/ L'America Latina in pericolo: nuova base militare degli Stati Uni...

L'America Latina in pericolo: nuova base militare degli Stati Uniti in Peru'

L'America Latina in pericolo: nuova base militare degli Stati Uniti in Peru'
 

Senza ombra di dubbio, si tratta di interventismo travestito da aiuto umanitario. Contrariamente a quello che viene ufficialmente sostenuto, non si tratta di una strategia orientata a rafforzare la capacità di risposta dei peruviani di fronte alle catastrofi naturali

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it


di Ariel Noyola Rodríguez - RT
 

Pochi giorni prima di abbandonare la Casa Bianca, Barack Obama ha deciso di non perdere l’opportunità di rafforzare il dispiegamento di forze statunitensi in Sudamerica. Succede che il governo regionale dello Stato Amazonas (Perù), il Comando Sud degli Stati Uniti (U.S. Southern Command) e la società Partenon Contractors E.I.R.L., abbiano appena concluso un accordo per installare una nuova base militare, camuffata sotto il nome di Centro Regionale per le Operazioni di Emergenza (COER) di Amazonas. Il finanziamento per l’opera sarà di circa 1,35 milioni di dollari e il completamento è previsto in 540 giorni approssimativamente. 

 

Secondo le informazioni fornite dal governo peruviano, la base militare degli Stati Uniti avrà un eliporto di 625 metri quadrati; un edificio di due piani, nel primo dei quali vi sarà un magazzino per aiuti umanitari di 1000 metri quadrati, mentre nel secondo ci sarà la COER con i moduli operativi (logistica, comunicazioni, monitoraggio, analisi). La base avrà anche una sala riunioni, sala stampa, dormitori e un parcheggio di 800 metri quadrati. 

 

Senza ombra di dubbio, si tratta di interventismo travestito da aiuto umanitario. Contrariamente a quello che viene ufficialmente sostenuto, non si tratta di una strategia orientata a rafforzare la capacità di risposta dei peruviani di fronte alle catastrofi naturali. Gli Stati Uniti stanno affondando i propri artigli militari nel Cono Sur con l’approvazione del presidente del Perù, Pedro Pablo Kaczynski. La sovranità del Sud America è minacciata. 


Gli Stati Uniti non hanno più bisogno di lanciare guerre di conquista per affermare la propria egemonia sul territorio latinoamericano; adesso la sottomissione avviene in maniera molto più sottile: attraverso iniziative di militarizzazione coperta. Oltre alla lotta contro il terrorismo, Washington utilizza lotta al narcotraffico e il suo presunto impegno in favore del rispetto dei diritti umani per immischiarsi negli affari interni di altri paesi. 

 

Il Perù rappresenta una piattaforma fondamentale affinché gli Stati Uniti possano consolidare il proprio piano di dominazione dell’intero Sudamerica, una zona che, come sappiamo, possiede immense riserve strategiche di risorse naturali (gas, petrolio, metalli, minerali). Per almeno l’ultima decade, i governi sudamericani hanno assestato un colpo tremendo alla gravitazione economica e geopolitica nel continente.  

 

Tuttavia, dal 2009 il Perù non ha opposto alcuna resistenza alle aggressioni imperiali di Washington, che lo ha convertito in uno dei paesi che ha la maggiore presenza di forze armate nordamericane sul proprio territorio; prima di approvare l’installazione di questa nuova base militare nel Dipartimento Amazonas, il Comando Sud degli Stati Uniti si era già stabilito nelle regioni di Lambayeque, Trujillo, Tumbes, Piura, San Martín e Loreto. 

 

Bisogna sottolineare che la cooperazione militare tra Washington e Lima non si limita all’installazione di basi militari; gli Stati Uniti sono riusciti a introdursi negli apparati di sicurezza e difesa. Su autorizzazione del Ministero della Difesa del Perù, le unità speciali d’intervento del Comando Congiunto delle Forze Armate, il Comando d’Intelligence e Operazioni Speciali Congiunte e il Componente Speciale del VRAEM hanno ricevuto addestramento da parte delle forze statunitensi tra maggio e settembre del 2016. 


In parallelo, le forze peruviane hanno condotto una serie di esercitazioni militari congiunte con gli Stati Uniti, secondo le loro argomentazioni, per rafforzare strategie di difesa contro le aggressioni esterne; si tratta di importanti esercitazioni del Ejercicio de Fuerzas Silentes (SIFOREX, l’acronimo in inglese) che si tengono ogni due anni nel Mar de Grau, considerate tra le esercitazioni navali più importanti a livello internazionale. 

 

Il Perù riflette chiaramente che il Sudamerica attraverso momenti critici e una forte campagna di aggressione. Oltre alle difficoltà economiche, la regione è vittima di una poderosa offensiva promossa dall’esterno, volta a rafforzare, in varie forme, la presenza di Washington. 

 

Le incursioni militari statunitensi nella regione procedono a passo veloce, sia per la virata di vari governi verso il conservatorismo - fondamentalmente dopo l’arrivo di Mauricio Macri alla presidenza dell’Argentina e la destituzione parlamentare di Dilma Rousseff in Brasile - sia per lo sforzo permanente volta a indebolire l’influenza di paesi come Cina, Russia e Iran. 

 

Armarsi fino ai denti in Perù rappresenta una questione vitale per gli Stati Uniti, per arrivare in seguito all’installazione di un’altra base militare in Argentina, al confine con Brasile e Paraguay. Indubbiamente, la costruzione di un futuro migliore per i paesi sudamericani è in serio pericolo. 

 

(Traduzione dallo spagnolo per l’AntiDiplomatico di Fabrizio Verde)  

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Fonte: RT
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:     Fonte: http://www.andes.info.ec/

«Trump? Una scimmia con il coltello». Rafael Correa sul presidente degli Stati Uniti

Secondo l'ex presidente dell'Ecuador, Donald Trump è un soggetto pericoloso per la pace mondiale

di Fabrizio Verde   L’ex presidente dell’Ecuador, Rafael Correa, ha definito Donald Trump...
Notizia del:     Fonte: Hispantv - Al Jazeera

Primi effetti degli avvertimenti della Russia: l'Australia sospende i bombardamenti in Siria

L'Australia ha annunciato la sospensione della sua partecipazione ai bombardamenti in Siria della cosiddetta coalizione anti ISIS.

"Come misura precauzionale, le operazioni di bombardamento della Forza di difesa australiana ADF, in Siria...
Notizia del:     Fonte: https://aawsat.com

Ex Ambasciatore USA in Siria: "Fallito il piano per rovesciare Assad". E avverte i curdi: "Pagheranno a caro prezzo la loro fiducia in Washington"

Secondo l'ex ambasciatore degli Stati Uniti in Siria, Washington ha fallito nei suoi piani di rovesciare il Presidente Assad.

Robert Ford, ex ambasciatore Usa in Siria (2010-2014), ha dichiarato ieri, nel corso di un'intervista...
Notizia del:

«La diplomazia di pace dell'Alba sconfigge le pretese imperialiste». Il Perù ritira la dichiarazione 'ingerentista' all'Osa

Si tratta di una nuova cocente sconfitta per Almagro e gli Stati Uniti

  Vittoria diplomatica all’Assemblea Generale dell’Organizzazione degli Stati Americani per la...
Notizia del:     Fonte: Interfax

Mosca: "L'abbattimento dell'aereo siriano da parte degli USA è un atto di aggressione e di aiuto ai terroristi"

La Russia ha condannato l'attacco da parte della coalizione internazionale guidata dagli Stati Uniti avvenuto ieri contro un aereo da combattimento siriano.

La Russia ha espresso preoccupazione per l'abbattimento dell'aereo della Syrian Air Force da parte della...
Notizia del:     Fonte: Al Masdar - OSDH

Raqqa, duri scontri tra esercito siriano e curdi delle FDS appoggiati dagli USA

Duri combattimenti tra l'esercito siriano che tentava di recuperare il pilota dell'aereo abbattuto dalla Coalizione guidata dagli USA e i curdi delle 'Forze democratiche siriane' che gli sbarravano la strada.

Gli scontri hanno avuto inizio ieri notte ad Al-Rasafa, a sud ovest di Raqqa, poco dopo che la coalizione internazionale...
Notizia del:     Fonte: Sana

La Coalizione guidata dagli USA abbatte aereo siriano a Raqqa

L'esercito siriano ha riferito che un suo jet è stato abbattuto dalla coalizione a guida USA nei dintorni di Raqqa.

L'esercito siriano ha riferito che la coalizione guidata dagli Stati Uniti ha abbattuto un aereo della Syrian...
Notizia del:     Fonte: https://www.propublica.org www.proceso.com

Premio Pulitzer rivela come l'agenzia antidroga USA provocò un massacro in Messico

Un reportage della giornalista vincitrice del premio Pulitzer, Ginger Thopson ha rivelato come la perdita delle informazioni ottenute dalla DEA, agenzia anti droga USA, provocò un massacro dei narcotrafficanti in Messico nel 2011.

Nel 2011, quando un agente della Drug Enforcement Administration degli Stati Uniti, DEA, ottenne i numeri di...
Notizia del:     Fonte: http://en.mehrnews.com

Chomsky: Gli USA non tollerano un paese indipendente come l'Iran

Il famoso politologo nordamericano Noam Chomsky sottolinea che gli Stati Uniti hanno una politica che non è mai stata cambiata: rovesciare il governo in Iran.

"Gli Stati Uniti non ha mai abbandonato la loro politica di cambiare il sistema della Repubblica Islamica...
Notizia del:     Fonte: Basnews

Gli Stati Uniti ordinano alle milizie curde di fermare l'avanzata dell'esercito siriano

Le milizie curdo siriane, sostenute dagli Stati Uniti, hanno in programma di inviare le loro forze ad Al-Tanf, vicino al confine con l'Iraq, per fermare l'avanzata dell'esercito siriano.

Come riportato dai media locali, le Unità di Protezione popolare, YPG prevedono di schierare le loro forze...
Le più recenti da ALBA LATINA
Notizia del:

Venezuela: un semplice video smonta mesi di fake news sul paese ridotto alla fame

Come mostra un video diffuso attraverso Facebook dall’imprenditore basco Agustin Otxotorena, nella capitale del Venezuela così come nel resto del paese la vita scorre normalmente nonostante la violenza terrorista dell’opposizione

di Fabrizio Verde   La narrazione post-veritiera del mainstream sul Venezuela mistifica la realtà...
Notizia del:

Venezuela, Maduro esalta il lavoro di Delcy Rodriguez: «Missione compiuta»

La ministra degli Estrei abbandona l'incarico per candidarsi all'Assemblea Costituente. Nominato nuovo ministro degli Esteri Samuel Moncada

  «Credo che la ministra degli Esteri, che deve lasciare l’incarico in quanto candidata all’Assemblea...
Notizia del:     Fonte: http://www.avn.info.ve/

La solidarietà del governo venezuelano ai familiari dei 43 studenti desaparecidos di Ayotzinapa

A nome del governo venezuelano e del presidente Nicolas Maduro, Delcy Rodriguez ha riconfermato vicinanza ai familiari delle vittime, abbandonati al proprio destino dalla giustizia e dal governo messicano

  Il governo venezuelano ha ribadito la propria vicinanza ai familiari dei 43 studenti desaparecidos di Ayotzinapa,...
Notizia del:

Delcy Rodriguez all'OSA presenta il modello di inclusione venezuelano. Smentito il leitmotiv della "crisi umanitaria"

Caracas, 20 giugno 2017. (MPPRE).- Grazie ai dati provenienti da organizzazioni internazionali come l'Organizzazione delle Nazioni Unite (ONU), l'UNESCO, la Commissione Economica per l'America...
Notizia del:

Venezuela: individuato un terrorista coinvolto nella morte di Figuera. Ad Altamira cade un altro giovane

Fabian Urbina è stato colpito a morte da un agente della Guardia Nazionale Bolivariana durante un assalto violento

  Individuato uno degli assassini di Orlando Figuera, il giovane lavoratore pugnalato e poi arso vivo per...
Notizia del:

In Italia manifestazioni in solidarietà con la Rivoluzione Bolivariana

Nelle principali città italiane manifestazioni in solidarietà con il Venezuela

In concomitanza con la giornata di solidarietà con la Rivoluzione Bolivariana tenutasi a Bilbao, anche...
Notizia del:

«La diplomazia di pace dell'Alba sconfigge le pretese imperialiste». Il Perù ritira la dichiarazione 'ingerentista' all'Osa

Si tratta di una nuova cocente sconfitta per Almagro e gli Stati Uniti

  Vittoria diplomatica all’Assemblea Generale dell’Organizzazione degli Stati Americani per la...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa