre 1967,...
Notizia del:

IL SEQUESTRO DI MILAGRO SALA: L'ATTIVISTA TORNA IN CARCERE IN ARGENTINA

La deputata indigena, prigioniera politica di Macri, ha pagato il suo impegno per il desparecido Santiago Maldonado. E' stata sequestrata in pigiama alle 7 di mattina dalle forze speciali argentine

di Geraldina Colotti  Milagro Sala è di nuovo in carcere. La deputata indigena, dirigente della...
Notizia del:

Il Venezuela destinerà il 72,5% del proprio bilancio alle politiche sociali

In occasione della firma del primo contratto nazionale collettivo del settore salute, Maduro, ha inoltre specificato che le risorse serviranno a garantire i più alti standard in ambiti quali salute, educazione, casa, alimentazione e tempo libero

di Fabrizio Verde   La Repubblica Bolivariana del Venezuela destinerà il 72,5% del proprio bilancio...
Notizia del:

Patricio Montesinos - Che e Fidel: eterni combattenti contro il blocco USA a Cuba

di Patricio Montesinos - Cubadebate  (Traduzione di Francesco Monterisi) Anche senza essere fisicamente tra noi, il Guerrigliero Eroico, Ernesto Che Guevara, ed il leader storico della...
Notizia del:

Ángel Guerra Cabrera: "Senza il Che, un indio non sarebbe mai giunto alla presidenza della Bolivia"

di Ángel Guerra Cabrera - Telesur  L'accampamento di migliaia di persone, principalmente giovani, di tutto il mondo, in Vallegrande, Bolivia, molto vicino al luogo dove Che Guevara...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa